Lenin – Opere – Vol. 22: A PROPOSITO DELL’OPUSCOLO DI JUNIUS


Lenin – Opere – Vol. 22

A PROPOSITO DELL’OPUSCOLO DI JUNIUS

Scritto nel luglio 1916.

Sbornik Sotsial Demokrata, n. 1, ottobre 1916.

Firmato: N. Lenin.

 

Finalmente è apparso in Germania, illegalmente, senza assoggettarsi all’ignobile censura degli junker, un opuscolo socialdemocratico dedicato al problema della guerra. L’autore che si firma Junius (che in latino significa: più giovane), appartiene evidentemente all’ala “sinistra radicale” del partito e intitola il suo opuscolo: La crisi della socialdemocrazia. In appendice si trovano le Tesi sui compiti della socialdemocrazia internazionale, che erano già state presentate alla Commissione internazionale socialista di Berna e pubblicate nel terzo numero del suo bollettino. Esse sono l’espressione del gruppo “Internazionale”, che nella primavera del 1915 pubblicò un numero della rivista dello stesso nome (con articoli di Clara Zetkin, Mehring, Rosa Luxemburg, Thalheimer, Duncker, Ströbel e altri), e che nell’inverno 1915-1916 ha organizzato una conferenza di socialdemocratici di tutte le parti della Germania [73], da cui sono state approvate queste tesi.

L’opuscolo, come spiega l’autore nell’introduzione in data 2 gennaio 1916, è stato scritto nell’aprile 1915 e stampato poi “senza modificazioni”. Le ragioni del ritardo sono dovute a “circostanze esterne”. L’opuscolo non è tanto consacrato alla “crisi della socialdemocrazia”, quanto piuttosto a un’analisi della guerra, alla confutazione della leggenda del suo carattere di liberazione, alla dimostrazione che si tratta di una guerra imperialista sia da parte della Germania che delle altre grandi potenze e a una critica rivoluzionaria dell’atteggiamento del partito ufficiale. Non c’è dubbio che l’opuscolo di Junius, scritto con grande vivacità, ha esercitato ed eserciterà ancora una grande influenza nella lotta contro il partito ex socialdemocratico tedesco che è passato nel campo della borghesia e degli junker e noi ne diamo pienamente atto al suo autore.

Al lettore russo che conosce la letteratura socialdemocratica stampata all’estero in lingua russa tra il 1914 e il 1916, l’opuscolo di Junius non offre nulla di nuovo in materia di principi. Quando si legge questo opuscolo e si confrontano gli argomenti del marxista rivoluzionario tedesco con le tesi esposte, per esempio, nel manifesto del Comitato centrale del nostro partito (settembre-novembre 1914) [74], nelle risoluzioni di Berna (marzo 1915) [75] e nei loro numerosi commenti, ci si convince soltanto che i ragionamenti di Junius sono molto incompleti e che egli commette due errori. Nel dedicare le pagine che seguono alla critica dei difetti e degli errori di Junius, dobbiamo mettere bene in rilievo che facciamo questo soltanto perché siamo convinti che, per i marxisti, l’autocritica è indispensabile e che le opinioni che devono servire come base ideologica per la III Internazionale vanno esaminate sotto tutti gli aspetti possibili. L’opuscolo di Junius, in complesso, è un eccellente scritto marxista; e può darsi benissimo che i suoi difetti siano, in una certa misura, accidentali.

Il difetto principale dell’opuscolo di Junius – difetto che rappresenta senz’altro un passo indietro rispetto alla rivista legale (anche se proibita subito dopo la sua pubblicazione) Die Internationale – è il silenzio sui legami esistenti tra il socialsciovinismo (l’autore non adopera né questo termine né l’altro, meno preciso, di socialpatriottismo) e l’opportunismo. L’autore parla in modo del tutto giusto della “capitolazione” e del fallimento del partito socialdemocratico tedesco, del “tradimento” dei suoi “capi ufficiali”, ma non va più in là. E tuttavia la rivista Die Internationale aveva già svolto una critica del “centro”, cioè del kautskismo, coprendo di ridicolo, con piena ragione, la sua mancanza di carattere, la sua opera di prostituzione del marxismo, il suo servilismo verso gli opportunisti. E la stessa rivista aveva incominciato a smascherare la condotta reale degli opportunisti, pubblicando, per esempio, il fatto importantissimo che il 4 agosto 1914 gli opportunisti si erano presentati con un ultimatum, con la decisione già presa di votare, in ogni caso, per i crediti. Né l’opuscolo di Junius, né le tesi parlano dell’opportunismo e del kautskismo! Ciò è teoricamente sbagliato, giacché non si può spiegare il tradimento” senza collegarlo all’opportunismo, come tendenza che ha una lunga storia, la storia di tutta la II Internazionale. È sbagliato dal punto di vista pratico e politico, giacché non si può comprendere né superare la “crisi della socialdemocrazia” senza chiarire il significato e la funzione delle due tendenze: la tendenza apertamente opportunista (Legien, David, ecc.) e la tendenza opportunista mascherata (Kautsky e soci). È un passo indietro, per esempio, rispetto allo storico articolo di Otto Rühle, pubblicato sul Vorwärts del 12 gennaio 1916, nel quale egli dimostra chiaramente e apertamente l’inevitabilità della scissione del partito socialdemocratico tedesco. (La redazione del Vorwärts rispose ripetendo le melliflue e ipocrite frasi kautskiane e senza portare un solo argomento sostanziale contro l’affermazione che in realtà esistono già due partiti e che non è possibile conciliarli). È un’incoerenza sorprendente, giacché nella dodicesima tesi dell’Internationale si parla chiaramente della necessità di fondare una “nuova” Internazionale in seguito al “tradimento” dei “rappresentanti ufficiali dei partiti socialdemocratici dei paesi d’avanguardia” e al loro “passaggio sul terreno della politica borghese imperialista”. È chiaro che sarebbe semplicemente ridicolo parlare di una partecipazione alla “nuova” Internazionale del vecchio partito socialdemocratico tedesco, ossia di un partito che si riconcilia con i Legien, i David e soci.

