OPERE DI MAO TSE-TUNG vol.4°-1935

OPERE DI MAO TSE-TUNG
Image

VOLUME 4

DECISIONI RELATIVE AD ALCUNI PROBLEMI
SORTI NELLA LOTTA NELLE CAMPAGNE

(10 ottobre 1933)

Il testo che segue contiene le decisioni prese dal governo centrale della Repubblica
sovietica cinese per correggere ed evitare errori nella determinazione dell’appartenenza
di classe degli abitanti delle campagne. A questo riguardo numerosi problemi erano sorti
durante la distribuzione delle terre e durante la campagna per il controllo della
distribuzione della terra a cui si riferiscono gli ultimi testi del vol. 3 delle Opere di Mao Tse tung.
Queste decisioni vennero promulgate con il decreto che costituisce il testo successivo
del presente volume.

[…]

Nel corso della lotta per la distribuzione della terra e della campagna per il
controllo della distribuzione della terra sono emersi molti problemi pratici.

Nel corso della guerra agraria sono stati commessi errori sia perché i precedenti
documenti non contengono direttive o contengono direttive ambigue circa
l’appartenenza di classe, sia perché il personale che lavora nei governi sovietici
ha dato interpretazioni sbagliate di queste direttive. Per correggere e prevenire
errori circa questo problema, il governo centrale della Repubblica sovietica
cinese, oltre ad approvare il documento Come determinare l’appartenenza di
classe nelle campagne1 che riguarda i criteri in base a cui distinguere i proprietari
terrieri, i contadini ricchi, i contadini medi, i contadini poveri e gli operai, con il
presente decreto ha preso le decisioni qui di seguito esposte e spiegate.

LAVORO E LAVORO ACCESSORIO

In circostanze ordinarie, una famiglia in cui una persona si dedica a un’attività
principale per almeno un terzo dell’anno è considerata una famiglia che lavora;
una famiglia in cui una persona si dedica a un’attività principale per un periodo
inferiore o è occupata per almeno un terzo dell’anno ma non in un’attività
principale è considerata una famiglia che lavora in misura accessoria.

Note esplicative.

1. I contadini ricchi lavorano anche loro, mentre i proprietari terrieri non
lavorano o lavorano solo in misura accessoria. Quindi il lavoro è il criterio
principale per distinguere i contadini ricchi dai proprietari terrieri.
2. Per stabilire la posizione di una famiglia rispetto al lavoro, bisogna fare

Mao Tse-tung – OPERE

riferimento a una persona. Se una famiglia è composta da più persone e una di
esse lavora, la famiglia è considerata una famiglia che lavora. Alcuni pensano che
una famiglia di più persone può essere inclusa nella categoria delle famiglie che
lavorano solo se almeno due persone lavorano; altri solo se tutta la famiglia
partecipa al lavoro: queste sono interpretazioni sbagliate.

3. Per stabilire la misura del lavoro, il periodo standard è un terzo dell’anno,
ossia quattro mesi. Essere occupati in un’attività principale per quattro mesi o per
meno di quattro mesi è la linea di demarcazione tra lavoro e lavoro accessorio
(cioè tra contadini ricchi e proprietari terrieri). Alcuni considerano lavoro
accessorio anche essere occupati in un’attività principale solo per metà anno:
questa è un’interpretazione sbagliata.
4. Dedicarsi a un’attività principale significa essere occupati in uno dei settori
principali dell’attività produttiva, come l’aratura, il trapianto, la mietitura e altri
lavori importanti. Ma le attività principali non sono limitate all’agricoltura; per
esempio il taglio della legna, il trasporto a spalla e altre attività importanti sono
considerate anch’esse attività principali.
5. Per attività non principali si intendono attività varie di carattere ausiliario che
occupano un posto secondario nella produzione: per esempio aiutare nella
sarchiatura o nella coltivazione di ortaggi, badare alle bestie, ecc.
6. Dato che il lavoro è il criterio base per distinguere i contadini ricchi dai
proprietari terrieri, una persona che per coltivare la terra assume braccianti a
tempo indeterminato e che, anche se magari dirige la lavorazione, non compie
personalmente un’attività principale, dovrà essere trattata come proprietario
terriero e non gli si dovrà assegnare della terra, anche se non ricorresse a
nessun’altra forma di sfruttamento come l’affitto della terra, il prestito con
interesse e così via.
7. Quanto al periodo da considerare per determinare l’appartenenza alla classe
dei proprietari terrieri, ogni persona che è vissuta come un proprietario terriero
nei tre anni consecutivi precedenti la rivoluzione, deve essere considerata
appartenente alla classe dei proprietari terrieri.
Durante la campagna per il controllo della distribuzione della terra, sono stati
commessi molti errori nella distinzione tra lavoro e lavoro accessorio. In alcuni
casi si è trattato il lavoro come lavoro accessorio e dei contadini ricchi sono stati
classificati come proprietari terrieri. In altri casi si è trattato il lavoro accessorio
come lavoro e dei proprietari terrieri sono stati classificati come contadini ricchi.
Tutto questo perché nel passato non c’è stata una chiara linea di demarcazione
fra proprietari terrieri e contadini ricchi. Questi errori potranno essere evitati se
si applicano le direttive sopra indicate.

Queste direttive tuttavia valgono solo in circostanze ordinarie. Nel caso di
circostanze particolari devono essere prese misure diverse. Ci sono due categorie
di circostanze particolari.

34

Decisioni relative ad alcuni problemi sorti nella lotta nelle campagne

1. C’è il caso del grande proprietario terriero che ha nella sua famiglia qualcuno
che prende parte alla produzione. Consideriamo una persona che sfrutta gli altri
per mezzo dell’affitto della terra e degli interessi sui prestiti in misura così grande
da ricevere più di 100 tan di cereali come affitto e di dare in prestito più di 1.000
yuan. Se la famiglia è piccola e non ha grandi spese, questa persona deve ancora
essere considerata un proprietario terriero e non un contadino ricco, anche se
qualcuno della sua famiglia è impegnato in un’attività principale per almeno
quattro mesi all’anno. Se invece la famiglia è numerosa e ha grandi spese e un
membro di essa è impegnato in un’attività principale per almeno quattro mesi
all’anno, egli non deve essere considerato un proprietario terriero ma un
contadino ricco, malgrado il fatto che egli mette insieme 100 tan di cereali con
l’affitto e presta 1.000 yuan.
2. C’è il caso in cui una persona deve essere considerata un proprietario terriero
dal punto di vista dello sfruttamento, ma non può essere considerata un
proprietario dal punto di vista delle sue condizioni di vita. Immaginiamo una
persona che in passato era un contadino ricco o un contadino medio e la cui
famiglia, parecchi anni prima della rivoluzione, ha improvvisamente perso la sua
capacità lavorativa a causa di morte o di malattia, dopodiché tutta la terra ha
dovuto essere data in affitto o essere coltivata con lavoro salariato: come risultato,
l’intera famiglia ha condotto la vita dei proprietari terrieri. In questo caso, sarebbe
improprio trattare questa persona come un proprietario terriero. Egli deve essere
trattato secondo la sua condizione originaria.
C’è anche il caso di una persona che nominalmente è ancora un proprietario
terriero, ma di fatto i diritti sulle sue terre appartengono ad altri. Egli ora pratica
soltanto un leggero grado di sfruttamento, compie un lavoro accessorio e conduce
una vita persino peggiore di quella di un contadino. Certamente a un uomo come
questo deve essere dato un appezzamento di terra cattiva come a un contadino
ricco. Se le sue condizioni sono estremamente cattive, gli può essere assegnata
della terra come a un contadino, purché le masse siano d’accordo.

Consideriamo un altro caso: uno era contadino, ma improvvisamente è
diventato ricco per un colpo di fortuna che gli è capitato due anni prima della
rivoluzione e da allora è rimasto un proprietario terriero. Naturalmente la terra di
quest’uomo deve essere confiscata, ma, dato che fino a due anni prima era un
contadino, gli può essere assegnata della terra povera come a un contadino ricco,
con il consenso delle masse.

Durante la campagna per il controllo della distribuzione della terra in alcune
località le circostanze particolari di cui abbiamo detto sopra sono state trascurate.
Anche questo è sbagliato.

I CONTADINI MEDI AGIATI

I contadini medi agiati sono quella parte dei contadini medi che praticano un

35

Mao Tse-tung – OPERE

leggero grado di sfruttamento sugli altri. L’ammontare del reddito che deriva da
questo sfruttamento non deve eccedere il 15 per cento del reddito annuo
complessivo dell’intera famiglia. In certe circostanze, benché il reddito di un
contadino medio derivante dallo sfruttamento ecceda il 15 per cento ma non il
30 per cento del reddito annuo complessivo dell’intera famiglia, egli può essere
ancora trattato come un contadino medio agiato, se le masse non hanno obiezioni.
Gli interessi dei contadini medi agiati devono ricevere dal regime sovietico la
stessa protezione di quelli dei contadini medi normali.

Note esplicative.

1. I contadini medi agiati fanno parte dei contadini medi, ma differiscono dagli
altri contadini medi per il fatto che praticano un leggero grado di sfruttamento
sugli altri, mentre in generale i contadini medi non lo fanno.
2. I contadini medi agiati differiscono dai contadini ricchi per il fatto che il loro
reddito annuo complessivo derivante dallo sfruttamento non supera il 15 per
cento del reddito annuo complessivo dell’intera famiglia, mentre quello dei
contadini ricchi lo supera. Questa linea di demarcazione è necessaria per
determinare concretamente l’appartenenza di classe.
3. Il leggero grado di sfruttamento esercitato da parte dei contadini medi agiati
significa: assumere mandriani e altri lavoratori per lavori saltuari o lavoratori a
mese; prestare piccole somme di denaro con interesse; guadagnare piccole
somme come interessi che provengono dalla proprietà fondiaria avuta come
cauzione di prestiti fatti; riscuotere modesti affitti dalle terre pubbliche delle
scuole2; dare in affitto piccoli appezzamenti di terra; ecc. In ogni caso, il reddito
che deriva complessivamente da queste forme di sfruttamento non costituisce la
parte principale dei mezzi di sussistenza della famiglia; ciò vuol dire che non
eccede il 15 per cento del reddito annuo complessivo della famiglia. I principali
mezzi di sussistenza dell’intera famiglia derivano dal proprio lavoro.
4. I contadini medi agiati che per un certo periodo di tempo prima della
rivoluzione hanno praticato lo sfruttamento allo stesso modo allora praticato dai
contadini ricchi, devono essere anch’essi considerati come contadini medi agiati,
a condizione che non abbiano praticato lo sfruttamento per più di tre anni.
5. In certe circostanze, se il reddito del contadino medio derivante dallo
sfruttamento eccede il 15 per cento ma non il 30 per cento del reddito annuo
complessivo della sua famiglia, egli deve essere trattato come un contadino medio
agiato, se le masse non hanno obiezioni. Per “certe circostanze” si intendono quei
casi in cui il reddito derivante dallo sfruttamento supera il 15 per cento, ma le
condizioni di vita della famiglia non sono buone o perché è una famiglia
numerosa in cui solo poche persone sono in grado di lavorare o perché la famiglia
si trova di fronte a delle difficoltà causate da inondazioni, siccità, carestia, malattie
o morte. In queste circostanze, se le entrate che provengono dallo sfruttamento
non superano il 30 per cento del reddito annuo complessivo, la famiglia non può
essere considerata una famiglia di contadini ricchi, ma deve essere considerata
36

Decisioni relative ad alcuni problemi sorti nella lotta nelle campagne

una famiglia di contadini medi agiati. Tuttavia, se nessuna di queste circostanze
esiste, la famiglia le cui entrate provenienti da qualche forma di sfruttamento
superano il 15 per cento delle entrate annue complessive deve essere considerata
una famiglia di contadini ricchi e non una famiglia di contadini medi agiati. Un
corretto giudizio sulle circostanze deve essere basato sull’opinione concorde delle
masse locali.

I contadini medi agiati costituiscono una parte considerevole della popolazione
delle zone rurali. Nel corso della campagna per il controllo della distribuzione
della terra in molte località essi sono stati trattati come contadini ricchi. Questo
è sbagliato. Nella maggior parte dei casi in cui sono stati lesi gli interessi di
contadini medi, si è trattato di contadini medi agiati. Questo deve essere
immediatamente corretto.

Esempi.

1. Una famiglia ha sei bocche da sfamare e due dei suoi membri lavorano. Essa
possiede della terra che dà un prodotto potenziale di 50 tan di cereali, ma una
produzione reale di 35 tan (che corrisponde a 140 yuan d’argento al prezzo
corrente di 4 yuan d’argento a tan). La terra della famiglia è coltivata interamente
dai suoi membri. La famiglia ha una casa di cinque stanze, un bufalo e uno stagno
dal quale ricava ogni anno 12 yuan d’argento. L’entrata annuale della famiglia
proveniente dalla produzione di granaglie e dall’allevamento di maiali è di circa
100 yuan d’argento. Per quattro anni la famiglia ha prestato 3 tan di grano a un
interesse annuo del 50 per cento, guadagnando 1 tan e mezzo di cereali per anno
(corrispondenti a 6 yuan d’argento). Per cinque anni la famiglia ha prestato anche
100 yuan d’argento a un interesse annuo del 25 per cento, guadagnando 25 yuan
d’argento ogni anno.
Decisione: questa famiglia dipende dal suo lavoro come mezzo principale di
sussistenza. La sua produzione ammonta a oltre 250 yuan. Essa sfrutta gli altri
percependo interessi su prestiti, ma il reddito annuo degli interessi ammonta
soltanto a 31 yuan d’argento, che costituiscono meno del 15 per cento del reddito
annuo complessivo. Dopo aver sottratto tutte le spese, la famiglia ha qualche
eccedenza e vive abbastanza bene, ma poiché l’incidenza del reddito da
sfruttamento non è grande, la famiglia deve essere classificata come una famiglia
di contadini medi agiati e non come una famiglia di contadini ricchi.

2. Una famiglia ha cinque bocche da sfamare, uno dei membri è impegnato in
un lavoro a tempo pieno e un altro è impegnato metà tempo. Possiede un terreno
con una produzione potenziale di 25 tan di cereali ma una produzione reale di
17 tan. Essa prende in affitto da altri della terra con un potenziale di produzione
di 175 tan di cereali ma una produzione reale di 42 tan e ha pagato finora, per
dieci anni, un affitto annuo di 25 tan di cereali. Il reddito annuo della famiglia
derivante dalla produzione di granaglie e dall’allevamento di maiali è di 50 yuan
d’argento. Per tre anni essa ha assunto un mandriano. Per quattro anni ha prestato
37

Mao Tse-tung – OPERE

60 yuan d’argento a un saggio di interesse annuo del 30 per cento, guadagnando
18 yuan d’argento ogni anno. Questa famiglia ha una casa di cinque stanze e un
bufalo. Possiede una piantagione di olio da tè con una produzione annua di 30
tan di nocciole.

Decisione: questa famiglia vive principalmente del proprio lavoro. Sfrutta gli
altri solo leggermente, per un equivalente di appena una ventina di yuan
d’argento all’anno (includendo l’assunzione del mandriano e il prestito dei soldi),
mentre è sfruttata da altri con la forma dell’affitto della terra che arriva fino a 25
tan di cereali all’anno. Dopo aver sottratto tutte le spese familiari, rimane molto
poco. Questa famiglia deve essere classificata come una normale famiglia di
contadini medi e non come una famiglia di contadini medi agiati.

LO SFRUTTAMENTO DA PARTE DEI CONTADINI RICCHI:
SUA DURATA E INTENSITÀ

Una persona è classificata come contadino ricco se nei tre anni consecutivi
precedenti la rivoluzione ha sempre lavorato e se ricava dallo sfruttamento degli
altri più del 15 per cento del reddito annuo complessivo dell’intera famiglia. In
certe circostanze, una persona il cui reddito derivante dallo sfruttamento supera
il 15 per cento ma non il 30 per cento del reddito annuo complessivo deve essere
ancora considerata come un contadino medio agiato e non come un contadino
ricco, se le masse non hanno obiezioni.

Note esplicative.

1. La durata dello sfruttamento deve essere calcolata dal momento della
rivoluzione e non da altri periodi. Alcuni vogliono regolare “vecchi conti” e
determinare l’appartenenza di classe sulla base dello sfruttamento perpetrato, a
intervalli, molto tempo prima. Ciò è sbagliato.
2. Lo sfruttamento per tre anni consecutivi è la durata standard richiesta per
configurare la condizione di contadino ricco. Se la durata dello sfruttamento è
minore di tre anni o se è di tre anni ma non consecutivi (cioè ci sono degli intervalli
in mezzo), tale persona deve essere ancora considerata come contadino medio
agiato anche se il grado dello sfruttamento praticato è stato lo stesso di quello di
un contadino ricco.
3. Il reddito che deriva dallo sfruttamento è tale da determinare la condizione
di contadino ricco quando supera il 15 per cento del reddito annuo complessivo
dell’intera famiglia. Se il reddito che deriva dallo sfruttamento è minore del 15 per
cento del reddito annuo complessivo, la condizione di classe non è quella di un
contadino ricco, ma quella di contadino medio agiato, anche se la durata dello
sfruttamento è di tre o più anni consecutivi.
4. Per “reddito annuo complessivo dell’intera famiglia” si intende l’ammontare
complessivo annuo di quello che la famiglia ha ricavato dalla propria produzione
38

Decisioni relative ad alcuni problemi sorti nella lotta nelle campagne

e di quello che ha ricavato dallo sfruttamento degli altri. Prendiamo, per esempio,
una famiglia che in un anno guadagna 400 yuan d’argento dalla propria produzione
e ne guadagna altri 100 dallo sfruttamento degli altri. La somma complessiva è di 500
yuan d’argento, che costituiscono il reddito complessivo. Dato che il guadagno che
deriva dallo sfruttamento costituisce il 20 per cento del reddito complessivo, questa
famiglia va classificata come famiglia di contadini ricchi.

5. Per “certe circostanze” si intendono quei casi in cui la famiglia non conduce
una vita agiata perché è una famiglia numerosa con poche persone in grado di
lavorare o perché si trova di fronte a difficoltà causate da calamità naturali o da
disgrazie umane. In queste circostanze una famiglia il cui reddito derivante dallo
sfruttamento supera il 15 per cento ma non il 30 per cento del reddito complessivo
deve ancora essere classificata come una famiglia di contadini medi agiati, se le
masse non hanno obiezioni. Qui l’opinione delle masse è molto importante e la
valutazione delle circostanze deve essere molto attenta. Per non creare malcontento
tra i contadini medi, i contadini medi agiati non devono essere confusi con
i contadini ricchi. Dall’altro lato, per non creare malcontento tra i contadini poveri,
i contadini ricchi non devono essere confusi con i contadini medi. Quindi è
essenziale considerare con attenzione il peso delle circostanze per ottenere il
consenso delle masse.
Nel corso della campagna per il controllo della distribuzione della terra c’è stata
molta confusione nel valutare la durata e il grado dello sfruttamento. Questo
perché nel passato non c’è stata una chiara linea di demarcazione tra i contadini
ricchi e i contadini medi agiati. Alcuni contadini medi agiati sono stati trattati come
contadini ricchi e alcuni contadini ricchi sono stati trattati come contadini medi
agiati. Ci sono stati spesso dei casi controversi. Ora che una linea di demarcazione
tra questi tipi di persone è stata tracciata, gli errori rispetto a queste cose possono
essere evitati.

Esempi.

1. Una famiglia ha undici bocche da sfamare e due persone che lavorano. Essa
possiede della terra con un potenziale di produzione di 160 tan di cereali ma che
attualmente ne produce 120 (corrispondenti a 480 yuan d’argento). Possiede due
piantagioni di olio da tè dalle quali ricava un reddito annuo di 30 yuan d’argento
e anche un vivaio che ne rende 15. L’entrata annua proveniente dalla produzione
di granaglie e dall’allevamento di maiali è di circa 150 yuan d’argento. Nei sette
anni precedenti la rivoluzione, la famiglia aveva assunto un lavoratore fisso e si
era appropriata del suo pluslavoro per un valore di circa 70 yuan d’argento ogni
anno. Nei cinque anni precedenti la rivoluzione, aveva prestato 250 yuan
d’argento a un saggio d’interesse annuo del 30 per cento, guadagnandone 75 ogni
anno. Un figlio della famiglia è uno hsiutsai3 che può redigere istanze d’accusa
e aiutare e appoggiare altri nelle cause di legge. Egli trae vantaggio da questa sua
influenza per tiranneggiare gli altri.
39

Mao Tse-tung – OPERE

Decisione: questa famiglia ha due persone che lavorano, ma ha assunto un
lavoratore fisso, fa prestiti di somme non piccole e il suo reddito da sfruttamento
costituisce più del 15 per cento del reddito complessivo dell’intera famiglia.
Nonostante la famiglia sia numerosa, detratte tutte le spese familiari c’è ancora un
considerevole sovrappiù. Di conseguenza questa famiglia è una famiglia di contadini
ricchi e le si deve assegnare una terra povera. Un membro della famiglia appartiene
alla piccola nobiltà di campagna e non deve ricevere nessun appezzamento di terra.

2. Una famiglia ha tre bocche da sfamare e uno dei suoi membri è impegnato
in un’attività principale per quattro mesi all’anno. Essa possiede terra che dà un
raccolto potenziale di 60 tan di cereali; ne coltiva con il proprio lavoro una parte
con un potenziale di produzione di 30 tan di cereali e con un rendimento effettivo
di 18. La famiglia per cinque anni ha affittato il resto della terra con un potenziale
di produzione di 30 tan e ne ha ricavato un affitto annuo di 12. Questa famiglia
assume normalmente un lavoratore per venti giorni all’anno. Essa possiede un
bufalo che affitta al prezzo di 2tan di cereali. Presta da tre anni 120yuan d’argento
con un saggio d’interesse annuo del 30 per cento, guadagnandone 36.
Decisione: per questa famiglia il reddito derivante dallo sfruttamento eccede
quello che la famiglia produce da sé. Ma poiché un membro della famiglia è
impegnato in un’attività principale per quattro mesi l’anno, la famiglia è una
famiglia di contadini ricchi e le si deve assegnare una terra povera.

I CONTADINI RICCHI REAZIONARI

Un contadino ricco che si è impegnato in serie attività controrivoluzionarie
prima e specialmente dopo la rivoluzione deve essere dichiarato contadino ricco
reazionario. La terra e le altre proprietà di questo contadino ricco e dei membri
della sua famiglia che hanno preso parte alle attività controrivoluzionarie devono
essere confiscate.

Questi principi devono essere applicati anche ai capitalisti reazionari.

Note esplicative.

1. Devono essere dichiarati contadini ricchi reazionari soltanto quei contadini
ricchi che si sono impegnati in serie attività controrivoluzionarie, come quelli che
durante la rivoluzione diressero la milizia nel massacro di operai e di contadini
e resistettero ostinatamente al governo rivoluzionario, in particolare quelli che
dopo la rivoluzione hanno continuato a capeggiare gli altri organizzando gruppi
e organi controrivoluzionari o hanno individualmente portato avanti serie attività
controrivoluzionarie come assassinare, spiare per il nemico, servire volontariamente
come guide per le truppe bianche, scappare verso le zone bianche per
aiutare il Kuomintang, sabotare attivamente la campagna per il controllo della
distribuzione della terra e l’edificazione economica e così via. La terra e le
proprietà di quegli elementi la cui origine di contadini ricchi e le cui serie attività
40

Decisioni relative ad alcuni problemi sorti nella lotta nelle campagne

controrivoluzionarie sono state accertate, saranno confiscate. La terra e le
proprietà degli altri contadini ricchi che, nonostante abbiano partecipato ad
attività controrivoluzionarie, non hanno giocato un ruolo importante o di primo
piano in queste ultime, non saranno confiscate.

2. Soltanto la terra e le proprietà di quei membri della famiglia dei contadini
ricchi reazionari che hanno preso parte a serie attività controrivoluzionarie
dovranno essere confiscate. La terra e le proprietà del resto dei membri della
famiglia potranno non essere confiscate.
3. I contadini ricchi che sono andati temporaneamente nelle zone bianche per
guadagnarsi da vivere non sono contadini ricchi reazionari e non saranno espropriati
come tali. Ma i contadini ricchi che non volevano vivere nelle zone sovietiche e sono
andati nelle zone bianche e che da allora sono vissuti lì per più di un anno senza
ritornare a casa, saranno espropriati anche se non sono contadini ricchi reazionari.
4. Nella definizione dei capitalisti reazionari e nel trattamento di essi, bisogna
applicare pienamente i principi sopra menzionati.
In alcuni posti nel passato sono state confiscate la terra e le proprietà dei
contadini ricchi che non avevano partecipato a serie attività controrivoluzionarie.
Inoltre furono egualmente confiscate la terra e le proprietà di quei membri delle
famiglie dei contadini ricchi che non avevano preso parte ad alcuna iniziativa
controrivoluzionaria. Questo è sbagliato. Una delle cause di questi errori è l’art.
3 dei Regolamenti del governo del Kiangsi per la confisca e la distribuzione della
terra che diceva: “I contadini ricchi che hanno partecipato a organizzazioni
controrivoluzionarie (come il Gruppo A-B, il partito socialdemocratico e così via)
verranno espropriati insieme a tutta la loro famiglia”. Questo articolo non faceva
distinzione fra capi e seguaci, fra partecipanti reali e non partecipanti. Riguardo
alla questione delle persone a carico, l’ultima parte di quell’articolo diceva che:
“[…] le persone a loro carico, che non hanno preso parte a organizzazioni
controrivoluzionarie e ad azioni controrivoluzionarie e che hanno rotto le loro
relazioni con i membri controrivoluzionari delle loro famiglie, possono ritornare
in possesso delle loro terre se le masse locali non hanno obiezioni”. Ma prima
confiscare le proprietà dell’intera famiglia e, in seguito, restituirne una parte non
è ancora un sistema appropriato, perciò l’articolo in questione deve essere
modificato in conformità con i presenti provvedimenti.

Inoltre in alcuni posti nel passato la definizione di capitalista reazionario era così
forzata oltre i giusti limiti che molte imprese commerciali furono illegittimamente
confiscate. Anche questo era sbagliato.

Esempi.

Una famiglia ha nove bocche da sfamare, uno dei suoi membri è impegnato in
un lavoro e un altro in un lavoro accessorio. Questa famiglia possiede della terra
con un potenziale di produzione di 160 tan di cereali, ma ne coltiva solo una parte
con un potenziale di produzione di 80 e che attualmente ne produce soltanto 45.

41

Mao Tse-tung – OPERE

Da dieci anni la famiglia dà in affitto il resto della terra, con un raccolto potenziale
di 80 tan e per questa è riuscita ad ottenere un affitto annuale pari a 40 tan di
cereali. Essa possiede cinque appezzamenti di terra in collina che le danno un
reddito annuo di 70 yuan d’argento. Assume regolarmente un lavoratore fisso.
Da tre anni prende in prestito 425 yuan d’argento a un saggio d’interesse annuo
del 25 per cento e da cinque anni presta 380 yuan d’argento a un saggio
d’interesse annuo del 30 per cento. Un membro della famiglia è stato per due anni
comandante di compagnia del Corpo di pacificazione4 e ha preso parte a cinque
battaglie contro la Guardia rossa. Un altro membro della famiglia ha fatto parte
del Gruppo A-B e si è consegnato al governo. Non c’è alcun segno di attività
controrivoluzionaria da parte degli altri membri della famiglia.

Decisione: la condizione di questa famiglia è quella di una famiglia di contadini
ricchi. Un membro della famiglia si è impegnato in serie attività controrivoluzionarie.
Egli è un contadino ricco reazionario e le sue proprietà devono essere confiscate.
La proprietà degli altri membri della famiglia non deve essere confiscata. Uno di
loro era nel Gruppo A-B, ma non era un membro importante e si è consegnato
al governo. La sua terra non deve essere confiscata.

I CONTRIBUTI DEI CONTADINI RICCHI

Per applicare la politica di indebolire i contadini ricchi durante il periodo della
guerra civile, è necessario invitare i contadini ricchi a dare contributi straordinari,
oltre alle misure di base che consistono nell’assegnare loro terra povera,
confiscare le case, gli animali da tiro e gli attrezzi agricoli in eccedenza e imporre
loro delle tasse progressive più alte. Ma l’ammontare dei contributi non deve
superare il 40 per cento del denaro posseduto dai contadini ricchi. Anche la
frequenza dei contributi deve essere limitata.

Note esplicative.

1. Ci sono state recentemente due tendenze nella raccolta dei contributi dei
contadini ricchi. Una è di proteggere i contadini ricchi senza domandare loro
contributi, l’altra consiste nello spogliarli di tutto il loro denaro contante, come si
fa con le multe imposte ai proprietari terrieri. Nessuna di queste tendenze è giusta,
l’ultima in particolare mira ad annientare i contadini ricchi ed è possibile che
danneggi i contadini medi. Si è fissato che l’ammontare massimo dei contributi
non deve superare il 40 per cento del denaro posseduto dai contadini ricchi. Le
autorità locali possono invitare ciascun contadino ricco a dare un contributo
conveniente entro questi limiti, tenendo conto se ha dato nel passato simili
contributi e quale tipo di vita conduce oggi.
2. I contributi sono di carattere straordinario. Sono differenti dalle tasse
ordinarie sulla terra. Perciò la frequenza dei contributi deve essere ridotta. Non
possono essere riscossi molte volte senza limiti.
42

Decisioni relative ad alcuni problemi sorti nella lotta nelle campagne

3. Le autorità competenti a riscuotere i contributi dai contadini ricchi sono gli
organi finanziari dello Stato. Nessun altro organo è autorizzato a riscuotere
contributi dai contadini ricchi.
LA TERRA, LE CASE,GLI ANIMALI LA TIRO E GLI ATTREZZI
AGRICOLI POSSEDUTI DAI CONTADINI RICCHI A PIENO DIRITTO

Nei limiti dei decreti e delle leggi sovietiche, i contadini ricchi hanno il diritto
di disporre della terra, delle case, degli animali da tiro e degli attrezzi agricoli di
cui è stata stabilita la loro proprietà e gli altri non possono interferire. Soltanto per
esigenze della produzione e con il consenso dei contadini ricchi, gli operai, i
contadini e le persone povere sono autorizzati a scambiare le loro case con quelle
dei contadini ricchi.

Note esplicative.

1. È successo recentemente in alcune località che operai, contadini e persone
povere hanno scambiato la propria terra, le case, gli animali da tiro e gli attrezzi
con la terra, le case, gli animali da tiro e gli attrezzi che sono a pieno diritto di
proprietà di contadini ricchi. Ci sono stati perfino casi di scambi di vestiti e di
concime. Questo è sbagliato. Devono esserci dei limiti all’“indebolimento dei
contadini ricchi”. La politica dell’“indebolimento” è già stata applicata se ai
contadini ricchi è stata assegnata della terra povera secondo la capacità lavorativa,
se sono stati privati delle case, degli animali da tiro e degli attrezzi agricoli in
eccesso, se gli sono state imposte tasse progressive più alte e se sono stati persuasi
a dare una parte del loro denaro contante come contributo. Ogni tentativo di
superare questi limiti è una tendenza ad annientare i contadini ricchi e, allo stadio
attuale della rivoluzione, ciò non deve essere consentito. Soltanto per esigenze
della produzione e con il consenso dei contadini ricchi, le loro case potranno
essere oggetto di scambio.
2. Se dopo la corretta soluzione del problema della terra, la terra povera
assegnata ai contadini ricchi è stata migliorata e sta diventando una terra buona,
a nessuno sarà permesso di prenderla in cambio della propria.
3. Gli animali da tiro, gli attrezzi agricoli, le case che i contadini ricchi hanno
acquistato dopo la rivoluzione non possono essere confiscati o scambiati, anche
se sono più che sufficienti.
IL LAVORO OBBLIGATORIO DEI CONTADINI RICCHI

I contadini ricchi dovranno compiere più lavoro obbligatorio nazionale e locale5
di quello compiuto dagli operai, dai contadini e dalle persone povere, purché
questo non intralci la loro attività produttiva.

43

Mao Tse-tung – OPERE

Note esplicative.

Bisogna distinguere tra il lavoro obbligatorio assegnato ai contadini ricchi e
quello assegnato ai proprietari terrieri. Tutti gli uomini fisicamente capaci delle
famiglie dei proprietari terrieri devono essere ingaggiati nei gruppi di lavoro
obbligatorio per essere sottoposti a un tirocinio che li prepari ad attività lavorative
di interesse nazionale e locale e riformi il loro carattere di classe nel corso del
lavoro: in questo modo si potrà eliminare la classe dei proprietari terrieri. I
contadini ricchi dovranno compiere più lavoro obbligatorio degli operai, dei
contadini e delle persone povere, ma per non intralciare la produzione dovranno
essere sottoposti al lavoro obbligatorio in misura minore dei proprietari terrieri.
È perciò sbagliato assegnare i contadini ricchi agli stessi corpi di lavoro
obbligatorio dei proprietari terrieri e far compiere loro un tipo di lavoro
obbligatorio che li distoglie dalla produzione per lungo tempo nei periodi dei
grandi lavori agricoli, a meno che i contadini ricchi abbiano forza-lavoro
eccedente o esistano sistemi di compensazione. Tuttavia devono essere fatte
eccezioni dove la produzione non è intralciata, dove i contadini ricchi hanno forza
lavorativa eccedente o sono disponibili misure di compensazione.

I PROPRIETARI TERRIERI FALLITI

Ogni proprietario terriero che prima della rivoluzione aveva perso tutta o la
maggior parte della sua terra e delle proprietà usate per sfruttare il lavoro altrui, che
non lavora e si basa sull’imbroglio, sul saccheggio o sull’assistenza dei propri parenti

o amici come principali mezzi di sostentamento è dichiarato proprietario terriero
fallito. I proprietari terrieri falliti restano una parte della classe dei proprietari terrieri
e non sarà loro assegnata della terra. L’attribuzione di classe, in ogni caso, sarà
modificata nel caso dei proprietari terrieri che, dopo essere falliti, per almeno un anno
hanno fatto affidamento sul proprio lavoro come principale mezzo di sussistenza.
Questi proprietari terrieri falliti hanno diritto all’assegnazione della terra. I proprietari
terrieri che, dopo essere falliti, hanno fatto affidamento sul proprio lavoro per
guadagnarsi una parte dei mezzi di sussistenza, possono essere trattati come
contadini ricchi, purché questa parte del loro reddito ammonti almeno ad un terzo
delle spese annuali per il loro sostentamento.
Note esplicative.

Alcuni trattano i proprietari terrieri parzialmente falliti come proprietari terrieri
falliti. Questo è sbagliato, infatti questi proprietari terrieri hanno ancora una parte
della loro proprietà da usare per sfruttare il lavoro altrui. È solo l’ammontare del
loro reddito dovuto allo sfruttamento che è differente. Altri trattano come
proprietari terrieri falliti quelli che, dopo essere falliti, si sono impegnati per un
anno o più in un’attività principale. Questo è molto sbagliato, perché i proprietari
terrieri che dopo essere falliti si sono impegnati in un’attività principale per

44

Decisioni relative ad alcuni problemi sorti nella lotta nelle campagne

almeno un anno (prima della rivoluzione) sono già cambiati e da proprietari
terrieri sono diventati operai o persone povere o contadini.

Altri ancora hanno continuato a trattare come proprietari terrieri quelli che,
dopo essere falliti, si sono messi a lavorare parzialmente. Nemmeno questo è
giusto, perché quelli che hanno guadagnato almeno un terzo delle spese annuali
per la loro sopravvivenza per mezzo della propria forza-lavoro devono essere
trattati come contadini ricchi.

LE PERSONE POVERE

A parte gli operai, i contadini, i produttori indipendenti e i professionisti, tutti
quelli che dipendono dal proprio lavoro in una o più occupazioni per procurarsi
tutto o la maggior parte di ciò che serve loro per vivere o che dipendono dal
proprio poco denaro per guadagnarsi il minimo per le spese di sussistenza, sono
dichiarati persone povere. Alle persone povere che vivono nelle zone rurali e
nelle città piccole e sono disoccupate deve essere assegnata della terra. Alle
persone povere delle città che non hanno casa propria, devono essere assegnate
le case di città dei proprietari terrieri.

Note esplicative.

Le persone povere sono in numero considerevole nelle città. Ce ne sono molte
anche nelle piccole città e nelle zone rurali. Esse si impegnano in diverse
occupazioni, alcune delle quali irregolari e molto spesso le cambiano di stagione
in stagione. La vita delle persone povere è molto dura; le loro entrate sono sempre
insufficienti per le spese.

Le persone povere che dipendono dall’uso del loro poco denaro sono i
venditori ambulanti.

Medici, maestri di scuola, avvocati, giornalisti, scrittori e così via, che non
sfruttano gli altri, sono dichiarati professionisti.

GLI INTELLETTUALI

1. Gli intellettuali non vanno considerati come una classe a sé. La condizione
di classe degli intellettuali è determinata dalla classe da cui provengono.
2. Tutti gli intellettuali che provengono dalla classe dei proprietari terrieri e dei
capitalisti devono essere utilizzati per lavorare per i governi sovietici purché
obbediscano alle leggi e ai decreti sovietici.
3. Quando gli intellettuali sono impegnati in un lavoro che non implica lo
sfruttamento di altre persone, come il lavoro di insegnanti, redattori, giornalisti,
scrittori, artisti e così via, essi sono considerati lavoratori intellettuali. Questi
lavoratori intellettuali devono essere protetti dalle leggi sovietiche.
45

Mao Tse-tung – OPERE

Note esplicative.

1. Recentemente in molte località gli intellettuali sono stati incondizionatamente
discriminati. Questo è sbagliato. È una politica che va a vantaggio della causa della
rivoluzione sovietica utilizzare gli intellettuali che provengono dalle classi dei
proprietari terrieri e dei capitalisti e farli lavorare per i governi sovietici. Durante
il periodo in cui lavorano per i governi sovietici, è necessario prendere misure atte
a risolvere i loro problemi di sussistenza.
2. La condizione di classe degli intellettuali è determinata dalla classe da cui
provengono. Per esempio gli intellettuali che vengono da famiglie di proprietari
terrieri, sono proprietari terrieri; quelli che vengono da famiglie di contadini ricchi
sono contadini ricchi; quelli che vengono da famiglie di contadini medi sono
contadini medi. È sbagliato considerare gli intellettuali come una classe separata.
È ancora più sbagliato considerare i figli dei contadini che hanno studiato nelle
scuole (i cosiddetti “diplomati”) come elementi indesiderabili.
3. È sbagliato anche considerare l’insegnamento e altre attività analoghe come
una cosa diversa dal lavoro.
IL PROLETARIATO OZIOSO

Gli operai, i contadini e le persone che poco prima della rivoluzione hanno
perso il lavoro e la terra come risultato dell’oppressione e dello sfruttamento da
parte della classe dei capitalisti e dei proprietari terrieri e che hanno fatto ricorso
a metodi indebiti per procurarsi tutti o la maggior parte dei mezzi di sussistenza
per tre anni consecutivi, sono dichiarati proletari oziosi (abitualmente essi sono
chiamati vagabondi).

La politica del regime sovietico verso i proletari oziosi consiste nel conquistare
gli elementi di base e opporsi ai loro capi e agli altri elementi che si alleano con
la classe sfruttatrice e prendono parte attiva alla controrivoluzione. La maniera
migliore per conquistare gli elementi di base del proletariato ozioso è aiutarli a
rientrare nella produzione assegnando loro terra e lavoro come alle masse
rivoluzionarie. Sarà anche concesso loro il diritto di voto. Ma se viene loro
assegnata della terra, devono avere il domicilio nei villaggi interessati e devono
poter coltivare la terra essi stessi.

Note esplicative.

1. Per “fare ricorso a metodi indebiti per procurarsi tutti o la maggior parte dei
mezzi di sussistenza” si intende vivere per mezzo di occupazioni indebite quali
rubare, rapinare, truffare, chiedere l’elemosina, giocare d’azzardo, prostituirsi e
così via. Alcuni hanno catalogato come vagabondi tutti quegli elementi che,
occupati o parzialmente occupati, sono in parte impegnati in attività indebite (ma
non ricavano da esse la maggior parte dei loro mezzi di sussistenza). Questo è
sbagliato. È anche eccessivo catalogare come vagabondi quegli operai, contadini
46

Decisioni relative ad alcuni problemi sorti nella lotta nelle campagne

e persone povere che hanno contratto cattive abitudini (quali il frequentare
bordelli, giocare d’azzardo e fumare l’oppio).

2. In alcune località gli esponenti principali dei proletari oziosi (i cosiddetti
capibanda) che hanno preso parte attiva alla controrivoluzione non sono soggetti
a punizioni e anzi è stata assegnata loro della terra. Questo è sbagliato. In altre
località la richiesta di terra da parte degli elementi di base del proletariato ozioso
è semplicemente rigettata. Anche questo è sbagliato.
I RELIGIOSI DI PROFESSIONE

Tutti quelli che nei tre anni consecutivi precedenti la rivoluzione hanno ricavato
la maggior parte dei mezzi di sussistenza da professioni legate alla religione o alla
superstizione (come gli ecclesiastici, i preti, i monaci, i taoisti, i devoti laici, gli
indovini, i chiromanti, coloro che predicono la fortuna e così via), sono dichiarati
religiosi di professione. I religiosi di professione non hanno diritto al voto e non
può essere loro assegnata della terra.

Note esplicative.