Come si spieghi questo passo indietro del gruppo “Internazionale” noi non sappiamo. Il maggior difetto di tutto il marxismo rivoluzionario in Germania è la mancanza di una salda organizzazione clandestina che propugni la sua linea in modo sistematico ed educhi le masse in conformità dei nuovi compiti: un’organizzazione di questo genere dovrebbe avere una posizione netta sia rispetto all’opportunismo che rispetto al kautskismo. Ciò è tanto più necessario in quanto i socialdemocratici rivoluzionari tedeschi hanno ormai perduto i due ultimi quotidiani: quello di Brema (Bremer Bürger-Zeitung) e quello di Braunschweig (Volksfreund), passati entrambi ai kautskiani. Soltanto il gruppo dei “Socialisti internazionali della Germania” (ISD) rimane al suo posto: ciò è chiaro e certo per tutti.

Alcuni membri del gruppo “Internazionale”, a quanto pare, sono di nuovo scivolati nel pantano del kautskismo senza principi. Per esempio, Ströbel, sulle colonne della Neue Zeit, è giunto fino a sprofondarsi in inchini davanti a Bernstein e a Kautsky! E alcuni giorni or sono, il 15 agosto, egli ha pubblicato sui giornali l’articolo Pacifismo e socialdemocrazia in difesa dell’indecente pacifismo di Kautsky. Per quanto riguarda Junius, egli insorge nel modo più risoluto contro i progetti kautskiani di “disarmo”, di “abolizione della diplomazia segreta”, ecc. È possibile che nel gruppo “Internazionale” vi siano due correnti; una corrente rivoluzionaria e una corrente che pencola verso il kautskismo.

La prima delle concezioni sbagliate di Junius è ribadita nella quinta tesi del gruppo “Internazionale”: “…Nell’epoca (èra) di questo imperialismo sfrenato non ci possono più essere guerre nazionali; gli interessi nazionali servono soltanto come strumento di inganno per portare le masse popolari lavoratrici a servire il loro nemico mortale, l’imperialismo…”. La prima parte della quinta tesi, che termina con questa affermazione, è dedicata a definire la guerra attuale come imperialista. Può darsi che la negazione delle guerre nazionali in generale sia solo una inavvertenza o un inconscio entusiasmo nel mettere in risalto il concetto del tutto esatto che la guerra attuale è imperialista e non nazionale. Ma siccome è possibile anche il contrario, siccome si nota in diversi socialdemocratici, a causa della falsa presentazione della guerra attuale come guerra nazionale, l’errata negazione di tutte le guerre nazionali, non possiamo non soffermarci su questo errore.

Junius ha perfettamente ragione quando mette l’accento sull’importanza decisiva del “carattere imperialista” della guerra attuale, quando afferma che dietro la Serbia c’è la Russia, che “dietro il nazionalismo serbo si erge l’imperialismo russo”, che – per esempio – la partecipazione dell’Olanda alla guerra ha egualmente un carattere imperialista, perché l’Olanda in primo luogo difende le sue colonie e in secondo luogo è alleata di una delle coalizioni imperialiste. Tutto questo è irrefutabile per quel che riguarda la guerra attuale. E quando Junius richiama in modo particolare l’attenzione su quello che a lui sembra l’aspetto più importante del problema – la lotta contro il “fantasma di una guerra nazionale”, “che domina in questo momento la politica socialdemocratica” (p. 81) – non si può non riconoscere che il suo modo di ragionare è giusto e interamente appropriato.