Tutti quelli che hanno esercitato tali professioni legate alla religione o alla
superstizione ma non hanno ricavato da queste la maggior parte dei loro mezzi di
sussistenza, o che hanno ricavato da queste la maggior parte dei loro mezzi di
sussistenza per meno di tre anni, non devono essere dichiarati religiosi di
professione. Questa gente deve essere trattata in modo diverso a seconda della loro
condizione di classe; non si deve togliere il diritto di voto né negare la terra
indiscriminatamente a tutti. Questo vuol dire che tutti quelli che hanno esercitato tali
professioni legate alla religione o alla superstizione come occupazione secondaria,

o che hanno vissuto su questi lavori come professione primaria per meno di tre anni,
devono avere il diritto di voto se sono operai, contadini o persone povere. Inoltre
deve essere loro assegnata della terra se sono domiciliati nei villaggi interessati. A
maggior ragione questo trattamento deve essere riservato alle persone a loro carico.
Alcuni considerano i monaci, i taoisti, gli indovini, i chiromanti e così via come
vagabondi. Ciò è sbagliato.

IL SOLDATO DELL’ESERCITO ROSSO CHE PROVIENE DA
UNA FAMIGLIA DI PROPRIETARI TERRIERI O DI
CONTADINI RICCHI E LA TERRA

Tutti i membri dell’Esercito rosso che provengono da famiglie di proprietari
terrieri o di contadini ricchi, inclusi gli ufficiali e i soldati e le persone a loro carico,
hanno il diritto di ricevere appezzamenti di terra, purché abbiano combattuto
decisamente per gli interessi degli operai e dei contadini.

47

Mao Tse-tung – OPERE

Note esplicative.

1. Nell’art. 1 dei Regolamenti per il trattamento preferenziale dei membri
dell’Esercito rosso6 si legge: “Tutti i soldati dell’Esercito rosso le cui case siano
situate nelle zone sovietiche avranno diritto, insieme alle persone a loro
carico, alla distribuzione in parti uguali di terre, case, boschi e acque, come
i contadini poveri e poverissimi delle stesse località”. Questo articolo riguarda
tutti i soldati dell’Esercito rosso. Ma recentemente, in alcune località, è stata
presa in considerazione solo la loro origine, senza riguardo alla loro attività
politica. Ne è risultato che la terra già assegnata ai soldati dell’Esercito rosso
che provenivano da famiglie di proprietari terrieri o di contadini ricchi è stata
di nuovo confiscata sebbene essi avessero combattuto lealmente per gli
interessi degli operai e dei contadini. Ciò è sbagliato.
2. Le “persone a carico dei membri dell’Esercito rosso” comprendono i
genitori, la moglie, i figli e le figlie e anche i fratelli e le sorelle minori di 16
anni. Gli altri membri della famiglia non godono degli stessi diritti.
3. La terra assegnata ai membri dell’Esercito rosso che provengono da
famiglie di proprietari terrieri o di contadini ricchi può essere loro ripresa se
essi sono espulsi dall’Esercito rosso.
L’OPERAIO CHE PROVIENE DA UNA FAMIGLIA DI
PROPRIETARI TERRIERI O DI CONTADINI RICCHI

Gli operai che provengono da una famiglia di proprietari terrieri o di
contadini ricchi, le loro mogli e i loro figli mantengono la loro condizione di
operai. Se debba essere loro assegnata della terra o no è da decidersi in base
al fatto se essi vivano nei villaggi o nelle città. Gli altri membri della loro
famiglia saranno considerati come proprietari terrieri o contadini ricchi.

Note esplicative.

1. Se un membro di una famiglia di proprietari terrieri o di contadini ricchi poco
prima della rivoluzione ha venduto la sua forza-lavoro per almeno un anno, egli
sarà riconosciuto come operaio. Lui, sua moglie e i suoi figli saranno trattati come
appartenenti alla classe operaia e la parte delle proprietà di famiglia cui hanno
diritto non sarà confiscata. Se lui, la moglie e i figli risiedono in campagna, sarà
loro distribuita della terra. Se risiedono in città, non sarà loro distribuita della
terra. Se egli risiede in città e la moglie e i figli risiedono in campagna, a lui non
sarà distribuita la terra, ma alla moglie e ai figli sì. Gli altri membri della famiglia
saranno trattati come proprietari terrieri o contadini ricchi e non godranno dei
diritti degli operai. Se qualche altro membro della famiglia appartiene a un’altra
classe, sarà trattato secondo la rispettiva classe.
Prendiamo come esempio una famiglia. Una persona che in campagna per
tre anni ha ricavato la maggior parte dei suoi mezzi di sussistenza dalla rendita

48

Decisioni relative ad alcuni problemi sorti nella lotta nelle campagne

terriera e dall’interesse sui prestiti, è dichiarata proprietario terriero. Un’altra
persona che per un anno ha ricavato la maggior parte dei suoi mezzi di
sussistenza vendendo la sua forza-lavoro, è dichiarata operaio. Una terza persona
che per un anno ha avuto una piccola officina in città, producendo beni e
vendendoli egli stesso e ha ricavato da ciò la maggior parte dei suoi mezzi di
sussistenza, è dichiarato produttore indipendente. L’appartenenza di classe di
ciascuno si determina in base alla natura dei mezzi che egli adopera per
guadagnarsi da vivere in un determinato periodo. L’appartenenza di classe di
ciascuno, a sua volta, determina il trattamento che egli riceve dalle leggi
sovietiche.

2. In campagna ci sono operai, produttori indipendenti, insegnanti di scuole
elementari, medici e così via i quali possiedono anche piccoli appezzamenti di
terra. Se essi, non riuscendo a procurarsi da vivere nelle zone rurali, sono andati
altrove a cercare da vivere e affittano i loro piccoli appezzamenti di terra, a loro
deve essere assegnata della terra come ai comuni contadini e non possono essere
trattati come proprietari terrieri, purché non ricavino dalla rendita terriera la
maggior parte dei loro mezzi di sussistenza.

L’APPARTENENZA DI CLASSE DI PROPRIETARI TERRIERI,
CONTADINI RICCHI O CAPITALISTI CHE HANNO SPOSATO
OPERAIE, CONTADINE O PERSONE POVERE E VICEVERSA

1. L’atto del matrimonio non modifica l’appartenenza di classe.
2. L’appartenenza di classe dei proprietari terrieri, dei contadini ricchi e dei
capitalisti dopo il loro matrimonio con operaie, contadine o persone povere e
viceversa, dovrà essere stabilito a seconda se il matrimonio ha avuto luogo prima
o dopo la rivoluzione, a seconda della loro classe originaria e delle loro
condizioni di vita dopo il matrimonio.
3. Il matrimonio ha avuto luogo prima della rivoluzione: le donne provenienti
da famiglie di proprietari terrieri, di contadini ricchi o di capitalisti che hanno
sposato operai, contadini o persone povere e che hanno lavorato per un anno,
saranno dichiarate appartenenti alla classe degli operai, dei contadini o delle
persone povere. Quelle che non hanno lavorato o hanno lavorato meno di un
anno saranno dichiarate appartenenti alla loro classe d’origine.
Le donne provenienti da famiglie di operai, contadini e persone povere che hanno
sposato proprietari terrieri, contadini ricchi o capitalisti passeranno ad appartenere
alla classe dei proprietari terrieri, dei contadini ricchi o dei capitalisti solo se hanno
vissuto per cinque anni allo stesso modo dei proprietari terrieri, dei contadini ricchi

o dei capitalisti. Quelle che non hanno vissuto in questo modo, ma hanno vissuto
come operaie, contadine o persone povere (per esempio, ricavando dal proprio
lavoro la maggior parte dei propri mezzi di sussistenza), o che hanno vissuto allo
stesso modo delle classi sfruttatrici per meno di cinque anni, saranno dichiarate
49

Mao Tse-tung – OPERE

appartenenti alla loro classe d’origine.

4. Il matrimonio ha avuto luogo dopo la rivoluzione: le donne provenienti da
famiglie di operai, di contadini o di persone povere che hanno sposato
proprietari terrieri, contadini ricchi o capitalisti saranno considerate appartenenti
alla loro classe d’origine. Le donne provenienti da famiglie di proprietari terrieri,
di contadini ricchi o di capitalisti che hanno sposato operai, contadini o persone
povere saranno dichiarate appartenenti alla classe degli operai, dei contadini o
delle persone povere se hanno lavorato per cinque anni. Quelle che non hanno
lavorato o che hanno lavorato per meno di cinque anni, saranno dichiarate
appartenenti alla loro classe d’origine.
5. I figli saranno classificati nella stessa classe del padre, indipendentemente
dall’appartenenza di classe delle persone che i loro padri hanno sposato e da
quando il matrimonio ha avuto luogo.
6. Le rivendicazioni relative alla terra e ai diritti civili devono essere risolte sulla
base dell’appartenenza di classe di coloro che le avanzano.
7. Le donne provenienti da famiglie di proprietari terrieri, di contadini ricchi
o di capitalisti che hanno sposato operai, contadini o persone povere non
devono essere arruolate nei gruppi di lavoro obbligatorio. Il denaro ottenuto da
queste donne come dote per il matrimonio non deve essere soggetto a multe o
contributi se non supera i 50 yuan d’argento.
8. Prima della rivoluzione c’erano casi in cui figli di operai, di contadini e di
persone povere erano venduti a proprietari terrieri, a contadini ricchi o a
capitalisti e anche casi in cui operai, contadini e persone povere erano stati
sposati alle figlie di proprietari terrieri, di contadini ricchi o di capitalisti
attraverso la pratica di adottare i generi come eredi delle famiglie delle mogli o
viceversa. Nel determinare l’appartenenza di classe e il trattamento dei bambini
venduti e dei generi adottati, si applicheranno i sette articoli precedenti.
9. Riguardo all’adozione avvenuta prima della rivoluzione dei figli di operai, di
contadini o di persone povere da parte di proprietari terrieri, di contadini ricchi o di
capitalisti e viceversa, i figli adottati saranno considerati appartenenti alla classe
d’origine se sono sotto i 10 anni di età, indipendentemente dall’età che avevano al
tempo dell’adozione. Dai 10 anni in su, i figli di operai, di contadini o di persone
povere che sono stati adottati come figli da proprietari terrieri, da contadini ricchi o
da capitalisti e che hanno vissuto allo stesso modo dei loro genitori adottivi per
cinque anni, apparterranno alla stessa classe dei loro genitori adottivi. Se non hanno
vissuto allo stesso modo dei loro genitori adottivi ma hanno continuato a vivere allo
stesso modo dei loro veri genitori, essi manterranno l’appartenenza alla classe
d’origine. I figli di proprietari terrieri, di contadini ricchi o di capitalisti che sono stati
adottati come figli da operai, da contadini o da persone povere e che hanno vissuto
allo stesso modo dei loro genitori adottivi per tre anni, avranno la stessa appartenenza
di classe dei loro genitori adottivi. Se non hanno vissuto allo stesso modo dei loro
genitori adottivi ma hanno continuato la stessa vita dei loro veri genitori, manterranno
l’appartenenza alla classe d’origine.
50

Decisioni relative ad alcuni problemi sorti nella lotta nelle campagne

Note esplicative.

Qui il “lavoro” include anche il lavoro domestico.

IL PROPRIETARIO TERRIERO O IL CONTADINO RICCO
CHE È ALLO STESSO TEMPO COMMERCIANTE

1. Se i proprietari terrieri sono allo stesso tempo commercianti, la loro terra,
insieme alle case e alle proprietà connesse con la terra, sarà confiscata, ma le
imprese commerciali e le sedi degli affari, le case di residenza e le proprietà
connesse con tali imprese commerciali non saranno confiscate.
2. Se i contadini ricchi sono anche commercianti, la loro terra, insieme alle case
e alle proprietà connesse con la terra, sarà trattata come quella appartenente ai
contadini ricchi, ma le imprese commerciali e le sedi degli affari, le case di
residenza e le proprietà connesse con tali imprese commerciali non saranno
confiscate.
3. Le multe imposte o i contributi richiesti ai proprietari terrieri o ai contadini
ricchi che sono anche commercianti devono essere limitati a quella parte della
loro proprietà che essi possiedono in quanto proprietari terrieri o contadini ricchi,
ma non devono interferire con la parte commerciale.
4. I commercianti non devono essere arruolati nei gruppi di lavoro obbligato.
GESTIONE DELLE PROPRIETÀ TERRIERE DI ENTI PUBBLICI

La gestione delle proprietà terriere di enti pubblici è un atto di sfruttamento. Ma
si deve fare una distinzione tra la gestione delle proprietà terriere di enti pubblici
da parte di proprietari terrieri, di contadini ricchi o di capitalisti da un lato e la
gestione da parte di operai, di contadini e di persone povere dall’altro.

Note esplicative.

Con “gestione delle proprietà terriere di enti pubblici” si intende la gestione della
terra e delle proprietà appartenenti a tutti i tipi di monasteri, templi e associazioni
per il culto degli antenati. Non c’è dubbio che la gestione delle proprietà terriere di
enti pubblici è un tipo di sfruttamento. Soprattutto, essa è divenuta una delle
principali forme di sfruttamento quando per mezzo di questo sistema la classe dei
proprietari terrieri e dei contadini ricchi ha concentrato nelle sue mani ampie
estensioni di terra e di altre proprietà. Poiché la gestione delle proprietà terriere di
enti pubblici è stata monopolizzata da un piccolo numero di persone ed è di
conseguenza divenuta per queste persone la fonte di una larga porzione di reddito
da sfruttamento, il condurre tale gestione costituisce, naturalmente, uno dei fattori
attraverso cui determinare l’appartenenza di classe di coloro che ne sono i
responsabili. Comunque, poiché alcuni degli enti pubblici sono gestiti da operai, da

51

Mao Tse-tung – OPERE

contadini e da persone povere e di conseguenza consentono uno sfruttamento
insignificante, la gestione di questi piccoli enti pubblici non deve essere considerata
uno dei fattori che determinano l’appartenenza di classe di coloro che sono
responsabili della gestione. Alcuni ritengono che tutti coloro che hanno partecipato
alla gestione di proprietà terriere di enti pubblici devono per questo solo motivo
essere considerati proprietari terrieri, contadini ricchi o capitalisti. Ciò è sbagliato.

IL PROBLEMA DEL SOSTENTAMENTO DI ALCUNI FUNZIONARI

A coloro che lavorano negli organi dei governi sovietici e in altre organizzazioni
rivoluzionarie ma a cui non è stata assegnata della terra e che hanno gravi difficoltà
per vivere, possono essere assegnate adeguate quantità di terra; così pure alle
persone a loro carico. Inoltre possono essere trovati altri mezzi per aiutarli a
risolvere le loro difficoltà.

Note esplicative.

Il governo centrale della Repubblica sovietica cinese ha dato disposizioni per
risolvere il problema del sostentamento dei funzionari dei governi sovietici cui è
già stata assegnata della terra (mobilitando le masse per aiutarli a coltivare la loro
terra, ecc.). Qui si tratta solo di coloro cui non è stata assegnata della terra. Per
persone a carico si intendono i genitori, la moglie, i figli, le figlie, i fratelli e le
sorelle minori di 10 anni.

LA TERRA PER SCOPI PUBBLICI

Nella distribuzione della terra nelle nuove zone sovietiche e della terra
recentemente recuperata per la distribuzione nelle vecchie zone sovietiche,
adeguate quantità di terra devono essere riservate per opere pubbliche, come
ponti, traghetti, locande, fattorie sperimentali e così via.

Note esplicative.

Per coprire le spese per opere pubbliche come la riparazione di ponti e traghetti,
il pagamento dei salari dei traghettatori e la costruzione e la riparazione di locande,
è necessario riservare adeguate quantità di terra e mobilitare le masse per coltivarle.
Inoltre è necessario che i governi sovietici a livello di distretto, circondario e cantone
riservino adeguati appezzamenti di terra nelle vicinanze degli organi di governo allo
scopo di creare delle fattorie sperimentali: quello di distretto può riservare della terra
con un raccolto potenziale da 50 a 150 tan di cereali, quello di circondario può
riservare della terra con un raccolto potenziale da 15 a 25 tan e quello di cantone
può riservare della terra con un raccolto potenziale da 5 a 10 tan. In attesa della
creazione di tali fattorie sperimentali, la terra può essere affittata a un canone modico
ai contadini affinché la coltivino.

52

Decisioni relative ad alcuni problemi sorti nella lotta nelle campagne

IL PROBLEMA DEI DEBITI

1. Con l’eccezione dei debiti contratti verso imprese commerciali in seguito a
transazioni d’affari, la somma e gli interessi di tutti i debiti contratti in denaro o
in natura prima della rivoluzione da operai, da contadini o da persone povere
verso proprietari terrieri, contadini ricchi o capitalisti sono annullati. La somma
e gli interessi di tutti i debiti contratti in denaro o in natura da proprietari terrieri,
da contadini ricchi o da capitalisti verso operai, contadini o persone povere
devono essere ripagati per intero.
2. Coloro che dipendono dallo sfruttamento usuraio come unico o principale
mezzo di sostentamento per loro e le loro famiglie sono dichiarati usurai. Gli
usurai devono essere trattati come appartenenti alla classe dei proprietari terrieri.
3. I debiti contratti dopo la rivoluzione devono essere ripagati, purché non
siano in contrasto con le Norme provvisorie che regolano la concessione e la
contrazione dei prestiti promulgate dal governo centrale della Repubblica
sovietica cinese.
Note esplicative.

Coloro che praticano lo sfruttamento usuraio (la maggior parte dei debiti nelle
zone rurali del Kuomintang, nelle città o nelle campagne, costituiscono uno
sfruttamento usuraio) ma non dipendono da esso come unico o principale mezzo
di sostentamento per se stessi e per le loro famiglie, non possono essere dichiarati
usurai. Perciò essi non devono essere soggetti alla politica della confisca totale,
ma devono essere trattati a seconda della classe a cui appartengono. È sbagliato
trattare come usurai tutti coloro che praticano lo sfruttamento usuraio.

La condizione di quelli che, da una parte, prestano denaro e, dall’altra,
contraggono debiti, deve essere determinata in base alla natura e al grado della
differenza tra debiti e crediti, unitamente agli altri rapporti di sfruttamento che essi
intrattengono con gli altri.

53

Mao Tse-tung – OPERE

NOTE

1.
Il documento Come determinare l’appartenenza di classe nelle campagne è compreso
nel vol. 3 delle Opere di Mao Tse-tung.
2.
*Nelle campagne cinesi vi erano diverse categorie di terre di proprietà pubblica: terre
i cui proventi erano destinati a coprire spese amministrative, come quelle che
appartenevano ad alcuni organi del potere di circondario o di cantone; terre
appartenenti, per esempio, ai templi degli antenati di un clan; terre di istituzioni
religiose, come i templi buddisti, taoisti, cattolici e musulmani; terre i cui proventi erano
devoluti a opere di pubblica utilità, quali i depositi di cereali per casi di carestia e per
la costruzione e la manutenzione di strade e ponti; terre i cui proventi erano destinati
all’istruzione, per esempio quelle appartenenti alle scuole. La maggior parte di queste
terre erano nelle mani dei proprietari terrieri e dei contadini ricchi e i contadini medi
potevano partecipare solo all’amministrazione di una piccola parte di esse.
3.
Hsiutsai è il candidato che ha superato l’esame di primo grado del vecchio sistema di
esami pubblici in vigore in Cina fino alla riforma del 1905.
4.
Il Corpo di pacificazione era una forza armata controrivoluzionaria locale organizzata
dal Kuomintang.
5.
Nelle zone sovietiche erano in vigore prestazioni obbligatorie di lavoro sia per opere
di competenza dei governi locali sia per opere di competenza del governo centrale
della Repubblica sovietica cinese.
6.
Sul trattamento preferenziale dei membri dell’Esercito rosso v. vol. 3 delle Opere di Mao
Tse-tung, pag. 147 e seguenti.
54

ORDINE N. 49 DEL GOVERNO CENTRALE DELLA
REPUBBLICA SOVIETICA CINESE

(10 ottobre 1933)

Il testo che segue è il decreto col quale vennero promulgate le Decisioni relative ad
alcuni problemi sorti nella lotta nelle campagne (v. testo precedente)

1. Le Decisioni relative ad alcuni problemi sorti nella lotta nelle campagne
adottate da questo governo il 10 ottobre 1933 sono promulgate con il presente
decreto.
2. Le decisioni sull’appartenenza di classe prese a livello locale prima del 10
ottobre 1933 e non conformi alle presenti Decisioni saranno riformate in
conformità ad esse. Nei casi in cui cambiando l’appartenenza di classe ne deriva
un cambiamento nell’assegnazione di terra e di altre proprietà, ci si comporterà
come segue.
La terra, le case, i boschi, gli stagni e i giardini dei contadini medi, delle persone
povere e degli operai che sono stati assegnati ad altri nel passato, verranno resi
ai loro proprietari originari, mentre le proprietà di altro genere saranno rese ai
proprietari originari solo per quanto le circostanze lo permettano (per esempio
dove esiste ancora da confiscare qualche proprietà dei proprietari terrieri, ecc.).

La terra, le case, i boschi, gli stagni, i giardini, gli animali da tiro e gli attrezzi
agricoli, che dovevano restare proprietà di contadini ricchi, così come le proprietà
di capitalisti, verranno rese ai loro proprietari originari solo quando le circostanze
lo permettano.

3. Le decisioni prese dagli organi giudiziari in casi portati dinnanzi ad essi prima
dell’ottobre 1933 e non conformi alle presenti Decisioni, se sono già state eseguite
o se sono ancora in via di esecuzione, devono essere sospese e rivedute.
4. A nessuno è consentito chiedere cambiamenti nei casi in cui le decisioni
sull’appartenenza di classe e conseguentemente sulla terra e altre proprietà, prese
prima o dopo il 10 ottobre 1933, sono conformi alle presenti Decisioni e non sono
stati fatti errori.

INCHIESTA NEL CANTONE DI CHANGKANG

(12 dicembre 1933)

Alla fine del 1933, mentre la zona sovietica centrale resisteva alla quinta campagna di
“accerchiamento e annientamento”, Mao Tse-tung condusse un’inchiesta sul funzionamento
del governo sovietico del cantone di Changkang. Il testo che segue è il resoconto
dell’inchiesta.

Nella struttura amministrativa della Repubblica sovietica cinese, i governi sovietici di
cantone e di città erano gli organi di base, a contatto diretto con le masse e quindi
responsabili diretti della mobilitazione delle masse in campo economico, politico e
culturale. Il cantone era una divisione amministrativa tradizionale, ma nel primo Congresso
nazionale dei soviet (Juichin, 7-27 novembre 1931) fu deciso di ridurne le dimensioni in
modo che la popolazione del cantone non superasse le 3.000 unità in collina e le 5.000
in pianura. Nel luglio del 1933 il governo centrale della Repubblica sovietica cinese ridusse
ulteriormente la popolazione massima del cantone: 1.000 unità per i cantoni di collina e

2.000 (massimo 2.500) per i cantoni di pianura. A seguito di queste decisioni venne creato
il cantone di Changkang, comprendente quattro villaggi del preesistente cantone di
Langmu.
Tutte le attività del regime sovietico vengono svolte praticamente nei governi
sovietici di cantone e di città: questo lo sanno tutti. Ci sono molti però che non
sanno in che modo i governi sovietici di cantone e di città portano avanti il loro
lavoro. Ma se non si conosce il loro lavoro, è impossibile dirigerli veramente, è
impossibile assolvere veramente al compito di porre tutte le attività dello Stato
sovietico al servizio delle esigenze della guerra rivoluzionaria. Nei governi
sovietici di livello superiore oggi ci possiamo imbattere in situazioni di questo
tipo: si emanano moltissimi ordini e risoluzioni, ma si ignorano i contenuti pratici
dell’attività di un qualsiasi governo sovietico di cantone o di città. Compagni! Così
non va, questo è burocratismo, è un ostacolo per l’attività degli organi sovietici!

I nostri compiti sono stati formulati, abbiamo promulgato diversi piani:
dall’ampliamento dell’Esercito rosso alla costruzione di ponti e di strade. Il
problema è come mobilitare le masse per l’attuazione integrale e concreta di quei
compiti e di quei piani. L’eccezionale intensità della guerra rivoluzionaria esige
da noi una soluzione rapida e generalizzata di questo problema. Ma la soluzione
non può essere partorita dal nostro cervello: bisogna, nel corso della mobilitazione
delle masse per l’attuazione dei vari compiti, raccogliere ogni sorta di
esperienze nuove e concrete, svilupparle, estendere l’ambito della nostra

Mao Tse-tung – OPERE

mobilitazione in modo che essa sia adeguata a compiti e piani di un livello più
alto. Attualmente negli organi sovietici di molte località si manifestano gravi errori,
come quello di sbrigare il lavoro pro forma evitando di assumere responsabilità
e quello di ricorrere alla coercizione e all’autoritarismo; i rapporti di questi organi
sovietici con le masse sono pessimi e ciò ostacola enormemente l’attuazione dei
compiti e dei piani del regime sovietico. D’altro canto, innumerevoli compagni
che lavorano nei governi sovietici di livello inferiore, in diverse località, hanno
elaborato metodi eccellenti di mobilitazione delle masse, si sono fusi con le masse
e hanno ottenuto grandi successi nel loro lavoro. Una delle responsabilità che
spettano ai membri dei governi sovietici di livello superiore è proprio quella di
raccogliere e sistematizzare queste esperienze positive e diffonderle ampiamente
nelle altre zone: questo lavoro deve essere iniziato subito in ogni provincia e in
ogni distretto. Il metodo migliore per combattere il burocratismo è quello di
contrapporgli degli esempi dal vivo.

Le esperienze del cantone di Changkang qui raccolte, per i limiti di tempo e di
disponibilità del materiale di chi ha fatto il rapporto, sono solo un riepilogo
sommario di alcune delle principali attività svolte dai compagni del cantone. Ma
già questo riepilogo è sufficiente per attirare la nostra attenzione, per farci elogiare
solennemente il loro lavoro come modello per l’attività degli organi sovietici,
perché i loro rapporti con le masse sono molto stretti e la loro attività ha raggiunto
una grande efficacia. Il nostro obiettivo è quello di sviluppare queste esperienze,
raccoglierne un numero maggiore, fornire esempi concreti ai governi sovietici di
cantone e di città più arretrati in modo che il loro lavoro raggiunga lo stesso livello
di quelli più avanzati, coalizzare attorno ai governi sovietici decine di milioni di
uomini e sforzarci di rendere tutte le loro attività conformi all’esigenza di
sconfiggere la campagna di “accerchiamento e annientamento” lanciata dai nostri
nemici1.

1. Suddivisione amministrativa e popolazione.
Il cantone di Changkang appartiene al circondario di Shangshe, nel distretto di
Hsingkuo, provincia del Kiangsi e deriva da una recente divisione del cantone di
Langmu dello stesso circondario.

Graduatoria dei cantoni del circondario in base alla qualità del loro lavoro: primi
Changkang e Langmu, secondo Yangcheng, terzi Hefei, Hsiushui e Tangshih,
quarti Jentien e Shangshe. Il cantone di Changkang comprende quattro villaggi:
Changkang, Tangpei, Hsinhsi, Ssukang.

Popolazione: in tutto il cantone abitano 437 famiglie per complessive 1.784
persone; tolte le 320 arruolate nell’Esercito rosso o trasferite per altre attività, nel
cantone restano 1.464 persone (comprese quelle arruolate per brevi periodi e il
personale dei governi di circondario e di cantone). Tra gli abitanti del cantone i
contadini medi e poveri sono 1.286, gli operai, i braccianti e i manovali 102, i
proprietari terrieri e i contadini ricchi 76.

58

Inchiesta nel cantone di Changkang

2. Persone trasferitesi perché arruolate nell’Esercito rosso o per svolgere altre
attività.
Arruolate nell’Esercito rosso dal 1928 al 1932: 80.

Arruolate nell’Esercito rosso nel 1933: 139.

Arruolate nel battaglione partigiano: 7.

Trasferite negli organi distrettuali o di livello superiore: 34.

Trasferite per lavorare negli ospedali delle retrovie: 24.

Trasferite per lavori fissi nei trasporti: 36.

Totale: 320.

3. Proprietari terrieri e contadini ricchi.
Proprietari terrieri: due famiglie, cinque persone.
Contadini ricchi: undici famiglie, settantuno persone.
Figlie di proprietari terrieri date in moglie a operai e a contadini scoperte in
agosto durante la campagna per il controllo della distribuzione della terra: sei.
A queste sei persone sono stati confiscati 36 tan e 6 ton di terra; non è stato
scoperto nessun altro contadino ricco o proprietario terriero.

CONFERENZA DEI DELEGATI

1. Andamento delle conferenze.
Di solito l’ordine del giorno di una conferenza è: 1. apertura della seduta; 2.
rapporto; 3. discussione; 4. altre questioni; 5. scioglimento. L’ordine del giorno viene
scritto su di un foglio di carta che viene affisso. Ma le questioni concrete da discutere
di volta in volta ce le ha scritte solo il presidente in un foglio che non viene affisso.

Rapporto: Anzitutto il presidente del governo sovietico di cantone riferisce sulle
ragioni della seduta, pronunciando venti o trenta frasi. Subito dopo ci sono i
rapporti dei compagni inviati dal governo sovietico di circondario (a quasi tutte
le sedute partecipa qualcuno del governo sovietico di circondario: il più delle
volte si tratta di membri dei dipartimenti, cinque o sei volte su dieci; i capi dei
dipartimenti vengono meno volte, due o tre volte su dieci; il presidente e il
vicepresidente non vengono spesso, solo una volta su dieci). I rapporti riguardano
la situazione politica e l’andamento del lavoro. Il presidente e il segretario della
cellula del partito comunista integrano i rapporti dei compagni del circondario.

Discussione: Riguarda sempre questioni concrete. Ecco per esempio i punti
discussi nella seduta dello scorso 8 novembre.

1. Mobilitazione militare. Suddivisa a sua volta nei seguenti argomenti:
1. ampliamento dell’Esercito rosso: il delegato del villaggio di Changkang si è
impegnato a mandare cinque uomini, quello di Tangpei quattro, quello di Hsinhsi
tre e quello di Ssukang tre, in tutto quindici uomini; si sono impegnati a farlo entro
il 30 novembre.
1.2. Trattamento preferenziale delle famiglie dei soldati2: si è deciso di mobilitare
59

Mao Tse-tung – OPERE

insieme le brigate per l’aratura e i gruppi di mutuo aiuto sul lavoro.

1.3. Movimento per il ritorno dei disertori nelle squadre: in questo cantone sette
persone hanno disertato; è stato deciso che il lavoro sia portato avanti dalle
squadre di propaganda del cantone e dei villaggi e dalle brigate d’assalto3
(organizzate dalle mogli dei soldati dell’Esercito rosso).
1.4. Sostegno all’Esercito rosso: ciascun villaggio si è impegnato a dare quattro
asciugamani; per le scarpe di canapa e paglia o di stoffa e paglia, il villaggio di
Changkang si è impegnato a darne centodieci paia, Tangpei cento, Hsinhsi
novanta e Ssukang cento.
2. Edificazione economica. Suddivisa a sua volta nei seguenti argomenti:
2.1. prestito pubblico: questo cantone ha acconsentito a vendere cartelle per
5.456 yuan, ha già riscosso 822 tan di cereali, equivalenti in valore a 4.110 yuan,
e 127 yuan in moneta, complessivamente 4.237 yuan. Per completare la cifra
mancano ancora 1.219 yuan. Si è deciso che ciascun delegato si impegni a fondo
e faccia propaganda, in modo che l’intera cifra sia riscossa entro il 25 novembre.
2.2. Cooperative: le cooperative di consumo prima esistevano solo a livello di
circondario, ora il cantone organizza delle filiali; hanno raccolto quote soltanto
per 100 yuan e poco più, ma le masse hanno acconsentito già a comprarne per
350 yuan. Si è deciso che ogni delegato faccia propaganda per raccogliere le
quote e che si muovano anche le squadre di propaganda.
2.3. Campagna per fare economie: è stato deciso di piantare più verdure per far
fronte alla carestia di primavera e di economizzare nel consumo di cereali.
3. Costruzione di argini e di strade. È stato deciso di completare, nei dieci giorni
che vanno dal 20 al 30 novembre, la costruzione della strada che porta a
Chiangpeitung, lunga 6 li e larga 6 chi. Dopo questa ne saranno costruite altre,
larghe 4 chi. È stato eletto un comitato preparatorio di cinque persone per
costruire, dopo le strade, l’argine del fiume largo 1 giang che è stato travolto dalle
acque. Per il grande ponte di legno si è deciso che verrà costruito in collaborazione
col cantone di Langmu.
4. Appoggio al governo sovietico di circondario. Per esprimere l’appoggio delle
masse di tutto il cantone alla terza assemblea dei soviet del circondario che si
doveva tenere il 12 novembre, si è deciso di donare uno striscione rosso, di stoffa,
alto 1 chi su cui scrivere quattro ideogrammi. Il 12 hanno di nuovo mobilitato le
masse di tutto il cantone perché il 90 per cento della popolazione andasse
incolonnata alla sede del governo sovietico del circondario a far scoppiare
mortaretti (il risultato è stato che c’è andato l’80 per cento e hanno fatto scoppiare
cinque o seimila mortaretti, tutti comprati dalla popolazione stessa).
I due ultimi punti erano inseriti nell’ordine del giorno sotto la voce “altre
questioni”.

2. Sistema dei controlli.
Su due conferenze dei delegati, una è per discutere i problemi, l’altra per
controllare il lavoro svolto.

60

Inchiesta nel cantone di Changkang

Prima di ogni conferenza di controllo, i delegati a tempo pieno di ogni villaggio
convocano una riunione degli altri delegati e in sede di conferenza fanno poi un
rapporto sui risultati di queste riunioni; dopo i rapporti, si discute come portare
a termine le cose che non sono state fatte e correggere quello che non è stato fatto
bene.

Questo sistema è cominciato nel cantone di Langmu e il cantone di Changkang
lo ha adottato quando è stato staccato da Langmu; in seguito lo ha adottato anche
il cantone di Yangcheng e poco tempo fa il governo sovietico di circondario ha
convocato una conferenza di tutto il circondario sul controllo del lavoro
chiedendo a tutti i cantoni di adottare questo sistema.

3. Il delegato a tempo pieno.
Numero di delegati per ogni villaggio:
Changkang, 500 abitanti circa (cifra risalente al tempo della distribuzione della
terra), 14 delegati.

Tangpei: 490 abitanti circa, 14 delegati.

Hsinhsi: 300 abitanti circa, 13 delegati.

Ssukang: 400 abitanti circa, 14 delegati.

Graduatoria dei villaggi in base al lavoro: primo Changkang, secondo Tangpei,
terzo Hsinhsi, quarto Ssukang.

Ogni villaggio ha un delegato a tempo pieno. Questa carica è ricoperta a turno,
ciascuno resta in carica dieci giorni; questo sistema è in vigore da settembre. Prima
c’era il sistema del presidente dei delegati, per cui la carica era ricoperta
stabilmente da una persona designata. Dopo due anni hanno visto che il sistema
del presidente aveva dei difetti: la responsabilità ricadeva su una sola persona per
cui non si facilitava l’addestramento al lavoro degli altri; con la rotazione si elimina
questo inconveniente. Ma anche il sistema del delegato a tempo pieno (che resta
in carica dieci giorni) ha dei difetti: un delegato debole non è in grado di dirigere
un villaggio.

4. Da quando è stato istituito, il governo sovietico di cantone ha un comitato
permanente.
Il presidente, il vicepresidente, il segretario, il segretario della cellula del partito
comunista e quello della cellula della gioventù comunista: in tutto cinque persone.
Quando è necessario ne fanno parte anche i delegati a tempo pieno.

5. I delegati dirigono gli abitanti.
Ogni delegato si occupa di un numero di abitanti che varia da una ventina a una
cinquantina; per esempio il delegato Li Chin-ying, del villaggio Changkang, si
occupa di oltre cinquanta persone.

Ogni delegato possiede un registro degli abitanti, suddivisi in uomini adulti,
donne adulte, uomini giovani (possono essere arruolati come lavoratori fissi),
donne giovani (possono essere arruolate per periodi brevi), ragazzi e ragazze. Gli

61

Mao Tse-tung – OPERE

uomini adulti si dividono a loro volta tra quelli che sono nella Guardia rossa
(possono essere arruolati permanentemente) e quelli che non ci sono (possono
essere arruolati per brevi periodi); anche le donne adulte si suddividono in quelle
che sono nella Guardia rossa (possono essere arruolate per brevi periodi) e quelle
che non ci sono (possono occuparsi dell’assistenza alle famiglie dei soldati).

6. Cambiamenti dei delegati.
L’anno scorso, a novembre, prima che fosse diviso in due cantoni, il cantone
di Langmu (sette villaggi, 3.000 abitanti) aveva eletto oltre settanta delegati e
undici supplenti, in tutto più di ottanta. Le donne erano sedici e gli uomini oltre
sessanta.

Al momento del rinnovo, il 1° novembre di quest’anno, dei vecchi delegati ne
erano restati solo cinque, la maggioranza si era arruolata nell’Esercito rosso e una
minoranza era stata trasferita ad altri lavori: solo nel Maggio rosso se ne sono
andati ventinove in una volta. Per ogni delegato che se ne va, il giorno prima si
convocano le masse da lui dirette per eleggere una persona che viene chiamata
“delegato ad interim”.

7. Comportamento politico dei delegati.
Il 60 per cento dei vecchi delegati ha avuto un comportamento eccellente, il 35
per cento medio e il 5 per cento (quattro persone) scadente.
Di questi quattro scadenti due sono uomini e due donne. Si tratta di persone
stupide e poco attive: su dieci riunioni partecipano solo a quattro, anche se ci
vanno non si interessano agli argomenti e non prendono la parola, nei confronti
delle masse tengono un comportamento “rude”, alle masse queste quattro
persone non piacciono. A luglio si sono eletti altri al loro posto.

8. Le sedici delegate.
Otto hanno un comportamento eccellente: cercano loro stesse un’attività e la
svolgono bene. Sei hanno un comportamento medio: non sanno cercarsi da sé
un’attività, se viene loro affidata la svolgono, ma non molto bene, hanno bisogno
di essere aiutate. Due hanno un comportamento scadente: anche se si affida loro
un’attività non la svolgono.

9. Conclusioni.
Nelle conferenze dei delegati di Changkang sono state create molte cose positive,
ad esempio il comitato permanente, il delegato a tempo pieno, i delegati che dirigono
gli abitanti, il sistema dei controlli, ecc. Sono cose che anche gli altri cantoni
dovrebbero prendere come esempio. Ma il comitato permanente dovrebbe cambiare
la sua denominazione in comitato di presidenza (sette persone per i cantoni grandi
e cinque per i piccoli). Il delegato a tempo pieno dovrebbe diventare il presidente
dei delegati, bisognerebbe scegliere i migliori e affidar loro l’incarico per uno o due
mesi, il turno di dieci giorni è troppo breve. Le questioni discusse alle conferenze

62

Inchiesta nel cantone di Changkang

sono molto pratiche, ma l’ordine del giorno in cinque punti è una vuota formalità
e dovrebbe essere eliminato e poi perché non affiggere anche quel foglio dove sono
elencate le questioni concrete in discussione? Il sistema dei controlli del cantone di
Changkang è ottimo: per portare a termine tutte le attività e sforzarsi di farlo
rapidamente, fanno affidamento su questo sistema. I delegati peggiori dovrebbero
essere sostituiti prima, aspettare otto mesi per farlo è troppo; quando i delegati sono
trasferiti ad altre attività è giusto sostituirli subito, ma quelli eletti al loro posto non
devono essere chiamati “delegati ad interim”.

ULTIME ELEZIONI

1. Commissione elettorale.
Nove persone: il segretario della cellula del partito comunista, una funzionaria
del partito comunista, il capocellula dei braccianti, il capocellula degli artigiani,
il presidente e un altro membro della lega dei contadini poveri, il dirigente della
brigata, due delegati di cantone. Presidente è il segretario della cellula del partito
comunista. Organizzata a novembre.

All’inizio il governo sovietico di distretto aveva fissato le elezioni per la fine di
settembre, la data è stata spostata due volte e la seconda volta si è deciso per i
primi di novembre.

2. Propaganda elettorale.
Si è spiegato che in passato non era stata fatta una chiara distinzione tra le
classi, ora si è fatta e per questo bisogna tenere nuovamente le elezioni. Si
è anche spiegato che bisogna fare le elezioni per rompere la campagna di
“accerchiamento e annientamento” e verificare il lavoro in modo da fare
ulteriori progressi.

3. Registrazione degli elettori.
Ciascuno dei quattro villaggi ha compilato un elenco; i delegati hanno assunto
la responsabilità di registrare gli abitanti di cui si occupano e di trasmettere gli
elenchi alla commissione elettorale che li affigge. Ci sono tre tabelle: quella degli
aventi diritto al voto, quella dei non aventi diritto al voto perché inferiori ai sedici
anni e quella dei proprietari terrieri, dei contadini ricchi e di altri che non hanno
diritto al voto; le prime due tabelle sono rosse, la terza è bianca; le tabelle sono
affisse nei quattro villaggi e alla porta della sede del governo sovietico del cantone.
Il registro degli elettori era già pronto a settembre, ma i familiari degli operai non
erano stati considerati appartenenti alla classe operaia; il mese successivo si è
corretto l’errore e si sono pubblicati i nuovi elenchi. Sui diversi criteri di elezione
dei delegati degli operai e di quelli dei contadini sono sorti dubbi e interrogativi
tra le masse, in tutto il cantone saranno un 10 per cento scarso quelli che
intendono correttamente il problema della direzione degli operai.

63

Mao Tse-tung – OPERE

4. Seggi elettorali.
Ciascun villaggio ha un seggio, a parte il seggio unico cantonale per gli operai.
5. Rapporto sull’attività.
In due giorni distinti (il 19 e il 20 ottobre) si sono svolte le assemblee degli
elettori: il primo giorno in due villaggi, il secondo negli altri due.
Il presidente ha tenuto il rapporto a Changkang e a Tangpei, intervenendo in
due giorni diversi. Il vicepresidente (che è anche segretario della cellula del partito
comunista) a Hsinhsi e Ssukang, anche lui in due giorni diversi. I rapporti
comprendevano tre argomenti: mobilitazione militare, edificazione economica,
altre attività.