L’errore sarebbe soltanto di esagerare questa verità, di eludere l’esigenza marxista della concretezza, di estendere la valutazione della guerra attuale a tutte le guerre possibili nell’epoca dell’imperialismo, di dimenticare i movimenti nazionali contro l’imperialismo. L’unico argomento in favore della tesi: “non ci possono più essere guerre nazionali”, è quello che il mondo è oggi diviso tra un pugno di “grandi” potenze imperialiste e che perciò qualsiasi guerra, anche se nazionale ai suoi inizi, si trasforma in guerra imperialista, perché finisce sempre col toccare gli interessi di una delle potenze o delle coalizioni imperialiste (p. 81 dell’opuscolo di Junius).

È ovvio che quest’argomento non è giusto. Senza dubbio, il principio fondamentale della dialettica marxista è che tutti i limiti, nella natura e nella società, sono relativi e mobili; che non c’è un solo fenomeno il quale non possa, in determinate circostanze, trasformarsi nel suo opposto. Una guerra nazionale può trasformarsi in guerra imperialista e viceversa. Un esempio. Le guerre della grande rivoluzione francese incominciarono come guerre nazionali e tali erano. Erano guerre rivoluzionarie, assicuravano la difesa della grande rivoluzione contro la coalizione delle monarchie controrivoluzionarie. Ma dopo che Napoleone ebbe fondato l’impero francese e soggiogato tutta una serie di Stati nazionali europei – Stati che avevano già avuto una lunga esistenza, grandi Stati che erano vitali – allora le guerre nazionali francesi diventarono guerre imperialiste, che a loro volta dettero origine a guerre di liberazione nazionale contro l’imperialismo napoleonico.

Soltanto un sofista potrebbe cancellare ogni distinzione tra guerre nazionali e guerre imperialiste con il pretesto che l’una può trasformarsi nell’altra. Più di una volta la dialettica – anche nella storia della filosofia greca – ha servito da ponte al sofisma. Ma noi restiamo dialettici, e lottiamo contro i sofismi non già negando la possibilità di tutte le trasformazioni in generale, ma con un’analisi concreta di ogni determinato fenomeno nel suo contesto e nel suo sviluppo.

È sommamente improbabile che la guerra imperialista degli anni 1914-1916 si trasformi in guerra nazionale, perché la classe che rappresenta uno sviluppo progressivo è il proletariato, il quale tende obiettivamente a trasformare questa guerra in guerra civile contro la borghesia; e anche perché le forze delle due coalizioni non sono molto diverse e il capitale finanziario internazionale ha creato dappertutto una borghesia reazionaria. Ma non possiamo affermare che una tale trasformazione sia impossibile: se il proletariato europeo dovesse dimostrarsi impotente ancora per venti anni; se l’attuale guerra dovesse finire con vittorie di tipo napoleonico e con la soggezione di tutta una serie di Stati nazionali capaci di vita autonoma; se anche l’imperialismo extra-europeo (americano e giapponese, principalmente) durasse per venti anni senza che si arrivasse al socialismo, per esempio a causa di una guerra nippo-americana, allora sarebbe possibile in Europa una grande guerra nazionale. Ciò implicherebbe per l’Europa una involuzione di parecchi decenni. Ciò è improbabile. Ma non è impossibile, giacché sarebbe antidialettico, antiscientifico e teoricamente sbagliato rappresentarsi la storia del mondo come una continua e regolare marcia in avanti, senza qualche gigantesco salto indietro.

Ancora. Nel periodo dell’imperialismo, guerre nazionali da parte delle colonie e dei paesi semicoloniali sono non soltanto probabili, ma inevitabili. Nelle colonie e nei paesi semicoloniali (Cina, Turchia, Persia) vive una popolazione di quasi mille milioni, cioè più della metà degli abitanti del globo. I movimenti di liberazione nazionale in questi paesi o sono già molto forti o vanno crescendo e maturando. Ogni guerra è la continuazione della politica con altri mezzi. Continuazione della politica di liberazione nazionale delle colonie saranno, necessariamente, le guerre nazionali da parte di queste contro l’imperialismo. Simili guerre possono condurre a una guerra imperialista delle attuali “grandi” potenze imperialiste, ma possono anche non condurvi; ciò dipende da molte circostanze.