Dopo i rapporti si sono messe ai voti le liste dei candidati e si è proposto che
gli abitanti intervenuti alle assemblee criticassero il lavoro del governo sovietico
del cantone, ma non ci sono state critiche.

6. Lista dei candidati.
Il 19 ottobre si è tenuta una riunione dei quadri della cellula del partito
comunista a cui hanno preso parte persone di tutti i villaggi (undici persone in
tutto). Tenendo conto villaggio per villaggio del rapporto numerico tra operai e
contadini, hanno compilato una lista di cinquantacinque persone, corrispondente
esattamente al numero di delegati da eleggere. Dopo di ciò la lista è stata
sottoposta alla discussione dei gruppi di partito, dei sindacati e delle leghe dei
contadini poveri di ogni villaggio.

Le liste sono state pubblicate e affisse in ogni villaggio e alla porta della sede
del governo sovietico del cantone.
Tre giorni dopo la pubblicazione si sono svolte le elezioni.

7. Assemblee elettorali.
Data: 4 novembre.
Gli operai hanno tenuto la loro assemblea nella sede del governo sovietico del
cantone, la partecipazione è stata del 90 per cento, non ci sono andati i malati.
I contadini le hanno tenute separatamente nei quattro villaggi, con una partecipazione
del 90 per cento. Si è iniziato al mattino, gli elettori appena entravano
scrivevano il carattere “arrivato” in una tabella dove era scritto il loro nome (le
tabelle, stampate e diffuse dal governo sovietico del distretto, sono divise in
ventiquattro spazi in ciascuno dei quali si scrive il nome di un elettore). Uno
sorvegliava l’ingresso, fuori c’erano dei bambini a guardare, qualcuno è anche
entrato. I proprietari terrieri e i contadini ricchi sapevano che non era roba per
loro e non si sono fatti vedere.

Procedura: rapporto della commissione elettorale, rapporto del presidente del
governo sovietico del cantone, rapporto del compagno del governo sovietico del
circondario, domanda agli elettori se avevano obiezioni (non ne avevano), lettura
della lista dei candidati e presentazione di ciascun nominativo, votazione (nessun

64

Inchiesta nel cantone di Changkang

veto), discussione delle mozioni (qualcuno ha proposto che tutti gli uomini sani
del cantone, dai 16 ai 45 anni si recassero al fronte, la maggioranza ha approvato;
inoltre le varie questioni discusse poi alla conferenza dei delegati dell’8
novembre, come mobilitazione militare, edificazione economica, costruzione di
argini e di strade, erano state presentate in questa assemblea elettorale).

La mattina alle dieci erano arrivati tutti e la riunione ha avuto inizio; si è
sciolta alle quattro del pomeriggio, “lo spirito era eccellente”.

8. Composizione dei delegati.
Tra i cinquantacinque nuovi delegati, i più attivi sono trentasei, i medi
diciannove, non ne sono ancora stati scoperti di scadenti.
I vecchi delegati rieletti che hanno continuato a ricoprire l’incarico
costituiscono il 60 per cento (trentaquattro), i nuovi eletti sono il 40 per cento.

9. Conferenza dei delegati dopo le elezioni.
Il giorno successivo alle elezioni (il 5 novembre), di mattina, c’è stata la
prima seduta, sono stati eletti il presidente, il vicepresidente, il segretario, i
delegati da inviare alle assemblee del circondario (dieci persone). Tre
compagni del governo sovietico del circondario hanno preso parte a questa
riunione. Il quarto giorno (l’8 novembre) si è tenuta la seconda seduta per
discutere le questioni presentate all’assemblea elettorale (vedi sopra).

10. Conclusioni.
Difetti di queste ultime elezioni nel cantone di Changkang: 1. nella
propaganda non si è indicato che il governo sovietico è il potere politico che
consente alle masse di amministrare da se stesse la propria vita, che è il più
importante diritto delle masse. 2. Il numero dei candidati della lista corrispondeva
esattamente al numero dei delegati da eleggere, non ne è stato incluso
un numero doppio, quindi le masse non hanno potuto intervenire sulla lista.
Nella formazione della lista dei candidati la commissione elettorale non ha
avuto alcuna funzione, c’è stata solo attività del partito. 3. Nel rapporto
sull’attività tenuto alla conferenza non sono stati compiuti tutti gli sforzi nel
mobilitare le masse per criticare il lavoro del governo sovietico del cantone.
A parte questi difetti, tutto il resto è andato molto bene.

COMITATI DIPENDENTI DAL GOVERNO SOVIETICO DEL CANTONE

Quelli che seguono sono organismi di massa. Ognuno esiste a due livelli, di
villaggio e di cantone. Quelli di villaggio sono composti da cinque persone, il
responsabile è membro del corrispondente comitato di cantone. Quelli di
cantone per lo più sono composti da cinque persone, perché c’è già il comitato
di villaggio; tuttavia ce ne sono anche di sette, nove e undici persone.

65

Mao Tse-tung – OPERE

1. Comitato per l’ampliamento dell’Esercito rosso.
Sette persone, di cui tre sono delegati. Discutono di “ampliamento”, “trattamento
preferenziale”, “soccorso”, “benvenuto”.
La squadra di soccorso (sette persone con un caposquadra, quattro sono
delegati, un uomo e tre donne, gli altri tre sono un uomo e due donne) raccoglie
noccioline, fagioli, verdure, scarpe di paglia e va negli ospedali, nel capoluogo
di distretto; una volta sono andati a Huangpo e a Hsiaopu per portare la loro
solidarietà all’Esercito rosso.

2. Comitato per la terra.
A settembre, durante la campagna per il controllo della distribuzione della terra
si è ancora riunito alcune volte per decidere sui 36 tan e 6 ton di terra confiscati
durante la verifica del mese precedente. Dopo non si è più riunito.

Dovrebbe essere cambiato in comitato per la gestione delle stazioni agricole
sperimentali e per l’istituzione di annesse mostre di prodotti agricoli.

3. Comitato per la registrazione delle terre.
Cinque persone, un responsabile permanente. Organizzato a luglio, finita la
registrazione è stato tolto il sussidio al membro permanente.
Metodo: i membri del comitato vanno nei villaggi, chiedono ai vari delegati ed
eseguono la registrazione. Se i delegati non sanno qualcosa vanno a chiedere
direttamente alle famiglie. Ad agosto non erano chiari i formulari quindi la
registrazione non era perfetta, si è rimandato di un mese e la si è portata a termine.

4. Comitato per i boschi.
Cinque persone, una per villaggio oltre al responsabile. Si occupa della
piantagione e della protezione.
Sono stati piantati alcuni alberi; nelle zone di montagna il terreno era cattivo,
non sono cresciuti. Bisogna piantarli lungo i fiumi, vicino alle strade e accanto alle
case.

Se qualcuno vuole tagliare molte piante negli appezzamenti privati in montagna
deve chiedere prima al membro del comitato; se le piante sono poche non c’è
bisogno di chiedere. Non è stata stabilita la misura discriminante tra i due casi.

5. Comitato per le costruzioni.
Cinque persone, dirige il comitato “lavori idraulici” e quello “ponti”.
6. Comitato per i lavori idraulici.
Cinque persone, una per villaggio oltre al responsabile.
7. Comitato per i ponti.
Cinque persone, si occupa della costruzione di ponti e di strade. Il nome
dovrebbe essere cambiato in comitato per i ponti e le strade.

66

Inchiesta nel cantone di Changkang

8. Comitato per i beni statali.
Cinque persone. Esiste, ma non si capisce che attività svolga.
9. Comitato per la protezione dei magazzini.
Si occupa della conservazione dei cereali per il prestito pubblico e di quelli dei
terreni pubblici dell’Esercito rosso4.
Rientrano nella sua competenza anche le scorte immagazzinate in previsione
di carestie; i cereali dei 36 tan di terra confiscati, in tutto più di 10 tan, sono stati
destinati a questo scopo.

10. Comitato per le confische.
Tre persone. Si occupa delle sanzioni e dell’imposizione di contributi. A partire
da settembre, ai proprietari terrieri è stata inflitta una sanzione finanziaria di 9
yuan, ai contadini ricchi è stato imposto un contributo di 225 yuan (undici
famiglie, il tributo variava da un massimo di 40 a un minimo di 10 yuan).

In passato ai contadini ricchi sono state confiscate terre, appezzamenti e boschi
in montagna, case, bufali e strumenti agricoli. Nella distribuzione hanno avuto
solo terre di cattiva qualità e case in cattivo stato, nessun appezzamento in
montagna. I contadini ricchi ora devono prendere in affitto da altri gli animali per
l’aratura e gli attrezzi agricoli; in passato hanno dovuto pagare somme di danaro
come “sanzione” e questo accade anche ora, non si tratta di contributi5. Ora la
situazione delle famiglie dei contadini ricchi è peggiore di quella dei braccianti.
Bisogna rilevare che la politica del cantone di Changkang verso i contadini ricchi
è sbagliata.

11. Comitato per il controllo della distribuzione delle terre.
Nove persone. Ora non esiste più.
12. Comitato per l’educazione.
Nove persone.
13. Comitato per l’igiene.
Cinque persone. Organizzato in aprile.
14. Comitato per la difesa antiaerea e contro i gas asfissianti.
Cinque persone. Organizzato in ottobre. Si è riunito quattro o cinque volte.
15. Comitato preparatorio.
È stato istituito per le celebrazioni.
16. Conclusioni.
Nel cantone di Changkang i comitati villaggio (molti dei comitati esistono
anche a livello di villaggio) hanno consentito al governo sovietico di legarsi con

67

Mao Tse-tung – OPERE

le masse più vaste, sono un’ottima iniziativa corrispondente a un più alto livello
di sviluppo dell’attività degli organi sovietici. Infatti la presenza di un comitato
di cinque persone ogni villaggio fa sì che nel comitato di cantone in molti casi
siano sufficienti cinque persone e, tra queste, quattro sono appunto i responsabili
dei comitati di villaggio: in questo modo si costituisce una rete operativa che è
di grandissimo aiuto per il lavoro della conferenza dei delegati di cantone.
Tuttavia i compagni del cantone di Changkang considerano questi comitati alla
stregua di organismi di massa, come i sindacati, la lega dei contadini poveri, ecc.
e non sanno che essi sono parte integrante dell’amministrazione sovietica: questo
non è appropriato. Tra i vari comitati, quello per le costruzioni può essere
eliminato. Il comitato per la terra, in zone come il distretto di Hsingkuo dove la
lotta per la terra è stata portata a fondo, dovrebbe trasformarsi in comitato per
la gestione delle stazioni agricole sperimentali. Inoltre dovrebbero essere
aggiunti altri comitati, ad esempio quelli per i cereali, l’anagrafe, l’accusa operaia
e contadina, la legge marziale del potere rosso, ecc. Tutte cose già stabilite nella
Legge organica dei governi sovietici locali promulgata dal governo centrale della
Repubblica sovietica cinese.

FORZE ARMATE LOCALI

1. Effettivi.
1.1. Un plotone della Guardia rossa maschile.
Composto da uomini dai 24 ai 25 anni. Gli uomini compresi in questa fascia
di età sono sessantasei in tutto il cantone. Se si fa eccezione per il presidente, il
segretario e altri gravemente malati o invalidi, in tutto una ventina, tutti gli altri
sono stati arruolati: in tutto sono quarantasei.

C’è un capoplotone e un vicecapoplotone, sei capisquadra e sei vicecapisquadra,
una bandiera.

1.2. Una compagnia della Guardia rossa femminile.
L’età è come sopra. Le donne comprese in questa fascia di età sono
centoquarantasei in tutto il cantone (più del doppio degli uomini). Eccetto una
ventina malate o invalide, sono state tutte arruolate: in tutto sono centoventi.

C’è un comandante di compagnia, un vicecomandante, un commissario
politico, tre capiplotone e tre vice, nove capisquadra e nove vice, tutte donne, una
bandiera.

1.3. Una brigata dei giovani.
Uomini e donne sono inquadrati assieme. L’età va dai 16 ai 23 anni. In tutto il
cantone in questa fascia di età vi sono ventuno uomini e ottanta donne (quattro
volte di più), centouno complessivamente; eccetto quindici malati o invalidi (per
esempio, paralisi alle gambe), sono stati tutti arruolati: in tutto ottantasei persone.

C’è un capobrigata e un vicecapobrigata. La brigata è divisa in un plotone
maschile e due plotoni femminili, ciascuno con un capoplotone e un vicecapo.

68

Inchiesta nel cantone di Changkang

2. Addestramento.
2.1. Esercitazioni di plotone.
L’unità di base è il villaggio, si svolgono due volte al mese, Guardia rossa e
brigata dei giovani separatamente, uomini e donne insieme.
Istruttori: a Changkang una donna, vicecomandante di compagnia, a Tangpei
una donna, comandante di compagnia. Per la brigata dei giovani, una donna e
tre uomini.

Esercizi: attenti, riposo, fronte a destra, fronte a sinistra, inserirsi nelle file, passo
di parata, passo di corsa (le donne di meno), sciogliere le file, esercitazioni in
aperta campagna (a 3 o 4 li di distanza).

Armi: per la maggior parte hanno delle picche, una minoranza fucili di legno.

Lezione politica: si svolge dopo le esercitazioni e la tiene il commissario politico.
Parla dell’andamento della rivoluzione, dell’imperialismo, dei compiti dell’Esercito
rosso, ecc.; non c’è materiale didattico fisso, “si parla a braccio”.

Tempo: il pomeriggio, all’incirca dalle due alle sei, due ore e mezza di
esercitazione, un’ora e mezza di lezione politica.
Presenza: in media riescono a partecipare sette su dieci.

2.2. Esercitazioni di compagnia.
L’unità di base è il cantone, si svolgono il giorno quindici di ogni mese.
Esercizi: ogni plotone fa le sue manovre e si giudica qual è il migliore,
verificando i successi dell’addestramento.
Lezione politica: finite le esercitazioni il commissario politico spiega la
situazione politica.
Tempo: quattro ore di pomeriggio. Ora siamo in inverno e fa freddo, inoltre è
una stagione piuttosto morta e l’esercitazione è stata spostata al mattino.

3. Servizi.
3.1. Trasporti.
Gli uomini sono arruolati permanentemente (quelli di età superiore ai 45 anni
che non fanno parte della Guardia rossa sono arruolati per brevi periodi).
Le donne sono arruolate per brevi periodi (una parte è stata scelta per andare
in città, a Kaohsingyu, Chaling e altri posti). Per le donne ci sono altri servizi, come
infermiere (ne sono state scelte alcune per costituire un plotone di infermiere, si
stanno preparando, non lavorano) o lavandaie (si organizzano brigate di
lavandaie scegliendone dieci per ogni villaggio tra quelle che non sono
sovraccariche di figli; sono andate a Shaochiwo nella divisione e nella squadra
degli istruttori, dove hanno lavato molte volte e a Chaling, dove hanno lavato due

o tre volte).
3.2. Posti di guardia notturni.
Ce ne sono tre in tutto, a Changkang, a Tangpei e a Ssukang. Ogni notte una
squadra di cinque o sei persone. La Guardia rossa e la brigata dei giovani mandano
ciascuna due o tre persone, prendendosi l’incarico a turno, il caposquadra e il vice
sono responsabili. Uno monta la guardia e gli altri dormono. Chiedono la parola

69

Mao Tse-tung – OPERE

d’ordine (la risposta è “Laopaihsing”, si deve dire il proprio nome, dove si va, a
fare che cosa, ma in realtà le masse non conoscono la parola d’ordine),
controllano il permesso di transito (per quelli degli altri cantoni), finora non hanno
ancora catturato cattivi elementi.

3.3. Controlli diurni.
Tre persone si assumono la responsabilità per una giornata, uno della Guardia
rossa, uno della brigata dei giovani, uno della lega dei ragazzi. Quando passa
qualcuno, uno controlla il permesso di transito (lo fa quello della lega), uno
interroga (quello della Guardia rossa o della brigata), se è necessario vanno a fare
rapporto. Al posto di guardia di Tangpei hanno preso quattro o cinque disertori
e li hanno portati al governo sovietico di circondario. “La popolazione” ha preso
un individuo sprovvisto di permesso di transito, era di un altro distretto ed era
molto violento; sospettando che si trattasse di una spia lo hanno portato alla sede
del governo sovietico del distretto.

3.4. Difesa antiaerea.
Il comitato per la difesa antiaerea e contro i gas asfissianti di questo cantone
guida le masse nella difesa antiaerea secondo tre linee:

1. quando arrivano gli aerei, non fuggire disordinatamente;
2. scavare rifugi: più famiglie possono scavarne uno in comune (li stanno
facendo, non sono ancora terminati);
3. in caso di attacco con gas tossici, tapparsi il naso con un fazzoletto (quelli
tornati dall’addestramento militare negli accampamenti dicono che bisogna
tapparsi il naso con un fazzoletto riempito di trucioli di carbone di legna).
Ogni villaggio ha già istituito una batteria per i segnali di allarme con due
persone appositamente incaricate di questo compito; se una va via l’altra deve
restare sul posto pronta a dare il segnale di allarme.

4. Conclusioni.
Tutti i lavoratori, giovani e adulti, devono essere organizzati nella Guardia rossa
o nella brigata dei giovani e ricevere un buon addestramento militare e politico:
da un lato per difendere la loro zona, dall’altro per essere pronti a raggiungere
il fronte. Questo è uno dei compiti importanti che i governi sovietici devono
adempiere ai fini della guerra civile. Anche in questo settore il cantone di
Changkang ha operato con successo.
CONDIZIONI DI VITA DELLE MASSE

1. Quest’anno c’è stata la carestia.
A primavera, prima del trapianto, l’80 per cento della popolazione mancava di
cereali e se li è dovuti procurare a Tungku, a Shatsun, a Futien, Shuinan e in altre
località lontane. A questo 80 per cento in media mancavano cereali per un mese
intero. Ogni persona per un anno ha bisogno di 5 tan di cereali, cioè di 4 ton al

70

Inchiesta nel cantone di Changkang

mese; su 1.500 abitanti di tutto il cantone, l’80 per cento equivale a 1.200 persone,
il totale dei cereali necessario per un mese è di 480 tan. Questo quantitativo se
lo sono procurato andandolo a prendere in zone lontane, il problema è stato
risolto, nessuno ha sofferto la fame.

2. Per l’anno prossimo non c’è da temere.
Quest’anno, sebbene l’aratura primaverile sia andata bene, a causa degli insetti
il raccolto d’autunno non è stato buono, è rimasto allo stesso livello dell’anno
scorso. Tuttavia, primo, l’aratura autunnale è andata bene, le patate dolci e i fagioli
di soia sono quattro volte di più dell’anno scorso. Secondo, nei lavori invernali
si è aumentata la piantagione di verdure, di fagioli e di colza. Terzo, l’anno scorso,
dopo il raccolto d’autunno le masse hanno venduto ingenti quantitativi di cereali
ai mercanti e il prezzo al tan era di soli 2.000 weng, meno di 1 yuan; anche se
la popolazione aveva effettivamente bisogno di soldi, era possibile economizzare
un po’ e vendere meno cereali, ma non si è stati attenti. Quest’anno si è tenuta
una riunione di tutto il distretto, è stato fissato un prezzo minimo di 4 yuan ogni
tan per la vendita ai mercanti e si è detto di vendere di meno. Quarto, l’anno scorso
dopo il raccolto d’autunno si sono fatti molti sprechi nel consumo di maiali, di polli
e di anatre; quest’anno si è ridotto il consumo. Quinto, l’anno scorso nelle due
emissioni del prestito pubblico6, per sottoscrivere 2 yuan bisognava versare 2 tan
e mezzo di cereali. Nel prestito pubblico per l’edificazione economica di
quest’anno7, per sottoscrivere 10 yuan è sufficiente versare 2 tan. Per questo è
sicuro che l’anno prossimo non ci sarà carestia.

3. C’è un’eccedenza di olio.
La raccolta delle arachidi è andata meglio dell’anno scorso, ci si può ricavare
olio. Ogni famiglia ha avuto in assegnazione, in misura maggiore o minore, una
parte delle colline Mutsu e anche da lì si può ricavare dell’olio. L’olio non manca,
ce n’è anzi in sovrappiù.

4. Si possono dare fagioli di soia in cambio del sale, ma la quantità di sale è
molto diminuita.
Quest’anno il raccolto della soia è andato bene (l’acqua c’è stata in misura giusta,
l’anno scorso invece quasi tutto il raccolto è stato danneggiato dall’acqua), anche
il prezzo è buono (l’anno scorso andava a 9 yuan al ton, quest’anno a 12), ci si
può ottenere in cambio il 60 per cento del sale necessario a tutto il cantone. Resta
un 40 per cento che si può avere in cambio dell’olio in eccedenza (ne avanza il
30 per cento). Vecchi e giovani hanno bisogno in media di 4 tsian di sale a testa
ogni giorno (12 liang al mese); a luglio di quest’anno la quantità era stata
dimezzata, riducendosi a soli 2 tsian (6 liang al mese), a novembre era di 3 tsian

o poco più (circa 10 liang al mese). Le masse usano l’acqua delle verdure acide
e dicono che è più o meno come condire col sale (questo è un crimine del
Kuomintang, solo spezzando il blocco si potrà avere il sale).
71

Mao Tse-tung – OPERE

5. Il consumo di carne è raddoppiato per i contadini poveri, triplicato per
gli operai.
Le famiglie che possono permettersi di mangiare maiale sono l’85 per cento,
quelle che non possono il 15 per cento circa. Ogni famiglia in un anno in media
vende maiali per 20 yuan e compra carne di maiale per 12 yuan, con una
differenza di 8 yuan. Prima della rivoluzione in media ogni famiglia poteva
comprare carne di maiale solo per 10 yuan all’anno. La quantità variava a
seconda dell’appartenenza di classe: i contadini medi compravano carne di
maiale per circa 12 yuan, i contadini poveri per circa 6 yuan, gli operai per 4.
Adesso quasi tutti arrivano a comprarne per 12 (ma una parte non raggiunge
questa cifra). In passato, per non parlare dei giorni di fiera, non c’era un granché
di carne nemmeno per il Capodanno o per le altre feste. Adesso tutti comprano
un po’ di carne anche nei giorni di fiera, per non parlare del Capodanno e delle
altre feste.

6. La popolazione mangia la maggior parte dei polli e delle anatre, mentre
prima la vendeva.
7. Le condizioni di vita sono migliorate, la popolazione vende meno legna
da ardere.
La legna da ardere non manca nella zona. In passato erano molti quelli che
portavano la legna in città per venderla, adesso sono diminuiti del 30 per
cento, perché molti non hanno più bisogno di farlo.

8. La disponibilità di vestiti è raddoppiata.
[…]
Per i contadini medi non c’è stato un gran cambiamento tra prima della
rivoluzione e adesso. Per i contadini poveri e gli operai invece c’è stato un
miglioramento, per esempio adesso possono farsi vestiti da 2 yuan, prima
potevano farsene solo da 1 yuan.

9. Le condizioni di vita dei braccianti sono migliorate.
In tutto il cantone ci sono 22 famiglie di braccianti. Il 60 per cento sta un po’
meglio dei più poveri fra i contadini poveri, perché hanno ottenuto varie cose
nella distribuzione. Nel cantone ci sono solo due famiglie di proprietari terrieri,
ma ai contadini ricchi (undici famiglie) sono state confiscate un bel po’ di cose.
I braccianti hanno ottenuto diverse cose anche dalla divisione fatta in città. Il 40
per cento dei braccianti è allo stesso livello dei contadini poveri.

10. I contadini medi sono rimasti nella stessa posizione di prima.
In generale, le condizioni di vita dei contadini medi non sono molto diverse
da quelle del passato (il regime sovietico deve prestare attenzione al
miglioramento delle condizioni di vita dei contadini medi).

72

Inchiesta nel cantone di Changkang

11. Il riposo e il lavoro delle masse.
Ogni persona in un mese passa in media cinque giornate intere in riunioni
(sommando il tempo complessivo delle diverse riunioni) e questo è anche un
ottimo periodo di riposo. Dato che molte persone sono andate via dal cantone,
la forza-lavoro del cantone è diminuita e l’intensità del lavoro per !e masse è
uguale a prima della rivoluzione, tuttavia il significato del lavoro è diverso.

12. Conclusioni.
Il regime sovietico è un organizzatore della vita delle masse. Si possono
mobilitare le larghe masse per arruolarsi nell’Esercito rosso, contribuire alla guerra
e lottare per sgominare la campagna nemica di “accerchiamento e annientamento”,
solo se il regime sovietico compie tutti gli sforzi per risolvere i problemi delle
masse, migliora effettivamente le loro condizioni di vita e riesce a far in modo che
esse credano in esso.

Bisogna capire questo fatto: i grandi successi conseguiti dal cantone di
Changkang nella mobilitazione per la guerra, sono inseparabili da quelli riportati
nel miglioramento delle condizioni di vita delle masse.

RIPARTIZIONE EQUILIBRATA DELLA FORZA-LAVORO
E DEGLI ANIMALI DA TIRO

1. Le brigate per l’aratura.
Ogni villaggio ne ha una. In tutto vi appartengono circa settanta persone,
familiari dei soldati che hanno capacità lavorativa. Ogni brigata ha un capobrigata
ed è divisa in squadre. Per esempio quella del villaggio di Changkang è composta
da oltre venti persone e si divide in tre squadre, di tre o di sette membri, formate
da persone che abitano vicino. Ogni squadra si occupa di tre o quattro, o anche
di una decina di famiglie, cura che portino avanti bene la produzione. Le brigate
sono state organizzate nell’agosto scorso durante la mietitura e hanno la funzione
di ripartire in modo equilibrato la forza-lavoro.

Metodi: i gruppi di mutuo aiuto sul lavoro aiutano i familiari dei soldati nel
lavoro dei campi (non bisogna pagarli), le brigate per l’aratura invece aiutano le
masse nel lavoro dei campi (bisogna pagarle). Se, per fare un esempio, un
membro del gruppo di mutuo aiuto deve aiutare una famiglia di soldati e proprio
in quel momento la sua terra attende di essere lavorata, la brigata per l’aratura
manda qualcuno che lo aiuta a lavorarla; oppure lo sostituisce nell’aiuto ai
familiari dei soldati e lui paga le giornate lavorative ai membri della brigata. Così
viene ripartita in modo equilibrato la forza-lavoro. Quindi le brigate dovrebbero
stabilire stretti collegamenti con i gruppi di mutuo aiuto sul lavoro.

2. I gruppi di mutuo aiuto sul lavoro.
Sono quattro, uno per villaggio. Tolti i familiari dei soldati, l’80 per cento di
73

Mao Tse-tung – OPERE

quelli che dispongono di forza-lavoro ha aderito. In tutto il cantone i membri sono
più di trecento.

Sull’intera popolazione del cantone, le persone completamente abili al lavoro
(con forza-lavoro completa) sono il 10 per cento (150 persone); quelli abili al 50
per cento (con metà forza-lavoro) sono il 20 per cento (300 persone circa), quelle
che dispongono di forza-lavoro accessoria sono il 35 per cento (525 persone
circa), quelle prive di forza-lavoro sono il 30 per cento (450 persone circa).

Le due prime categorie sommate insieme fanno 450 persone; di queste la
maggior parte ha aderito ai gruppi di mutuo aiuto sul lavoro. Tra le 320 persone
che sono andate via dal cantone (226 arruolate nell’Esercito rosso, 94 a svolgere
altre attività), dieci avevano metà forza lavoro, mentre tutti gli altri appartenevano
alla categoria con forza-lavoro completa. Quindi la categoria di persone con
forza-lavoro completa nel cantone comprendeva originariamente 460 persone.
Di queste, 310, ossia il 68 per cento, sono andate via e solo 150, ossia il 32 per
cento, sono rimaste. Per questo organizzare una ripartizione equilibrata della
forza-lavoro è diventato un problema centrale per la produzione. Le masse
hanno accolto con entusiasmo i gruppi di mutuo aiuto sul lavoro.

L’attività consiste nel trattamento preferenziale delle famiglie dei soldati,
nell’aiuto reciproco tra i membri e nell’aiuto ai “vecchi soli”: in tutti questi settori
gli obiettivi sono stati completamente raggiunti, in generale le terre delle famiglie
dei soldati sono coltivate bene.

I metodi che usano sono i seguenti.

Trattamento preferenziale delle famiglie dei soldati: in questo cantone, ognuna
di queste famiglie nei periodi dei grandi lavori agricoli ha in media bisogno di un
aiuto di venticinque giornate lavorative al mese; nei periodi normali ha bisogno
di circa una decina di giornate lavorative al mese. Chi ha più forza-lavoro aiuta
di più, chi ne ha di meno aiuta di meno, chi non ne ha non aiuta; le donne che
devono badare ai bambini danno meno aiuto. Nel periodo dei grandi lavori
agricoli, una famiglia che ha due forze lavorative complete deve dare all’incirca
un aiuto di tredici o quattordici giornate, una che dispone di una sola forza
lavorativa completa deve dare sei o sette giornate, chi ha metà forza lavorativa una

o due giornate in lavori leggeri. Chi non dà l’aiuto nella quantità dovuta paga le
giornate lavorative a chi ne ha dato di più. Per esempio, la famiglia A nel periodo
dei grandi lavori agricoli avrebbe dovuto dare un aiuto di sette giornate e ne ha
date solo cinque, la famiglia B avrebbe dovuto darne sette e invece ne ha date
nove: la famiglia A deve pagare le due giornate alla famiglia B.
Aiuto reciproco tra i membri: si confronta il numero delle giornate lavorative
prestate, chi ne ha date di meno paga la differenza a chi ne ha date di più.
Aiuto ai “vecchi soli”: si chiede solo il mangiare, non il pagamento delle
giornate.
Prendendo il villaggio come base, si pianifica globalmente la produzione e si
ripartiscono le giornate lavorative.
Alla fine di ogni mese si fanno i conti e si paga la differenza a chi ha dato più

74

Inchiesta nel cantone di Changkang

giornate (i più pagano in denaro, pochi in natura, tutti riescono a sdebitarsi).

Costo della giornata lavorativa: durante il raccolto di quest’anno le giornate
lavorative erano divise in tre categorie, la più elevata 800 weng, la seconda 640
weng e la più bassa 320 weng. Le cifre sono state fissate a luglio nell’assemblea
plenaria dei soci (ne erano intervenuti più di cento). Costo della giornata
lavorativa durante il raccolto dell’anno scorso: all’inizio 800 weng, con un
massimo di 1.400 weng nel periodo di lavori più intensi.

Diminuire i salari: il sindacato dei braccianti approva, perché da quando i
braccianti hanno ottenuto la terra mancano anch’essi di braccia. Anche quelli con
più forze lavorative non si sono opposti, perché devono dare più giornate
lavorative per il trattamento preferenziale delle famiglie dei soldati.

Il comitato per i gruppi di mutuo aiuto sul lavoro è composto da cinque persone
tra cui un responsabile, uno per la propaganda e uno per l’organizzazione ed è
guidato dal comitato di cantone per il raccolto e l’aratura autunnali.

Conclusioni.

La grande funzione che hanno i gruppi di mutuo aiuto sul lavoro nella
produzione agricola è apparsa con evidenza nel cantone di Changkang. Sulla base
del consenso delle masse, l’adozione di un piano globale per la produzione
prendendo il villaggio come unità base è una cosa che può essere attuata in tutte
le zone, specialmente quelle in cui l’afflusso di uomini nell’Esercito rosso è stato
massiccio. Quando è necessario, si può prendere come unità base il cantone e
persino il circondario: a Tsaihsi, nel distretto di Shanghang, hanno fatto proprio
così. Le brigate per l’aratura possono essere assorbite dai gruppi di mutuo aiuto
sul lavoro, in modo da rendere più semplice l’organizzazione del lavoro. Qui si
pone un problema importante: la mobilitazione delle donne per farle partecipare
alla produzione. Nel cantone di Changkang i giovani e gli adulti di età compresa
tra i 16 e i 45 anni sono complessivamente 733: togliendo i 320 che si sono arruolati

o sono stati trasferiti, nel cantone sono rimasti in 413, di questi gli uomini sono
solo 87, le donne 326 (con un rapporto di uno a quattro); quindi per la produzione
nel cantone si fa in gran parte affidamento sulle donne. Qui è stata formulata la
parola d’ordine “le donne devono imparare ad arare e a sarchiare” e le donne sono
entrate in massa sul fronte della produzione. Ciò dimostra come organizzare una
ripartizione equilibrata della forza-lavoro e mobilitare le donne nella produzione
siano due compiti inseparabili. Se nel cantone di Changkang l’arruolamento
nell’Esercito rosso è stato così massiccio eppure la produzione non è diminuita,
anzi è aumentata, è perché hanno risolto bene questo problema.
3. Le cooperative per gli animali da tiro.
Ce n’è una per ogni villaggio. Hanno cominciato a organizzarle in settembre,
sono sorte da poco tempo e ancora non funzionano bene e i membri sono pochi.
C’è un comitato di cinque persone. In media ogni cento famiglie ci sono
venticinque bufali e in tutto il cantone i bufali sono centodieci.

75

Mao Tse-tung – OPERE

Il 50 per cento di quelli che possiedono bufali ne hanno uno per famiglia (molti
bufali sono piccoli, da una decina di yuan), il 15 per cento hanno un bufalo ogni
due famiglie, il 30 per cento hanno un bufalo ogni tre o quattro famiglie, quelli
che hanno un bufalo ogni cinque o più famiglie sono il 5 per cento (ci sono casi
in cui un bufalo è di sette famiglie, si tratta di grossi bufali d’acqua).

Le famiglie che non possiedono bufali sono il 25 per cento, 109 sulle 437 di tutto
il cantone. Le cooperative per gli animali da tiro non hanno ancora discusso come
risolvere il problema.

Hanno già provveduto a proibire l’uccisione dei bufali; se ci sono bufali vecchi

o malati che devono essere uccisi, bisogna avvisare il governo sovietico di cantone
che manda qualcuno a vederli e solo dopo l’autorizzazione si possono uccidere;
nessuno osa provocarne la morte intenzionalmente.
Conclusioni.

Nelle attuali condizioni tecniche dell’agricoltura la funzione degli animali da tiro
è solo di poco inferiore a quella dell’uomo. Secondo i dati, nel cantone di Shihshui
(distretto di Juichin) quelli che non possiedono bufali sono il 30 per cento, nel
cantone di Changkang (distretto di Hsingkuo) sono il 25 per cento e nel cantone
di Tsaihsi (distretto di Shanghang) il 20 per cento. Risulta quindi che in media il
25 per cento dei contadini non possiedono bufali: questo è un problema enorme.
Per risolverlo non c’è sistema più ingegnoso che quello di dirigere le masse a
organizzarsi in cooperative per gli animali da tiro, nelle quali si raccolgono quote
per l’acquisto degli animali. Il sistema consiste in questo: in base al principio del
libero consenso (con l’approvazione dell’assemblea dei soci) ogni famiglia, a
seconda della terra ottenuta nella divisione, dà 2 o 3 sheng di cereali ogni tan di
terra coltivata. Per esempio, nel cantone di Changkang ognuno ha ottenuto 6 tan
e 2ton di terra e le famiglie senza bufali sono 109. Calcolando una media di quattro
persone per famiglia si ha un totale di 436 persone; queste hanno ottenuto
complessivamente 2.703 tan. Se danno 3 sheng ogni tan si hanno 81 tan di cereali;
al prezzo di 5 yuan per tan si ricavano 405 yuan; i bufali costano 20 yuan l’uno,
quindi se ne possono comprare venti. Ogni bufalo lavora 80 tan di terra, il che
fa 1.600 tan: in questo modo si risolve per più della metà il problema dei 2.703
tan; se l’anno successivo danno ancora 2 sheng ogni tan, il problema si risolve
completamente. Prendendo i bufali in affitto, ogni anno per 1 tan di terra
bisognerebbe pagare 5 sheng. Questo sistema è stato proposto dalle masse del
cantone Shihshui che lo stanno già attuando: ci auguriamo che venga adottato
ovunque perché oltre a risolvere una grossa difficoltà dei contadini poveri,
avrebbe un grande significato per l’aumento della produzione agricola.

COLLOCAZIONE DEL PRESTITO PUBBLICO

Il comitato per la collocazione del prestito è composto da cinque persone, poi

76

Inchiesta nel cantone di Changkang

c’è un responsabile per ogni villaggio.

Il presidente del cantone ha partecipato a riunioni di distretto e di circondario
nelle quali si è impegnato a vendere cartelle per 5.000 yuan, dopo ne ha aggiunti
altri 456, in tutto 5.456 yuan.

Al suo ritorno il presidente ha convocato la conferenza dei delegati ognuno dei
quali si è impegnato per il numero di cartelle da vendere nel proprio villaggio.

I delegati a tempo pieno hanno convocato un’assemblea delle masse dei loro
villaggi; in precedenza sia loro sia la brigata di propaganda avevano fatto
propaganda tra i singoli; arrivato il momento hanno riunito le masse e hanno
spiegato chiaramente il significato della sottoscrizione del prestito. Durante la
riunione tutti i delegati e i responsabili delle varie organizzazioni si sono
impegnati per primi ad acquistare le cartelle, le masse li hanno seguiti e seduta
stante sono stati registrati gli impegni assunti.

Non tutte le cartelle erano state sottoscritte.

I delegati e quelli della brigata di propaganda si sono recati presso quelle
famiglie che non ne avevano acquistate o ne avevano acquistate poche per far
propaganda. “Quest’anno sono tante”, una parte delle masse non aveva le idee
chiare. Allora si sono messi a parlare facendo fare il confronto tra il prezzo dei
cereali dell’anno scorso (per acquistare 2 yuan di cartelle bisognava dare 2 tan
e mezzo di cereali) e il prestito pubblico di quest’anno (per acquistare 10 yuan
di cartelle basta dare 2 tan), hanno parlato dei vantaggi delle cooperative (con
due distribuzioni degli utili si è già preso di più delle quote versate, chi ha dato
le quote ha sempre ricevuto gli utili), hanno parlato del blocco messo in atto dai
nemici e del significato della edificazione economica.

I delegati hanno convocato di nuovo una riunione di tutto il villaggio: hanno
vendute altre cartelle, ma non le hanno esaurite.

Di nuovo hanno fatto propaganda.

Hanno convocato una terza riunione e ne hanno vendute delle altre: non hanno
finito di venderle, ma ne erano restate poche.

Di nuovo propaganda.

Alla quarta riunione di tutto il villaggio le hanno vendute tutte.

Ne hanno collocate per 5.456 yuan: con una popolazione complessiva di 1.464
persone significa che la popolazione in media ha comprato cartelle per 3,7 yuan
a testa. Il massimo è stato 45 yuan (una famiglia), cinque o sei famiglie ne hanno
comprate per 30 yuan, moltissime per 20. Quelli che ne hanno comprate per 1

o 2 yuan sono stati pochissimi, una decina di famiglie. Nessuno per 50 centesimi.
C’è stata anche una decina di famiglie, i “vecchi soli” e altri, che non ne hanno
comprate. “Le masse sono state molto soddisfatte”. Dall’inizio fino all’esaurimento
delle cartelle sono trascorsi quindici giorni.
Conclusioni.

La caratteristica dell’attività del cantone di Changkang consiste nell’impiegare
tutte le energie per mobilitare le masse, nell’usare la massima pazienza per

77

Mao Tse-tung – OPERE

convincerle; il risultato è che realizzano interamente i loro compiti e lo fanno con
la massima rapidità: questo della collocazione del prestito non è che un esempio.
Nel cantone di Changkang sono state vendute oltre 5.000 yuan di cartelle durante
le riunioni e non andando casa per casa, tutte grazie alla propaganda e alla
mobilitazione, non con l’assegnazione forzata; hanno fatto quattro volte propaganda
verso i singoli e hanno convocato quattro riunioni di tutto il villaggio, ma
dall’inizio alla fine hanno impiegato solo quindici giorni. In altri cantoni si è
venduto un numero di cartelle cinque o sei volte inferiore a quello di Changkang
eppure si è usato la coercizione e in due o tre mesi ancora non si è finito: se si
paragonano con Changkang c’è una differenza come tra il cielo e la terra!

MOVIMENTO COOPERATIVO

È cominciato nel 1931, dopo la conclusione della terza campagna di
“accerchiamento e annientamento”, nel villaggio di Kulin del cantone di Langmu
(allora l’attuale cantone di Changkang faceva parte di questo cantone). In questo
villaggio le masse, stabilendo quote di 50 centesimi, raccolsero oltre 80 yuan,
cominciarono a fare del commercio ed ebbero successo. Nel gennaio del 1933
quella cooperativa è diventata la cooperativa del cantone di Langmu: non c’è stato
un aumento delle quote, la merce era a prezzi più convenienti di quelli del
mercato e l’iniziativa è stata accolta con favore dalle masse. Da gennaio a
settembre la cooperativa aveva venduto per 300 yuan e aveva avuto dei guadagni.
A settembre dell’anno scorso (1932) è stata costituita anche la cooperativa di
circondario raccogliendo in tutto il circondario 800 yuan (con quote di 50
centesimi). Recentemente la nuova cooperativa ha assorbito la cooperativa del
cantone di Langmu.

Addetti: al tempo della cooperativa di villaggio c’erano un presidente (Li Kueiying,
che in seguito è diventato presidente della cooperativa di cantone e poi di
quella di circondario), un incaricato degli acquisti (un certo Li, che dopo ha
ricoperto il medesimo incarico nella cooperativa di cantone e poi di quella di
circondario), un contabile e un gestore (Wang Jen-sen, che dopo è diventato
contabile della cooperativa di cantone e di circondario). Tutti si mantenevano con
i premi della cooperativa, non prendevano salario. Quando è stata trasformata in
cooperativa di cantone si è deciso di dare a ciascuno 3 yuan al mese di salario,
tre non hanno accettato.