Facciamo un esempio: nella guerra dei sette anni, l’Inghilterra e la Francia lottavano per le colonie; conducevano, cioè, una guerra imperialista (che è possibile, tanto sulla base del dominio schiavistico e del capitalismo primitivo, quanto sulla base attuale di un capitalismo altamente sviluppato). La Francia fu vinta e perdette una parte delle sue colonie. Parecchi anni dopo, incominciò la guerra di liberazione nazionale degli Stati dell’America del Nord contro la sola Inghilterra. La Francia e la Spagna, che possedevano ancora una parte degli attuali Stati Uniti, furono spinte dalla loro ostilità contro l’Inghilterra – cioè dai loro interessi imperialistici – a stringere un accordo amichevole con gli Stati che si sollevavano contro l’Inghilterra. Eserciti francesi e americani sconfissero gli inglesi. Vediamo così una guerra di liberazione nazionale, nel corso della quale la rivalità imperialista si presenta come un elemento secondario, senza un serio significato; proprio l’opposto di quel che vediamo nella guerra del 1914-1916 (in cui l’elemento nazionale della guerra austro-serba non ha un serio significato, in confronto alle rivalità imperialistiche fondamentali che decidono di tutto). Si capisce quindi quanto sarebbe assurdo dare al concetto di imperialismo una interpretazione banale, deducendone l’“impossibilità” di guerre nazionali. Una guerra di liberazione nazionale, per esempio un’alleanza della Persia, dell’India e della Cina contro queste o quelle potenze imperialiste, è del tutto possibile e probabile, giacché scaturirebbe dai movimenti di liberazione nazionale di questi paesi. La trasformazione di una simile guerra in una guerra imperialista tra le attuali potenze imperialiste dipenderà da un gran numero di circostanze concrete, che sarebbe assurdo voler fin d’ora ritener certe.

In terzo luogo, anche in Europa non si possono ritenere impossibili le guerre nazionali nell’epoca dell’imperialismo. L’“epoca dell’imperialismo” ha fatto sì che la guerra attuale sia una guerra imperialista; e (fino all’avvento del socialismo) essa produrrà necessariamente nuove guerre imperialiste. Quest’“epoca” ha determinato il carattere imperialista della politica delle attuali grandi potenze, ma non esclude affatto le guerre nazionali, per esempio, da parte di piccoli Stati (poniamo, quelli annessi o nazionalmente oppressi) contro le potenze imperialiste, come non esclude movimenti nazionali su larga scala nell’Europa orientale. Sulla questione dell’Austria, ad esempio, Junius dà un giudizio molto corretto: tiene conto non soltanto della situazione “economica”, ma anche della peculiare situazione politica, rilevando la “incapacità funzionale dell’Austria a vivere”, ammettendo che “la monarchia degli Asburgo non costituisce un’organizzazione politica di uno Stato borghese, ma soltanto un trust che unisce con deboli legami varie cricche di parassiti sociali” e che “la liquidazione dell’Austria-Ungheria non è, storicamente, che la continuazione del processo di smembramento della Turchia ed è, al tempo stesso, imposta dal corso dello sviluppo storico”. Le cose non vanno meglio per quel che riguarda parecchi Stati balcanici e la Russia. Nell’ipotesi che le “grandi” potenze uscissero fortemente esaurite dalla guerra attuale, o nell’ipotesi di una vittoria della rivoluzione in Russia, sarebbero del tutto possibili guerre nazionali, anche vittoriose. Da una parte, l’intervento delle potenze imperialiste non è realizzabile, praticamente, in tutte le circostanze. E se, d’altra parte, si ragiona senza riflettere e si dice che la guerra di un piccolo Stato contro un gigante è senza speranze, allora risponderemo che una guerra senza speranze è pur sempre una guerra. Senza contare che il manifestarsi di certi fenomeni all’interno di questi “giganti” – per esempio lo scoppio di una rivoluzione – potrebbe mutare la guerra “senza speranze” in una guerra “piena di speranze”!

Ci siamo fermati particolareggiatamente sulla tesi sbagliata che “non ci possono più essere guerre nazionali”, non solo perché è teoricamente sbagliata (sarebbe del resto ben triste che i “sinistri” incominciassero a dar prova di negligenza nei confronti della teoria del marxismo, proprio nel momento in cui la creazione della III Internazionale non è possibile che sulla base di un marxismo non volgare), ma anche perché, da un punto di vista politico e pratico, questo errore si rivela pericolosissimo. Di qui ha preso origine la propaganda insensata a favore del “disarmo”, col pretesto che non sono più possibili se non guerre reazionarie; di qui deriva inoltre l’indifferenza verso i movimenti nazionali, che è ancor più insensata e, per essere schietti, reazionaria. Questa indifferenza diventa sciovinismo quando i membri delle “grandi” nazioni europee – cioè delle nazioni che opprimono una quantità di popoli piccoli e di popoli coloniali – dichiarano, con aria pseudoscientifica, che “non ci possono più essere guerre nazionali”! Guerre nazionali contro le potenze imperialiste sono non soltanto possibili e probabili, ma anche inevitabili. Esse sono progressive e rivoluzionarie, anche se il loro successo dipende o dagli sforzi di un grandissimo numero di abitanti dei paesi oppressi (centinaia di milioni, nell’esempio che abbiamo ricordato dell’India e della Cina), o da una concorrenza particolarmente favorevole di condizioni internazionali (per esempio, se l’intervento da parte delle potenze imperialiste venisse a trovarsi paralizzato a causa della loro debolezza, delle loro guerre, dei loro antagonismi, ecc.), o dall’insurrezione simultanea del proletariato di una delle grandi potenze contro la borghesia (questa possibilità, che abbiamo elencata per ultimo, va messa al primo posto se si parte dal punto di vista della sua desiderabilità e dei vantaggi che può offrire per la vittoria del proletariato).

Bisogna osservare tuttavia che sarebbe ingiusto accusare  Junius di indifferenza verso i movimenti nazionali. Se non altro egli mette debitamente in rilievo che uno dei delitti del gruppo socialdemocratico è stato di non aver detto una parola a proposito dell’esecuzione per “alto tradimento” (probabilmente per tentativo di insurrezione nell’eventualità della guerra) di un capo indigeno del Camerun. In un altro passo Junius sottolinea in modo particolare (per i signori Legien, Lensch e altri furfanti che si chiamano “socialdemocratici”) che anche le nazioni coloniali sono delle nazioni. Egli afferma nel modo più netto che “il socialismo riconosce per ogni popolo il diritto all’indipendenza e alla libertà, il diritto di disporre in piena indipendenza del proprio destino”; che “il socialismo internazionale riconosce il diritto all’esistenza di nazioni libere, indipendenti, eguali, ma solo il socialismo internazionale può creare queste nazioni e fare del diritto delle nazioni all’autodecisione una realtà”. E questa parola d’ordine del socialismo, – osserva giustamente l’autore, – “al pari di tutte le altre parole d’ordine, non serve a giustificare uno stato di fatto esistente, ma va intesa come indicazione della via da percorrere, come stimolo per una politica rivoluzionaria, attiva e creativa del proletariato” (pp. 77 e 78). Commetterebbe quindi un grandissimo errore chi credesse che tutti i socialdemocratici di sinistra in Germania siano scivolati nella ristrettezza mentale e nella caricatura del marxismo cui sono arrivati parecchi socialdemocratici olandesi e polacchi, i quali negano il diritto di autodecisione delle nazioni persino in regime socialista. Ma delle particolari origini olandesi e polacche di questo errore parleremo un’altra volta.

Un altro ragionamento sbagliato di Junius concerne la questione della difesa della patria. È questa la questione politica capitale durante la guerra imperialista. E Junius ha rafforzato la nostra convinzione che il nostro partito ha posto questo problema nel solo modo giusto: in questa guerra imperialista, in considerazione del suo carattere reazionario, di asservimento, di rapina; in considerazione della possibilità e della necessità di contrapporle la guerra civile per il socialismo e di adoperarsi a trasformarla nella guerra civile per il socialismo, il proletariato è contro la difesa della patria. Junius stesso, da un lato, vede benissimo che la guerra in corso, a differenza delle guerre nazionali, ha un carattere imperialista; ma, dall’altro lato, cade in un errore quanto mai strano, sforzandosi di adattare il programma nazionale a questa guerra, che non è una guerra nazionale! Sembra quasi incredibile, ma è un fatto.

I socialdemocratici ufficiali, sia della tendenza di Legien che della tendenza di Kautsky, servili davanti alla borghesia che sempre più levava alte grida sull’“invasione” straniera per nascondere alle masse il carattere imperialistico della guerra, ripetevano con zelo particolare questo argomento dell’“invasione”. Ed è l’“argomento” che continua a invocare Kautsky, il quale oggi dà ad intendere ai creduli e agli ingenui (fra l’altro, anche per il tramite di Spectator, membro del comitato d’organizzazione russo) di essere passato all’opposizione dalla fine del 1914! Cercando di confutare questo argomento, Junius adduce esempi storici molto istruttivi per dimostrare che “l’invasione e la lotta di classe non sono antitetiche (come dice la leggenda ufficiale) nella storia borghese, ma la prima è un mezzo e una manifestazione della seconda”. Esempi: i Borboni in Francia promossero l’invasione straniera contro i giacobini; la borghesia nel 1871 promosse l’invasione contro la Comune. Nella Guerra civile in Francia Marx ha scritto:

“Il più alto slancio di eroismo di cui la vecchia società è ancora capace è la guerra nazionale; e oggi è dimostrato che questa è una semplice mistificazione governativa, la quale tende a ritardare la lotta delle classi e viene messa in disparte non appena la lotta di classe divampa in guerra civile”.[76]

“L’esempio classico di tutti i tempi – scrive Junius evocando il 1793 – è la grande rivoluzione francese”. E da tutto ciò trae la conclusione: “Un’esperienza secolare dimostra quindi che la migliore protezione, la migliore difesa del paese contro il nemico esterno non è lo stato d’assedio, ma la lotta di classe intrepida che suscita la dignità, l’eroismo e la forza morale delle masse popolari”.