La merce se la procurano direttamente a Maotien.

Al tempo della cooperativa di villaggio e di cantone, i soci e le famiglie dei
soldati su ogni 1.000 weng di merce acquistata avevano uno sconto di 50, ossia
del 5 per cento. Chi non era socio non aveva sconti, ma i prezzi erano
effettivamente più bassi che al mercato. Su 1.000 weng di merce si risparmiavano
circa 20 weng, ossia il 2 per cento.

La cooperativa di circondario dal novembre di quest’anno ha introdotto un

78

Inchiesta nel cantone di Changkang

cambiamento per il sale e le stoffe: lo sconto è stato ridotto al 2 per cento perché
sono articoli cari e c’è poco guadagno; per le altre merci lo sconto è rimasto del
5 per cento, ma ai non soci si fanno i prezzi di mercato; in questo periodo, con
un volume di affari di 100 yuan ne hanno guadagnati 2.

La cooperativa di circondario, dal settembre dell’anno scorso al marzo di
quest’anno (sei mesi), partendo da un fondo di 800 yuan circa, ne ha guadagnati

600: il 50 per cento è stato destinato al fondo di accumulazione comune, il 10 ai
premi per il gestore e i membri delle commissioni di amministrazione e di
controllo, il 10 per cento alle spese per la cultura e l’istruzione (club, scuole,
acquisto di carta e pennelli per i figli dei soldati), il 30 per cento ai dividendi. Per
aumentare i dividendi e incoraggiare i soci, sono state abolite provvisoriamente
le spese per la cultura e l’istruzione (in seguito devono essere ristabilite), quindi
si è divisa tra i soci una somma pari al 40 per cento, 1.000 weng ogni socio.
La commissione amministrativa è composta da undici persone e quella di
controllo da sette. Ora si è stabilito che ogni cantone istituisca una filiale. Quella
di Changkang ha raccolto più di 260 quote (ciascuna da 1 yuan) e ha cominciato
l’attività.

La cooperativa generale di distretto è stata costituita ad agosto e sta anch’essa
cominciando la sua attività.

La cooperativa del villaggio Kulin è stata la prima di tutto il distretto ed è anche
quella gestita meglio: ha il titolo di cooperativa modello.

La cooperativa centrale per i cereali ha raccolto 220 quote (ciascuna da 1 yuan),
per la maggioranza hanno versato la quota in cereali (in ragione di 1 tan ogni 5
yuan) che hanno ammassato in un magazzino del villaggio di Changkang. Non
ha ancora cominciato l’attività, hanno costituito la commissione amministrativa.

Conclusioni.

Ogni cantone e ogni circondario dovrebbero imparare dalle cooperative del
cantone di Changkang e del circondario di Shangshe.

MOVIMENTO CULTURALE

1. Scuole elementari.
Le scuole elementari Lenin sono quattro, una per villaggio; ciascuna ha un
direttore e degli insegnanti.
Scolari: 55 a Changkang, 53 a Tangpei, 33 a Hsinhsi, 46 a Ssukang, in tutto 187.
Rappresentano il 65 per cento dei ragazzi in età scolare di tutto il cantone. Il
restante 36 per cento non va a scuola non perché i genitori non vogliono, ma
perché i ragazzi stessi non hanno voglia e preferiscono giocare; gli scolari vanno
a “catturarli”, quando li prendono li puniscono facendo loro scopare i pavimenti,
costringendoli a stare chiusi in casa, uno lo hanno costretto al digiuno, ma si
trattava di uno “grosso e selvatico”; gli stessi scolari fanno a gara tra loro, “lo spirito

79

Mao Tse-tung – OPERE

è eccellente”. I più monelli è più le volte che non vanno a lezione che quelle che
ci vanno, il padre e la madre li accompagnano fuori casa e “loro se ne scappano
in montagna a fare alla guerra” (certi sistemi di punizione non sono appropriati).

Tutte le scuole si dividono in tre classi: A, B e C.

L’età degli scolari va dai 7 ai 13 anni; ce ne sono anche di 14 e di 15, ma sono
occupati nella produzione e fanno solo mezza giornata.

Quelli che abitano lontano si portano il pranzo, quelli che abitano vicino
tornano a casa a mangiare.

Gli scolari provvedono da soli ai libri, alla carta, ai pennelli e all’inchiostro.

Il lavoro degli insegnanti è gratuito, ma i gruppi di mutuo aiuto sul lavoro li
aiutano nella coltivazione della loro terra e sono equiparati ai membri degli organi
governativi staccati dalla produzione. Gli insegnanti non volevano chiederlo, è
stata la conferenza dei delegati a decidere di accordare loro il trattamento
preferenziale (i membri permanenti del governo sovietico di cantone hanno il
trattamento preferenziale, i delegati e i responsabili degli organismi di massa non
staccati dalla produzione non ce l’hanno). Nei due cantoni di Hefei e di Hsiushui
sono invece gli scolari che raccolgono riso per darlo al maestro: 2 ton al mese.
Nel cantone Yangcheng c’è in uso un altro sistema: se, per esempio, un villaggio
ha una scuola elementare, il governo sovietico cantonale permette che si scelgano
due persone tra le masse (devono aver superato la cinquantina e non poter essere
arruolati in permanenza) che vadano in giro con il bilanciere a fare del commercio
al minuto: con i soldi che guadagnano pagano il sostentamento del maestro; per
la cifra ci si attiene alla norma stabilita per il personale del governo sovietico di
cantone (9 feng al giorno, lo stesso per i maestri). Ma il governo sovietico non
affida a queste persone alcun servizio pubblico, sono loro stesse che se lo
assumono di propria volontà.

Gli insegnanti, per la maggior parte “non sono molto profondi nell’arte
letteraria”.

2. Scuole serali.
Sono nove in tutto il cantone: tre a Changkang, due a Tangpei, una a Hsinhsi
e tre a Ssukang.
In media ci sono trentadue alunni per ogni scuola, con nove scuole fanno
trecento circa. I maschi sono circa il 30 per cento, le femmine il 70. I giovani e
gli adulti di età compresa tra i 16 e i 45 anni in tutto il cantone sono 413 in tutto:
quindi la grande maggioranza si è iscritta alle scuole serali; va a lezione anche una
minoranza di “vecchi compagni” che hanno superato i 54 anni. Le masse hanno
accolto benissimo la cosa e dicono che “la scuola serale è ottima”.

Ogni scuola è divisa in tre classi: A, B e C.
Per le lampade, in piccola parte le portano gli stessi alunni, una ogni quattro

o cinque. Tuttavia per lo più usano una lampada a olio di faggio fornita dalla
scuola, studiano in dieci o venti alla luce di questa lampada e pagano ognuno 2
o 3 weng al mese.
80

Inchiesta nel cantone di Changkang

Provvedono da sé ai libri, alla carta, ai pennelli e all’inchiostro.

Materiale didattico:

nella classe A, lettura del giornale, aritmetica;

nella classe B, libro di lettura per adulti;

nella classe C, libro di lettura per ragazzi.

Ogni scuola ha un direttore e un insegnante. Il direttore può essere analfabeta,
basta che abbia entusiasmo; quando gli alunni non vengono “si invita il direttore
a dare delle indicazioni”. Anche il direttore va a lezione. Tra i direttori molti sono
“vecchi compagni”. Su nove scuole serali cinque hanno una direttrice. Nessuno
degli insegnanti è donna. Su nove insegnanti, sette sono delegati del governo
sovietico di cantone. Tutti fanno lavoro gratuito.

3. Corsi di alfabetizzazione.
Si iscrivono a questi corsi le persone che sono troppo prese dai figli piccoli,
“sono più avanti negli anni”, sono pochi in famiglia e troppo lontani dalla scuola
serale.

Composizione: vicino ai luoghi di abitazione, formano dei gruppi da tre a dieci
persone, eleggono un capogruppo, tra quelli che sanno qualche ideogramma. Il
capogruppo perlopiù è uno che frequenta la scuola serale.

Metodo di insegnamento: quando capita, dove capita, non importa quanti siano,
quando si prende il fresco, quando si beve il tè, una persona, tre, cinque. Si comincia
disegnando degli ideogrammi in terra, ognuno si fa un quaderno, si comincia a
scrivere dagli ideogrammi “tavolo, sedia, asse, sgabello, maiale, bue, pollo, anatra”.
Ogni dieci giorni circa il capogruppo ritira i quaderni di ciascuno e li consegna al
“maestro della scuola serale” per le correzioni; chi “ha scritto di più e meglio” riceve
un elogio verbale. Se il capogruppo non sa come si scrive un ideogramma chiede
al maestro della scuola serale e se questi non lo sa chiede a quello della scuola diurna.
Con questo sistema, quelli che prima erano analfabeti adesso sanno tutti da quaranta
a cinquanta ideogrammi e una minoranza ne sa da settanta a ottanta.

Questo metodo hanno cominciato a praticarlo in estate, ma i corsi di
alfabetizzazione erano già stati organizzati l’anno scorso.

Tabelle per imparare gli ideogrammi. Una per ogni villaggio, viene inchiodata
ai lati delle strade o sulle pareti delle case. Sulla tabella ci sono disegni e
ideogrammi, viene cambiata una volta ogni due o tre giorni, capita anche che sia
cambiata una volta al giorno, oppure ogni quattro o cinque giorni. Ogni volta
pochi ideogrammi, due, al massimo tre, sempre con i disegni. Responsabili sono
i maestri della scuola diurna. È un metodo molto efficace.

4. Club.
In tutto il cantone vi sono quattro club, uno per villaggio.
Da ogni club dipendono diversi comitati, tra cui quelli per “lo sport”, “i giornali
murali”, “le serate”.
Ogni villaggio ha un giornale murale, affisso alla scuola elementare Lenin. Su

81

Mao Tse-tung – OPERE

dieci articoli, otto sono scritti dagli scolari e due dal resto della popolazione.
In tutti i club c’è il nuovo teatro.

5. Conclusioni.
Tutti i governi sovietici di cantone dovrebbero imparare dal lavoro educativo
e culturale del cantone di Changkang!

CAMPAGNA PER L’IGIENE

1. Metodi.
Gli abitanti sono stati inquadrati in squadre per l’igiene. Tra quelli che abitano
vicini, quattro o cinque famiglie, sette o otto, undici o dodici formano una squadra;
per lo più ogni squadra è formata da sette o otto famiglie. C’è un caposquadra.
Sebbene sia stato stabilito di fare pulizie generali ogni cinque giorni, la
maggioranza di fatto le fa ogni sette, alcune squadre anche ogni dieci. Bisogna
sorvegliare: “se non c’è sorveglianza, non ci si ricorda e ci vuole più tempo”.

2. Attività.
1. Pulizie: non mettere cenere e letame nelle sale o nelle camere, eliminare
melma e sporcizia dai canali adiacenti alle case, scopare bene gli spiazzi; per i
canali e gli spiazzi pubblici la pulizia va fatta a turno.
2. Cibo: per ora si è detto solo che è proibito mangiare animali trovati morti.
3. I vestiti devono essere lavati bene.
Se qualcuno non fa le cose dette sopra, mobilitano la lega dei ragazzi per
deriderlo, specialmente quelli che hanno i vestiti sporchi. Anche negli spettacoli
di educazione civica ci sono dei pezzi sulla campagna per l’igiene.

3. Risultati.
Si è cominciato in aprile e la prima volta “è andata in modo formidabile”; poi
ci si è impigriti, a maggio e a giugno non si è fatto più nulla. Il governo sovietico
di cantone se ne è accorto e ha criticato il responsabile del comitato per l’igiene,
ha riconvocato una riunione del comitato (oltre a quello del cantone ci sono quelli
di ciascun villaggio, sia il primo che i secondi composti da cinque persone) e si
è lanciato un appello per l’emulazione tra i villaggi, “vediamo quale villaggio fa
meglio”. A luglio si è controllata l’esecuzione e negli ultimi quattro mesi si sono
ottenuti grandi risultati, la pulizia è raddoppiata.

4. Opinione pubblica.
“L’Esercito rosso e il partito comunista hanno pensato a tutto!”. “Il personale del
governo si preoccupa davvero di noi!”. Ma c’è anche una minoranza che dice: “A
tenere le finestre aperte, se non sei morto di malattia muori per gli spifferi!”.
Bisogna fare ancora una propaganda capillare.

82

Inchiesta nel cantone di Changkang

5. Conclusioni.
Le malattie sono un grande nemico delle zone sovietiche, perché indeboliscono
le nostre forze rivoluzionarie. Ogni governo sovietico di cantone ha la responsabilità
di promuovere campagne per l’igiene condotte dalle larghe masse per far
diminuire le malattie fino a eliminarle, come avviene nel cantone di Changkang.

ASSISTENZA SOCIALE

Il comitato della società di mutua assistenza è composto da tre persone (il
responsabile e gli addetti alla propaganda e all’organizzazione).

Al livello di villaggio non c’è un comitato, c’è un responsabile. A livello inferiore
i membri della società si dividono in gruppi.

I membri della società in tutto il cantone sono 611. Solo una ventina di famiglie
non ha alcun membro nella società: si tratta perlopiù di “vecchi soli”. La quota
mensile è di 1 weng e tutti i membri l’hanno versata.

Attività.

1. Soccorso all’Esercito rosso.
2. Sottoscrizioni per assistere i rifugiati e appoggiare la lotta antimperialista.
Quest’anno ci sono state due sottoscrizioni, una per settanta profughi di Hsinfen
rifugiatisi nel capoluogo del distretto di Hsingkuo (quando l’attuale cantone di
Changkang faceva ancora parte del cantone di Langmu); si sono raccolti in tutto
più di 40.000 weng. Le somme versate andavano da 5 a 100, a 200, a 1.000 weng.
La maggioranza, circa il 60 per cento dei membri, ha dato 100 weng. Quelli che
hanno dato 5 weng sono pochissimi, così come quelli che ne hanno dati 1.000.
3. Se nel cantone qualcuno ha la casa bruciata da un incendio o se vi sono operai
disoccupati che si ammalano e non hanno medicine, si fanno sottoscrizioni per
assisterli. Questa primavera una famiglia ha subito un incendio che le ha bruciato
una stanza e mezza; hanno raccolto fondi per più di 1.000 weng e glieli hanno dati.
4. Assistenza a quelli che a causa della carestia non hanno cibo. Quest’estate nel
cantone di Langmu c’erano tre o quattro persone ridotte alla fame (in passato erano
mendicanti, adesso sono ancora molto poveri), è stato chiesto alla società di mutua
assistenza del circondario di dar loro qualche soldo e un po’ di riso, ognuno ha dato
ogni volta da 3 a 1 sceng, durante l’estate gliene hanno dati per tre o quattro volte.
5. Assistenza ai familiari dei membri dell’Esercito rosso. Quest’estate hanno
raccolto più di 1 chuan per assistere alcuni familiari dei membri dell’Esercito rosso
malati in difficoltà (ma non affamati). Un’altra volta, in aprile, la cooperativa ha
83

Mao Tse-tung – OPERE

prestato denaro ad alcuni che si erano dichiarati disposti a comperare del riso e
andarlo a vendere a Chiaotuo e a Chiangpeifung: hanno guadagnato 100.000
weng con cui hanno fornito assistenza a familiari dei membri dell’Esercito rosso
malati in difficoltà. Quelli che hanno curato l’affare, oltre ai soldi per il vitto non
hanno chiesto un soldo in più.

Conclusioni.

In molte località gli organismi sovietici non prestano attenzione al lavoro di
mutua assistenza, mentre in diversi posti le società di mutua assistenza si
preoccupano solo di riscuotere le quote mensili ma non di prestare assistenza a
chi si trova in difficoltà. Il governo sovietico e la società di mutua assistenza del
cantone di Changkang meritano di essere elogiati per il loro lavoro. Il cantone di
Changkang ha risolto le difficoltà delle masse nel modo più concreto e più pratico.

LE DONNE

L’assemblea delle operaie e delle contadine ha una responsabile in ogni villaggio.
Il comitato di presidenza dell’assemblea cantonale delle operaie e delle contadine
è composto dalle responsabili di ciascun villaggio e da un commissario politico
donna. Le delegate di tutto il cantone sono 43: 12 di Changkang, 11 di Tangpei, 9
di Hsinhsi e 11 di Ssukang. Hanno cominciato a organizzare l’assemblea l’anno
scorso in novembre, a marzo di quest’anno si sono fatte nuove elezioni e a settembre
di nuovo elezioni. Nei villaggi le delegate si riuniscono una volta alla settimana, in
giorno fisso; ogni volta ne manca al massimo una (per il carico di bambini o per altri
motivi). Le delegate si dividono tra loro le responsabilità, ognuna si occupa di un
numero di famiglie che va da cinque a dieci, la maggior parte di sei o sette.

Le prime elezioni dopo la costituzione dell’assemblea si sono svolte sotto la
responsabilità dei delegati del governo sovietico di cantone: prendendo come
unità il villaggio questi hanno convocato riunioni di tutte le lavoratrici al di sopra
dei 16 anni. A queste riunioni la partecipazione in ciascun villaggio è stata in media
del 60 per cento. Gruppi di famiglie vicine (il numero variava) hanno eletto una
delegata. Il numero delle delegate elette in queste prime elezioni è stato
leggermente inferiore a quello attuale. Allora le donne non capivano ancora la
funzione dell’assemblea e delle delegate e non sono state molto attive; dopo le
elezioni anche una minoranza di delegate non si è data molto da fare, non c’era
un comitato di presidenza dell’assemblea, ma solo una responsabile, nei villaggi
non c’era neanche la responsabile.

Quest’anno a marzo ci sono state le seconde elezioni. Il sistema è stato identico
al precedente, ma sono state dirette dalla responsabile, i delegati del governo
sovietico cantonale di ogni villaggio vi hanno partecipato solo per dare un aiuto.
Le assemblee hanno stabilito il numero di famiglie di cui doveva occuparsi ogni
delegata, hanno istituito un comitato di presidenza a livello cantonale e la

84

Inchiesta nel cantone di Changkang

responsabile in ogni villaggio.

A settembre terza elezione. Hanno cambiato sistema: non si è più riunita
l’assemblea delle donne di tutto il villaggio, ogni delegata ha convocato riunioni
di donne delle famiglie di cui essa si occupava e in queste riunioni si sono svolte
le elezioni; i delegati del governo sovietico cantonale hanno anche questa volta
partecipato in funzione di aiuto.

Nella prima e nella seconda elezione le donne si sono limitate a eleggere le
delegate, non hanno discusso di alcun problema. Nel corso della terza elezione
hanno discusso di alcuni problemi, tra cui “ampliamento dell’Esercito rosso”,
“soccorso all’Esercito rosso”, “trattamento preferenziale dei familiari dei soldati”,
“le donne devono imparare ad arare e a sarchiare”, “le donne danno gli oggetti
d’argento per comprare le cartelle del prestito pubblico”. Nelle riunioni settimanali
hanno discusso dei problemi del matrimonio, è stato detto che “ci vuole una
giusta libertà, non la libertà dei vagabondi, non bisogna divorziare al primo
diverbio”. Durante la campagna elettorale di quest’anno hanno discusso le liste
delle candidate. Ma non sono state discusse altre questioni che toccano
direttamente le donne come “le malattie delle donne”, “il problema dei bambini”,
“il problema dell’istruzione delle donne”, ecc.

Nel cantone il divorzio è libero per tutti.

Sono pochi i mariti che ingiuriano la moglie, invece sono aumentate le mogli
che ingiuriano il marito (nessuno dei due deve ingiuriare l’altro).

Non c’è ancora nessuno che non picchia mai i bambini, ma li picchiano molto
meno (non bisogna picchiarli affatto).

Anche i bambini adesso sono molto più intelligenti di prima: per esempio, prima
erano pochi quelli che rimbeccavano il padre e la madre quando questi li
picchiavano o li ingiuriavano, adesso sono molti (se i genitori non picchiano né
ingiuriano, i bambini non li rimbeccheranno).

L’1 per cento circa delle donne nei quattro anni e mezzo dopo la rivoluzione
si sono sposate tre volte. Le donne che fanno all’amore di nascosto prima della
rivoluzione erano il 50 per cento, dopo sono diminuite al 10 per cento, quest’anno
sono diventate ancora di meno. I motivi di questo: primo, hanno avuto la loro
parte di terra; secondo, c’è libertà di matrimonio e di divorzio; terzo, sono
occupate nel lavoro rivoluzionario.

I vestiti sono stati accorciati, hanno tagliato “i bordi ricamati”. Tutte, fatta
eccezione per le “vecchie nonne”, si sono tagliate i capelli, anche qualche “vecchia
nonna” lo ha fatto. Le donne anziane che non se li tagliano sono il 20 per cento
delle donne.

In passato (prima della rivoluzione) le ingiurie e le percosse erano un fatto
frequente tra le masse, i litigi erano ancora più numerosi. Adesso non si picchiano
più del tutto, anche i litigi sono diminuiti. Prima, quando c’era un litigio, nessuno
interveniva a conciliare e anche se qualcuno faceva da paciere “in cuor loro non la
smettevano facilmente”. Adesso non appena c’è un litigio ci sono i delegati che
intervengono a conciliare e “in cuor loro si separano facilmente”. Quelli che adesso

85

Mao Tse-tung – OPERE

litigano sono in maggioranza quei coetanei di età più avanzata che vanno poco alle
riunioni e non capiscono bene il lavoro rivoluzionario; quando si chiede loro di
assistere i familiari dei soldati, ogni tanto provocano qualche litigio. Tuttavia quelli
che una volta capite le cose diventano attivi sono la maggioranza (il 70 per cento);
tra quella minoranza che non capisce, le più numerose sono le “vecchie nonne”,
“quelle non vogliono mai andare alle riunioni”.

A partire dall’anno passato non ci sono più le devozioni religiose delle “vecchie
nonne” (offerte di incenso e di cibo, invocazioni alle divinità e preghiere ai budda),
ma in ogni villaggio ne restano una o due che ancora “chiamano le anime dei
defunti”. Le ragioni che hanno permesso di spazzar via così rapidamente la
superstizione sono le seguenti: primo, sono stati abbattuti i signorotti locali ed è stata
distribuita la terra; secondo, la propaganda contro le superstizioni fatta dalla lega dei
ragazzi e dalla brigata dei giovani e la campagna del soviet per risparmiare i soldi
dell’incenso e delle candele; terzo, gli interventi diretti della lega dei ragazzi (più di
tutti) e della brigata dei giovani: questi distruggono incensi e candele (bisogna usare
la persuasione al posto di questi interventi). Tuttavia ci sono alcune “vecchie nonne”
che, anche se non osano fare le devozioni apertamente, in cuor loro credono ancora
alle divinità; la maggior parte di esse non ha figli.

Conclusioni.

Nelle zone sovietiche si è manifestata con evidenza la grandiosa forza delle
donne nella guerra rivoluzionaria. Il loro eroico atteggiamento e i loro successi
rifulgono nella campagna per il controllo della distribuzione della terra e in altre
lotte di massa, sul fronte economico (a Changkang si fa affidamento essenzialmente
su di loro), sul fronte della cultura (molte donne presiedono al lavoro di
istruzione nelle campagne), nella mobilitazione militare (fanno campagne per
l’ampliamento dell’Esercito rosso e per il soccorso all’Esercito rosso, si arruolano
per brevi periodi nei servizi), nell’organizzazione dei governi sovietici (svolgono
la funzione di delegate negli organismi sovietici di cantone). Un anello cruciale
della catena della loro mobilitazione è costituito dalla direzione e dall’impulso dati
dall’assemblea delle operaie e delle contadine. Queste assemblee devono
prendere innanzitutto in pugno i problemi che toccano più direttamente gli
interessi delle masse femminili e mediante la mobilitazione su questi problemi
collegarsi alla mobilitazione politica generale. In molti posti si è troppo trascurato
questo punto e persino nel cantone di Changkang vi si è prestata scarsa
attenzione. Ogni governo sovietico di cantone deve porre all’ordine del giorno
la direzione delle assemblee delle operaie e delle contadine.

I RAGAZZI

A livello cantonale il comitato della lega dei ragazzi è composto da cinque
persone, con un segretario. In ogni villaggio c’è un responsabile.

86

Inchiesta nel cantone di Changkang

Membri della lega sono i ragazzi dai 7 ai 15 anni: vi ha aderito l’80 per cento;
quelli che non hanno aderito sono per la maggior parte di 7 anni (perché ancora
piccoli) e di 15 anni (perché sono entrati nella brigata dei giovani; potrebbero
iscriversi solo a 16 anni, ma alcuni sono entrati prima perché “volevano
crescere”); tra quelli che non hanno aderito sono più numerose le ragazze.

Attività.

1. Fanno propaganda nella campagna per l’ampliamento dell’Esercito rosso e
per il ritorno dei disertori.
2. Lanciano l’emulazione nel raccolto di sterco di cane, da portare al “centro del
concime” e nel taglio di erbe e cortecce da portare nelle “case del concime ”.
3. Versano la quota mensile di 1 weng per il soccorso all’Esercito rosso.
4. Campagna per fare economie: consiste nel mangiare meno frutta e sottoscrivere
più cartelle del prestito pubblico: ne hanno comprate per 50 centesimi, 1, 2
o 3 yuan, il 60 per cento dei ragazzi ne ha acquistate.
5. Giocano, fanno ginnastica, vanno nel campo sportivo per addestrarsi a fare
la guerra: lo fanno ogni domenica e hanno fissato un programma.
6. La stragrande maggioranza si è iscritta alle scuole elementari Lenin.
La disciplina della lega dei ragazzi è molto rigorosa: alcuni ragazzi discoli non
ubbidiscono né ai genitori né ai maestri, ma solo alla disciplina della lega: danno
punizioni che consistono nello scopare per terra o nel restare chiusi in casa, i
puniti “accettano e riconoscono di aver torto” (bisogna usare di più la persuasione
e meno le punizioni).

In passato i ragazzi di 9 o 10 anni custodivano i bufali dei proprietari terrieri e
dei contadini ricchi, ora non lo fanno più. In passato i ragazzi, anche se restavano
a casa ad aiutare, lavoravano più di dieci ore al giorno, come un adulto: si può
dire che non avessero affatto il tempo per riposarsi e ricevere un’istruzione.
Adesso la maggior parte della giornata la passano istruendosi o giocando, solo la
mattina presto custodiscono i bufali per circa un’ora e mezzo o fanno altre cose.
Nei periodi dei grandi lavori agricoli impiegano un po’ più di tempo nel lavoro
manuale e chiedono permessi al maestro per andare ad aiutare i genitori. Prima
subivano ingiurie e percosse dai genitori, adesso succede molto meno.

OPERAI

Falegnami: disoccupati al 30 per cento, su dieci giornate lavorative ne fanno
sette. Salario: 550 weng al giorno.

87

Mao Tse-tung – OPERE

Sarti: in gran parte disoccupati. Salario: 400 weng al giorno.

Muratori: disoccupati al 30 per cento. Salario: 550 weng al giorno.

Intrecciatori di bambù: disoccupati al 10 per cento. Salario: 400 weng al giorno.

Barbieri: c’è stato un aumento del 10 per cento. Quelli che si fanno rasare
pagano 8 sceng di cereali all’anno.

Avventizi: in periodi normali il salario è di 400 weng (20 centesimi) al giorno,
nei periodi di lavoro intenso è di 800 weng (40 centesimi).

LEGA DEI CONTADINI POVERI

Il comitato cantonale è formato da tre persone (responsabile, propaganda,
organizzazione), quello di villaggio da cinque persone. A luglio i membri erano
271, a novembre erano aumentati arrivando a 386.

In passato “quando c’era qualcosa da fare si faceva appello alla lega”, ma non
si faceva attenzione a migliorare l’organizzazione. Nella campagna per il
controllo della distribuzione della terra di quest’anno (a luglio) si è riordinata
l’organizzazione, è stato istituito il comitato di villaggio ed è aumentato il numero
degli aderenti. Prima di luglio, in due mesi la lega non aveva fatto nemmeno una
riunione. Dopo luglio, a livello di villaggio la lega si riunisce una volta ogni
cinque, dieci o quindici giorni, a seconda delle necessità del lavoro. A livello di
cantone c’è una riunione al mese, per discutere le seguenti questioni: “verifica
delle classi”, “gli iscritti alla lega risparmino 12 centesimi a testa”, “aumentare il
numero degli iscritti”, “migliorare l’organizzazione”, “sviluppare la produzione”,
“sanzioni e tributi”. Per quanto riguarda altri problemi come l’ampliamento
dell’Esercito rosso, il trattamento preferenziale delle famiglie dei soldati, l’edificazione
economica, la cultura e l’educazione, ci si limita a fare dei rapporti ai
membri; se non ci sono risoluzioni dell’assemblea cantonale si portano questi
problemi alle riunioni della lega dei contadini poveri per “renderli noti”, ma
senza alcuna particolare discussione (bisogna discuterne).

Non si pagano quote mensili. Nel villaggio la lega è suddivisa in gruppi.

Conclusioni.

In tutte le zone in cui il movimento per il controllo della distribuzione della terra
non è andato ancora a fondo, la lega dei contadini poveri è particolarmente
importante, il governo sovietico di cantone deve assumersi la responsabilità di
dirigerla. La lega deve avere un comitato a livello di villaggio e le riunioni devono
tenersi prendendo il villaggio come unità base. Le riunioni a livello cantonale
possono essere diminuite. Il sistema seguito nel cantone di Changkang è giusto.

LE BRIGATE DI PROPAGANDA

Nel cantone c’è una brigata di propaganda composta da sette persone tra cui

88

Inchiesta nel cantone di Changkang

un capobrigata. In ogni villaggio c’è una squadra di propaganda, composta da
cinque persone nei più grossi (Changkang, Tangpei) e da tre nei più piccoli
(Hsinhsi, Ssukang); in ogni squadra c’è un caposquadra. Fanno propaganda per
“ampliamento dell’Esercito rosso”, “edificazione economica”, “festività
commemorative”.

Forme di propaganda: propaganda verso i singoli, è il caso più frequente.
Propaganda fatta in occasioni di riunioni di tutto il villaggio convocate dal
delegato a tempo pieno per discutere dell’attività. Propaganda in occasione di
assemblee convocate dal circondario o dal distretto per le festività dedicate alle
commemorazioni: in questi casi la propaganda è rivolta anche ai “ranghi” di altri
cantoni e di altri circondari.

Il governo sovietico di cantone convoca ogni sette giorni una riunione dedicata
alla propaganda alla quale partecipano cinque persone: il capobrigata e i
capisquadra. Il governo sovietico di circondario convoca riunioni dei capibrigata
di tutto il circondario almeno due o tre volte al mese. Ogni riunione dura almeno
quattro ore e mezza; finita la riunione tornano a casa a mangiare.

I propagandisti in tutto il cantone sono ventitre, compresi il capobrigata e i
capisquadra, il 60 per cento sono donne. Tutti “sanno parlare abbastanza bene”,
non devono per forza saper leggere e scrivere. Non vengono cambiati, li
sostituiscono solo se vengono trasferiti. Studiano in particolare i materiali e i
metodi di propaganda, “come riuscire a far capire meglio le cose alle masse”.

Sono state organizzate a cominciare dal febbraio di quest’anno.

BRIGATE D’ASSALTO

Una brigata, composta da cinque persone tra cui un capobrigata, dipende dal
governo sovietico del cantone. Tre villaggi (Changkang, Tangpei e Hsinhsi)
hanno inoltre ognuno una loro brigata d’assalto. Ssukang non ne ha.

Sono formate dalle mogli dei soldati dell’Esercito rosso. Se in un villaggio un
lavoro non riesce ad andare avanti, la brigata d’assalto di un altro villaggio va a
controllare e ad aiutare, spiegando come hanno fatto gli altri per mandarlo avanti.
Lo stesso fa il cantone: se vede che il lavoro non va avanti in un villaggio, manda
la sua brigata a controllare e ad aiutare.

Svolgono meno attività delle brigate di propaganda, finora non hanno dimostrato
di svolgere una grande funzione.

Il governo sovietico di cantone le ha convocate in tre o quattro riunioni.

Sono state organizzate a partire da agosto.

Conclusioni.

Quello delle brigate di propaganda e delle brigate d’assalto è un buon sistema,
si dovrebbero organizzare in ogni cantone.

89

Mao Tse-tung – OPERE

EMULAZIONE RIVOLUZIONARIA

Il metodo dell’emulazione è stato inaugurato quest’anno nella campagna per i
lavori primaverili; hanno gareggiato in tre cose: “far prima”, “far meglio”, “non
lasciare terreno incolto”. Questa era una emulazione tra tutti i cantoni del
circondario decisa dai presidenti dei governi sovietici in una riunione tenuta
presso il governo sovietico del circondario. In ogni cantone c’è invece l’emulazione
tra i villaggi, decisa in una riunione dei delegati a tempo pieno di ogni villaggio.
In ciascun villaggio c’è l’emulazione tra i delegati ed è decisa in una riunione di
questi convocata dal delegato a tempo pieno. Non hanno voluto fissare
un’emulazione tra le famiglie (si può fare anche questa).

Nell’accordo si scrivono con chiarezza i seguenti punti: l’obiettivo più elevato
per le diverse prove dell’emulazione, quali villaggi gareggiano con quali, tipo di
premi e quantità (primo premio: bandiera rossa; secondo premio: cento fogli di
carta da lettere; terzo premio: cinquanta fogli di carta da lettere), tempo della gara,
responsabili e giudici. Mentre era in corso l’emulazione, l’assemblea del cantone
ha convocato conferenze di controllo, con i delegati a tempo pieno che facevano
rapporti sull’andamento, per sapere quanto era stato fatto da ogni villaggio. Dopo
le conferenze, il presidente e altri (i giudici) andavano in ogni villaggio a fare
ispezioni, per vedere se nei loro rapporti i delegati avevano raccontato frottole.

Ad aprile c’è stata un’altra emulazione che aveva come obiettivo “la mobilitazione
militare”. È stata suddivisa in tre gare: “ampliamento dell’Esercito rosso”,
“soccorso all’Esercito rosso”, “trattamento preferenziale dei familiari dei soldati”
(non era inclusa la campagna per il ritorno dei disertori nelle squadre perché allora
non c’erano diserzioni, a maggio è stata aggiunta anch’essa).

Il 20 maggio l’assemblea del cantone ha indetto una riunione per fare il
consuntivo sulle due emulazioni, quella sui lavori primaverili e quella sulla
mobilitazione militare: Hsinhsi ha conquistato la bandiera rossa, Changkang ha
ottenuto cento fogli di carta da lettere, Tangpei cinquanta fogli, Ssukang niente.

A luglio sono state decise due emulazioni, una “militare” e una “economica”,
sinora non è ancora stato fatto il bilancio, ma già si sa che il villaggio di Changkang
sarà il migliore.

Conclusioni.

Per portare avanti il lavoro nel modo più rapido, bisognerebbe seguire il sistema
dell’emulazione rivoluzionaria in ogni cantone. La direzione dell’emulazione
spetta al governo sovietico di cantone, ma il suo compito finisce qui poiché
l’emulazione si svolge sempre essenzialmente tra le masse e non è solo una
emulazione tra i delegati dei vari villaggi. Per questo prima di fissare le clausole
di ogni emulazione, bisogna convocare un’assemblea di massa a livello di
villaggio, fare un rapporto, ottenere l’accordo delle masse e inoltre affiggere le
clausole dell’emulazione. Nelle emulazioni che concernono la produzione e altri

90

Inchiesta nel cantone di Changkang

problemi, bisognerebbe anche che ogni delegato convocasse la riunione di quelle
decine di abitanti di cui lui si occupa, facesse un rapporto e ottenesse il loro
accordo. Dopo ogni controllo dei risultati bisognerebbe ancora convocare
riunioni di questo tipo facendo un rapporto, per stimolare l’avanzamento del
lavoro. In tutte le emulazioni che non hanno dato risultati ciò è avvenuto perché
ci si era limitati a ficcare le clausole nella tasca di poche persone e non c’era stata
mobilitazione delle larghe masse. Ogni volta che si svolge un’emulazione bisogna
farne il bilancio e inoltre assegnare dei premi. Nelle due emulazioni organizzate
nel cantone di Changkang, in linea di massima hanno fatto queste cose, quindi
hanno ottenuto risultati effettivi.

91

Mao Tse-tung – OPERE

NOTE

1.
Si tratta della quinta campagna di “accerchiamento e annientamento” della zona
sovietica centrale lanciata dal Kuomintang nell’ottobre del 1933. Essa fu attivamente
sostenuta dai governi imperialisti (il governo della borghesia degli USA inviò tra l’altro
300 aerei e il piano delle operazioni militari fu elaborato dai generali tedeschi Hans von
Seeckt e Ludwig von Falkenhausen). La quinta campagna di “accerchiamento e
annientamento” condusse, nell’autunno del 1934, all’eliminazione della zona sovietica
centrale: il grosso delle truppe e dell’apparato del partito e statale intraprese la Lunga
Marcia verso il nord. Mao Tse-tung sostenne che la causa principale della sconfitta era
stata la linea deviazionista di “sinistra” prevalente allora nel Partito comunista cinese.
2.
Al riguardo vedasi Sui regolamenti per il trattamento preferenziale dei membri
dell’Esercito rosso nel vol. 3 delle Opere di Mao Tse-tung. Sulle brigate per l’aratura e
i gruppi di mutuo aiuto sul lavoro v. nota 2, pag. 97.
3.
Sulla brigata d’assalto vedasi il penultimo capitolo di questo testo.
4.
A proposito delle terre pubbliche per l’Esercito rosso vedasi Sui regolamenti per il
trattamento preferenziale dei membri dell’Esercito rosso nel vol. 3 delle Opere di Mao
Tse-tung.
5.
Sul trattamento dei contadini ricchi e in particolare sui contributi ad essi imposti vedasi
in questo volume il testo Decisioni relative ad alcuni problemi sorti nella lotta nelle
campagne.
6.
Il governo centrale della Repubblica sovietica cinese fece ricorso a una prima emissione
di titoli di prestito nell’estate del 1932 per un totale di 600 mila yuan e a una seconda
nell’ottobre dello stesso anno per 1 milione e 200 mila yuan.
7.
Il prestito per l’edificazione economica venne emesso dal governo centrale della
Repubblica sovietica cinese nel 1933 per un ammontare complessivo di 3 milioni di
yuan. L’uso a cui era destinato è spiegato nel testo Curare il lavoro economico, vol. 3
delle Opere di Mao Tse-tung, pag. 201.
Il ricorso al debito pubblico fu una conseguenza anche del prevalere nel governo della
deviazione “di sinistra” favorevole a impegnare l’Esercito rosso in una guerra “regolare”
e quindi a farne un esercito più professionale, più dipendente quindi per il proprio
sostentamento e funzionamento dalle finanze statali.
92

*LA NOSTRA POLITICA ECONOMICA

(23 gennaio 1934)

*Rapporto presentato nel gennaio del 1934 dal compagno Mao Tse-tung al secondo
Congresso nazionale dei rappresentanti degli operai e dei contadini, a Juichin, provincia
del Kiangsi.

Solo degli sfrontati, quali sono i signori della guerra del Kuomintang, che nelle
regioni poste sotto il loro dominio hanno ridotto il popolo alla miseria e portato
l’economia alla rovina, possono diffondere ogni giorno voci calunniose sullo
sfacelo completo che regnerebbe nelle regioni rosse. Gli imperialisti e il
Kuomintang si prefiggono lo scopo di abbattere le regioni rosse, di minare
l’edificazione economica in corso e di distruggere il benessere di milioni di operai
e contadini che si sono conquistati la libertà. Perciò hanno organizzato forze
armate per le campagne di “accerchiamento e annientamento” e attuato una
politica di rigido blocco economico. Tuttavia, alla testa delle masse popolari e
dell’Esercito rosso, noi non soltanto abbiamo respinto una dopo l’altra queste
campagne, ma facciamo, nella misura del possibile, quanto è necessario sul piano
dell’edificazione economica per far fallire il subdolo piano del nemico che cerca
di soffocarci col blocco economico; anche in questa direzione otteniamo sempre
nuovi successi.

I principi della nostra politica economica sono i seguenti: fare, nei limiti delle
nostre possibilità, tutto il lavoro necessario nel campo dell’edificazione economica,
concentrare tutte le risorse economiche per lo sforzo bellico e al tempo stesso
migliorare al massimo le condizioni di vita delle masse; consolidare sul piano
economico l’alleanza degli operai e dei contadini, garantire la direzione del
proletariato sui contadini, far sì che il settore statale dell’economia si assicuri una
funzione dirigente rispetto al settore privato, creando le premesse per il futuro
passaggio al socialismo.

Compiti fondamentali della nostra edificazione economica sono lo sviluppo
dell’agricoltura, lo sviluppo dell’industria, lo sviluppo del commercio con l’estero
e lo sviluppo delle cooperative.