Ed ecco la conclusione pratica di Junius: “Sì, i socialdemocratici hanno l’obbligo di difendere il loro paese durante una grande crisi storica. E la grande colpa del gruppo socialdemocratico al Reichstag è stata appunto di aver solennemente affermato, nella sua dichiarazione del 4 agosto: “Nell’ora del pericolo non lasceremo indifesa la nostra patria” e di aver rinnegato nel tempo stesso le proprie parole. Nell’ora del maggior pericolo, esso ha lasciato indifesa la patria. Perché, in quell’ora, il suo primo dovere era di svelare alla patria la vera base di questa guerra imperialista; di spezzare la rete delle menzogne diplomatiche e patriottiche con cui era stato avvolto questo attentato contro la patria; di proclamare alto e forte che, in questa guerra, vittoria e sconfitta sono ugualmente nefaste per il popolo tedesco; di opporsi fino all’ultimo al soffocamento della patria con lo stato d’assedio; di proclamare la necessità di armare immediatamente il popolo e di lasciare decidere al popolo la questione della guerra o della pace; di esigere con la massima energia che la rappresentanza popolare sedesse in permanenza per tutta la durata della guerra, in modo da assicurare il vigile controllo della rappresentanza popolare sul governo, e del popolo sulla rappresentanza popolare; di esigere l’immediata soppressione di tutte le restrizioni dei diritti politici, poiché soltanto un popolo libero può difendere vittoriosamente il suo paese; infine di contrapporre al programma imperialista della guerra, tendente a conservare l’Austria e la Turchia, a conservare, cioè, la reazione in Europa e in Germania, il vecchio programma, effettivamente nazionale, dei patrioti e dei democratici del 1848, il programma di Marx, Engels e Lassalle: la parola d’ordine di un’unica, grande repubblica tedesca. Questa la bandiera che bisognava sventolare davanti al paese, la bandiera che sarebbe stata effettivamente nazionale, effettivamente liberatrice, che avrebbe corrisposto alle migliori tradizioni della Germania e della politica di classe, internazionale del proletariato…”. “Così, il grave dilemma: interesse della patria o solidarietà proletaria internazionale, il tragico conflitto che avrebbe costretto i nostri parlamentari a mettersi, “con uno strappo al cuore”, dalla parte della guerra imperialista, è una semplice fantasia, una finzione nazionalista borghese. Al contrario, fra gli interessi del paese e gli interessi di classe dell’Internazionale proletaria, esiste, sia in tempo di pace che in tempo di guerra, una completa armonia: tanto la pace che la guerra esigono il più energico sviluppo della lotta di classe, la più strenua difesa del programma socialdemocratico”.

Così argomenta Junius. L’errore del suo ragionamento salta agli occhi, e se i nostri lacchè, dichiarati o mascherati, dello zarismo, i signori Plekhanov, Ckhenkeli e forse anche i signori Martov e Ckheidze, si aggrappano malignamente alle parole di Junius, non per amore della verità teorica, ma per trovare scappatoie, per fuorviare, per gettar polvere negli occhi agli operai, noi dobbiamo mettere in chiaro particolareggiatamente le origini teoriche dell’errore di Junius.

Egli propone di “contrapporre” alla guerra imperialista il programma nazionale. Propone alla classe d’avanguardia di volger lo sguardo al passato e non all’avvenire! Nel 1793 e nel 1848, in Francia, in Germania e in tutta l’Europa, obiettivamente era all’ordine del giorno la rivoluzione democratica borghese. A questa situazione storica obiettiva corrispondeva il programma “effettivamente nazionale”, cioè nazionale borghese, della democrazia del tempo, programma attuato nel 1793 dagli elementi più rivoluzionari della borghesia e della plebe, programma sostenuto nel 1848 da Marx a nome di tutta la democrazia d’avanguardia. Alle guerre feudali e dinastiche si contrapposero allora, obiettivamente, le guerre democratiche rivoluzionarie, le guerre di liberazione nazionale. Tale era l’essenza dei compiti storici del tempo.

Oggi, la situazione obiettiva dei maggiori Stati progrediti d’Europa è diversa. Uno sviluppo progressivo – astrazione fatta dai possibili, temporanei passi indietro – è realizzabile soltanto in direzione della società socialista, della rivoluzione socialista. Alla guerra borghese imperialista, alla guerra del capitalismo altamente sviluppato, obiettivamente si può soltanto contrapporre, dal punto di vista progressivo, dal punto di vista della classe d’avanguardia, la guerra contro la borghesia, vale a dire, innanzi tutto, la guerra civile del proletariato contro la borghesia per il potere, la guerra senza la quale non è possibile un serio movimento progressivo, e poi – solo in determinate circostanze particolari – una eventuale guerra in difesa dello Stato socialista contro gli Stati borghesi. Perciò, quei bolscevichi (per fortuna rarissimi e subito da noi ceduti al Prizyv) che erano disposti ad accettare il punto di vista della difesa a certe condizioni, della difesa della patria a condizione della vittoria della rivoluzione e della repubblica in Russia, restavano fedeli alla lettera del bolscevismo, ma ne tradivano lo spirito, giacché la Russia, anche se fosse repubblicana, partecipando alla guerra imperialista delle potenze progredite dell’Europa condurrebbe pur sempre una guerra imperialista!