L’agricoltura nelle regioni rosse sta oggi facendo dei progressi, questo è
indubbio. Nel 1933 la produzione agricola nella zona comprendente la parte
meridionale della provincia del Kiangsi e la parte occidentale del Fukien è
aumentata del 15 per cento rispetto al 1932 e nella regione di confine FukienChekiang-
Kiangsi del 20 per cento. Buono è da considerarsi il raccolto nella

Mao Tse-tung – OPERE

regione di confine Szechwan-Shensi. Nei primi due anni dopo la creazione di una
regione rossa, si è spesso riscontrato un certo declino della produzione agricola1.
Ma dopo la ripartizione della terra, quando i diritti di proprietà sono ben definiti
e noi prendiamo delle misure per incoraggiare la produzione, le masse contadine
lavorano con più entusiasmo e la produzione comincia a riprendersi. Oggi in
alcune zone la produzione agricola ha raggiunto e perfino superato il livello che
aveva prima della rivoluzione. In altre non solo si è ripresa la coltivazione delle
terre abbandonate durante le insurrezioni rivoluzionarie, ma si sono dissodate
terre incolte. In numerose località sono stati organizzati gruppi di mutuo aiuto sul
lavoro e brigate per l’aratura2 allo scopo di razionalizzare l’impiego della
manodopera in campagna; sono state inoltre create, per supplire alla mancanza
di animali da tiro, cooperative per l’impiego comune dei bufali. Va anche detto
che le donne partecipano in massa al lavoro produttivo. Tutto questo sarebbe
stato impossibile sotto il regime del Kuomintang. A quell’epoca la terra apparteneva
ai proprietari terrieri e i contadini non avevano né la voglia né la possibilità
di elevare la produttività del suolo. Solo dopo che abbiamo distribuito la terra,
stimolato l’attività produttiva dei contadini e ricompensato il loro lavoro,
l’entusiasmo delle masse contadine si è elevato e nella produzione sono stati
ottenuti grandi successi. Occorre sottolineare che, date le condizioni attuali,
l’agricoltura deve essere messa al primo posto nell’edificazione economica; è
l’agricoltura che ci permette di risolvere il problema dei cereali, che è il più
importante di tutti e il problema delle materie prime (cotone, lino, canna da
zucchero, bambù, ecc.) per la produzione di generi di prima necessità, come i
vestiti, lo zucchero e la carta. Compiti importanti nel campo dell’agricoltura sono
anche la conservazione del patrimonio forestale e l’aumento del patrimonio
zootecnico. Con un’economia fondata sulla piccola produzione agricola non
soltanto è possibile, ma anche necessario elaborare piani appropriati per alcuni
prodotti agricoli più importanti e mobilitare i contadini per la loro attuazione. Noi
dobbiamo prestare a questo compito un’attenzione ancora maggiore e consacrarvi
sforzi ancora più intensi. Dobbiamo guidare con mano ferma i contadini nella
lotta per superare le difficoltà che s’incontrano nella soluzione di problemi
fondamentali per la produzione agricola, come quello della manodopera, degli
animali da tiro, dei concimi, delle sementi e dell’irrigazione. A questo proposito,
nella produzione agricola il nostro compito fondamentale consiste nel disciplinare
in modo organizzato l’impiego della manodopera e incoraggiare le donne a
partecipare al lavoro agricolo. Per risolvere il problema della manodopera,
occorre organizzare gruppi di mutuo aiuto sul lavoro e brigate per l’aratura,
occorre mobilitare tutta la popolazione delle campagne perché partecipi attivamente
ai lavori stagionali più importanti, come l’aratura primaverile ed estiva.
Molti contadini (circa il 25 per cento) mancano di animali da tiro e questo è un
problema molto serio. È necessario che ci adoperiamo perché vengano create
cooperative per l’impiego comune dei bufali e che incoraggiamo i contadini che
ne sono privi a sottoscrivere una somma per l’acquisto dei bufali. Anche il

94

La nostra politica economica

problema dell’irrigazione, che ha un’importanza vitale per l’agricoltura, deve
essere oggetto della massima attenzione. Naturalmente, non è ancora il momento
di sollevare la questione della creazione di imprese collettive e statali, tuttavia per
affrettare lo sviluppo dell’agricoltura è assolutamente necessario organizzare,
nelle varie località, piccole aziende sperimentali, scuole agrarie e mostre agricole.

Il blocco effettuato dal nemico crea difficoltà per l’esportazione delle nostre
merci. Perciò numerosi settori della produzione artigiana nelle regioni rosse sono
in declino e in particolare lo sono la produzione del tabacco e della carta. Tuttavia
le difficoltà che incontriamo nell’esportazione non sono insormontabili. I bisogni
delle masse creano un vasto mercato interno. Noi dobbiamo far rinascere e
sviluppare in modo pianificato la produzione artigianale e alcuni rami dell’industria,
prima di tutto per soddisfare i nostri bisogni e poi anche per l’esportazione.
Nel corso degli ultimi due anni e in particolare a partire dal primo semestre del
1933, in molti rami della produzione artigiana e in alcuni settori dell’industria si
è avuta una certa ripresa, sia perché abbiamo cominciato a rivolgere loro la nostra
attenzione, sia perché le cooperative di produzione create dalle masse hanno
cominciato a poco a poco a svilupparsi. Si tratta essenzialmente della produzione
del tabacco, della carta, del tungsteno, della canfora, di attrezzi agricoli e concimi
(calce, ecc.). Nella situazione attuale non dobbiamo neppure trascurare la
fabbricazione di tessuti, medicinali e zucchero. Nella regione di confine FukienChekiang-
Kiangsi in passato non si produceva né carta né tessuti né zucchero. Ora
invece questa produzione si sviluppa e dà risultati soddisfacenti. Per ovviare alla
mancanza di sale da cucina, è stata iniziata l’estrazione del sale dal salnitro. La
produzione industriale esige una pianificazione adeguata. Naturalmente, una
produzione artigiana frazionata non consente una pianificazione dettagliata e
completa. Tuttavia una pianificazione abbastanza dettagliata della produzione è
assolutamente necessaria per alcune imprese più importanti e in particolare per
quelle nelle mani dello Stato o delle cooperative. Ogni impresa industriale che
appartiene allo Stato o alle cooperative deve sin dall’inizio della sua attività
valutare esattamente di quale quantitativo di materie prime può disporre e qual
è la capacità di acquisto dei mercati di sbocco, sia nelle nostre regioni sia in quelle
del nemico.

Oggi è particolarmente necessario organizzare secondo un piano il commercio
privato con l’estero; inoltre occorre che lo Stato prenda direttamente nelle mani
il commercio di alcuni generi di prima necessità, come per esempio l’importazione
del sale e dei tessuti, l’esportazione di cereali e di minerale di tungsteno e
disciplini il rifornimento dei cereali sul mercato interno. Questo lavoro, iniziato
prima nella regione di confine Fukien-Chekiang-Kiangsi, nella zona centrale3 ha
avuto inizio soltanto nella primavera del 1933. Grazie alla creazione di organismi
come la direzione per il commercio con l’estero, abbiamo già ottenuto qualche
successo.

La nostra economia si compone attualmente di tre settori: il settore di Stato, il
settore cooperativo, il settore privato.

95

Mao Tse-tung – OPERE

Per il momento il settore di Stato si limita a quelle imprese per le quali è possibile
e necessaria l’amministrazione statale. L’industria e il commercio di Stato hanno
cominciato a svilupparsi e le loro prospettive sono illimitate.

Quanto all’attività economica privata, noi non l’ostacoliamo, anzi la incoraggiamo
e la stimoliamo fino a quando rispetta i limiti fissati dalle leggi emanate dal
governo. Infatti, nella fase attuale, lo sviluppo dell’economia privata è necessario,
nell’interesse dello Stato e del popolo. Oggi l’economia privata ha indubbiamente
la prevalenza assoluta e la conserverà ancora per un periodo abbastanza lungo.
In questo momento, l’economia privata nelle regioni rosse è rappresentata da
piccole imprese.

Il settore cooperativo si sviluppa molto rapidamente. Secondo dati statistici, in
17 distretti delle province del Kiangsi e del Fukien, nel settembre del 1933 vi erano
in tutto 1.423 cooperative di vario genere con una dotazione di partenza che
globalmente ammontava a più di 300 mila yuan. Le più sviluppate erano le
cooperative di consumo e quelle per i cereali, dopo venivano le cooperative di
produzione. Le cooperative di credito hanno appena cominciato la loro attività.
Quando le cooperative e le imprese di Stato saranno coordinate, esse diverranno
col tempo una grandissima forza economica e, prendendo gradatamente il
sopravvento sull’economia privata, avranno una funzione dirigente nei confronti
di quest’ultima. Perciò, pur incoraggiando l’economia privata, occorre sviluppare
al massimo quella statale e accrescere notevolmente le imprese cooperative.

Allo scopo di sviluppare l’economia di Stato e di aiutare le cooperative, noi
abbiamo emesso, con l’appoggio delle masse, un prestito per l’edificazione
economica corrispondente alla somma di 3 milioni di yuan. In questo momento,
l’unica fonte possibile di finanziamento per l’edificazione economica è l’apporto
della popolazione.

Aumentare le nostre entrate mediante lo sviluppo dell’economia nazionale:
questo è il principio fondamentale della nostra politica finanziaria che ha già dato
risultati tangibili nella regione di confine Fukien-Chekiang-Kiangsi e comincia a
dimostrarsi fruttuoso anche nella zona centrale. Compito dei nostri organismi
finanziari ed economici è di applicare coscienziosamente questo principio. È
necessario, a questo riguardo, accertarsi che la banca di Stato, quando emette carta
moneta, consideri soprattutto i bisogni dello sviluppo dell’economia nazionale,
facendo passare in secondo piano le necessità puramente finanziarie dello Stato.

Il principio guida nelle spese governative deve essere il risparmio. Deve essere
chiaro a tutti coloro che lavorano negli organismi governativi che la corruzione
e lo spreco sono crimini di estrema gravità. La lotta contro la corruzione e lo spreco
ha già raggiunto alcuni risultati, ma è necessario compiere ulteriori sforzi.
Economizzare ogni soldo per lo sforzo bellico, per la causa della rivoluzione e per
la nostra edificazione economica deve essere il principio della nostra contabilità.
I nostri metodi di utilizzazione delle entrate statali debbono essere radicalmente
diversi da quelli del Kuomintang.

In un momento in cui la Cina conosce una situazione economica fra le più

96

La nostra politica economica

disastrose, quando centinaia di milioni di uomini soffrono la fame e il freddo, il
nostro governo popolare, nonostante tutte le difficoltà, si è seriamente accinto
all’edificazione economica in nome della guerra rivoluzionaria, nell’interesse
della nazione. È chiaro che soltanto la nostra vittoria sull’imperialismo e il
Kuomintang, soltanto il nostro lavoro pianificato, organizzato, nel campo
dell’edificazione economica, possono salvare il nostro popolo da una sciagura
senza precedenti.

NOTE

1.
*Nei primi due anni dopo la creazione delle regioni rosse si ebbe spesso un certo
abbassamento della produzione agricola, che derivava dal fatto che al momento della
distribuzione delle terre non erano stati ben definiti i diritti dei contadini sulla terra e
il nuovo ordine economico non era stato ancora stabilito. Tutto questo suscitò un senso
di disagio fra i contadini e impedì loro di dedicarsi completamente alla produzione.
2.
*I gruppi di mutuo aiuto sul lavoro e le brigate per l’aratura, basati ancora sull’ economia
individuale, furono organizzati dai contadini delle regioni rosse per favorire la
produzione attraverso un’utilizzazione più razionale della manodopera. La partecipazione
a queste organizzazioni di mutuo aiuto sul lavoro era volontaria e fondata sul
vantaggio reciproco: il calcolo del lavoro si faceva a giornate e chi dava un aiuto
inferiore a quello ricevuto, pagava la differenza in denaro. I gruppi di mutuo aiuto sul
lavoro aiutavano, oltre i propri membri, anche le famiglie dei soldati dell’Esercito rosso
e i vecchi senza sostegno (chi aiutava nel lavoro i vecchi riceveva da questi ultimi
soltanto il vitto e non compensi in denaro). Poiché queste misure si dimostrarono molto
utili alla produzione e furono applicate in maniera razionale, ottennero il pieno
appoggio delle masse. Il compagno Mao Tse-tung ha parlato di tutto questo nei testi:
Inchiesta nel cantone di Changkang e Inchiesta nel cantone di Tsaihsi.
3.
La zona sovietica centrale era quella comprendente la parte meridionale della provincia
del Kiangsi e la parte occidentale della provincia del Fukien. In essa, a Juichin, aveva
sede il governo centrale della Repubblica sovietica cinese.
97

LA NOSTRA POLITICA MILITARE

(24-25 gennaio 1934)

Il testo che segue è un rapporto presentato da Mao Tse-tung a nome del governo centrale
della Repubblica sovietica cinese al secondo Congresso nazionale dei rappresentanti degli
operai e dei contadini che si tenne a Juichin nel gennaio del 1934.

Parliamo anzitutto dell’attività dei regime sovietico per armare le masse e
costruire l’Esercito rosso

Per respingere la quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”1, per
portare avanti la guerra rivoluzionaria, il primo compito dei regime sovietico è
quello di armare le masse, organizzare un Esercito rosso ferreo e saldo,
organizzare le truppe locali e quelle partigiane, organizzare i rifornimenti e i
trasporti necessari per la guerra. Negli ultimi due anni, durante la risoluta lotta
contro la quarta e la quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”, gli
sforzi del regime sovietico in questo campo hanno riportato grandi successi.

Anzitutto vi è stata la costituzione della Commissione militare centrale che ha
unificato la direzione degli eserciti rossi in tutta la Cina permettendo ai reparti di
tutte le zone sovietiche2 e di tutti i fronti di cominciare a operare di concerto sotto
la direzione di una concezione strategica unificata: questa è la chiave di volta per
passare da un’azione di guerriglia dispersa a un’azione portata avanti da
formazioni di un Esercito rosso regolare e di grandi dimensioni. Da due anni a
questa parte, dirigendo l’Esercito rosso di tutta la Cina, e principalmente quello
della zona sovietica centrale, la Commissione militare centrale ha condotto una
guerra gloriosa e coronata da vittorie, ha sventato la quarta campagna di
“accerchiamento e annientamento” e ha conquistato le prime vittorie nella lotta
contro la quinta.

L’Esercito rosso in due anni si è ampliato rapidamente, è aumentato di diverse
volte rispetto a due anni fa. I successi conseguiti in questo campo sono dovuti
all’entusiasmo con cui le masse operaie e contadine hanno preso parte alla guerra
rivoluzionaria, ai progressi fatti nei metodi di mobilitazione e all’attuazione dei
decreti del governo centrale della Repubblica sovietica cinese per il trattamento
preferenziale delle famiglie dei soldati dell’Esercito rosso. Durante il Maggio rosso
del 1933, solo in alcuni distretti della zona sovietica centrale sono stati reclutati
circa 200 mila nuovi soldati. In molte parti le masse operaie e contadine si sono
arruolate con l’impeto di una marea. I fatti hanno mostrato che sono sbagliati i

Mao Tse-tung – OPERE

punti di vista opportunisti secondo cui le masse non vogliono arruolarsi o che
comunque sarebbe impossibile ampliare l’Esercito rosso nelle nuove zone o in
quelle di confine. La correttezza dei metodi di mobilitazione e l’applicazione
integrale dei decreti del governo centrale della Repubblica sovietica cinese per il
trattamento preferenziale dell’Esercito rosso, sono l’anello principale per portare
rapidamente a termine il piano di mobilitazione. L’abolizione di qualsiasi forma
di coercizione autoritaria, l’impiego della persuasione attraverso un’esauriente
propaganda, la punizione di tutti gli elementi delle classi nemiche che sabotano
l’ampliamento dell’Esercito rosso e guidano le diserzioni, sono componenti
importanti dei metodi di mobilitazione. Elevare la posizione sociale dei soldati in
modo che l’appartenenza all’Esercito rosso costituisca il massimo titolo di onore,
fare tutto ciò che è possibile e necessario per quanto riguarda il trattamento dei
soldati sul piano spirituale e materiale, assegnare la terra ai soldati di altre regioni,
mobilitare le masse affinché la coltivino per essi e affinché le terre delle famiglie
di ciascun soldato siano coltivate molto bene, far concedere dalle cooperative di
consumo uno sconto del 5 per cento alle famiglie dei soldati, istituire dei negozi
appositi che forniscano loro gratuitamente beni di uso corrente indispensabili,
riservare il 10 per cento dei guadagni delle imprese statali e cooperative per dare
dei contributi alle famiglie dei soldati, fare appello alle masse perché facciano
sottoscrizioni per aiutare economicamente le famiglie dei soldati in caso di
malattia e perché sostengano sul piano materiale e spirituale i soldati e le loro
famiglie, applicare concretamente e integralmente tutti i decreti e i metodi
riguardanti il trattamento preferenziale: tutte queste sono misure necessarie e
importanti per garantire che nell’Esercito rosso si faccia a gara per portarsi in prima
linea e per rinsaldare la decisione dei soldati nel combattimento. In tutte le località
delle zone sovietiche esistono molti casi esemplari nello svolgimento di queste
attività: là le larghe masse operaie e contadine considerano un loro sacro dovere
difendere e ampliare le zone sovietiche con le armi in pugno, quindi si riversano
continuamente e in gran numero sulla prima linea. Tra questi casi esemplari
ricordiamo il cantone di Changkang nel Kiangsi e il cantone di Tsaihsi nel Fukien.
Nel primo, su un totale di 407 maschi compresi tra i 16 e i 45 anni, ben 320 sono
andati ad arruolarsi nell’Esercito rosso o a svolgere fuori cantone altre attività per
lo Stato, nel cantone ne sono rimasti 87: la percentuale di quelli allontanatisi e di
quelli rimasti nel cantone è rispettivamente del 79 e del 21 per cento. Nel cantone
di Tsaihsi, nel Fukien, su un totale di 552 maschi tra giovani e adulti, ben 485 sono
andati ad arruolarsi nell’Esercito rosso o a svolgere un’altra attività fuori cantone.
Solo 67 sono rimasti nel cantone: la percentuale di quelli allontanatisi e di quelli
rimasti nel cantone è rispettivamente dell’88 e del 12 per cento. Ma dopo che in
questi cantoni i maschi in età di leva si sono recati coraggiosamente al fronte in
così gran numero, che conseguenze si sono avute per la produzione nei villaggi
e per le condizioni di vita delle famiglie? Non solo non c’è stata alcuna
ripercussione negativa, ma si è avuto uno sviluppo e un miglioramento. Per quale
motivo? Perché con i gruppi di mutuo aiuto sul lavoro, le brigate per l’aratura3 e

100

La nostra politica militare

con tutti gli altri sistemi applicati, in ogni villaggio si è distribuita razionalmente,
in modo organizzato e pianificato, la forza-lavoro, si sono risolte tutte le difficoltà
e i problemi delle famiglie dei membri dell’Esercito rosso. Io penso che questi
esempi gloriosi dovrebbero essere di ispirazione per tutte le zone sovietiche.

Il consolidamento dell’Esercito rosso deve essere strettamente legato al suo
ampliamento: il lavoro di questi due ultimi anni in questo campo ha ugualmente
conseguito buoni risultati. L’attuale Esercito rosso già si è avviato a diventare il
ferreo e regolare reparto armato della rivoluzione. Ciò si manifesta nei seguenti
punti:

1. è migliorata la sua composizione di classe, si è realizzato il principio per cui
solo le masse lavoratrici operaie e contadine hanno l’onore e il diritto di
impugnare le armi e sono stati cacciati risolutamente quegli elementi delle classi
ostili che si erano infiltrati.
2. Sono entrati nell’Esercito rosso quadri di origine operaia, è stato generalizzato
il sistema dei commissari politici, l’Esercito rosso è affidato nelle mani di
comandanti sicuri.
3. È migliorata l’educazione politica, si è rinsaldata la decisione dei soldati rossi
di combattere fino in fondo per il regime sovietico, è migliorato il livello della
disciplina basata sulla coscienza di classe, si sono fatti più stretti i rapporti tra
l’Esercito rosso e le larghe masse popolari.
4. È migliorato il livello della tecnica militare; anche se attualmente l’Esercito
rosso è ancora privo delle armi più moderne e non è addestrato al loro uso, tuttavia
il livello della tecnica militare ordinaria è molto più alto che in passato.
5. È cambiato l’inquadramento dei suoi ranghi con un conseguente rafforzamento
dal punto di vista organizzativo.
Tutte queste cose hanno fatto aumentare molto la capacità combattiva
dell’Esercito rosso rendendolo un’invincibile forza armata del regime sovietico.

L’ampliamento su larga scala della Guardia rossa, delle brigate d’avanguardia
dei giovani e delle formazioni partigiane, è di estrema importanza per l’armamento
delle masse e la conduzione della guerra rivoluzionaria da parte del regime
sovietico.

La Guardia rossa e le brigate d’avanguardia dei giovani costituiscono delle
riserve già pronte per l’Esercito rosso al fronte, costituiscono le truppe locali per
la difesa delle zone sovietiche, sono inoltre il ponte che permetterà di passare
dall’attuale servizio militare volontario a quello obbligatorio del futuro.

Dal canto loro, le formazioni partigiane sono le forze che creano le nuove zone
sovietiche, sono un complemento indispensabile per le forze principali dell’Esercito
rosso. Da due anni a questa parte in tutte le zone sovietiche sono state
sviluppate queste formazioni e si è molto rafforzato il loro addestramento militare
e politico. Esse entrano nell’Esercito rosso e, nelle varie lotte che si sono
susseguite per sventare le campagne di “accerchiamento e annientamento” dei
nemici, hanno ottenuto grandi risultati nel difendere il territorio, nell’attaccare di

101

Mao Tse-tung – OPERE

sorpresa e molestare il nemico, tanto che quest’ultimo si stupisce dei loro prodigi
e gli riesce estremamente difficile invadere le zone sovietiche.

Queste formazioni hanno dato dimostrazione della loro funzione soprattutto
nella zona sovietica centrale e in quelle del Fukien, del Chekiang e del Kiangsi.
È un’importante responsabilità dei governi sovietici quella di estendere questo
sistema a tutte le zone sovietiche di nuova formazione, estendere al massimo
l’organizzazione di questi reparti, rafforzare il loro addestramento e farne le unità
sorelle più sicure dell’Esercito rosso nella guerra rivoluzionaria.

Un compito che ugualmente ha un’importanza decisiva per la guerra rivoluzionaria
è quello di perfezionare le forniture e l’approvvigionamento dell’Esercito
rosso, organizzare i trasporti militari che colleghino il fronte con le retrovie e
l’assistenza medico-sanitaria per i militari. Questo compito si presenterà molto
difficile finché non avremo conquistato alcune città chiave e finché durerà il
blocco economico del nemico; tuttavia, da due anni a questa parte, grazie al
dinamismo delle larghe masse delle zone sovietiche e delle zone bianche,
abbiamo già creato delle basi consistenti in questo campo. Siamo già riusciti a
garantire per un lungo periodo i rifornimenti e i trasporti necessari all’Esercito
rosso e questo è stato senz’altro un enorme successo; tuttavia, per l’attuale
battaglia risolutiva contro la quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”
e per la guerra che si svolgerà in seguito su scala ancora più ampia, è necessario
da parte nostra un impegno ancora maggiore per potenziare le nostre forze in
questo settore e garantire un approvvigionamento più completo.

Ci troviamo di fronte a una guerra rivoluzionaria di dimensioni ancora più
grandi e la politica del regime sovietico di armare le masse popolari si dimostra
più che mai di un’importanza estrema: compito fondamentale di lotta per i governi
sovietici deve essere quello di non allentare nemmeno un attimo il lavoro per
armare le masse, quello di realizzare con un’attività efficace e concreta e con la
massima rapidità il compito di creare un Esercito rosso ferreo e forte di un milione
di uomini.

Il compito fondamentale del regime sovietico è la guerra rivoluzionaria, è la
mobilitazione di tutte le energie delle masse per condurre la guerra. Attorno a
questo compito fondamentale ruotano diversi altri compiti urgenti dei governi
sovietici. Essi devono praticare la più ampia democrazia nei confronti delle masse
popolari. Devono reprimere decisamente i controrivoluzionari presenti all’interno.
Devono stimolare la lotta della classe operaia, sviluppare la rivoluzione agraria
dei contadini, elevare il dinamismo delle masse operaie e contadine secondo il
principio dell’unione degli operai e dei contadini sotto la direzione della classe
operaia. Devono applicare una giusta politica economica e finanziaria per
garantire le necessità materiali della guerra rivoluzionaria. Devono portare avanti
la rivoluzione culturale per armare la mente delle masse operaie e contadine.
Queste e altre politiche fondamentali sono volte a un unico scopo: rovesciare con

102

La nostra politica militare

la guerra rivoluzionaria il dominio degli imperialisti e del Kuomintang; consolidare
e sviluppare la dittatura democratica degli operai e dei contadini e preparare
il passaggio alla fase della dittatura del proletariato.[…]

NOTE

1.
Sulla quinta campagna di “accerchiamento e annientamento” v. nota 1, pag. 92.
2.
La Repubblica sovietica cinese riuniva alcune zone sovietiche territorialmente separate
tra loro, tra le quali la zona di confine Kiangsi-Fukien (zona sovietica centrale), la zona
di confine Fukien-Chekiang-Kiangsi, la zona di confine Szechwan-Shensi.
3.
Su questi organismi v. nota 2, pag. 97.
103

*PREOCCUPARSI DELLE CONDIZIONI DI VITA DELLE
MASSE, FARE ATTENZIONE AI METODI DI LAVORO

(27 gennaio 1934)

*Questo scritto fa parte delle conclusioni presentate dal compagno Mao Tse-tung nel
gennaio 1934 al secondo Congresso nazionale dei rappresentanti degli operai e dei
contadini tenutosi a Juichin, nella provincia del Kiangsi.

Nel corso della discussione i nostri compagni non hanno prestato sufficiente
attenzione a due problemi che secondo me è necessario trattare più a fondo.

Il primo riguarda le condizioni di vita delle masse.

Il nostro compito centrale, oggi, è mobilitare le larghe masse per farle
partecipare alla guerra rivoluzionaria, sconfiggere l’imperialismo e il Kuomintang
con la guerra rivoluzionaria, estendere la rivoluzione a tutto il paese, scacciare
l’imperialismo dalla Cina. Chi sottovaluta questo compito centrale non è un buon
quadro rivoluzionario. Se i nostri compagni comprendono appieno questo
compito e capiscono che bisogna a qualunque costo estendere la rivoluzione a
tutto il paese, non potranno né trascurare né sottovalutare il problema degli
interessi vitali delle larghe masse, il problema delle loro condizioni di vita. La
guerra rivoluzionaria è la guerra delle masse ed è possibile condurla solo
mobilitando le masse e facendo affidamento su di esse.

Ma potremo sconfiggere il nemico se ci limitiamo a mobilitare il popolo per la
guerra e non ci occupiamo d’altro? Certamente no. Se vogliamo vincere,
dobbiamo fare molte altre cose. Dobbiamo dirigere la lotta dei contadini per la
terra e distribuire loro la terra, accrescere il loro entusiasmo per il lavoro e
incrementare la produzione agricola, difendere gli interessi degli operai, creare
le cooperative, sviluppare il commercio con l’estero e risolvere i problemi delle
masse: vestiario, viveri, alloggio, legna, riso, olio, sale, malattie, problemi inerenti
alla sanità pubblica e quelli del matrimonio. In breve, i problemi della vita
quotidiana delle masse devono essere tutti oggetto della nostra attenzione. Se ci
preoccuperemo di questi problemi, se li risolveremo e soddisferemo i bisogni
delle masse, diventeremo i veri organizzatori della loro vita ed esse si stringeranno
veramente compatte attorno a noi e ci appoggeranno con entusiasmo. Compagni,
potremo allora fare appello alle masse perché partecipino alla guerra rivoluzionaria?
Lo potremo, lo potremo certamente.

Fra l’altro, abbiamo riscontrato il caso di alcuni nostri quadri che si preoccupano
unicamente di aumentare gli effettivi dell’Esercito rosso e delle squadre di trasporto,
di riscuotere l’imposta sulla terra e collocare le cartelle del prestito pubblico, ma non

Mao Tse-tung – OPERE

discutono altri problemi, non se ne curano e arrivano perfino a ignorarli. La
municipalità di Tingchou, ad esempio, per un certo periodo si è occupata soltanto
di aumentare gli effettivi dell’Esercito rosso, di mobilitare gente per le squadre di
trasporto e non ha prestato la minima attenzione alla vita delle masse. Eppure la
popolazione di Tingchou non aveva legna, il sale era sparito perché i capitalisti lo
avevano nascosto, una parte della popolazione non aveva casa, il riso era scarso e
molto caro. Questi erano i problemi che ogni giorno le masse popolari di Tingchou
dovevano affrontare e che speravano ardentemente di risolvere col nostro aiuto. Ma
la municipalità di Tingchou non discuteva nessuno di questi problemi. Fu per tale
ragione che, poco dopo la rielezione dell’assemblea dei rappresentanti operai e
contadini, oltre cento delegati smisero di frequentare le riunioni perché nelle
precedenti si era discusso soltanto dell’aumento degli effettivi dell’Esercito rosso e
della mobilitazione per le squadre di trasporto, ignorando completamente le
condizioni di vita delle masse; divenne così impossibile persino convocare le
riunioni. Proprio per questo, minimi furono anche i risultati del lavoro per l’aumento
degli effettivi dell’Esercito rosso e la mobilitazione per le squadre di trasporto. Questo
è uno dei casi che abbiamo riscontrato.

Compagni, avete probabilmente già letto gli opuscoli che vi sono stati distribuiti,
nei quali si parla dei due cantoni modello. Qui abbiamo un caso del tutto diverso.
Vedete quanti effettivi hanno dato all’Esercito rosso il cantone di Changkang1 nella
provincia del Kiangsi e quello di Tsaihsi2 nella provincia del Fukien! Nel cantone di
Changkang il 78 per cento dei giovani e degli adulti, uomini e donne, è entrato nelle
file dell’Esercito rosso e in quello di Tsaihsi l’88 per cento. Anche il collocamento delle
cartelle del prestito pubblico ha dato ottimi risultati: nel cantone di Changkang, con
una popolazione di 1.500 persone, sono state collocate cartelle per oltre 5.400 yuan.
Si sono ottenuti grandi risultati anche in altri campi. Come spiegare questo fatto?
Qualche esempio ci aiuterà a comprenderlo. Quando un contadino povero di
Changkang perse la casa in un incendio, l’amministrazione cantonale fece subito
appello alle masse perché dessero un contributo in denaro per aiutarlo. Quando tre
persone si trovarono a non aver niente da mangiare, l’amministrazione cantonale e
la società di mutua assistenza dettero subito loro del riso. L’estate scorsa, quando vi
fu penuria di cereali, l’amministrazione cantonale, per aiutare la popolazione,
acquistò riso dal distretto di Kunglueh3 che dista oltre 200li da Changkang. Un ottimo
lavoro di questo genere è stato fatto anche nel cantone di Tsaihsi. Queste
amministrazioni cantonali sono veramente dei modelli. I loro metodi di direzione
differiscono completamente dai metodi burocratici di Tingchou. Noi dobbiamo
imparare dai compagni di Changkang e di Tsaihsi e lottare contro i burocrati del tipo
di Tingchou!

Io sostengo davanti a questo congresso che bisogna prestare seria attenzione
ai problemi della vita delle masse, da quelli della terra e del lavoro a quelli della
legna, del riso, dell’olio e del sale. Le donne vogliono imparare ad arare e a
sarchiare; chi insegnerà loro? I bambini vogliono studiare; sono state create le
scuole elementari? Il ponte di legno là di fronte è così stretto che si corre il rischio

106

Preoccuparsi delle condizioni di vita delle masse, fare attenzione ai metodi di lavoro

di cadere giù; non è tempo di rifarlo? Molti sono colpiti da infezioni e malattie;
come curarli? Tutti questi problemi che riguardano le condizioni di vita delle
masse devono essere posti all’ordine del giorno. Dobbiamo discuterli, prendere
delle decisioni, applicarle e controllarne i risultati. Dobbiamo aiutare le larghe
masse a capire che rappresentiamo i loro interessi, che la loro vita è la nostra stessa
vita. Dobbiamo aiutarle a capire, partendo da queste cose, i compiti ancora più
alti che abbiamo posto, i compiti della guerra rivoluzionaria, in modo che esse
appoggino la rivoluzione e la estendano a tutto il paese, rispondano ai nostri
appelli politici e lottino fino in fondo per la vittoria della rivoluzione. La
popolazione del cantone di Changkang dice: “Il Partito comunista è veramente
un buon partito; si preoccupa di tutti i nostri problemi”. I quadri di Changkang
sono veramente dei quadri modello! Che magnifici compagni! Si sono conquistati
il sincero affetto del popolo e così il loro appello a partecipare alla guerra trova
l’appoggio di masse ancora più larghe. Volete ottenere l’appoggio delle masse?
Volete che consacrino al fronte tutte le loro energie? Allora dovete vivere con le
masse, stimolarne l’entusiasmo e l’iniziativa, preoccuparvi dei loro bisogni,
lavorare sinceramente e seriamente per i loro interessi e risolvere i problemi della
loro produzione e quelli della loro vita: sale, riso, alloggio, vestiario, maternità e
infanzia; in poche parole, tutti i loro problemi. Se agiremo così, le larghe masse
ci appoggeranno sicuramente e considereranno la rivoluzione come la loro vita,
come la loro bandiera più gloriosa. E se il Kuomintang attaccherà le regioni rosse,
le masse combatteranno fino all’ultimo, a costo della vita; su questo non ci può
essere alcun dubbio. Non abbiamo infatti già infranto la prima, la seconda, la terza
e la quarta campagna di “accerchiamento e annientamento” del nemico?

Oggi il Kuomintang adotta la politica delle casematte4 e costruisce febbrilmente
i suoi “gusci di tartaruga” come se si trattasse di una barriera d’acciaio. Ma è
davvero una barriera d’acciaio, compagni? Per niente! Guardate voi stessi. I palazzi
degli imperatori feudali, con le loro muraglie e i loro fossati, non hanno mostrato
forse per millenni la loro solidità? Le masse si sono sollevate ed essi sono caduti
l’uno dopo l’altro. Lo zar di Russia era uno dei più feroci governanti del mondo,
ma cosa restò di lui quando il proletariato e i contadini si levarono per fare la
rivoluzione? Nulla. E le sue barriere d’acciaio? Sono tutte crollate. Qual è,
compagni, la vera barriera d’acciaio? Sono le masse, i milioni e milioni di uomini
che sinceramente e con tutto il cuore sostengono la rivoluzione. Questa è la vera
barriera d’acciaio ed è impossibile, assolutamente impossibile, per qualsiasi forza
al mondo, abbatterla. La controrivoluzione non ci abbatterà, al contrario, saremo
noi ad abbatterla. Unendo milioni e milioni di uomini intorno al governo
rivoluzionario e sviluppando la nostra guerra rivoluzionaria, annienteremo ogni
controrivoluzione e prenderemo il potere in tutta la Cina.

Il secondo problema riguarda i metodi di lavoro.

Noi siamo i dirigenti e gli organizzatori della guerra rivoluzionaria e al tempo
stesso siamo i dirigenti e gli organizzatori della vita delle masse. L’organizzazione

107

Mao Tse-tung – OPERE

della guerra rivoluzionaria e il miglioramento delle condizioni di vita delle masse
sono i nostri due grandi compiti. Qui si pone dinanzi a noi, in modo serio, il
problema dei metodi di lavoro. Non dobbiamo soltanto fissare i compiti, ma anche
risolvere il problema dei metodi per attuarli. Se il nostro compito è attraversare
un fiume, non possiamo farlo senza un ponte o una barca. Se non si risolve il
problema del ponte o della barca, attraversare il fiume rimane una frase vuota.
Se non si risolve il problema del metodo, parlare dei compiti significa perdersi in
chiacchiere. Se non ci cureremo di ben dirigere il lavoro per l’aumento degli
effettivi dell’Esercito rosso e se non presteremo particolare attenzione ai nostri
metodi, non otterremo alcun successo anche se avremo parlato mille volte della
necessità di ingrossare le file dell’Esercito rosso. Se in qualsiasi altro lavoro, per
esempio nel controllo della distribuzione della terra, nell’edificazione economica,
nel lavoro in campo culturale ed educativo, in quello da svolgere nelle nuove zone
e nei territori di confine, fisseremo solo dei compiti, ma non risolveremo il
problema dei metodi per attuarli, non lotteremo contro i metodi burocratici per
adottarne altri che siano pratici e concreti, non rigetteremo i metodi autoritari per
applicare quelli della persuasione paziente, allora nessun compito potrà essere
da noi realizzato.

I compagni del distretto di Hsingkuo hanno compiuto un lavoro di prim’ordine
e per questo meritano il titolo di quadri modello. Anche i compagni del nord-est
della provincia del Kiangsi hanno fatto un buon lavoro, un lavoro creativo e sono
anch’essi dei quadri modello. I compagni di queste due zone hanno legato la vita
delle masse alla guerra rivoluzionaria, hanno risolto al tempo stesso il problema
del metodo e quello dei compiti del lavoro rivoluzionario. Essi lavorano
coscienziosamente, risolvono i problemi con ponderatezza, si assumono veramente
le loro responsabilità verso la rivoluzione; sono bravi organizzatori e
dirigenti, sia della guerra rivoluzionaria sia della vita delle masse. Anche in molte
altre località, come in alcune zone dei distretti di Shanghang, Changting e
Yungting del Fukien, a Ilsikiang e in altre zone del Kiangsi meridionale, in alcune
zone dei distretti di Chaling, Yunghsin e Kian nella regione di confine Hunan-
Kiangsi, in certe zone del distretto di Yanghsin nella regione di confine HunanHupeh-
Kiangsi, in circondari e cantoni di molti altri distretti della provincia del
Kiangsi e infine nel distretto di Juichin, che dipende direttamente dal nostro
governo centrale, i compagni hanno fatto progressi nel lavoro e meritano
ugualmente i nostri elogi.

In tutto il territorio posto sotto la nostra direzione, vi sono indubbiamente molti
quadri attivi, eccellenti compagni provenienti dalle masse. Questi compagni hanno
il dovere di dare il loro aiuto là dove il lavoro ha delle lacune e di aiutare i compagni
che non riescono ancora a portare avanti bene il proprio lavoro. Ci siamo impegnati
nella grande guerra rivoluzionaria, dobbiamo infrangere le vaste campagne di
“accerchiamento e annientamento” del nemico ed estendere la rivoluzione a tutto
il paese. Su tutti i quadri rivoluzionari incombe una grandissima responsabilità. Dopo
questo congresso, dobbiamo adottare misure efficaci per migliorare il nostro lavoro:

108

Preoccuparsi delle condizioni di vita delle masse, fare attenzione ai metodi di lavoro

le zone avanzate devono fare ulteriori progressi e quelle arretrate devono
raggiungere le più progredite. Dobbiamo creare migliaia di cantoni come
Changkang e decine di distretti come Hsingkuo. Saranno le nostre solide
roccaforti. Quando ci saremo assicurati queste posizioni, potremo partire da esse
per infrangere le campagne di “accerchiamento e annientamento” del nemico,
per abbattere il dominio dell’imperialismo e del Kuomintang in tutta la Cina.

NOTE

1.
*Cantone nel distretto di Hsingkuo, provincia del Kiangsi.
2.
*Cantone nel distretto di Shanghang, provincia del Fukien.
3.
*Distretto nella regione rossa della provincia del Kiangsi, che aveva come centro la
cittadina di Tungku, nel sud-est del distretto di Kian. Fu costituito per onorare la
memoria del compagno Huang Kung-lueh, comandante del 3° corpo d’armata
dell’Esercito rosso che ivi si sacrificò nell’ottobre del 1931.
4.
*Nel luglio del 1933, in una conferenza militare tenuta a Lushan, nella provincia del
Kiangsi, Chiang Kai-shek decise di adottare una nuova tattica militare nel corso della
quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”: la costruzione di casematte
attorno alla regione rossa. Alla fine del gennaio del 1934 si facevano ammontare a 2.900
le casematte costruite nel Kiangsi. Questa politica fu in seguito applicata anche dagli
aggressori giapponesi contro l’8a e la Nuova 4a armata. I fatti storici hanno provato che
la tattica controrivoluzionaria delle casematte può essere spezzata e sconfitta se ci si
basa sulla strategia della guerra popolare elaborata dal compagno Mao Tse-tung.
109

LEGGE SUL MATRIMONIO

(8 aprile 1934)

Il testo che segue è un decreto del governo centrale della Repubblica sovietica cinese.
Per una migliore comprensione è da confrontare con le precedenti leggi sul matrimonio
delle zone sovietiche (nelleOpere di Mao Tse-tung, vol.3).

Viene stabilita e promulgata la legge sul matrimonio. Dal giorno della
pubblicazione della presente legge sono abrogate le norme sul matrimonio
emanate dalla Repubblica sovietica cinese il 1° dicembre 1931.

Capitolo primo: principi generali.

Art. 1. Si stabilisce che il matrimonio tra uomo e donna si fonda sul principio
di libertà. È abrogato qualunque regime per cui il matrimonio sia combinato e
imposto o trattato come una compravendita È vietato allevare le nuore bambine.

Art. 2. Si pratica la monogamia, è vietato avere più di una moglie o più di
un marito.

Capitolo secondo: il matrimonio.

Art. 3. L’età minima per contrarre il matrimonio è fissata, per gli uomini, al
compimento del ventesimo anno e per le donne al compimento del diciottesimo.

Art. 4. Il matrimonio deve essere fondato sul consenso di ambedue le parti,
non è consentita la coercizione esercitata da una delle due parti o da terzi.

Art. 5. È vietato il matrimonio tra un uomo e una donna nelle cui famiglie, entro
tre generazioni, ci siano stati rapporti di parentela o consanguineità.

Art. 6. È vietato il matrimonio tra persone affette da sifilide, lebbra, tubercolosi
e altre malattie contagiose. Se tuttavia dopo un controllo medico si ritiene
possibile il matrimonio, la presente norma non si applica.

Art. 7. È vietato il matrimonio tra persone affette da malattie del sistema
nervoso o da paralisi.

Art. 8. L’uomo e la donna che vogliono sposarsi devono recarsi insieme al
governo sovietico di cantone o a quello di città per registrare il matrimonio e
ritirare il relativo certificato. Sono abolite le spese di fidanzamento, i regali di
fidanzamento e il corredo.

Art. 9. Tutte le coppie conviventi vengono considerate sposate, indipendentemente
dal fatto che si siano registrate o meno.

Mao Tse-tung – OPERE

Capitolo terzo: il divorzio.

Art. 10. Si stabilisce la libertà di divorzio: se l’uomo o la donna esigono
decisamente il divorzio, possono ottenerlo.