Dicendo che la lotta di classe è il mezzo migliore contro l’invasione, Junius ha applicato la dialettica marxista solo a metà; ha fatto un passo sulla via giusta e se ne è subito scostato. La dialettica marxista esige l’analisi concreta di ogni situazione storica particolare. Che la lotta di classe sia il mezzo migliore contro l’invasione, è vero sia nei riguardi della borghesia che abbatte il feudalesimo, sia nei riguardi del proletariato che abbatte la borghesia. E appunto perché è vero nei riguardi di ogni oppressione di classe, ciò è troppo generico e dunque insufficiente nei riguardi di questa situazione particolare. La guerra civile contro la borghesia è anche uno degli aspetti della lotta di classe, e solo questo aspetto della lotta di classe potrebbe risparmiare all’Europa (a tutta l’Europa e non a un solo paese) il pericolo di una invasione. La “repubblica grande-tedesca”, se fosse esistita nel 1914-1916, avrebbe condotto la stessa guerra imperialista.

Junius è giunto a sfiorare la giusta soluzione del problema e la giusta parola d’ordine: guerra civile contro la borghesia per il socialismo; e, come se temesse di dire fino in fondo tutta la verità, ha fatto marcia indietro, verso la fantasia di una “guerra nazionale” negli anni 1914, 1915, 1916. Non meno evidente risulta l’errore di Junius se esaminiamo la questione, non dal lato teorico, ma dal lato puramente pratico. Tutta la società borghese, tutte le classi della Germania, compresi i contadini, erano per la guerra (anche in Russia, secondo ogni probabilità, almeno la maggioranza dei contadini ricchi e medi e una parte notevolissima dei contadini poveri si trovavano, evidentemente, sotto l’influenza dell’imperialismo borghese). La borghesia era armata fino ai denti. In una situazione simile, “proclamare” il programma della repubblica, del parlamento in permanenza, dell’elezione degli ufficiali da parte del popolo (“armamento del popolo”) ecc., significava in pratica “proclamare” la rivoluzione (con un programma rivoluzionario sbagliato!).

Junius, proprio in quest’opuscolo, dice, del tutto giustamente, che la rivoluzione non si può “fare”. Nel 1914-1916, la rivoluzione era all’ordine del giorno, annidata nelle viscere della guerra, sorgeva dalla guerra. Bisognava “proclamarlo” in nome della classe rivoluzionaria, di questa bisognava tracciare il programma intrepidamente, fino in fondo: il socialismo, in un periodo di guerra, è impossibile senza la guerra civile contro la borghesia arcireazionaria, criminale, che condanna il popolo a calamità inaudite. Bisognava determinare le azioni sistematiche, conseguenti, pratiche, assolutamente attuabili, qualunque fosse il ritmo di sviluppo della crisi rivoluzionaria, conformi alla linea della rivoluzione che va maturando. Queste azioni sono elencate nella risoluzione del nostro partito: 1) votare contro i crediti; 2) spezzare la “pace civile”; 3) creare un’organizzazione clandestina; 4) realizzare la fraternizzazione dei soldati; 5) appoggiare tutti i movimenti rivoluzionari delle masse.[77] Il successo di tutti questi passi conduce inevitabilmente alla guerra civile.

La proclamazione del grande programma storico aveva indubbiamente un’importanza gigantesca, ma non del programma nazionale tedesco vecchio e superato nel 1914-1916, bensì del programma proletario internazionale e socialista. Voi, borghesi, combattete per scopi di rapina; noi, operai di tutti i paesi belligeranti, vi dichiariamo la guerra, la guerra per il socialismo: ecco il contenuto del discorso che avrebbero dovuto pronunciare nei parlamenti, il 4 agosto 1914, quei socialisti che non avessero tradito il proletariato, come l’hanno tradito i Legien, i David, i Kautsky, i Plekhanov, i Guesde, i Sembat, ecc.

A quanto pare due specie di considerazioni sbagliate potevano ingenerare l’errore di Junius. Junius è, senza dubbio, recisamente contro l’imperialismo ed è recisamente per la tattica rivoluzionaria: questo è un fatto che non può esser cancellato da nessuna malignità dei signori Plekhanov sul “difensismo” di Junius. A siffatte calunnie, possibili e probabili, è necessario dare una risposta immediata e diretta.