Art. 11. Se le mogli dei soldati dell’Esercito rosso vogliono avere il divorzio,
devono ottenere il consenso del marito. Nei posti dove le comunicazioni sono
agevoli, quando il marito non risponde alle lettere per due anni la moglie può
chiedere al governo locale la registrazione del divorzio. Nei posti dove le
comunicazioni non sono agevoli, se la moglie non riceve lettere di risposta per
quattro anni, può chiedere la registrazione del divorzio al governo locale.

Art. 12. Il divorzio deve essere registrato nella sede del governo sovietico di
cantone o di città.

Capitolo quarto: trattamento dei beni dei coniugi dopo il divorzio.

Art. 13. Dopo il divorzio sia l’uomo sia la donna dispongono ciascuno della
terra, delle proprietà e dei debiti che avevano prima di sposarsi; se il matrimonio
è durato un intero anno, i coniugi si dividono in parti uguali gli incrementi di
proprietà derivanti dalla gestione in comune. Se ci sono figli, la divisione viene
effettuata in parti uguali tra tutti i membri della famiglia. Spetta invece all’uomo
la responsabilità di saldare i debiti pubblici contratti durante la convivenza.

Art. 14. La donna che si trasferisce in un’altra zona rurale deve avere una parte
di terra equivalente alla quota distribuita nel villaggio di nuova residenza. Se non
c’è più terra da dividere, la donna conserva la terra che possedeva in precedenza
e può disporne secondo quanto decide lei stessa, affittandola, vendendola o
cambiandola con altra terra. La presente disposizione si applica integralmente sia
per l’assegnazione sia per il diritto a disporre della terra anche ai bambini assegnati
alla madre e trasferitisi con lei.

Art. 15. Se dopo il divorzio la donna non si risposa e manca di capacità
lavorativa o di un’occupazione stabile, per cui non può provvedere al proprio
sostentamento, il marito deve aiutarla nella coltivazione della terra o provvedere
al suo sostentamento. Tuttavia la presente disposizione non si applica nei casi in
cui il marito sia a sua volta privo di capacità lavorativa o di un’occupazione stabile
e non possa provvedere al proprio sostentamento.

Capitolo quinto: trattamento dei figli dopo il divorzio.

Art. 16. I figli nati o anche solo concepiti prima del divorzio vengono affidati
alla madre. Se la madre non vuole allevarli vengono affidati al padre. Ma se si tratta
di bambini già cresciuti, nell’affidamento bisogna rispettare anche la loro
opinione.

Art. 17. L’uomo deve provvedere a due terzi delle spese necessarie al mantenimento
dei figli affidati alla madre, sino a che abbiano compiuto 10 anni. Può
corrispondere questa quota sia pagando in denaro, sia coltivando per i figli la terra
loro assegnata.

Art. 18. Il marito può sottrarsi all’onere di contribuire al mantenimento dei figli

112

Legge sul matrimonio

stabilito dall’articolo precedente solo se la moglie si sia risposata e il nuovo marito
voglia allevare i figli di lei. Il nuovo marito che prende a carico l’allevamento dei
figli deve registrarli presso il governo sovietico di cantone o di città; una volta
effettuata la registrazione, è responsabile del loro allevamento sino a quando
siano diventati maggiorenni, non può smettere a metà strada né maltrattarli.

Capitolo sesto: trattamento dei figli naturali.

Art. 19. Tutti i figli naturali devono godere di tutti i diritti stabiliti dalla presente
legge sul matrimonio per i figli legittimi. È proibito maltrattare o abbandonare i
figli naturali.

Capitolo settimo: disposizioni supplementari.

Art. 20. Chi viola la presente legge andrà incontro alle sanzioni previste in base
alla legge penale.

Art. 21. La presente legge si applica a partire dal giorno della sua pubblicazione.

113

PROCLAMA DELL’ESERCITO ROSSO DEGLI OPERAI
E DEI CONTADINI CINESI SULLA MARCIA VERSO
IL NORD PER COMBATTERE IL GIAPPONE

(15 luglio 1934)

Il testo che segue è la dichiarazione diffusa dal governo centrale della Repubblica
sovietica cinese e dal comando dell’Esercito rosso con cui essi annunciano l’intenzione di
inviare dei reparti d’avanguardia verso il nord a combattere le truppe degli imperialisti
giapponesi.

Di fronte all’aggressione dell’imperialismo giapponese, ripresa nel settembre del 1931,
il Kuomintang aveva adottato una linea di non-resistenza, così come l’avevano adottata i
governi imperialisti europei e degli USA: essi tutti speravano di usare gli imperialisti
giapponesi sia contro la Repubblica sovietica cinese sia contro l’Unione Sovietica. Al
contrario il governo della Repubblica sovietica cinese aveva dichiarato guerra al Giappone
nell’aprile del 1932 benchè nessuna delle zone da esso governate fosse ancora venuta a
contatto con le truppe giapponesi.

L’odiato imperialismo giapponese […] vuole fare di tutta la Cina una sua colonia
e di tutti i cinesi degli schiavi senza patria condannati per l’eternità a essere
massacrati, violentati, sfruttati e calpestati dai banditi giapponesi.

Tutti i signori della guerra del Kuomintang, Chiang Kai-shek, Chang Hsuehliang
e simili, di fronte all’invasione giapponese hanno capitolato e hanno ceduto
ogni cosa […]. Mentre si coprono con lo slogan “non c’è forza sufficiente per
resistere al Giappone”, hanno incessantemente organizzato campagne di
“accerchiamento e annientamento” contro il governo sovietico che è il solo
governo antigiapponese e antimperialista di tutta la Cina e contro l’Esercito rosso
degli operai e dei contadini cinesi. Tutto ciò prova che il Kuomintang è il più
servile lacchè dell’imperialismo giapponese; che i signori della guerra del
Kuomintang sono i più grandi traditori che ci siano mai stati nella storia della Cina.
Di fronte alla serie senza fine delle aggressioni giapponesi, il governo sovietico
ha più di una volta chiamato l’intero popolo cinese ad armarsi per combattere una
guerra rivoluzionaria nazionale […] e si sta preparando a condurre esso stesso
direttamente una guerra contro l’imperialismo giapponese. Il governo sovietico
[…] è pronto a concludere un accordo con qualsiasi schieramento militare cinese
per intraprendere operazioni militari congiunte a tre condizioni1 […]. Gli attacchi
del Kuomintang impediscono al governo sovietico di allearsi direttamente con le
masse popolari di tutta la Cina e di intraprendere, assieme ai volontari antigiapponesi
del nord-est, una guerra rivoluzionaria nazionale contro l’imperialismo giapponese
per scacciare dalla Cina i banditi imperialisti giapponesi […].

Mao Tse-tung – OPERE

Di conseguenza, il governo sovietico e l’Esercito rosso degli operai e dei
contadini, al fine di mobilitare tutte le loro forze per condurre direttamente una
guerra contro l’imperialismo giapponese, sono costretti anzitutto a impegnarsi in
una guerra sanguinosa contro le truppe dei banditi del Kuomintang, forti di un
milione di uomini, che ci stanno attaccando e a difendere il territorio libero dei
soviet già sottratto alla tirannia dell’imperialismo in modo che non sia più
calpestato e venduto dai leccapiedi dell’imperialismo, i banditi del Kuomintang.
Siamo fermamente decisi a non abbandonare mai le basi rivoluzionarie
antimperialiste che sono state create con innumerevoli e sanguinose lotte contro
le truppe dei banditi del Kuomintang. Ma il governo sovietico non può assistere
da spettatore alla rovina del popolo cinese perpetrata dall’imperialismo giapponese
[…]. Il governo sovietico e l’Esercito rosso degli operai e dei contadini, senza
timore delle difficoltà e con la massima decisione, inviano un distaccamento
d’avanguardia verso il nord per combattere i giapponesi. Basterà che un qualsiasi
schieramento militare accetti le nostre tre condizioni e immediatamente il grosso
delle forze dell’Esercito rosso degli operai e dei contadini seguirà l’avanguardia
per unirsi con tutte le forze armate della Cina in una lotta comune contro il
Giappone. […].

Più concretamente il governo sovietico avanza le seguenti proposte:

1. opporsi risolutamente alla vendita da parte del governo del Kuomintang
dell’intera Cina […].
2. Dichiarare immediatamente la rottura delle relazioni diplomatiche con il
Giappone […].
3. Chiamare le masse popolari di tutta la Cina ad armarsi con le armi che si
trovano negli arsenali del Kuomintang o nelle fabbriche d’armi e con tutte le armi
d’importazione, per organizzare unità popolari di volontari antigiapponesi e di
guerriglieri […].
4. Confiscare tutte le imprese e le proprietà degli imperialisti giapponesi e dei
cinesi traditori […].
5. Organizzare ovunque organismi di massa antigiapponesi […].
Che gli uomini del Kuomintang, leccapiedi dell’imperialismo e traditori che
stanno vendendo il paese, dichiarino pure che “non c’è forza sufficiente per
resistere al Giappone”. Con la mobilitazione generale delle masse popolari di tutta
la Cina contro il Giappone, con l’armamento delle masse popolari di tutta la Cina
contro il Giappone e con l’organizzazione delle masse popolari di tutta la Cina
contro il Giappone, noi avremo la forza necessaria per rovesciare l’imperialismo
giapponese, tutti gli imperialismi e la banda dei traditori del Kuomintang!

Il presidente del governo centrale provvisorio della Repubblica sovietica cinese:
Mao Tse-tung.

Il presidente dell’ufficio militare dell’Esercito rosso degli operai e dei contadini
cinesi: Chu Teh.

116

Proclama dell’Esercito rosso degli operai e dei contadini cinesI sulla marcia verso il nord

NOTE

1.
Le tre condizioni erano state enunciate in una dichiarazione congiunta a firma di Mao
Tse-tung, Hsiang Ying, Chang Kuo-tao e Chu Teh e consistevano in: 1. cessazione degli
attacchi contro le zone sovietiche, 2. riconoscimento alle masse dei diritti democratici
come la libertà di parola, la libertà di riunione, ecc., 3. armamento delle masse contro
l’imperialismo giapponese.
117

HUICHANG

(estate 1934)

A oriente sta per albeggiare
non dire che è presto per mettersi in marcia.
Valicando verdi montagne l’uomo non invecchia
da questa parte il panorama è incomparabilmente bello.

Fuori dalle mura di Huichang alte cime
catena a catena si stendono fino all’oceano orientale.
I combattenti guardano indicando il Kwangtung
ancor più lussureggiante e luminoso di verde.

Nella poesia Mao Tse-tung rievoca, mentre è in corso la quinta campagna di
“accerchiamento e annientamento”, la vittoria ottenuta tre anni prima dall’Esercito rosso
con l’ingresso nel distretto di Huichang, provincia del Kiangsi.

RISOLUZIONE DELLA CONFERENZA DI TSUNYI

(8 gennaio 1935)

A Tsunyi, nella provincia del Kweichow, durante la Lunga Marcia l’Esercito rosso
sostò per dodici giorni. L’ufficio politico del Comitato centrale del Partito comunista
cinese tenne una conferenza allargata in cui fece il bilancio della lotta contro la quinta
campagna di “accerchiamento e annientamento” e della sconfitta subita, individuò gli
errori che avevano portato alla sconfitta e nominò un nuovo gruppo dirigente con
alla testa Mao Tse-tung.

Il testo che segue è la risoluzione conclusiva della conferenza. Per una migliore
comprensione di questo testo vedasi in questo volume Sulla tattica contro l’imperialismo
giapponese (pag. 151) e Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina (pag.189).

Dopo aver ascoltato il rapporto del compagno XX1 sulla quinta campagna di
“accerchiamento e annientamento” e il rapporto supplementare del compagno
XXX2, la conferenza allargata dell’ufficio politico del Comitato centrale del Partito
comunista cinese considera il rapporto del compagno XX come fondamentalmente
sbagliato.

1. La risoluzione del Centro del partito3 riguardante la quinta campagna di
“accerchiamento e annientamento” (adottata il 20 luglio 1933) affermava chiaramente
che la quinta campagna di “accerchiamento e annientamento” era un
attacco eccezionalmente duro lanciato dagli imperialisti e dai reazionari del
Kuomintang contro il movimento rivoluzionario sovietico. Essa affermava anche
che in questa guerra di classe aspra e decisiva le debolezze interne degli
imperialisti e del Kuomintang e la nuova intensificazione della situazione
rivoluzionaria avevano cambiato nel paese a nostro favore i rapporti di forza fra
le classi e perciò la risoluzione arrivava alla giusta conclusione: “Nella quinta
campagna di ‘accerchiamento e annientamento’ ci troviamo in condizioni ancora
migliori che nelle precedenti per ottenere una vittoria decisiva”.
Invece nel suo rapporto il compagno XX sopravvaluta le difficoltà oggettive,
spiegando che noi non potevamo sconfiggere la quinta campagna di
“accerchiamento e annientamento” contro la zona sovietica centrale a causa della
forza degli imperialisti e dei reazionari del Kuomintang e nello stesso tempo
sottovaluta la situazione rivoluzionaria attuale. Inevitabilmente egli arriva alla
conclusione opportunista che era oggettivamente impossibile sconfiggere la
quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”.

Mao Tse-tung – OPERE

2. Il Centro del partito, basandosi sulla sua giusta valutazione, aveva stabilito
compiti precisi per far fronte alla quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”
del nemico. La dura lotta condotta contro la campagna di “accerchiamento
e annientamento” nell’anno e mezzo passato ha dimostrato al di là di ogni dubbio
che la linea politica del Centro del partito era giusta. In particolare, nella zona
sovietica centrale il partito, sotto la guida del Centro del partito, ha raggiunto successi
senza precedenti nel mobilitare vaste masse di operai e di contadini a partecipare
alla guerra rivoluzionaria. Il movimento di ampliamento dell’Esercito rosso ha
sollevato grande entusiasmo fra le masse. Più di 100 mila attivisti operai e contadini
sono stati mobilitati, armati e mandati al fronte, ingrandendo in tal modo l’Esercito
rosso. I Corpi rossi giovanili hanno cominciato a servire da riserva dell’Esercito rosso.
Essi e le organizzazioni delle masse armate hanno avuto un grande sviluppo.
Inalberando lo slogan “tutto per la vittoria al fronte” il partito ha trovato soluzioni
adeguate a soddisfare le necessità finanziarie, di cibo e di altro materiale dell’Esercito
rosso che combatteva al fronte. L’intensificazione della lotta di classe nell’area
sovietica, l’edificazione dell’economia sovietica, il netto miglioramento delle relazioni
fra il governo sovietico e le masse hanno suscitato in queste ultime un grande
entusiasmo e una ferma volontà di partecipare alla guerra rivoluzionaria. Queste
erano condizioni favorevoli per sconfiggere la quinta campagna di “accerchiamento
e annientamento”.
Il compagno XX ha chiaramente sottovalutato nel suo rapporto queste
condizioni favorevoli. Di conseguenza arriva inevitabilmente alla conclusione che
noi non avevamo le capacità soggettive necessarie per sconfiggere la quinta
campagna di “accerchiamento e annientamento”.

3. Bisogna rilevare che il nostro lavoro presentava ancora alcuni seri difetti. La
direzione del partito nella lotta quotidiana delle grandi masse di operai e di
contadini delle zone bianche contro gli imperialisti e il Kuomintang non aveva
compiuto un progresso significativo; l’estensione delle attività di guerriglia e
l’opera per demoralizzare i soldati degli eserciti bianchi non erano ancora
soddisfacenti; il coordinamento degli eserciti rossi di tutte le zone sovietiche per
unificare il loro obiettivo strategico non era ancora soddisfacente. Questi difetti
hanno senza dubbio influenzato negativamente le operazioni contro la quinta
campagna di “accerchiamento e annientamento” e sono stati cause importanti del
loro fallimento. Ma è sbagliato considerare questi difetti come la causa principale
del nostro insuccesso nello sventare la quinta campagna di “accerchiamento e
annientamento”.
Invece il compagno XX nel suo rapporto e in particolare nelle conclusioni di
esso ha esagerato l’importanza di questi difetti del nostro lavoro e ha rifiutato di
vedere e ammettere l’errore di giudizio commesso dal comando militare nel
campo della strategia e della tattica. Non possiamo capire perché le forze
principali del nostro Esercito rosso hanno dovuto lasciare la zona sovietica
centrale e le cause principali per cui non siamo riusciti a sconfiggere la quinta

122

Risoluzione della conferenza di Tsunyi

campagna di “accerchiamento e annientamento” se nascondiamo gli effetti
dannosi della linea sbagliata del nostro comando militare, della sua strategia e
della sua tattica. Noi non siamo stati in grado di raggiungere una vittoria decisiva
nella guerra malgrado il coraggio e l’abilità dell’Esercito rosso, l’alto livello del
lavoro nelle retrovie e il sostegno delle masse perché il nostro comando militare
non ha saputo adottare la strategia e la tattica giuste. Precisamente questa è stata
la causa principale per cui non siamo riusciti a sconfiggere la quinta campagna
di “accerchiamento e annientamento” contro la zona sovietica centrale.

4. Dopo l’insuccesso della quarta campagna di “accerchiamento e annientamento”,
il Kuomintang, Chiang Kai-shek e i suoi consiglieri militari imperialisti si sono
accorti degli svantaggi che incontravano a combattere contro di noi nelle zone
sovietiche seguendo la strategia e la tattica della penetrazione in profondità.
Perciò nella quinta campagna di “accerchiamento e annientamento” essi hanno
adottato una strategia e una tattica di guerra protratta nel tempo e la strategia delle
casematte4. Il loro tentativo era di logorare gradualmente le nostre risorse umane
e materiali, di ridurre l’estensione della nostra zona sovietica e infine di
distruggerci con uno scontro decisivo con le nostre forze principali.
In queste circostanze la nostra linea strategica doveva consistere nella difesa per
mezzo di battaglie decisive5 (difesa offensiva) concentrando forze superiori,
scegliendo i punti deboli del nemico, usando la guerra di movimento per
distruggere una parte, o una grande parte, delle forze del nemico quando fossimo
stati sicuri di riuscirci ed eliminare le forze nemiche una dopo l’altra in modo da
rompere infine l’accerchiamento nemico.

Invece nella lotta contro la quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”
noi abbiamo adottato una linea puramente difensiva (o linea di difesa
pura) invece di una linea di difesa per mezzo di battaglie decisive. Abbiamo
sostituito alla guerra di movimento una guerra di posizione e di casematte. Inoltre
per sostenere questa linea strategica puramente difensiva abbiamo adottato il
principio della cosiddetta tattica di sortite brevi e improvvise. Questo ha fatto sì
che la strategia e la tattica del nemico, consistenti in una guerra protratta nel tempo
applicando la strategia delle casematte, raggiungessero i loro scopi e infliggessero
perdite parziali alle forze principali dell’Esercito rosso, obbligandolo ad abbandonare
la zona sovietica centrale. Bisogna notare che la linea seguita dal nostro
comando militare andava contro tutti i principi fondamentali della strategia e della
tattica che nel passato avevano portato molte volte l’Esercito rosso alla vittoria.

5. Nella fase attuale della guerra civile cinese noi non abbiamo ancora il
sostegno delle insurrezioni proletarie urbane e degli ammutinamenti delle unità
militari bianche, il nostro Esercito rosso è ancora molto piccolo, le nostre zone
sovietiche costituiscono soltanto una piccolissima parte della Cina, non abbiamo
ancora aeroplani, artiglierie e altre armi moderne, stiamo ancora combattendo per
linee interne6 e il nemico ci sta ancora attaccando e accerchiando. In queste
123

Mao Tse-tung – OPERE

condizioni la nostra linea strategica deve essere quella della difesa per mezzo di
battaglie decisive. Questo vuol dire che la nostra difesa non è una difesa pura, ma
una difesa che ricerca scontri decisivi e che si prepara a trasformarsi in una
controffensiva. La difesa pura può indebolire il nemico fino a un certo grado e
conservare il nostro territorio per un certo periodo di tempo, ma non può spezzare
definitivamente l’accerchiamento nemico né conservare la zona sovietica. Non
offre alcuna prospettiva di concludere la guerra vittoriosamente. Soltanto
passando (sia a livello delle singole campagne militari che strategicamente) dalla
difesa alla controffensiva e poi all’offensiva, vincendo scontri decisivi e annientando
una gran quantità delle forze vitali del nemico, possiamo sbaragliarlo,
conservare le nostre zone sovietiche e far progredire il movimento rivoluzionario
sovietico.

Secondo questa linea strategica, non dobbiamo impegnare il nemico in una
battaglia decisiva finché non siamo sicuri di vincere, vale a dire finché non
abbiamo ancora o scoperto o creato punti deboli nello schieramento nemico.
Dobbiamo usare le nostre forze secondarie (unità di guerriglia, masse armate,
battaglioni e reggimenti indipendenti, una parte delle forze principali dell’Esercito
rosso, ecc.) per confondere e attirare il nemico. Dobbiamo intralciare il nemico
con una guerra di movimento mentre le nostre forze principali si ritirano a una
distanza adeguata o si spostano sul fianco del nemico o nelle sue retrovie. Queste
forze devono raggrupparsi per lanciare un attacco a sorpresa contro il nemico.
Quando questi avanza con forze molto superiori alle nostre, l’Esercito rosso, che
manovra per linee interne, ritirandosi ed eclissandosi può stancare il nemico e far
sì che si senta tranquillo e sicuro, inducendolo a commettere errori e a rivelare
i suoi punti deboli. Questo crea le condizioni per passare alla controffensiva e per
conquistare vittorie in scontri decisivi. Dobbiamo analizzare e valutare molto
attentamente le condizioni in cui si trova il nemico in modo da poter fare
preparativi di battaglia adeguati. Non dobbiamo mobilitare le nostre forze e
lanciarle in battaglia quando non è assolutamente necessario, soltanto perché il
nemico ci ha provocato o ha finto un attacco. Così facendo logoreremmo le nostre
forze e perderemmo occasioni di conquistare vittorie in un settore preciso. Per
vincere, non è necessario ostacolare il nemico che avanza seguendo un piano
prestabilito, anche se siamo in condizioni che consentono un attacco a sorpresa.
Dobbiamo invece aspettare che il nemico sia arrivato alla distanza giusta per
circondarlo e annientarlo (questo è attirare il nemico a penetrare in profondità nel
nostro territorio). Per vincere, non dobbiamo rifiutarci di rinunciare provvisoriamente
ad alcune parti del territorio delle zone sovietiche e nemmeno di ritirare
temporaneamente dalla base d’appoggio sovietica le nostre forze principali.
Sappiamo che, se riusciamo a distruggere il nemico e a spezzare la sua campagna
di “accerchiamento e annientamento”, non solo recupereremo il terreno abbandonato,
ma potremo anche ingrandire il territorio sovietico. Tutto questo mira a
permettere all’Esercito rosso di mantenere sempre l’iniziativa e di trovare sempre
condizioni favorevoli per respingere l’attacco e porre fine alla campagna di

124

Risoluzione della conferenza di Tsunyi

“accerchiamento e annientamento”. Tutto questo evita che l’Esercito rosso perda
l’iniziativa e si trovi in una posizione sfavorevole.

Nella quinta campagna di “accerchiamento e annientamento” tutti questi
principi sono stati violati. Un telegramma dell’Internazionale comunista del
febbraio 1934 rilevava correttamente: “La nostra impressione è questa: ci sembra
che quasi tutti i piani e le misure adottati dal comando militare siano il risultato
della costante pressione del nemico. Le sue provocazioni ci hanno spesso indotto
a ristrutturare le nostre forze senza necessità. A causa di questi continui
cambiamenti, non siamo stati in grado di usare pienamente la nostra forza in
combattimento. Noi pensiamo che sia necessario sconfiggere il nemico dove già
abbiamo conseguito alcune vittorie, invece di tentare di sconfiggerlo simultaneamente
lungo l’intera linea del fronte”.

I sostenitori della linea di difesa pura non potevano capire queste istruzioni
dell’Internazionale. Di conseguenza hanno perseverato negli errori che avevano
commesso prima del febbraio dell’anno scorso fino al ritiro dalla zona sovietica
centrale delle forze principali dell’Esercito rosso. La linea di difesa pura, che ci ha
messo volontariamente in una posizione passiva, in realtà non ha neanche tentato
(né avrebbe potuto tentare) di infliggere al nemico una sconfitta generale
sull’intera linea del fronte; ha solo tentato di impedire lungo l’intera linea del
fronte al nemico di avanzare. In passato il compagno XX aveva lanciato lo slogan
“attaccare su tutto il fronte”. Esso è stato cambiato in “difenderci su tutto il fronte”.
Strategicamente tutti e due gli slogan erano sbagliati. Lo slogan “non un centimetro
del territorio della zona sovietica deve essere perduto” politicamente era uno
slogan giusto. Ma applicarlo meccanicamente alle operazioni militari e in
particolare nella strategia è stato un errore totale: è semplicemente servito di
copertura per la linea di difesa pura.

6. Per conseguire una vittoria decisiva è assolutamente necessario concentrare
forze superiori a quelle del nemico e affrontare una battaglia decisiva. Nelle attuali
circostanze le forze del nemico sono molto superiori alle nostre. Esso spesso ci
attacca con forze numericamente più volte e anche più decine di volte superiori
alle nostre. Questo non ci deve far paura. Infatti il nemico combatte per linee
esterne. Strategicamente esso segue la linea di accerchiarci e di avanzare con
colonne separate per compiere un attacco concentrico. Questo ci permette di
distruggere le sue colonne una per volta. Pur combattendo strategicamente
all’interno delle nostre linee, noi abbiamo il vantaggio di batterci, in ogni singola
campagna, all’esterno delle nostre linee (o di una sezione delle nostre linee). Ciò
significa che noi possiamo usare una parte delle nostre forze per trattenere il
nemico in uno o più settori e poi concentrare la massima parte delle nostre forze
per accerchiarlo e distruggerlo in un settore preciso. In questo modo distruggiamo
le unità nemiche una per volta. Dato che ci battiamo all’interno delle nostre linee,
se vogliamo spezzare l’accerchiamento nemico non possiamo fare altro che
concentrare forze superiori per cercare di batterci all’esterno delle nostre linee e
125

Mao Tse-tung – OPERE

di riportare la vittoria in una singola campagna. Solo così facendo l’Esercito rosso
può mantenere sempre l’iniziativa, obbligare il nemico a restare in posizione
passiva e spezzare quindi definitivamente l’insieme del suo piano.

Invece i dirigenti sostenitori della linea di difesa pura hanno quasi sempre
disperso le nostre forze (in particolare il 1° e il 3° corpo d’armata) allo scopo di
resistere su tutte le direzioni all’avanzata del nemico. Il risultato di questa
dispersione è stata una costante passività da parte nostra. Le nostre unità erano
deboli in ogni punto e questo ha permesso al nemico di distruggerle una a una.
In molte singole campagne della quinta campagna di “accerchiamento e
annientamento” (per esempio quelle di Hsunkou, di Tuantsun, di Chienning e di
Wenfang) non siamo riusciti a riportare grandi vittorie perché non abbiamo
concentrato le nostre forze principali. I sostenitori della linea di difesa pura hanno
assegnato all’Esercito rosso un compito fondamentale: arrestare l’avanzata del
nemico su tutta la linea del fronte e distruggere parti delle forze nemiche con
attacchi rapidi e improvvisi. Il compito assegnato non era di prendere l’iniziativa
e di riportare vittorie in battaglie decisive. Il risultato è stato che noi abbiamo
annientato pochissimi soldati nemici e che la zona sovietica è stata occupata.

7. L’Esercito rosso degli operai e dei contadini è particolarmente qualificato a
distruggere il nemico in una guerra di movimento. All’inizio della quinta
campagna di “accerchiamento e annientamento” l’Internazionale comunista ci
aveva fatto notare (nel suo telegramma dell’ottobre del 1933): “Le nostre
operazioni non dovrebbero assumere la forma di una guerra di posizione, ma la
forma di guerra di movimento su ambedue i fianchi del nemico”. Ha ripetuto
questo punto nel suo telegramma del febbraio del 1934: “È evidente, in base
all’esperienza fatta in passato, che le nostre unità militari hanno ottenuto grandi
vittorie nella guerra di movimento, ma che non sono state in grado di vincere le
battaglie che hanno voluto ingaggiare a ogni costo nelle zone dove il nemico ha
costruito casematte”. Queste istruzioni dell’Internazionale sono perfettamente
giuste. Durante la quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”
caratterizzata dalla costruzione di casematte, c’era ancora la possibilità di fare una
guerra di movimento, sebbene ci fossero meno occasioni di farla su larga scala
che non nelle precedenti campagne di “accerchiamento e annientamento” in cui
il nemico seguiva la linea di penetrare in profondità nella zona sovietica. Ciò è
stato dimostrato varie volte (cioè nelle battaglie di Hsunkou, di Tuantsun, di
Chiangchuntien, di Chienning, di Hufang e di Wenfang e specialmente all’epoca
dell’ammutinamento della 19a armata7). Ma nella quinta campagna di
“accerchiamento e annientamento”, a causa della linea di difesa pura e della paura
delle casematte e a causa della teoria degli attacchi rapidi e improvvisi elaborata
dal compagno Hua Fu8, siamo passati da una guerra di movimento a una guerra
di posizione, che si è rivelata favorevole solo al nemico e gravemente nefasta per
l’Esercito rosso degli operai e dei contadini.
126

Risoluzione della conferenza di Tsunyi

Un attacco diretto e frontale alle casematte del nemico, nelle attuali condizioni
tecnologiche, va evitato. Esse devono essere attaccate soltanto quando sono mal
costruite o sono isolate, o quando vogliamo infliggere perdite ai rinforzi del
nemico o alle sue unità in marcia. Durante la quinta campagna di “accerchiamento
e annientamento”, abbiamo invece lanciato spesso con leggerezza attacchi in
forze contro le casematte senza alcun successo. Questo ci sorprende molto poco
perché la guerra è stata trattata come un gioco.

La sottovalutazione delle possibilità della guerra di movimento nella quinta
campagna di “accerchiamento e annientamento” ha prodotto una rottura totale tra
questa e le quattro campagne di “accerchiamento e annientamento” che l’avevano
preceduta. Di conseguenza la passata esperienza di guerra di movimento è stata
completamente abbandonata, si è rinnegata completamente la strategia consistente
nel provocare il nemico ad avanzare per annientarlo e le giuste direttive
dell’Internazionale comunista sono state di fatto respinte. Per gli ideatori della
linea di difesa pura e degli attacchi rapidi e improvvisi tutto questo era
perfettamente logico e naturale.

8. Sopravvalutare l’importanza delle casematte del nemico e sottovalutare
quella della guerra di movimento hanno portato alla teoria che la vittoria non
poteva venire che dalle tattiche di combattimento. Secondo questa teoria solo le
vittorie tattiche si potevano trasformare in vittorie nelle campagne militari e queste
a loro volta potevano determinare cambiamenti a nostro favore sul piano
strategico (vedasi l’articolo del compagno Hua Fu e la lettera dei compagni XX
e XXX al compagno Lin Piao e al compagno Peng Teh-huai). “Data la presenza
delle casematte, ci possono essere soltanto molte vittorie minori, non grandi
vittorie entusiasmanti” (vedasi l’intervento del compagno XX a una riunione
dell’ufficio politico e l’articolo del compagno XX su Stella rossa). Si pensava che
la difesa opposta da forze divise e l’uso di attacchi rapidi e improvvisi erano la
sola risposta alle casematte. Tutte le teorie e le attuazioni pratiche di questa
strategia e di questa tattica opportuniste sono state un completo fallimento nel
corso della quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”. Non possiamo
negare che le casematte hanno creato difficoltà nuove da superare per
sconfiggere la quinta campagna di “accerchiamento e annientamento” del
nemico; tuttavia i sostenitori della linea di difesa pura in un primo momento
avevano sottovalutato con una vuota fraseologia “di sinistra” la strategia delle
casematte: vedasi l’articolo del compagno XX su Stella rossa. Noi non neghiamo
che, per distruggere le casematte ancora più solide che il nemico costruirà nel
futuro, l’Esercito rosso dovrà dotarsi di mezzi tecnici adeguati (aeroplani e
artiglieria) e, in particolare, che dovremo preparare ammutinamenti di soldati
nemici di origine operaia e contadina stazionati nelle casematte. Ma anche nelle
attuali condizioni la strategia delle casematte può essere sconfitta. Essa stanca le
unità del nemico, disperde le sue forze e porta i soldati nemici a dipendere dalle
casematte e a perdere ogni fiducia nella vittoria una volta che si trovano fuori dalle
127

Mao Tse-tung – OPERE

casematte. D’altra parte il nemico deve uscire dalle casematte quando avanza
verso di noi né può costruire casematte in tutto il paese per limitare le nostre
operazioni. Tutte queste sono condizioni favorevoli alla sconfitta della strategia
delle casematte. Quindi i nostri mezzi per sconfiggerla restano la guerra di
movimento, lo sviluppo della guerriglia intorno alle casematte per sostenere le
operazioni dell’Esercito rosso e il lavoro di penetrazione dei nostri agitatori negli
eserciti bianchi. La sconfitta della strategia delle casematte con la guerra di
movimento avviene più o meno in questo modo: nella zona delle casematte
elimini un gran numero di nemici mentre stanno avanzando; al di fuori di questa
zona, spostando le operazioni dell’Esercito rosso nelle vaste aree sprovviste di
casematte, fai sì che il nemico abbandoni le sue casematte e si impegni in una
guerra di movimento. Applicando in modo flessibile, creativo e imprevedibile i
principi strategici e tattici della guerra di movimento, sicuramente possiamo
sconfiggere la strategia delle casematte. Ma solo principi strategici giusti possono
determinare una giusta direzione delle campagne militari e un giusto impiego
delle tattiche di combattimento per sconfiggere la strategia delle casematte e
spezzare la campagna di “accerchiamento e annientamento”. La difesa pura, gli
attacchi rapidi e improvvisi, la linea secondo la quale la vittoria dipende solo dalle
tattiche di combattimento e non da una direzione giusta della strategia e delle
campagne sono di fatto una capitolazione di fronte alla strategia delle casematte.
In definitiva questa linea non può sconfiggere la strategia delle casematte.

9. I sostenitori della linea di difesa pura hanno fatto un’analisi sbagliata anche
dei problemi della guerra di lunga durata e della guerra lampo. Bisogna rendersi
conto che la guerra civile in Cina non è una guerra breve, ma una guerra lunga
e protratta nel tempo. La nostra rivoluzione nelle aree sovietiche si è sempre
sviluppata e consolidata sconfiggendo le campagne di “accerchiamento e
annientamento” lanciate dal nemico. Quindi, in condizioni favorevoli dobbiamo
assolutamente passare dalla difesa al contrattacco e all’offensiva in modo da
annientare il nemico e spezzare le sue campagne di “accerchiamento e annientamento”
(come abbiamo fatto nelle prime quattro campagne e nella quinta
campagna prima della battaglia di Kuangchang). In condizioni sfavorevoli
possiamo, per conservare le nostre forze vitali, ritirarci temporaneamente, per
passare al contrattacco e all’offensiva quando si presentano di nuovo condizioni
favorevoli (come, per esempio, nella quinta campagna di “accerchiamento e
annientamento”, dopo la battaglia di Kuangchang). Questo è il primo principio
basilare.
Nello stesso tempo dobbiamo avere la padronanza di un altro principio. In una
guerra di lunga durata, dobbiamo fare del nostro meglio per concludere
rapidamente ogni campagna di “accerchiamento e annientamento” e ogni singola
campagna militare. Con la disparità che attualmente esiste fra la forza militare del
nemico e la nostra, è enormemente dannoso per noi adottare, di fronte a una
campagna di “accerchiamento e annientamento” e in ogni singola campagna

128

Risoluzione della conferenza di Tsunyi

militare, il principio della guerra prolungata. Quando il nemico fa ricorso a questo
principio (come per esempio nella quinta campagna di “accerchiamento e
annientamento”), dobbiamo adottare una giusta strategia per rovesciare il suo
piano. Dobbiamo riportare una vittoria decisiva e spezzare la sua campagna di
“accerchiamento e annientamento” in un periodo abbastanza breve per poter
sostenere lo sforzo della guerra. Competere col Kuomintang sul piano della
quantità di uomini, di materiali, di rifornimento di munizioni (cioè nella cosiddetta
guerra di logoramento: vedi l’articolo del compagno XX su Stella rossa), vuol dire
capire in modo fondamentalmente sbagliato la guerra di lunga durata. Attualmente
siamo svantaggiati sotto tutti questi punti di vista, quindi il confronto
quantitativo può condurci solo a una conclusione negativa: non abbiamo alcuna
possibilità di vincere una guerra di lunga durata. Proprio perché invece noi
vogliamo portare avanti una guerra civile di lunga durata e perché nello stesso tempo
abbiamo bisogno di una veloce conclusione di ogni campagna di “accerchiamento
e annientamento” e di ogni singola campagna militare, dobbiamo formulare
attentamente i nostri piani strategici e i piani delle singole campagne. La strategia di
difesa pura adottata nella quinta campagna di “accerchiamento e annientamento” è
stata fondamentalmente sbagliata. A causa di questa strategia sbagliata abbiamo
commesso l’errore di impegnarci in molte battaglie disperate (per esempio, le
battaglie di Maotingsan, di Sanhsifang, di Pingliao e di Kuangchang). L’Esercito rosso
doveva assolutamente evitare tutte queste battaglie che non era affatto sicuro di
vincere. Anche se la decisione di dare battaglia è giusta nel momento in cui la si
prende, dobbiamo immediatamente abbandonare la battaglia se la situazione
cambia a nostro danno. Se è una colpa gravissima trattare un’insurrezione come un
gioco, tanto più lo è trattare una guerra come un gioco.

Proprio perché noi vogliamo portare avanti una guerra di lunga durata e
dobbiamo concludere ogni campagna con battaglie brevi ma decisive, dobbiamo
dare all’Esercito rosso il necessario periodo di riposo, di formazione e di
addestramento. Questa è una condizione assolutamente necessaria per vincere la
guerra. È stato detto che nella quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”
non avevamo la possibilità di avere dei periodi di riposo e di addestramento,
ma ciò è sbagliato: quella era la conclusione inevitabile dei sostenitori
della linea di difesa pura e degli attacchi rapidi e improvvisi. Altrettanto sbagliato
è pensare che per rendere l’Esercito rosso più attivo bisogna farlo combattere in
continuazione trascurando il suo riposo e il suo addestramento. Nessuna unità
militare può combattere bene senza i necessari periodi di riposo e di addestramento.
Bisogna organizzare l’Esercito rosso in conformità alle attuali condizioni della
guerra civile cinese. È stato sbagliato creare un gran numero di nuove divisioni
e di nuovi reggimenti senza aver anzitutto rafforzato le nostre forze principali.
Bisogna organizzare nuove unità solo dopo aver completato i ranghi delle unità
principali. È stato sbagliato anche ordinare alle nuove divisioni, prive di
addestramento e di esperienza, di combattere da sole. La spina dorsale delle
nuove divisioni e dei nuovi reggimenti doveva essere costituita da veterani. Si

129

Mao Tse-tung – OPERE

doveva fare il possibile perché, subito dopo la loro costituzione, le nuove
formazioni facessero esperienza di combattimento sotto la guida delle vecchie
formazioni. È stato un errore anche creare strutture organizzative complesse e
adottare un equipaggiamento pesante e ingombrante. Nei limiti del possibile i
soldati dovevano avere un equipaggiamento leggero. Bisognava rafforzare le
compagnie, le sezioni e la direzione delle unità di livello inferiore alla divisione.

Proprio perché noi vogliamo portare avanti una guerra di lunga durata e
dobbiamo concludere ogni campagna con battaglie brevi ma decisive, dobbiamo
opporci alla teoria che contrappone la conservazione delle nostre forze di
combattimento alla conservazione della zona sovietica. Affinché le battaglie siano
vittoriose, l’Esercito rosso deve fare i necessari eroici sacrifici. Questa è la
caratteristica delle forze armate della nostra classe; questa è la base delle nostre
vittorie rivoluzionarie. I sacrifici sono il prezzo da pagare per la vittoria; le vittorie
sono la contropartita dei sacrifici. Ma questo non giustifica battaglie ingaggiate a
ogni costo, alla disperata, senza contropartite. Dobbiamo sapere che soltanto
conservando le nostre forze di combattimento, noi possiamo conservare veramente
la zona sovietica. La zona sovietica non può esistere senza un forte Esercito
rosso. Con un forte Esercito rosso la parte del territorio della zona sovietica
temporaneamente perduta, potrà essere recuperata. Inoltre non possiamo creare
nuove zone sovietiche se non possiamo contare sull’Esercito rosso.

In base al principio della guerra di lunga durata, una volta che il nostro
contrattacco ha sconfitto una campagna di “accerchiamento e annientamento” del
nemico, dobbiamo combattere due possibili tendenze sbagliate. La prima è il
conservatorismo che scaturisce dal senso di stanchezza e dalla sopravvalutazione
della forza del nemico. Esso ci induce alla rilassatezza, alla passività e all’inerzia.
Ci rende incapaci di passare dal contrattacco all’offensiva per eliminare un
maggior numero di nemici, espandere ulteriormente la zona sovietica e ampliare
l’Esercito rosso. Ci impedisce di creare le condizioni sufficienti per la sconfitta
della successiva campagna di “accerchiamento e annientamento” ancora prima
che essa venga lanciata. La seconda è l’avventurismo che deriva da un’eccessiva
fiducia nelle nostre possibilità di vittoria e da una sottovalutazione della forza del
nemico. Questo ci induce a lanciare attacchi anche quando non c’è alcuna
speranza di vittoria (per esempio, gli attacchi lanciati contro le grandi città senza
essere sicuri di vincere e senza necessità). Può perfino condurre all’annullamento
di vittorie già riportate nei contrattacchi. Può anche provocare eccessive perdite
umane nell’Esercito rosso e far trascurare il compito di espandere l’Esercito rosso
e i territori della zona sovietica e lo sviluppo e il consolidamento delle aree
strategiche. Come il conservatorismo, anche l’avventurismo ci impedisce di creare
le premesse per la sconfitta della successiva campagna di “accerchiamento e
annientamento” ancora prima che essa venga lanciata. Perciò il partito deve
contrastare con la massima cura queste due tendenze riguardanti la strategia
dell’offensiva fra due successive campagne di “accerchiamento e annientamento”.

In base al principio di concludere ogni campagna con battaglie brevi ma

130

Risoluzione della conferenza di Tsunyi

decisive, dobbiamo evitare di affrontare battaglie col nemico spinti dal panico,
non dobbiamo commettere imprudenze quando lanciamo le prime battaglie del
nostro piano strategico. Se lanciamo un attacco a sorpresa e questo fallisce, non
dobbiamo pensare che non c’è più niente da fare. Non ci è permesso di prendere
a pretesto il fatto che le battaglie devono essere brevi ma decisive per evitare
preparativi minuziosi. In altre parole, dobbiamo opporci a tutte le tendenze
opportuniste che ci impediscono di fare i preparativi necessari per dispiegare il
più a lungo possibile i nostri sforzi contro le campagne di “accerchiamento e
annientamento” del nemico. Per annientare le truppe nemiche con battaglie
brevi ma decisive bisogna aver riunito tutte le condizioni necessarie (strategia
superiore, giusta direzione delle campagne, sfruttamento di ogni occasione di
una guerra di movimento, concentrazione delle truppe, ecc.). Soltanto annientando
le truppe nemiche si può portare a termine rapidamente una battaglia decisiva
e sconfiggere così l’offensiva e la campagna di “accerchiamento e annientamento”
del nemico.

10. Una delle importanti strategie per sconfiggere le campagne di
“accerchiamento e annientamento” del nemico consiste nello sfruttare ogni
conflitto fra i reazionari e nell’operare attivamente per allargare le fratture fra di
loro, onde poter più facilmente passare al contrattacco e all’offensiva. Il punto
cruciale per sconfiggere la quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”
del nemico poteva essere l’ammutinamento della 19a armata nel Fukien. Il Centro
del partito adottò allora la giusta linea politica di sfruttare questa contraddizione
interna del Kuomintang. Esso concluse una tregua con la l9a armata esortandola
a opporsi all’imperialismo giapponese e a Chiang Kai-shek. Ma in quella fase il
compagno XX e altri dirigenti hanno sostenuto la linea strategica opposta,
giustificandola con vuote parole “di sinistra”. Non hanno assolutamente capito
che utilizzare l’ammutinamento della 19a armata era politicamente e militarmente
una delle mosse chiave per sconfiggere la quinta campagna di “accerchiamento
e annientamento”. Essi pensavano che continuare le azioni dell’Esercito rosso sul
fronte orientale contro i fianchi e le retrovie delle truppe di Chiang Kai-shek che
stavano attaccando la 19a armata significasse aiutare quest’ultima. Perciò hanno
trasferito le forze principali dell’Esercito rosso a ovest attaccando le casematte
della regione di Yungfeng senza alcun risultato. Così abbiamo perso un’occasione
d’oro perché essi non si sono resi conto che l’esistenza del “governo popolare”
creato dalla 19a armata era preziosa per noi. Sul piano militare, lanciare un attacco
a sorpresa contro i fianchi e le retrovie di Chiang Kai-shek coordinandosi con la
l9a armata significava combattere nel nostro interesse per la sconfitta della quinta
campagna di “accerchiamento e annientamento”. Questo non voleva dire che la
l9a armata fosse un esercito rivoluzionario. No, era semplicemente una cricca tra
tra le altre all’interno del campo della controrivoluzione. Questa cricca cercava
di conservare il regime dei proprietari terrieri e dei capitalisti usando il peggior
tipo di inganno e una propaganda menzognera facendo perfino uso di termini
131

Mao Tse-tung – OPERE

come socialismo. Però solo se con la nostra azione avessimo dimostrato alle masse
di operai, di contadini e di soldati cadute sotto l’influenza della 19a armata che noi
avremmo aiutato qualunque fazione nella sua lotta contro il Giappone e contro
Chiang Kai-shek, avremmo potuto mettere più facilmente in evidenza l’inganno dei
signori della guerra della 19a armata e convincere le masse a unirsi a noi nella lotta
contro il Giappone e contro Chiang Kai-shek. Soltanto se ci fossimo coordinati
militarmente con la 19a armata avremmo potuto cogliere l’occasione d’oro di
distruggere le forze principali di Chiang Kai-shek. In nessuna delle campagne
precedenti si erano verificate condizioni così favorevoli. Il fatto che non siano state
sfruttate militarmente da parte dei sostenitori della linea di difesa pura, non ci
sorprende. Essi non hanno mai avuto altro obiettivo che non fosse arrestare
l’avanzata del nemico. Secondo loro sarebbe stata un’azione avventurista per noi
sfruttare le contraddizioni interne del nemico per passare al contrattacco e
all’offensiva.

11. Errori di principio sono stati commessi anche al momento di cambiare la nostra
strategia e di rompere l’assedio. Bisogna prima di tutto rilevare che quando fu chiaro
che continuando i combattimenti per linee interne nella zona sovietica centrale
avevamo soltanto poche speranze di vittoria e, alla fine, nessuna (tra il maggio e il
luglio del 1934, cioè dopo la battaglia di Kuangchang), avremmo dovuto cambiare
senza indugi la nostra strategia e indirizzarla in funzione di una ritirata strategica per
conservare le forze principali dell’Esercito rosso. Avremmo dovuto dirigerci verso
zone prive di casematte e cercare nuove occasioni per passare al contrattacco,
sconfiggere la campagna di “accerchiamento e annientamento” e creare nuove zone
sovietiche per conservare così anche le vecchie. Il telegramma dell’Internazionale
comunista del 25 giugno dava la seguente direttiva: “Le possibilità di mobilitare
nuove forze armate non sono ancora esaurite nella zona sovietica centrale. La
capacità di resistenza delle unità dell’Esercito rosso e le condizioni delle nostre
retrovie non giustificano il panico. Quanto al ritiro delle forze principali dell’Esercito
rosso dalla zona sovietica centrale, il suo solo scopo è quello di conservare le sue
forze principali ed eludere eventuali colpi del nemico. Conformemente alle
risoluzioni del dodicesimo Congresso e della quinta assemblea plenaria dell’Internazionale
comunista9 riguardanti le prospettive della nostra lotta, l’attuale situazione
internazionale e la tattica flessibile dell’Esercito rosso, bisogna dare la priorità alla
conservazione delle nostre forze principali, al nostro consolidamento e alla nostra
espansione, in attesa dell’occasione favorevole per un’offensiva su larga scala contro
l’imperialismo e il Kuomintang”.
In quel momento cruciale i nostri principi strategici erano chiaramente sbagliati.
Nel Piano strategico per i mesi maggio-luglio del 1934 la questione della ritirata
non veniva nemmeno menzionata. Nel Piano strategico per i mesi agosto-ottobre
del 1934 questa questione era posta e allora si iniziarono anche i preparativi diretti
per la ritirata dalla zona sovietica centrale, ma i principi basilari di questo nuovo
piano erano diametralmente opposti all’indirizzo strategico che avremmo dovuto

132

Risoluzione della conferenza di Tsunyi

adottare. Il secondo articolo della prima parte del nuovo piano affermava:
“Impiegare tutte le forze per continuare a difendere la zona sovietica centrale al
fine di ottenere grandi vittorie in battaglia. Incrementare la guerriglia e rafforzare
le operazioni secondarie per conseguire un mutamento della situazione strategica”.
Veniva completamente tralasciata la questione di conservare le nostre forze
principali, mentre la conservazione delle nostre forze principali era proprio la
base dell’indirizzo strategico che determinava la decisione di ritirarci dalla zona
sovietica centrale. Questo errore nella scelta del momento dell’operazione,
aggiungendosi all’eccessiva importanza data alla guerra di posizione, ha provocato
gravi perdite all’Esercito rosso. L’atteggiamento contraddittorio di prepararsi
per la ritirata da un lato e di continuare a difendere la zona sovietica centrale con
tutta la nostra forza dall’altro, ha messo in evidenza il panico in cui, di fronte a
una svolta cruciale, i sostenitori della linea di difesa pura erano caduti.

Ciò che è ancora più importante è che nella mente del compagno Hua Fu
rompere l’assedio era essenzialmente una fuga in preda al panico, una specie di
operazione di trasloco, non una risoluta operazione di combattimento. Proprio a
causa di ciò non solo non ci si è preoccupati di spiegare questo grave
cambiamento ai quadri e agli ufficiali dell’Esercito rosso in conformità con le
istruzioni dell’Internazionale comunista, ma il problema non fu posto nemmeno
nelle riunioni dell’ufficio politico. Così l’obiettivo politico dell’azione di diversi
milioni di persone veniva considerato come una questione priva di importanza.
Le forze principali dell’Esercito rosso non hanno potuto riposarsi, riorganizzarsi
e venire addestrate prima di essere trasferite dalla zona sovietica alle zone bianche
e prima di passare dalla guerra di posizione alla guerra di movimento. L’Esercito
rosso ha fatto tutto in fretta e furia. Perché doveva evacuare il territorio della zona
sovietica centrale? Quali erano i suoi compiti immediati? Dove stava andando? I
problemi fondamentali riguardanti i compiti e i metodi vennero sempre tenuti
segreti. Questo è il motivo per cui fu impossibile mobilitare l’entusiasmo e il
dinamismo dei combattenti dell’Esercito rosso sia sul piano politico sia sul piano
militare. Questo non può che essere un grave errore. C’erano anche le elefantiache
colonne della commissione militare e le organizzazioni dell’intendenza di ogni
corpo d’armata ad aumentare le difficoltà logistiche e operative e a trasformare
tutte le unità di combattimento in truppe di copertura. La lentezza con cui queste
si muovevano ha impedito all’Esercito rosso di raggiungere la destinazione
prefissata. Non si è tenuto conto che la svolta strategica compiuta dall’Esercito
rosso sarebbe stata contrastata dalla seria opposizione del nemico e che,
spostandosi su una lunga distanza, l’Esercito rosso avrebbe dovuto combattere
duramente contro le forze d’intercettazione e d’inseguimento nemiche prima di
arrivare a destinazione.

Tutti questi errori militari, politici e organizzativi, specialmente l’uso di un
indirizzo strategico che non si basava sul principio di cercare di combattere
battaglie decisive col nemico in condizioni a noi favorevoli, ci ha quasi sempre
messo in una posizione passiva, sottoposti costantemente all’attacco nemico e

133

Mao Tse-tung – OPERE

incapaci di infliggergli colpi efficaci. Di conseguenza le battaglie in cui ci siamo
impegnati per tre mesi per aprirci un varco nell’assedio sono state quasi sempre
operazioni di copertura, mai attacchi attivi e senza restrizioni. In tal modo, benché
la frase fatta bei zhan (prepararsi alla battaglia) fosse sempre sulle labbra di tutti,
a parte le azioni di copertura la realtà era sempre bi zhan (evitare le battaglie).
L’Esercito rosso si stancò e si demoralizzò perché non aveva nessun momento di
riposo. La diminuzione dei suoi effettivi raggiunse un livello senza precedenti. Il
corretto slogan “contrattacco”, per il compagno XX divenne una mimetizzazione
del principio di evitar battaglie; non ci sono stati affatto preparativi per riportare
vittorie con contrattacchi lanciati in condizioni favorevoli.

A causa di tutto ciò non siamo riusciti a raggiungere il nostro obiettivo
fondamentale: costringere con una svolta strategica dell’Esercito rosso il nemico
a modificare l’assieme del suo piano offensivo contro la zona sovietica centrale
in modo da proteggere la zona sovietica centrale, spezzare la quinta campagna
di “accerchiamento e annientamento ” e stabilire una base d’appoggio nello
Hunan. Il nostro insuccesso è stato la conseguenza inevitabile del principio
strategico di base adottato consistente nell’evitare battaglie. Il principio di evitare
battaglie nasceva dalla concezione sbagliata secondo cui l’Esercito rosso doveva
prima raggiungere la sua destinazione (lo Hunan occidentale) e lasciarvi le sue
salmerie e solo dopo lanciare un contrattacco per distruggere il nemico: non
poteva fare altrimenti. L’Esercito rosso non ha osato attaccare i nemici che lo
inseguivano (per esempio, le colonne comandate da Chou Hun-yuan e da Hsueh
Yueh) nemmeno quando essi erano stanchi e divisi. Questa concezione sbagliata
derivava dalla mancanza di comprensione delle circostanze del momento che non
ci permettevano di agire in modo tanto semplice, facile e lineare. Derivava anche
da una sopravvalutazione delle forze dei nemici che ci inseguivano. Un metodo
così semplice, facile e lineare poteva andare bene per un piccolo contingente che
si fosse dovuto trasferire a breve distanza e che operasse in condizioni meno
difficili. Non c’era alcuna possibilità che funzionasse nelle condizioni della quinta
campagna di “accerchiamento e annientamento”, in cui l’Esercito rosso doveva
compiere uno spostamento strategico di diverse migliaia di li. Se dovevamo
evitare battaglie non necessarie in condizioni in cui non potevamo vincere, non
dovevamo però evitare battaglie necessarie contro nemici vulnerabili. Noi non
siamo riusciti a raggiungere i nostri obiettivi in questa operazione di sfondamento
proprio per questa ragione di voler indiscriminatamente evitare ogni battaglia.
Questo errore di principio è continuato proprio fino all’ultima fase delle
operazioni di sfondamento. Quando l’Esercito rosso ha raggiunto il confine fra lo
Hunan e il Kweichow, gli è stato meccanicamente ordinato di avanzare verso le
zone controllate dal 2° e dal 6° corpo d’armata nonostante le condizioni
sfavorevoli. Non si è affatto capito che le nostre azioni e i nostri principi dovevano
essere adattati alle circostanze che erano già cambiate. Quando l’Esercito rosso
è arrivato al fiume Wu non si è nemmeno pensato che, data la nuova situazione,
occorreva assegnargli il compito di lanciare nella zona di confine tra lo Szechwan

134

Risoluzione della conferenza di Tsunyi

e il Kweichow un contrattacco per annientare le truppe di Chiang Kai-shek che
lo inseguivano. L’unico compito assegnato è stato di distruggere piccoli gruppi
dell’esercito del Kweichow e i cosiddetti banditi. Anche se gli ultimi due errori
sono stati corretti in seguito alla protesta della maggioranza dell’ufficio politico,
essi hanno mostrato chiaramente la logica opportunista del compagno Hua Fu e
di altri in campo strategico.

La politica di difesa pura lasciava aperte solo due possibilità: o sfidare la morte
a ogni costo o fuggire a più non posso. Non lasciava altra alternativa.

12. La conferenza allargata dell’ufficio politico ritiene, sulla base di tutta
l’esperienza esaminata, che il nostro fallimento nello sconfiggere la quinta
campagna di “accerchiamento e annientamento” è stato causato principalmente
dalla linea di difesa pura. Tutti gli sforzi di usare la linea corretta del partito per
difendere la linea sbagliata del comando militare (per esempio, il rapporto del
compagno XX e la dichiarazione del compagno Hua Fu) sono inutili.
La conferenza allargata dell’ufficio politico considera la linea militare di difesa
pura come una manifestazione concreta di opportunismo di destra. Essa trae
origine da una sopravvalutazione della forza del nemico, da una sopravvalutazione
delle difficoltà oggettive e in particolare di quelle della guerra di lunga durata e
dell’impiego delle casematte, da una sottovalutazione delle nostre forze soggettive,
particolarmente di quelle dell’Esercito rosso e dall’incapacità di capire le
caratteristiche della guerra rivoluzionaria cinese. Perciò la conferenza allargata
dell’ufficio politico considera la lotta contro la linea militare di difesa pura come
una lotta contro l’opportunismo di destra nella forma in cui realmente si manifesta
ora all’interno del partito. Questa lotta deve essere sviluppata e approfondita in
tutto il partito. Ogni tentativo di trasformarla in dispute personali senza porre le
questioni di principio sarà represso severamente.

13. Inoltre la conferenza allargata dell’ufficio politico ritiene che i metodi di
direzione del compagno XX e specialmente quelli del compagno Hua Fu sono
stati pessimi. Il compagno Hua Fu ha monopolizzato tutto il lavoro della
commissione militare, in tal modo abolendo completamente la direzione collettiva
della commissione. Le punizioni sono state usate in larga misura mentre non
vi era più posto per l’autocritica. Ogni opinione diversa su faccende militari non
soltanto non veniva ascoltata, ma era anche repressa in tutti i modi possibili. Così
sono state soffocate l’autonomia e la creatività degli ufficiali comandanti di rango
inferiore. Prendendo a pretesto i cambiamenti di strategia e di tattica, molte
esperienze preziose delle passate guerre rivoluzionarie sono state etichettate
come “mentalità da partigiano” e non sono state prese in considerazione. La
maggioranza della commissione militare ha più di una volta esposto punti di vista
giusti e molte volte ha discusso con forza, ma non è riuscita ad avere alcuna
influenza sui compagni Hua Fu e XX. Tutto ciò ha creato nella commissione
militare una situazione anomala.
135

Mao Tse-tung – OPERE

L’ufficio politico ritiene inoltre che nel passato esso e la segreteria hanno mal
diretto la commissione militare. La loro attenzione si era concentrata soprattutto
sull’ampliamento dell’Esercito rosso e sul rifornimento materiale delle truppe. Di
conseguenza in questi campi si sono ottenuti notevoli risultati. Essi hanno prestato
invece scarsa attenzione alla strategia e alla tattica che sono state lasciate nelle
mani di un piccolo gruppo di compagni, primi fra tutti i compagni XX e Hua Fu.
Non era chiaro che l’esito della guerra era determinato dalla soluzione data ai
problemi relativi al comando e che gli errori in questo campo potevano rendere
vano tutto il buon lavoro compiuto nelle retrovie. L’ufficio politico ammette i suoi
errori in questo campo. Una responsabilità ancora maggiore spetta però a tutti i
compagni della segreteria, perché la segreteria ha approvato alcune decisioni
importanti e alcuni piani strategici.

La conferenza allargata dell’ufficio politico indica in particolare i gravi errori
commessi dal compagno XX in questo campo. Egli rappresentava il Comitato
centrale nella commissione militare. Egli non ha corretto in tempo utile né i
riconosciuti errori di linea commessi dal compagno Hua Fu nella conduzione della
guerra né le irregolarità constatate in seno alla commissione militare. Al contrario
egli ha incoraggiato e sostenuto attivamente questi errori. La conferenza allargata
dell’ufficio politico ritiene che il compagno XX è il principale responsabile.
Tuttavia, nelle conclusioni del suo rapporto, il compagno XX non ha accettato la
critica della stragrande maggioranza dei compagni né ha ammesso i suoi errori.

Bisogna rilevare che gli errori del compagno XX non costituiscono una linea
politica generale sbagliata: essi sono errori politici gravi ma parziali. Se però questi
errori persisteranno e si svilupperanno, essi si trasformeranno necessariamente in
una linea politica generale sbagliata.

Al fine di rompere l’accerchiamento del nemico e di creare nuove zone
sovietiche, la conferenza allargata dell’ufficio politico ritiene necessario correggere
completamente gli errori fatti dal vecchio comando militare e riformare il
metodo di direzione della commissione militare.

14. Infine, la conferenza allargata dell’ufficio politico ritiene che, nonostante gli
errori commessi dal nostro comando militare che ci hanno impedito di sconfiggere
la quinta campagna di “accerchiamento e annientamento” nella zona
sovietica centrale e che hanno costretto l’Esercito rosso a ritirarsi da quella zona
e a subire perdite parziali, restano ancora le forze principali del nostro eroico
Esercito rosso. Abbiamo ancora le nostre eccellenti relazioni con le masse.
Abbiamo ancora la giusta direzione del Partito comunista cinese. Occupiamo
delle zone relativamente buone, sia dal punto di vista geografico che materiale.
Godiamo dell’appoggio delle vaste masse di tutta la nazione e dell’aiuto della 4a
armata e del 2° e del 6° corpo d’armata dell’Esercito rosso.
Se a tutto ciò aggiungiamo una linea di comando giusta, noi siamo convinti che
grazie agli sforzi di tutti noi compagni e dei nostri ufficiali comandanti le difficoltà
in cui ci troviamo possono essere superate. Inoltre le difficoltà nel nemico sono

136

Risoluzione della conferenza di Tsunyi

notevolmente aumentate. Le nostre attività si svolgono ora in una zona più lontana
dalla base controrivoluzionaria di Nanchino. Chiang Kai-shek non può più fare
affidamento sulle zone fortificate la cui costruzione gli è costata degli anni. Le
contraddizioni e i contrasti fra i signori della guerra si sono approfonditi. Le forze
principali del nostro maggior nemico, Chiang Kai-shek, sono state indebolite nel
corso della quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”. In particolare,
la politica degli imperialisti di smembrare la Cina, la politica del Kuomintang
di svendere il nostro paese e il fallimento senza precedenti dell’economia
nazionale hanno mostrato chiaramente alle masse di tutto il paese che il
movimento sovietico è la sola via di salvezza per la Cina. Perciò il movimento
rivoluzionario sovietico riscuote più simpatia fra il popolo, che lo sostiene più di
prima. Esso lotta anche direttamente per il movimento rivoluzionario sovietico.

Queste sono condizioni favorevoli per sconfiggere le nuove campagne di
“accerchiamento e annientamento”, creare nuove zone sovietiche e sviluppare un
movimento sovietico in tutto il paese.

Bisogna sottolineare che ora la situazione pone dei seri compiti al Partito comunista
cinese e all’Esercito rosso. Infatti gli imperialisti e i signori della guerra controrivoluzionari
del Kuomintang non ci daranno mai tregua e noi siamo minacciati da una nuova
campagna di “accerchiamento e annientamento”. L’Esercito rosso della zona
sovietica centrale è ora nello Yunnan e nel Kweichow, dove non ci sono zone
sovietiche. Dobbiamo quindi crearne una nuova. Possiamo ottenere dei successi
soltanto attraverso dure lotte. Nuove zone sovietiche non possono essere create
senza sanguinose battaglie. Il nostro problema principale adesso è come sconfiggere
sia le truppe nemiche dello Szechwan, dello Yunnan e del Kweichow, sia quelle di
Chiang Kai-shek. Per sconfiggerle, l’Esercito rosso deve diventare molto mobile. I
principi di base della guerra rivoluzionaria sono stati stabiliti: l’adempimento dei
compiti di combattimento dipende ora dalla loro applicazione creativa. L’abilità
dell’Esercito rosso nella guerra di movimento è stata considerevolmente ridotta dai
lunghi periodi di guerra di posizione della quinta campagna di “accerchiamento e
annientamento”, quindi attualmente gli ufficiali di ogni grado dell’Esercito rosso
devono impadronirsi bene delle tattiche della guerra di movimento. Il passaggio
risoluto e veloce dalle tattiche della guerra di posizione (sortite rapide e improvvise)
a quelle della guerra di movimento è perciò un compito importante. Ai combattenti,
specialmente a quelli nuovi, bisogna dare un adeguato addestramento tecnico. Il
lavoro politico deve essere conforme ai bisogni del nostro movimento nella fase
attuale, in modo da assicurare l’esecuzione di ogni compito di combattimento.
L’Esercito rosso ha anche bisogno di riposo e di riorganizzazione. Deve essere molto
ingrandito e deve rafforzare seriamente la sua disciplina. Deve fare in modo che le
sue relazioni con le masse operaie e contadine siano più strette; deve accelerare il
suo lavoro con gli abitanti del luogo. I soldati dell’Esercito rosso devono essere gli
agitatori e gli organizzatori del regime sovietico. L’attuale situazione richiede al
Partito comunista cinese e all’Esercito rosso di fare il massimo sforzo per risolvere
questi problemi fondamentali in modo concreto ed efficace.

137

Mao Tse-tung – OPERE

Si deve inaugurare e rafforzare il lavoro del partito nelle zone bianche e ci deve
essere un cambiamento radicale nel metodo di direzione delle lotte delle masse nelle
zone bianche. Va cominciato sul serio il lavoro di disgregazione delle unità militari
bianche. Uno dei principali compiti del partito è di promuovere la guerriglia. Nei
territori della zona sovietica centrale, dello Hunan-Kiangsi, dello Hunan-Hupeh-
Kiangsi e del Fukien-Chekiang-Kiangsi il partito deve prendere fermamente la
direzione della guerriglia e cambiare il vecchio stile di lavoro per adattarlo alla nuova
situazione. Infine affinché gli eserciti rossi dell’intero paese possano operare in modo
unificato e coordinato, dobbiamo stabilire più stretti contatti col 2° e col 6° corpo
d’armata e con la 4a armata e rafforzare la nostra direzione su di essi.

La conferenza allargata dell’ufficio politico è convinta che noi possiamo
realizzare i duri compiti che ora sono davanti a noi. Il loro adempimento è la
garanzia della nostra futura vittoria nella guerra rivoluzionaria. Questa vittoria
permetterà all’Esercito rosso centrale di creare una nuova base d’appoggio
sovietica nei vasti territori dello Yunnan, del Kweichow e del Szechwan, di
recuperare i territori sovietici perduti, di riunire in una sola entità gli eserciti rossi
e le zone sovietiche di tutto il paese. Essa trasformerà le lotte degli operai e dei
contadini di tutto il paese in una grande rivoluzione vittoriosa.

La conferenza allargata dell’ufficio politico è convinta che la rivoluzione sovietica
cinese, a causa delle sue profonde radici storiche, non può essere né sconfitta né
eliminata. La trasformazione delle regioni della zona sovietica centrale, dello Hunan-
Kiangsi, del Fukien-Chekiang-Kiangsi in zone di guerriglia è solo una sconfitta
parziale del movimento rivoluzionario sovietico nel suo insieme. Questa sconfitta
non deve farci perdere il nostro sangue freddo riguardo al progresso della
rivoluzione sovietica cinese. È difatti impossibile che gli imperialisti e il Kuomintang
arrestino anche solo temporaneamente lo sviluppo del movimento rivoluzionario
sovietico cinese. I successi del 2° e del 6° corpo d’armata e della 4a armata, l’attività
dell’Esercito rosso centrale nello Yunnan, nel Kweichow e nello Szechwan e le lotte
rivoluzionarie delle masse di operai e di contadini in tutto il paese dimostrano che
il movimento rivoluzionario sovietico cinese sta avanzando.

La conferenza allargata dell’ufficio politico sottolinea che gli errori fatti in
passato dal partito nel campo del comando militare costituiscono soltanto un
errore parziale rispetto alla linea generale del partito. Essi non giustificano alcun
pessimismo né alcuna disperazione. Il Partito comunista cinese ha coraggiosamente
esposto i propri errori. Questi gli sono serviti per imparare a condurre la
guerra rivoluzionaria più efficacemente verso la vittoria. Dopo la denuncia degli
errori il partito, invece di indebolirsi, si è in realtà rafforzato.

La conferenza allargata dell’ufficio politico lancia a tutti i compagni un appello
affinché si oppongano con determinazione bolscevica a tutte le tendenze
dell’opportunismo di destra, alle manifestazioni di panico e di pessimismo ad
esso connesse e in primo luogo alla linea di difesa pura. Essa chiama tutti i membri
del partito a unirsi come un sol uomo attorno al Centro del partito per lottare fino
alla fine per la sua linea generale. La vittoria è sicuramente nostra.

138

Risoluzione della conferenza di Tsunyi

NOTE

1.
Il compagno XX è probabilmente Po Ku. Po Ku era il nome di battaglia di Chin Panghsien
(1908-1946); questi era uno dei “28 bolscevichi” che, diretti da Wang Ming,
diressero il PCC dal 1931 al 1935. Po Ku in particolare fu segretario generale del PCC
dal 1932 fino alla Conferenza di Tsunyi. Dopo la sua destituzione, svolse altri importanti
ruoli nel PCC fino al 1946 quando morì nella caduta dell’aereo che riportava a Yenan
la delegazione del PCC che si era recata a Chungking a trattare con il Kuomintang.
2.
Il compagno XXX è probabilmente Chou En-lai.
3.
Riteniamo che l’uso, qui e nel resto del testo, dell’espressione “Centro del partito” in
luogo dell’espressione “Comitato centrale del Partito comunista cinese” attesti che nel
periodo in questione il PCC ebbe difficoltà ad attenersi letteralmente alle norme del
proprio statuto e che l’espressione “Centro del partito” si riferisca alla direzione di fatto
del partito.
4.
La strategia delle casematte consisteva nello spostare il fronte in avanti pochi chilometri
per volta fermandosi quindi a costruire sulla nuova linea casematte collegate tra loro
da strade carrozzabili. Promotori di questa linea adottata da Chiang Kai-shek nella
quinta campagna di “accerchiamento e annientamento” erano stati i generali tedeschi
che fungevano da consiglieri militari del Kuomintang.
5.
Per battaglie decisive qui e altrove si intendono battaglie che si concludono con
l’eliminazione di forze nemiche importanti, in contrapposizione alle scaramucce, alle
schermaglie, alle azioni di disturbo e di logoramento e alle battaglie che si concludono
con il ritiro del nemico.
6.
“Combattere per linee interne” significa combattere manovrando truppe e rifornimenti
dietro la linea iniziale del fronte, nel proprio territorio, occupando la posizione centrale
nel teatro di guerra; al contrario “combattere per linee esterne” significa combattere
manovrando truppe e rifornimenti al di là delle proprie posizioni iniziali, nel territorio
nemico, spostando il teatro di guerra oltre le proprie posizioni iniziali.
7.
Sull’ammutinamento della 19a armata del Kuomintang v. nota 10, pag. 169.
8.
Il compagno Hua Fu è probabilmente Otto Braun, consigliere militare inviato
dall’Internazionale comunista presso il PCC e la Repubblica sovietica cinese. Sembra
che egli abbia di fatto avuto la direzione militare dell’Esercito rosso della zona sovietica
centrale durante la quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”. Successivamente
partecipò alla Lunga Marcia e restò a Yenan fino al 1939.
9.
Non ci è stato possibile identificare i due avvenimenti (dodicesimo Congresso e quinta
assemblea plenaria) qui indicati. All’inizio del 1934 avevano avuto luogo il diciassettesimo
Congresso del Partito comunista dell’Unione sovietica e la tredicesima
assemblea plenaria del Comitato esecutivo dell’Internazionale comunista.
139

IL PASSO DI LOUSHAN

(febbraio 1935)

Sferza il vento dall’ovest
alta nel cielo l’anitra selvatica chiama nella gelida luna dell’alba.

Gelida la luna dell’alba
nitido il suono di zoccoli dei cavalli
smorzato il suono del corno.

Non dire che il passo è ostile come ferro
oggi stesso d’un balzo lo supereremo.
Al di là del passo
verdi le montagne come mare
come sangue il sole morente.

Questa poesia, scritta da Mao Tse-tung poco tempo dopo la sua nomina a presidente del
Comitato centrale del Partito comunista cinese nella conferenza di Tsunyi, è la prima che
egli dedica alla Lunga Marcia. Il passo di Loushan fu una delle tappe chiave della Lunga
Marcia: l’Esercito rosso vi sconfisse le truppe del Kuomintang eliminando nove reggimenti
nemici e aprendosi la strada verso lo Yunnan.

TRE POESIE DI SEDICI CARATTERI

(3 aprile 1935)

I
Montagne!
Con la frusta incito il cavallo, non scendo di sella.
Sbigottito sollevo la testa a tre piedi e tre sta il cielo.

II
Montagne!
Come mari e fiumi sconvolti da enormi onde arricciate.
Affannosamente fuggono, avanzano
come diecimila cavalli nella mischia di guerra.

III
Montagne!
Trafiggono il cielo turchino come lance non smussate.
Il cielo cadrebbe
se non ne sostenessero la volta.

Queste poesie furono scritte da Mao Tse-tung durante la Lunga Marcia. Le montagne
menzionate sono probabilmente quelle del territorio di confine tra lo Szechwan e il Tibet,
il “tetto del mondo”.

Mao Tse-tung accompagna la prima poesia con la seguente nota: “C’è una canzone
popolare che suona così: ‘In alto c’è il monte dello Scheletro/ in basso il monte del Tesoro/
il cielo dista tre piedi e tre./ Se passi a piedi abbassa la testa/ se sei a cavallo scendi di sella’”.

LA LUNGA MARCIA

(ottobre 1935)

L’Esercito rosso non teme le difficoltà della Lunga Marcia

diecimila fiumi e mille montagne: una cosa da nulla.

I Cinque Picchi si snodano come onde leggere

i monti Wu Meng rotolano come palle d’argilla.

Calde le scogliere avvolte dalle nubi e bagnate dal fiume Sabbie d’Oro

fredde le catene di ferro del ponte sul fiume Tatu.

Ancora più ci rallegrano i mille li nevosi dei monti Min

le Tre Armate li hanno superati e ogni volto si schiude al sorriso.

In questa poesia Mao Tse-tung rievoca alcune delle imprese compiute dall’Esercito rosso
durante la Lunga Marcia: catene montuose e fiumi superati. Particolarmente arduo fu il
superamento del fiume Tatu, le cui rive erano collegate solo da una passerella senza
sponde costituita di assi posate su catene di ferro fissate alle rocce delle due parti e oscillanti
al vento: le due sponde erano presidiate da guarnigioni del Kuomintang.

Con l’espressione “Tre Armate” anticamente in Cina si designavano gli eserciti imperiali,
gli unici legittimi: Mao Tse-tung la usa per onorare i protagonisti della Lunga Marcia.

IL MONTE LIUPAN

(ottobre 1935)

Alto il cielo, pallide le nuvole
a sud dilegua un volo di anitre selvatiche.
Se non giungiamo alla Grande Muraglia non siamo uomini
conto i mille e mille li già percorsi.

Alte sulla vetta del monte Liupan
bandiere rosse pigre ondeggiano nel vento dell’ovest.
Oggi abbiamo in mano la lunga corda
quando legheremo il Dragone Grigio?

Il monte Liupan si trova nella provincia del Kansu ed era l’ultimo ostacolo che separava
l’Esercito rosso dallo Shensi, la nuova base rivoluzionaria, meta della Lunga Marcia.

Dragone Grigio è il nome di una costellazione. Qui sta a indicare il Giappone, contro
la cui invasione alla conferenza di Tsunyi fu adottato il seguente slogan: “Andare al nord
per combattere i giapponesi”.

KUNLUN

(ottobre 1935)

Sorgi dalla terra nell’orizzonte spazioso grande Kunlun

testimone dei fatti più belli del mondo.

Volteggiano tre milioni di bianchi draghi di giada

l’intero cielo rabbrividisce di freddo pungente.

Nei giorni d’estate si gonfiano le tue acque

straripano fiumi e torrenti

gli uomini si mutano in tartarughe e pesci.

Mille autunni di meriti e colpe

chi mai ti può biasimare?

Ma oggi io dico al Kunlun:

non ti serve tanta altezza

non ti serve tanta neve.

Se al cielo potessi appoggiarmi e sguainare la spada

farei di te tre parti.

Una parte la manderei in Europa

una parte la donerei all’America

una parte resterebbe in Cina.

Gran pace sarebbe nel mondo

sulla terra caldo e freddo uguale per tutti.

Questa poesia fu composta da Mao Tse-tung verso la fine della Lunga Marcia.

Kunlun è il nome cinese della catena del Karacorum. Il riferimento ai tre milioni di
bianchi draghi di giada è spiegato dallo stesso Mao Tse-tung in una nota. “Per descrivere
la neve un poeta antico disse: ‘Quando tre milioni di bianchi draghi di giada si azzuffano,
le loro scaglie strappate riempiono il cielo’. Ho preso in prestito quest’immagine per
descrivere la tempesta di neve. D’estate, dall’alto del monte Min, si vede una distesa di
montagne tutte bianche che si perdono lontano, come se danzassero. La gente dice che
molti anni fa, quando passò di qui il Re Scimmia, erano tutte montagne di fuoco. Il Re
Scimmia allora fece vento con un ventaglio di foglie di palma e spense le fiamme: i monti
gelarono e divennero bianchi di neve”.

*SULLA TATTICA CONTRO
L’IMPERIALISMO GIAPPONESE

(27 dicembre 1935)

*Questo rapporto fu presentato dal compagno Mao Tse-tung alla Conferenza degli
attivisti del partito convocata a Wayaopao, nello Shensi settentrionale. La conferenza era
stata preceduta dalla riunione dell’ufficio politico del Comitato centrale del Partito
comunista cinese tenutasi nella stessa località nel dicembre del 1935. Nel corso della
riunione, una delle più importanti tenute dalla direzione centrale, fu confutata l’errata
concezione, esistente allora nel partito, secondo cui la borghesia nazionale cinese non
avrebbe potuto essere un alleato degli operai e dei contadini nella lotta contro il Giappone
e fu deciso di adottare la tattica del fronte unito nazionale. Nel suo rapporto, il compagno
Mao Tse-tung, sulla base delle decisioni dell’ufficio politico, spiegò dettagliatamente come
fosse possibile e importante, in una situazione di resistenza al Giappone, ricreare il fronte
unito con la borghesia nazionale. Egli sottolineò l’enorme importanza della funzione
dirigente del partito comunista e dell’Esercito rosso in questo fronte unito, fece rilevare il
carattere di lunga durata della rivoluzione cinese e criticò il chiuso settarismo e la tendenza
alla precipitazione nella rivoluzione, già da molto esistenti nel partito e che erano stati la
causa fondamentale dei seri insuccessi subiti dal partito e dall’Esercito rosso nel corso della
seconda Guerra civile rivoluzionaria. Nello stesso tempo, il compagno Mao Tse-tung attirò
l’attenzione del partito sulla storica lezione costituita dalla sconfitta della rivoluzione nel
1927, della quale fu causa l’opportunismo di destra di Chen Tu-hsiu e rilevò che Chiang
Kai-shek avrebbe sicuramente cercato di minare le forze della rivoluzione. Egli permise
così al partito di conservare il proprio sangue freddo nella nuova situazione e di evitare
perdite alle forze della rivoluzione nonostante gli infiniti intrighi e i ripetuti attacchi armati
di Chiang Kai-shek. Nel gennaio del 1935, nel corso della riunione allargata dell’ufficio
politico del Comitato centrale a Tsunyi, nel Kweichow, la vecchia direzione opportunista
“di sinistra” del Comitato centrale fu sostituita da una nuova direzione, con alla testa il
compagno Mao Tse-tung. La riunione fu tenuta durante la Lunga Marcia dell’Esercito rosso
e perciò dovette limitarsi a prendere decisioni sulle questioni militari più urgenti e sui
problemi organizzativi riguardanti la segreteria e la commissione militare rivoluzionaria del
Comitato centrale. Soltanto dopo che l’Esercito rosso ebbe raggiunto lo Shensi settentrionale,
alla fine della Lunga Marcia, il Comitato centrale del partito potè occuparsi in modo
sistematico dei diversi problemi di tattica politica. Sono questi problemi che il compagno
Mao Tse-tung analizza a fondo in questo rapporto.

LE CARATTERISTICHE DELL’ATTUALE SITUAZIONE POLITICA

Compagni! Un grande mutamento si è verificato nella situazione politica. Il
nostro partito ha fissato i suoi compiti alla luce della nuova situazione.

Mao Tse-tung – OPERE

Qual è la situazione attuale?

La situazione è oggi caratterizzata principalmente dal fatto che l’imperialismo
giapponese vuole trasformare la Cina in una sua colonia.

È noto che da quasi un secolo la Cina è un paese semicoloniale sotto il dominio
congiunto di diversi Stati imperialisti. Grazie alla lotta del popolo cinese contro
l’imperialismo e ai conflitti fra le potenze imperialiste, la Cina ha potuto conservare
una posizione semindipendente. La Prima guerra mondiale aveva dato per un certo
tempo all’imperialismo giapponese l’opportunità di stabilire il suo dominio esclusivo
sulla Cina. Tuttavia, in seguito alla lotta del popolo cinese contro l’imperialismo
giapponese e all’intervento delle altre potenze imperialiste, il trattato che consegnava
la Cina al Giappone, i “ventun punti”1, firmato da Yuan Shih-kai2, il più grande
traditore della patria di quel periodo, dovette essere dichiarato nullo. Nel 1922, alla
Conferenza di Washington delle nove potenze, convocata dagli Stati Uniti, fu
sottoscritto un patto3 che poneva di nuovo la Cina sotto il dominio congiunto di
diversi Stati imperialisti. Poco dopo, però, la situazione cambiò ancora. L’Incidente
del 18 settembre 19314 segnò l’inizio dell’attuale fase di trasformazione della Cina in
colonia giapponese. Poiché l’aggressione giapponese era limitata in quel momento
alle quattro province nord-orientali5, alcuni pensavano che gli imperialisti giapponesi
non intendessero spingersi oltre. Oggi la situazione è del tutto diversa: gli imperialisti
giapponesi hanno già manifestato la loro intenzione di penetrare a sud della Grande
Muraglia e di occupare tutto il paese. Essi cercano di trasformare la Cina, che è ancora
una semicolonia divisa tra diversi Stati imperialisti, in un colonia sotto il dominio
esclusivo del Giappone. Il recente Incidente dello Hopei orientale6 e le trattative
diplomatiche7 hanno chiaramente rivelato questa tendenza e minacciano l’esistenza
stessa del popolo cinese. La situazione pone dinanzi a tutte le classi e a tutti i gruppi
politici della Cina il problema: “Cosa fare?”. Resistere? Capitolare? O tentennare fra
le due soluzioni?

Vediamo come rispondono a questa domanda le varie classi cinesi.

Gli operai e i contadini vogliono la resistenza. La Rivoluzione del 1924-1927, la
Rivoluzione agraria iniziata nel 1927 e tutt’ora in corso e l’ondata antigiapponese
che si è sollevata dopo l’Incidente del 18 settembre 1931 provano che la classe
operaia e la classe contadina sono la forza più risoluta della rivoluzione cinese.