Ma Junius, in primo luogo, non si è del tutto liberato dall’“influsso” dei socialdemocratici tedeschi, neppure da quelli di sinistra, che temono la scissione, che temono di dare una formulazione completa alle parole d’ordine rivoluzionarie.(*) Questo è un falso timore e i socialdemocratici di sinistra in Germania devono liberarsene e se ne libereranno. Il progredire della loro lotta contro i socialsciovinisti condurrà a ciò. E contro i loro socialsciovinisti essi lottano risolutamente, tenacemente, sinceramente, e in ciò sta la differenza immensa di principio, radicale, che li distingue dai signori Martov e Ckheidze i quali, con un braccio (alla Skobelev) sventolano la bandiera in omaggio ai “Liebknecht di tutti i paesi” e con l’altro stringono teneramente Ckhenkeli e Potresov.

(*) Lo stesso errore si trova nei ragionamenti di Junius sull’argomento: meglio la vittoria o la sconfitta. La sua conclusione: sono entrambe cattive (rovina, sviluppo degli armamenti, ecc.). Questo non è il punto di vista del proletariato rivoluzionario, ma del piccolo borghese pacifista. Se si voleva parlare di “intervento rivoluzionario ” del proletariato – e ne parlano, benché purtroppo in modo eccessivamente generico, sia Junius che le tesi del gruppo “Internazionale” – era necessario porre la questione da un altro punto di vista: 1) è possibile un “intervento rivoluzionario” senza incorrere nel rischio della sconfitta? 2) è possibile battere la borghesia e il governo del proprio paese senza correre lo stesso rischio? 3) non abbiamo forse sempre detto e l’esperienza storica delle guerre reazionarie non dice forse che le sconfitte facilitano la causa della classe rivoluzionaria?

In secondo luogo, Junius, a quanto pare, voleva applicare qualche cosa di simile alla “teoria” menscevica “delle fasi”, di triste memoria; voleva presentare il programma rivoluzionario cominciando dalla parte “più accessibile”, più “popolare”, più accettabile per la piccola borghesia. Una specie di piano per “giocare d’astuzia con la storia”, giocare d’astuzia i filistei. Si dice che nessuno può essere contro la miglior difesa della vera patria: e la vera patria è la repubblica grande-tedesca, la miglior difesa è la milizia popolare, il parlamento in permanenza e così via. Una volta accettato, questo programma condurrebbe di per sé, si dice, alla fase seguente, alla rivoluzione socialista.

È verosimile che simili ragionamenti abbiano determinato, coscientemente o semicoscientemente, la tattica di Junius. È inutile dire che siffatti ragionamenti sono sbagliati. Nell’opuscolo di Junius si sente l’isolato, che non ha compagni nell’organizzazione clandestina, abituata a elaborare fino in fondo le parole d’ordine rivoluzionarie e a educare sistematicamente le masse secondo il loro spirito. Ma questo difetto – sarebbe una profonda ingiustizia dimenticarlo – non è un difetto personale di Junius, ma è il risultato della debolezza di tutti i socialdemocratici tedeschi di sinistra, circondati da tutte le parti dall’ignobile rete dell’ipocrisia kautskiana, dalla pedanteria, dalla “benevolenza” per gli opportunisti. I partigiani di Junius, malgrado il loro isolamento, sono riusciti a intraprendere la pubblicazione di manifestini illegali e la guerra contro il kautskismo. Essi riusciranno a procedere oltre, sulla buona via.

Note

73 Il 1° gennaio 1916, a Berlino, nell’alloggio di K. Liebknecht, ebbe luogo una conferenza dei socialdemocratici tedeschi di sinistra, che approvò le tesi del gruppo “Internazionale” elaborate da Rosa Luxemburg.

74 Vedasi Lenin, Opere, vol. 21, articolo: La guerra e la socialdemocrazia russa.

75 Ivi, articolo: Conferenza delle sezioni del POSDR all’estero.

76 Vedasi Marx-Engels, Opere complete, vol. 22.

77 Vedasi Lenin, Opere, vol. 21, articolo: Conferenza delle sezioni del POSDR all’estero

**JUNIUS Pseudonimo  di   Rosa Luxemburg Image

Annunci

Informazioni su paginerosse-drapporosso

...."L’ineguaglianza dello sviluppo economico e politico è una legge assoluta del capitalismo. Ne risulta che è possibile il trionfo del socialismo all’inizio in alcuni paesi o anche in un solo paese capitalistico, preso separatamente...." Lenin -Sulla parola d’ordine degli Stati Uniti d’Europa-Pubblicato sul Sozial-Demokrat, n. 44, 23 agosto 1915.
Questa voce è stata pubblicata in Lenin. Contrassegna il permalink.