Anche la piccola borghesia è per la resistenza. I giovani studenti e la piccola
borghesia urbana non hanno forse già dato inizio a un vasto movimento
antigiapponese8? Gli appartenenti a questa sezione della piccola borghesia hanno
già partecipato alla Rivoluzione del 1924-1927. La loro situazione economica, al
pari di quella dei contadini, è quella tipica dei piccoli produttori e i loro interessi
sono inconciliabili con quelli degli imperialisti. L’imperialismo e la controrivoluzione
cinese li hanno gravemente colpiti: molti sono rimasti senza lavoro, molti
sono stati parzialmente o totalmente rovinati. Oggi, sotto la minaccia diretta di
essere trasformati in schiavi di una nazione straniera, non hanno altra via d’uscita
che la resistenza.

152

Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese

Come reagiscono dinanzi a questo problema la borghesia nazionale, la classe
dei compradores, la classe dei proprietari terrieri e il Kuomintang?

I grandi signorotti locali, i grandi nobili di campagna, i grandi signori della
guerra, gli alti burocrati e i grandi compradores hanno fatto già da tempo la loro
scelta. Come hanno sempre sostenuto, per essi la rivoluzione (non importa quale)
è peggiore dell’imperialismo. Essi hanno formato il campo dei traditori della
patria; per essi non esiste il problema di diventare o no schiavi di una nazione
straniera, poiché hanno perduto ogni sentimento di amor patrio e i loro interessi
sono inseparabili da quelli degli imperialisti. Il loro caporione è Chiang Kai-shek9.
Il loro campo, il campo dei traditori, è il nemico giurato del popolo cinese. Se non
ci fosse stata questa banda di traditori, l’imperialismo giapponese non avrebbe
potuto lanciarsi in questa aggressione con tanto cinismo. Costoro sono i lacchè
dell’imperialismo.

La borghesia nazionale costituisce un problema complesso. Questa classe prese
parte alla Rivoluzione del 1924-1927, ma, in seguito, spaventata dalle fiamme della
rivoluzione, passò nel campo dei nemici del popolo, della cricca di Chiang Kaishek.
Il problema che si pone è questo: nelle circostanze attuali, esiste la
possibilità che la borghesia nazionale modifichi il suo atteggiamento? Noi
riteniamo che esista, proprio perché la borghesia nazionale si distingue dalla
classe dei proprietari terrieri e della classe dei compradores; fra esse esiste una
differenza. La borghesia nazionale non ha un carattere feudale tanto spiccato
come quello della classe dei proprietari terrieri né un carattere compradore così
marcato come quello della classe dei compradores. La frazione della borghesia
nazionale più strettamente legata al capitale straniero e alla proprietà terriera
cinese è l’ala destra e per ora non prendiamo in considerazione la possibilità che
il suo atteggiamento cambi. Il problema si pone per le altre frazioni della
borghesia nazionale che non hanno o hanno pochi legami di tal genere. Noi
riteniamo che nella nuova situazione, che vede la Cina minacciata dal pericolo di
essere trasformata in una colonia, il loro atteggiamento possa mutare. Particolare
caratteristica di questo mutamento sarà l’oscillazione. Da un lato, queste frazioni
non amano l’imperialismo, ma, dall’altro, temono una rivoluzione condotta fino
in fondo e oscillano fra l’uno e l’altra. Ecco perché hanno partecipato alla
Rivoluzione del 1924-1927 e poi sono passate, verso la fine, dalla parte di Chiang
Kai-shek. In che cosa si differenzia il presente periodo dal 1927, anno in cui
Chiang Kai-shek tradì la rivoluzione? La Cina era allora una semicolonia, oggi
invece è sulla via di diventare una colonia. Cosa hanno guadagnato negli ultimi
nove anni queste frazioni della borghesia nazionale abbandonando il loro alleato,
la classe operaia e stringendo amicizia con la classe dei proprietari terrieri e quella
dei compradores? Nulla, tranne la rovina completa o parziale delle loro imprese
industriali e commerciali. Noi riteniamo perciò che nelle attuali circostanze
l’atteggiamento della borghesia nazionale possa mutare. Fino a che punto potrà
mutare? In generale il tratto caratteristico del mutamento sarà l’oscillazione.

153

Mao Tse-tung – OPERE

Tuttavia, in alcune fasi della lotta sarà possibile che una frazione della borghesia
nazionale (l’ala sinistra) partecipi alla lotta e un’altra passi dall’oscillazione a una
posizione di neutralità.

Di quali classi rappresenta gli interessi la 19a armata comandata da Tsai Tingkai
e da altri10? Rappresenta gli interessi della borghesia nazionale, degli strati
superiori della piccola borghesia, dei contadini ricchi e dei piccoli proprietari
terrieri nelle campagne. Tsai Ting-kai e i suoi seguaci non hanno combattuto
accanitamente contro l’Esercito rosso? Sì, ma in seguito hanno concluso con esso
un’alleanza per resistere al Giappone e combattere Chiang Kai-shek. Nel Kiangsi
avevano attaccato l’Esercito rosso, ma in seguito, a Shanghai, hanno combattuto
l’imperialismo giapponese; poi, nel Fukien, hanno concluso un accordo con
l’Esercito rosso e hanno rivolto le armi contro Chiang Kai-shek. Qualsiasi cosa
facciano in futuro Tsai Ting-kai e i suoi seguaci e nonostante che a suo tempo il
loro governo popolare del Fukien, agendo alla vecchia maniera, non abbia
mobilitato il popolo alla lotta, il solo fatto che essi abbiano spostato il fuoco, prima
diretto contro l’Esercito rosso, sull’imperialismo giapponese e Chiang Kai-shek,
deve essere considerato un atto utile alla rivoluzione. Ciò costituisce una scissione
nel campo del Kuomintang. Se la situazione creatasi dopo l’Incidente del 18
settembre potè portare al distacco di questo gruppo dal Kuomintang, perché la
situazione attuale non potrebbe provocare nuove scissioni nel Kuomintang?
Sbagliano quei membri del nostro partito i quali affermano che il campo dei
proprietari terrieri e della borghesia è unito e saldo, che nessuna circostanza può
provocarvi dei mutamenti. Costoro non solo non comprendono la gravità della
situazione attuale, ma hanno anche dimenticato la storia.

Permettetemi di dilungarmi un po’ sulla storia. Nel 1926 e nel 1927, quando
l’esercito rivoluzionario avanzò su Wuhan, l’occupò e penetrò nello Honan, Tang
Sheng-chih e Feng Yu-hsiang11 aderirono alla rivoluzione. Nel 1933, Feng Yuhsiang
cooperò per un certo tempo con il Partito comunista cinese, nella provincia
del Chahar, all’organizzazione dell’Esercito alleato popolare antigiapponese.

Ed ecco un altro chiaro esempio. La 26a armata, che in precedenza aveva
attaccato l’Esercito rosso nel Kiangsi assieme alla 19a armata, non dette vita
all’Insurrezione di Ningtu12, nel dicembre del 1931 e non divenne parte dell’Esercito
rosso? I capi di questa insurrezione, Chao Po-sheng, Tung Chen-tang e altri,
sono ora divenuti dei compagni che combattono risolutamente per la rivoluzione.

Anche le azioni contro gli invasori giapponesi condotte da Ma Chan-shan13 nelle
tre province nord-orientali rappresentano una scissione nel campo delle classi
dominanti.

Tutti questi esempi dicono che quando l’intera Cina si trova sotto la minaccia
delle bombe giapponesi, quando la lotta abbandona il suo ritmo abituale e
improvvisamente avanza come un’ondata, si verificano delle scissioni nel campo
nemico.

Esaminiamo ora, compagni, un altro aspetto del problema.

È giusto opporsi al nostro punto di vista argomentando che la borghesia

154

Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese

nazionale cinese è debole politicamente ed economicamente e concludere che
non può mutare atteggiamento malgrado la nuova situazione in cui si trova? Io
non lo ritengo giusto. Se a causa della propria debolezza la borghesia nazionale
non è in grado di mutare il suo atteggiamento, perché ha potuto farlo negli anni
1924-1927 allorché, non solo oscillò verso la rivoluzione, ma vi prese addirittura
parte? Forse che la debolezza della borghesia nazionale è un difetto acquisito e
non un difetto congenito? Forse che è debole oggi ma non lo era allora? Una delle
principali caratteristiche politiche ed economiche di un paese semicoloniale è la
debolezza della borghesia nazionale. Per questa ragione gli imperialisti osano
tiranneggiarla e da ciò deriva una delle sue particolarità, l’avversione nei riguardi
dell’imperialismo. Naturalmente non soltanto non neghiamo ma, al contrario,
riconosciamo perfettamente che proprio per la debolezza della borghesia
nazionale l’imperialismo, la classe dei proprietari terrieri e quella dei compradores
possono facilmente trascinarla dalla loro parte con la lusinga di qualche vantaggio
temporaneo; da qui la sua incoerenza nei confronti della rivoluzione. Ma non si
può affermare che nell’attuale situazione la borghesia nazionale non differisca in
nulla dalla classe dei proprietari terrieri e da quella dei compradores.

Per questo noi sosteniamo che quando la crisi della nazione raggiunge un punto
cruciale, nel campo del Kuomintang si producono delle scissioni. Esse hanno
trovato la loro espressione nell’atteggiamento oscillante della borghesia nazionale
e anche nella posizione assunta da personalità antigiapponesi come Feng Yuhsiang,
Tsai Ting-kai e Ma Chan-shan, un tempo molto popolari. Queste scissioni
sono in sostanza sfavorevoli alla controrivoluzione e favorevoli alla rivoluzione.
L’ineguale sviluppo politico ed economico della Cina e l’ineguale sviluppo della
rivoluzione che ne deriva, aumentano la possibilità di tali scissioni.

Compagni! Questo per quel che riguarda il lato positivo del problema. Vorrei
parlare ora del lato negativo, ossia del fatto che nelle file della borghesia nazionale
spesso alcuni elementi sono maestri consumati nell’arte di ingannare le masse
popolari. Perché? Perché in seno alla borghesia nazionale, accanto a uomini che
appoggiano sinceramente la causa rivoluzionaria del popolo, ve ne sono molti che
per un certo tempo appaiono come dei rivoluzionari o dei semirivoluzionari e questo
dà loro la possibilità di ingannare le masse popolari e rende difficile al popolo
scoprire la loro incoerenza nella rivoluzione e la loro demagogia. Per questa ragione
la responsabilità del Partito comunista cinese di criticare i suoi alleati, smascherare
i falsi rivoluzionari e conquistare la direzione della rivoluzione diventa ancora
maggiore. Non riconoscere che in un periodo di grandi perturbazioni la borghesia
nazionale può essere oscillante e può partecipare alla rivoluzione equivarrebbe ad
abbandonare o, almeno, a minimizzare il compito del nostro partito di lottare per
assicurarsi la direzione della rivoluzione; infatti, se la borghesia nazionale fosse
assolutamente identica ai proprietari terrieri e ai compradores e avesse le stesse
abiette sembianze dei traditori della patria, il problema della lotta per la direzione
non si porrebbe più, o si porrebbe in modo limitato.

155

Mao Tse-tung – OPERE

Nel fare un’analisi generale dell’atteggiamento della classe dei proprietari
terrieri e della borghesia nei periodi di grandi perturbazioni, occorre rilevare un
altro aspetto, la mancanza di completa unità perfino nel campo della classe dei
proprietari terrieri e della classe dei compradores. Ciò è dovuto allo stato
semicoloniale del paese, al fatto che parecchi Stati imperialisti si contendono il
dominio della Cina. Quando la lotta è diretta contro l’imperialismo giapponese,
i lacchè degli Stati Uniti e perfino della Gran Bretagna, obbedendo al fischio del
padrone, possono impegnare una lotta velata, o anche aperta, contro gli
imperialisti giapponesi e i loro lacchè. Si sono avuti molti casi di simili zuffe e su
di essi non mi soffermerò. Voglio soltanto ricordare che il politicante del
Kuomintang, Hu Han-min14, a suo tempo gettato in prigione da Chiang Kai-shek,
ha recentemente sottoscritto il Programma in sei punti per la resistenza al
Giappone e per la salvezza della patria15 da noi proposto. I signori della guerra
delle cricche del Kwangtung e del Kwangsi16, sui quali si appoggia Hu Han-min,
si sono anch’essi opposti a Chiang Kai-shek, lanciando parole d’ordine ingannevoli,
come “riconquistare i territori perduti”, “resistenza al Giappone e, nello stesso
tempo, annientamento dei bandititi”17 (la parola d’ordine di Chiang Kai-shek è
invece: “Prima annientare i banditi, poi resistere al Giappone”). Tutto questo vi
sembra alquanto strano? Non vi è nulla di strano, è solo una zuffa particolarmente
interessante fra molossi e cagnolini, fra cani sazi e cani affamati, non si tratta che
di una crepa, di una crepa né grande né piccola, di un’irritante e dolorosa
contraddizione nel campo nemico. Ma queste zuffe, queste crepe, queste
contraddizioni sono utili al popolo rivoluzionario e dobbiamo saperle sfruttare
per la lotta contro il nostro nemico principale di oggi.

Per riassumere la questione dei rapporti di classe, si può dire che il mutamento
radicale della situazione, dovuto all’invasione della Cina a sud della Grande
Muraglia da parte dell’imperialismo giapponese, ha modificato i rapporti fra le
varie classi del paese, rafforzando il campo della rivoluzione nazionale e
indebolendo il campo della controrivoluzione.

Passiamo alla situazione nel campo della rivoluzione nazionale in Cina.

Soffermiamoci innanzitutto sull’Esercito rosso. Voi sapete, compagni, che per
circa un anno e mezzo i tre contingenti principali dell’Esercito rosso sono stati
impegnati in un grande cambiamento delle loro posizioni. Nell’agosto dell’anno
scorso il 6° gruppo di armate18, al comando di Jen Pi-shih19 e di altri compagni,
iniziò il movimento verso la zona del compagno Ho Lung e, in ottobre, anche noi
iniziammo il nostro trasferimento20. Nel marzo scorso iniziò il trasferimento anche
l’Esercito rosso della regione di confine Szechwan-Shensi21. Questi tre contingenti
dell’Esercito rosso hanno abbandonato le loro vecchie posizioni e sono passati
in nuove zone. In seguito a questi trasferimenti generali, i territori che prima
occupavano sono divenuti zone partigiane. L’Esercito rosso si è notevolmente
indebolito nel corso di questi cambiamenti di posizione. Se si considera la

156

Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese

situazione d’insieme sotto questo aspetto, si può dire che il nemico ha ottenuto
una vittoria parziale e temporanea e che noi abbiamo subito una temporanea e
parziale sconfitta. È giusta una simile affermazione? Io credo di sì, perché
rispecchia la realtà. Tuttavia qualcuno (per esempio Chang Kuo-tao22) afferma che
l’Esercito rosso centrale23 è stato sconfitto. È giusta questa affermazione? No,
perché non corrisponde alla realtà. Nell’esaminare i problemi, un marxista non
deve considerare solo la parte, ma anche il tutto. Una rana nel pozzo diceva: “Il
cielo non è più grande della bocca del pozzo”. Ciò non è vero, perché il cielo non
è limitato alle dimensioni della bocca del pozzo. Se avesse detto: “Una parte del
cielo è grande come la bocca del pozzo”, avrebbe avuto ragione, perché ciò
corrisponde alla realtà. Noi diciamo che l’Esercito rosso ha, in un senso, subìto
una sconfitta (non è riuscito a mantenere le sue posizioni primitive) e in un altro
senso ha ottenuto una vittoria (ha portato a compimento il piano della Lunga
Marcia). Anche l’avversario, in un senso, ha ottenuto una vittoria (ha occupato le
nostre vecchie posizioni) e, in un altro senso, ha subito una sconfitta (non è
riuscito a portare a termine il suo piano per le campagne di “accerchiamento e
annientamento” e di “inseguimento e annientamento”). Questa è la sola impostazione
giusta, poiché siamo riusciti a compiere la Lunga Marcia.

Parlando della Lunga Marcia, qualcuno potrebbe chiedere: “Qual è il suo
significato?”. Rispondiamo che la Lunga Marcia è stata un’impresa mai vista nella
storia, è stata un manifesto, una squadra di propaganda, una seminatrice. Da
quando Pan Ku24 separò il cielo dalla terra, dall’epoca dei Tre Re e dei Cinque
Imperatori25, ha mai la storia conosciuto una lunga marcia come la nostra? Per
dodici mesi, dal cielo decine di aerei ogni giorno effettuavano ricognizioni e ci
bombardavano; a terra un esercito forte di qualche centinaio di migliaia di uomini
ci accerchiava, ci inseguiva, ci ostacolava nella nostra avanzata, ci intercettava;
difficoltà e pericoli a non finire ci intralciavano il cammino. Nonostante ciò
abbiamo percorso con le nostre gambe più di ventimila li, abbiamo attraversato
in lungo e in largo undici province. Ditemi, si sono mai avute nella storia marce
simili? No, mai. La Lunga Marcia è stata un manifesto. Essa ha annunciato al mondo
che l’Esercito rosso è un esercito di eroi, che gli imperialisti e i loro servi, Chiang
Kai-shek e simili, sono dei buoni a nulla. Ha proclamato il completo fallimento
dei tentativi degli imperialisti e di Chiang Kai-shek di accerchiarci, inseguirci,
ostacolarci nella nostra avanzata, intercettarci. La Lunga Marcia è stata anche una
squadra di propaganda. Essa ha fatto sapere ai duecento milioni di uomini che
popolano le undici province attraversate, che solo la via seguita dall’Esercito rosso
è la via che porta alla loro liberazione. Senza la Lunga Marcia, come avrebbero
potuto le larghe masse popolari sapere così presto che esiste questa grande verità
incarnata dall’Esercito rosso? La Lunga Marcia è stata anche una seminatrice. Essa
ha gettato in undici province numerosi semi che germoglieranno e le piante si
copriranno di foglie, daranno fiori, frutta e, nel futuro, abbondanti raccolti. In una
parola, la Lunga Marcia si è conclusa con la nostra vittoria e la sconfitta del nemico.
Chi l’ha portata alla vittoria? Il Partito comunista cinese. Senza il Partito comunista

157

Mao Tse-tung – OPERE

cinese, a una marcia simile non si sarebbe nemmeno potuto pensare. Il Partito
comunista cinese, i suoi organi direttivi, i suoi quadri, i suoi membri non temono
difficoltà e privazioni. Chi mette in dubbio la nostra capacità di dirigere la guerra
rivoluzionaria cade nel pantano dell’opportunismo. Con il compimento della
Lunga Marcia si è creata una situazione nuova. Nella battaglia di Chihlochen,
l’Esercito rosso della zona sovietica centrale e l’Esercito rosso del nord-ovest,
fraternamente uniti, hanno infranto la campagna di “accerchiamento e annientamento”
26 lanciata dal traditore Chiang Kai-shek contro la regione di confine
Shensi-Kansu, ponendo così la prima pietra nell’opera intrapresa dal Comitato
centrale del partito: il trasferimento nelle zone nord-occidentali del quartier
generale nazionale della rivoluzione.

Questa è la situazione dell’Esercito rosso, che costituisce la forza principale;
qual è invece la situazione della guerra partigiana nelle province meridionali? Le
nostre forze partigiane hanno subito nel sud alcuni insuccessi, ma non sono state
affatto distrutte. In molte località risorgono, si estendono e si sviluppano27.

Nelle zone controllate dal Kuomintang, gli operai portano la lotta oltre le mura
delle fabbriche e passano dalla lotta economica alla lotta politica. Fra le masse
della classe operaia fermenta un’eroica lotta contro l’imperialismo giapponese e
i traditori della patria e, a quanto pare, il giorno in cui essa divamperà non è
lontano.

La lotta dei contadini non è mai cessata. Colpiti dall’aggressione straniera, dalle
guerre intestine e dalle calamità naturali, i contadini hanno largamente sviluppato
la loro lotta sotto forma di guerra partigiana, di sommosse popolari, di rivolte per
la fame, ecc. La guerra partigiana contro i giapponesi nel nord-est della Cina e
nella parte orientale della provincia dello Hopei28 è la risposta agli attacchi
dell’imperialismo giapponese.

Il movimento degli studenti ha assunto proporzioni considerevoli e nel futuro
si estenderà ancora di più. Tuttavia esso potrà continuare la sua avanzata e
spezzare tutte le barriere (la legge marziale imposta dai traditori e la politica di
sabotaggi e di massacri praticata dalla polizia, dagli agenti segreti, dai fascisti e
dagli abietti despoti che si annidano nel mondo scolastico) solo se coordinerà le
sue azioni con la lotta degli operai, dei contadini e dei soldati.

Delle oscillazioni della borghesia nazionale, dei contadini ricchi e dei piccoli
proprietari terrieri e della possibilità di una loro partecipazione alla lotta
antigiapponese, abbiamo già parlato.

Le minoranze nazionali, direttamente minacciate dall’imperialismo giapponese
e in particolare i mongoli della Mongolia interna, stanno insorgendo e, con il
passare del tempo, la loro lotta si fonderà con quella della popolazione della Cina
settentrionale e con le operazioni dell’Esercito rosso nel nord-ovest.

Tutto ciò dimostra che la rivoluzione sta perdendo il suo carattere locale per
acquistare un’ampiezza nazionale e che il suo sviluppo, prima ineguale, sta
raggiungendo un certo grado di uniformità. Siamo alla vigilia di grandi cambia

158

Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese

menti. Compito del nostro partito è creare un fronte unito nazionale rivoluzionario,
coordinando l’attività dell’Esercito rosso con quella degli operai, dei contadini,
degli studenti, della piccola borghesia e della borghesia nazionale di tutta la Cina.

IL FRONTE UNITO NAZIONALE

Ora che abbiamo esaminato la situazione esistente nel campo della controrivoluzione
e in quello della rivoluzione, possiamo facilmente definire i compiti tattici
del nostro partito.

Qual è il compito tattico fondamentale del partito? La creazione di un vasto
fronte unito nazionale rivoluzionario, non altro.

Quando la situazione della rivoluzione cambia, occorre mutare di conseguenza
la tattica e i metodi di direzione della rivoluzione. Il compito dell’imperialismo
giapponese, dei collaborazionisti e dei traditori della patria è trasformare la Cina
in una colonia; il nostro compito è invece trasformare la Cina in uno Stato libero,
indipendente, che goda dell’integrità territoriale.

Conquistare la libertà e l’indipendenza alla Cina è un grande compito. Per
adempierlo bisogna combattere l’imperialismo straniero e la controrivoluzione
interna. L’imperialismo giapponese è deciso ad andare fino in fondo. Per ora le
forze controrivoluzionarie dei signorotti locali, dei nobili di campagna e dei
compradores sono superiori alle forze rivoluzionarie del popolo. Non è possibile
sconfiggere in un sol giorno l’imperialismo giapponese e la controrivoluzione
cinese e quindi dobbiamo essere pronti a sostenere una lunga lotta; con forze
limitate non potremo ottenere la vittoria, per cui dobbiamo accumulare potenti
forze. In Cina e in tutto il mondo le forze della controrivoluzione, in confronto
al passato, sono divenute più deboli, mentre quelle della rivoluzione si sono
rafforzate. Questa valutazione è giusta, ma è solo un aspetto del problema. Noi
dobbiamo al tempo stesso rilevare che le forze della controrivoluzione, in Cina
e in tutto il mondo, sono ancora superiori alle forze rivoluzionarie. Anche questa
valutazione è giusta e rappresenta l’altro aspetto del problema. L’ineguaglianza
nello sviluppo politico ed economico della Cina genera l’ineguaglianza nello
sviluppo della rivoluzione. Di regola, la rivoluzione comincia, si sviluppa e trionfa
innanzitutto là dove la controrivoluzione è relativamente debole, mentre dove la
controrivoluzione è potente la rivoluzione non ha ancora inizio o si sviluppa
molto lentamente. Questa è stata per lungo tempo la situazione della rivoluzione
cinese. Si può prevedere che in futuro, in determinati momenti, la situazione
generale della rivoluzione si svilupperà ancora, ma l’ineguaglianza permarrà. Per
trasformare l’ineguale sviluppo della rivoluzione in uno sviluppo più o meno
uniforme saranno ancora necessari molto tempo e molti sforzi e il partito dovrà
adottare una linea tattica giusta. Se la guerra rivoluzionaria diretta dal Partito
comunista dell’URSS29 impiegò tre anni per concludersi, noi dobbiamo essere
pronti a consacrare alla guerra rivoluzionaria diretta dal Partito comunista cinese,

159

Mao Tse-tung – OPERE

che già si protrae da molto, tutto il tempo necessario per farla finita completamente
e definitivamente con le forze controrivoluzionarie interne ed esterne; la
precipitazione, come quella che si è verificata in passato, è inammissibile. È anche
necessario elaborare una giusta tattica rivoluzionaria; se, come in passato, non si
esce dal proprio cerchio ristretto, non è possibile compiere nulla di importante.
Ciò non significa che in Cina le cose debbano essere fatte con lentezza; bisogna
agire con coraggio ed energia perché il pericolo dell’asservimento nazionale non
ci permette il minimo indugio. D’ora innanzi anche il ritmo di sviluppo della
rivoluzione sarà molto più rapido perché la Cina e tutto il mondo sono sulla soglia
di un nuovo periodo di guerre e di rivoluzioni. Ciò nonostante la guerra
rivoluzionaria in Cina continuerà a essere una guerra di lunga durata e questo suo
carattere è dovuto alla potenza dell’imperialismo e alla ineguaglianza nello
sviluppo della rivoluzione. Noi diciamo che la situazione attuale è caratterizzata
dall’imminenza di un nuovo slancio della rivoluzione nazionale, che la Cina è alla
vigilia di una nuova grande rivoluzione che interesserà tutto il paese; ecco una
delle caratteristiche dell’attuale situazione della rivoluzione. Questo è un fatto e
rappresenta un aspetto del problema. Ma dobbiamo anche dire che l’imperialismo
rappresenta ancora una forza considerevole, che lo sviluppo ineguale delle forze
rivoluzionarie è un nostro serio punto debole e che, per sconfiggere il nemico,
occorre prepararsi a una guerra di lunga durata; ecco un’altra caratteristica della
situazione attuale della rivoluzione. Anche questo è un fatto e rappresenta un altro
aspetto del problema. Le due caratteristiche, i due fatti si presentano assieme per
insegnarci che bisogna modificare, alla luce della situazione, la nostra tattica e i
metodi sulla disposizione delle forze per il proseguimento della lotta. L’attuale
situazione esige la rinuncia decisa a ogni forma di chiuso settarismo, la formazione
di un vasto fronte unito e la vigilanza contro l’avventurismo. Finché non sarà
giunto il momento propizio, finché non vi saranno forze sufficienti, non ci si deve
gettare nella battaglia decisiva.

Non starò qui a parlare dei rapporti che esistono fra il chiuso settarismo e
l’avventurismo, né del pericolo che può presentare l’avventurismo nel futuro, non
appena gli eventi avranno acquistato una grande ampiezza; di questo potremo
discutere in un secondo tempo. Per il momento mi limiterò a spiegare perché la
tattica del fronte unito e la tattica del chiuso settarismo sono del tutto diverse e
in diretto contrasto fra loro.

La prima significa reclutare grandi forze per accerchiare e distruggere il nemico.

La seconda, invece, significa combattere da soli un’accanita lotta contro un
nemico potente.

I sostenitori della prima tattica dicono: se non faremo una giusta valutazione dei
possibili mutamenti delle forze rivoluzionarie e controrivoluzionarie, mutamenti
dovuti al tentativo dell’imperialismo giapponese di ridurre la Cina allo stato di
colonia, non potremo valutare in modo corretto la possibilità di formare un vasto
fronte unito nazionale rivoluzionario. Senza una giusta valutazione dei punti forti
e dei punti deboli sia della controrivoluzione giapponese sia della controrivolu

160

Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese

zione e della rivoluzione cinese, non saremo capaci né di comprendere appieno
la necessità di formare un vasto fronte unito nazionale rivoluzionario, né di
prendere energici provvedimenti per porre fine al chiuso settarismo, né di
utilizzare il fronte unito come un’arma per organizzare e unire milioni e milioni
di uomini e tutte le armate suscettibili di allearsi alla rivoluzione, al fine di attaccare
il nostro obiettivo principale: l’imperialismo giapponese e i suoi lacchè, i traditori
cinesi; non saremo capaci di applicare la nostra tattica alla lotta contro l’obiettivo
principale, ma disperderemo il nostro fuoco e finiremo col colpire non il nostro
nemico principale, ma i nostri nemici secondari o perfino i nostri alleati. Ciò si
chiama incapacità di individuare il nemico principale e inutile spreco di
munizioni. In questo modo non potremo incalzare il nemico e isolarlo, non
potremo attrarre dalla nostra parte tutti coloro che sono stati costretti a far parte
del campo e del fronte nemico, tutti coloro che ieri erano nostri nemici ma che
oggi possono divenire nostri amici. Così facendo aiuteremo di fatto il nemico,
freneremo e isoleremo la rivoluzione, ne restringeremo i limiti, la trascineremo
molto in basso e perfino sulla via della sconfitta.

I difensori dell’altra tattica dicono: tutte queste argomentazioni sono errate. Le
forze della rivoluzione devono essere pure, di una purezza adamantina e la strada
della rivoluzione deve essere diritta, assolutamente diritta. È vero solo ciò che è
scritto nel “Libro Sacro”. Tutta la borghesia nazionale è sempre stata
controrivoluzionaria e lo sarà sempre. Ai contadini ricchi non si devono fare
concessioni. Contro i sindacati gialli, lotta a morte. Se stringiamo la mano a Tsai
Ting-kai, dobbiamo, nello stesso momento, tacciarlo di controrivoluzionario.
Esiste un gatto che non ami il lardo, esiste un signore della guerra che non sia un
controrivoluzionario? Gli intellettuali restano rivoluzionari per non più di tre
giorni, perciò è pericoloso fare proseliti fra loro. Di qui la conclusione che il chiuso
settarismo sarebbe la panacea per tutti i mali e il fronte unito una tattica
opportunistica.

Compagni, cosa è giusto, il fronte unito o il chiuso settarismo? Quale dei due
è conforme al marxismo-leninismo? Io rispondo senz’altro: il fronte unito, non il
chiuso settarismo. Un bambino di tre anni può avere molte idee giuste, ma non
gli si possono affidare i grandi affari dello Stato o gli affari internazionali perché
non li capisce. Il marxismo-leninismo lotta contro la malattia infantile che si
manifesta nelle file della rivoluzione. Ed è questa malattia che sostengono a spada
tratta i difensori del chiuso settarismo. La rivoluzione, come ogni altra cosa al
mondo, segue sempre una via tortuosa, non rettilinea. Lo schieramento delle forze
della rivoluzione e della controrivoluzione è suscettibile di mutamenti, così come
sono soggette a cambiamento tutte le cose del mondo. Due fatti fondamentali
sono serviti da punto di partenza al partito per elaborare una nuova tattica, la
formazione di un vasto fronte unito: il fatto che l’imperialismo giapponese vuole
trasformare la Cina in una sua colonia e il fatto che attualmente nel campo della
rivoluzione cinese vi sono ancora punti molto deboli. Organizzare masse di
milioni e milioni di uomini, mettere in moto un potente esercito rivoluzionario,

161

Mao Tse-tung – OPERE

ecco ciò di cui la rivoluzione ha bisogno per attaccare la controrivoluzione. Solo
una simile forza sarà in grado di sconfiggere l’imperialismo giapponese, i traditori
e i collaborazionisti; questa è una verità evidente. Quindi solo la tattica del fronte
unito è una tattica marxista-leninista. La tattica del chiuso settarismo è invece una
tattica di autoisolamento. Il chiuso settarismo “fa rintanare il pesce nel fondo
dell’acqua e gli uccelli nel folto del bosco”, spinge nelle braccia del nemico quelle
masse di milioni e milioni di uomini, quel potente esercito del quale abbiamo
parlato prima e ciò non fa che suscitare l’entusiastica approvazione del nemico.
In sostanza il chiuso settarismo serve come un umile lacchè gli imperialisti
giapponesi, i collaborazionisti e i traditori della patria. La “purezza” e la “dirittura”
esaltate dai settari sono condannate dai marxisti-leninisti e lodate dagli imperialisti
giapponesi. Noi respingiamo decisamente il chiuso settarismo; ciò che vogliamo
è un fronte unito nazionale rivoluzionario che assesti un colpo mortale agli
imperialisti giapponesi, ai collaborazionisti e ai traditori della patria.

LA REPUBBLICA POPOLARE30

Se finora il nostro governo è stato basato sull’alleanza degli operai, dei contadini
e della piccola borghesia urbana, da oggi in poi esso dovrà essere un governo che
comprenda anche quegli elementi delle altre classi che vogliono partecipare alla
rivoluzione nazionale.

Oggi il compito fondamentale di un tale governo è quello di opporsi al tentativo
dell’imperialismo giapponese di annettere la Cina. Questo governo sarà molto
largo e includerà non solo coloro che sono interessati alla rivoluzione nazionale
e non alla rivoluzione agraria, ma anche, se lo vogliono, coloro che non sono in
grado di lottare contro gli imperialisti europei e americani per i vincoli che li
legano ad essi, ma che sono pronti a lottare contro l’imperialismo giapponese e
i suoi lacchè. Come questione di principio, il programma di tale governo deve
perciò adattarsi al compito fondamentale, la lotta contro l’imperialismo giapponese
e i suoi lacchè; di conseguenza, dobbiamo opportunamente modificare la
politica seguita fino a ora.

Oggi la particolarità del campo rivoluzionario è l’esistenza di un partito
comunista e di un Esercito rosso ben temprati. Ciò ha un’enorme importanza. Se
non esistessero, ci troveremmo di fronte a immense difficoltà. Perché? Perché in
Cina i collaborazionisti e i traditori sono numerosi e forti ed è inevitabile che
ricorrano a ogni mezzo per far naufragare il fronte unito; semineranno zizzania
servendosi delle minacce e della corruzione e manovrando fra i vari gruppi;
faranno ricorso alle armi per abbattere, schiacciare, una alla volta tutte le forze
meno potenti delle loro che vogliono abbandonarli e unirsi a noi nella lotta contro
il Giappone. Tutto questo sarebbe difficilmente evitabile se il governo e l’esercito
antigiapponese mancassero di questo elemento vitale: il partito comunista e
l’Esercito rosso. Nel 1927 la rivoluzione fu sconfitta soprattutto perché, in

162

Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese

conseguenza della linea opportunista allora prevalente nel partito comunista, non
fu fatto alcuno sforzo per ingrossare le nostre file (ossia il movimento operaio e
contadino e le forze armate guidate dal partito comunista), ma furono riposte tutte
le speranze nell’alleato provvisorio, il Kuomintang. Il risultato fu che l’imperialismo
ordinò ai suoi lacchè (i signorotti locali, i nobili di campagna e i compradores)
di allungare i loro numerosi tentacoli e avvinghiare dapprima Chiang Kai-shek e
poi Wang Ching-wei e la rivoluzione fu sconfitta. A quell’epoca il fronte unito
rivoluzionario mancava di un pilastro centrale, non aveva forze armate rivoluzionarie
possenti e, quando le defezioni cominciarono a moltiplicarsi, il partito
comunista dovette battersi da solo e non fu in grado di fronteggiare la tattica di
schiacciare una alla volta le forze che si opponevano ad essi, adottata dagli
imperialisti e dai controrivoluzionari cinesi. A quel tempo già esistevano le truppe
di Ho Lung e Yeh Ting, ma non erano ancora abbastanza forti politicamente e il
partito non sapeva dirigerle, per cui furono anch’esse sconfitte. Questa lezione,
pagata con il nostro sangue, dimostra che la mancanza di un solido nucleo di forze
rivoluzionarie conduce la rivoluzione alla sconfitta. Oggi la situazione è completamente
diversa. Abbiamo un forte partito comunista, un forte Esercito rosso e,
in più, basi d’appoggio per l’Esercito rosso. Non solo il partito comunista e
l’Esercito rosso sono oggi i promotori del fronte unito nazionale antigiapponese,
ma nel futuro essi saranno certamente il solido pilastro del governo e dell’esercito
antigiapponese; ciò impedirà agli imperialisti giapponesi e a Chiang Kai-shek di
raggiungere l’obiettivo della loro politica: lo smembramento del fronte unito.
Tuttavia dovremo stare molto in guardia perché gli imperialisti giapponesi e
Chiang Kai-shek ricorreranno a ogni sorta di minacce, alla corruzione e a ogni
genere di manovre fra i diversi gruppi.

Naturalmente non possiamo attenderci che tutti i settori del vasto fronte unito
nazionale antigiapponese manifestino la stessa fermezza del partito comunista e
dell’Esercito rosso. Potrà accadere che nel corso della loro attività alcuni cattivi
elementi, sotto l’influenza del nemico, abbandonino il fronte unito. Ma queste
defezioni non ci spaventano. Influenzati dal nemico alcuni cattivi elementi se ne
andranno, ma in compenso molti buoni elementi, a causa della nostra influenza,
entreranno nel fronte. Il fronte unito nazionale antigiapponese vivrà e si
svilupperà fin quando vivranno e si svilupperanno il partito comunista e l’Esercito
rosso. Tale è la funzione dirigente del partito comunista e dell’Esercito rosso nel
fronte unito nazionale. I comunisti non sono più dei bambini, conoscono il da farsi
e il modo di trattare i loro alleati. Se gli imperialisti giapponesi e Chiang Kai-shek
possono ordire manovre contro le forze della rivoluzione, anche il partito
comunista può ordire manovre nei confronti delle forze della controrivoluzione.
Se essi possono attirare i cattivi elementi che si trovano nelle nostre file, anche
noi possiamo attirare gli elementi “cattivi” (ma per noi buoni) che si trovano nelle
loro file. Se riusciremo ad attirare un gran numero di uomini, le file del nemico
si diraderanno e le nostre si ingrosseranno. In breve, la lotta si svolge oggi fra le
due forze principali; per la logica delle cose, tutte le forze intermedie devono

163

Mao Tse-tung – OPERE

schierarsi nell’uno o nell’altro campo. La politica di asservimento della Cina
praticata dagli imperialisti giapponesi e la politica di tradimento seguita da Chiang
Kai-shek non potranno non spingere dalla nostra parte grandi forze; queste
entreranno direttamente nelle file del partito comunista e dell’Esercito rosso o
formeranno con noi un fronte unito. Tutto ciò si verificherà, sempre che la nostra
tattica non sia settaria.

Perché trasformare la “repubblica degli operai e dei contadini” in “repubblica
popolare”?

Il nostro governo non rappresenta soltanto gli operai e i contadini, ma tutta la
nazione. Questo concetto era già implicito nella parola d’ordine “repubblica
democratica degli operai e dei contadini”, poiché gli operai e i contadini
costituiscono l’80-90 per cento della popolazione. Il Programma in dieci punti 31,
adottato dal sesto Congresso nazionale del Partito comunista cinese, esprime gli
interessi di tutta la nazione e non degli operai e dei contadini soltanto. Tuttavia
la situazione attuale esige che questa parola d’ordine sia cambiata, sia sostituita
con quella di “repubblica popolare”, perché l’aggressione giapponese ha mutato
i rapporti fra le classi in Cina e ha creato la possibilità della partecipazione alla
lotta antigiapponese non solo della piccola borghesia ma anche della borghesia
nazionale.

Certo, la repubblica popolare non rappresenterà gli interessi delle classi
nemiche. Al contrario, essa sarà in diretta opposizione ai signorotti locali, ai nobili
di campagna e ai compradores, lacchè degli imperialisti e non li considererà come
facenti parte del popolo, esattamente come il governo nazionale della Repubblica
cinese di Chiang Kai-shek rappresenta solo i ricconi e non la gente semplice che
esso non considera parte della nazione. Poiché gli operai e i contadini costituiscono
l’80-90 per cento della popolazione cinese, la repubblica popolare dovrà
rappresentare in primo luogo i loro interessi. Tuttavia la repubblica popolare,
abbattendo il giogo imperialista per dare alla Cina libertà e indipendenza,
abbattendo il giogo dei proprietari terrieri per liberare la Cina dal regime
semifeudale, farà gli interessi non solo degli operai e dei contadini ma anche degli
altri strati popolari. Gli interessi della nazione cinese sono costituiti dall’insieme
degli interessi degli operai, dei contadini e della rimanente parte del popolo.
Sebbene anche i compradores e i proprietari terrieri vivano sul suolo cinese, essi
non tengono conto degli interessi della nazione e quindi i loro interessi sono in
conflitto con quelli della maggioranza. Solo con questo piccolo gruppo non
abbiamo nulla a che fare e solo con esso ci troviamo in urto, per cui abbiamo il
diritto di chiamarci rappresentanti di tutta la nazione.

C’è, naturalmente, un conflitto d’interessi anche tra la classe operaia e la
borghesia nazionale. È impossibile sviluppare con successo la rivoluzione
nazionale senza dare alla sua avanguardia, la classe operaia, i diritti politici ed
economici e la possibilità di impiegare le proprie forze contro l’imperialismo e i
suoi lacchè, i traditori della patria. Tuttavia, se la borghesia nazionale aderisce al

164

Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese

fronte unito antimperialista, la classe operaia e la borghesia nazionale avranno
interessi comuni. La repubblica popolare, nel periodo della rivoluzione democratica
borghese, non abolirà la proprietà privata, a meno che non abbia un carattere
imperialista o feudale, non confischerà le imprese industriali e commerciali della
borghesia nazionale, ma, al contrario, ne incoraggerà lo sviluppo. Dobbiamo
proteggere qualsiasi capitalista nazionale, a condizione che non appoggi gli
imperialisti o i traditori della patria. Nella fase della rivoluzione democratica, la
lotta fra il lavoro e il capitale ha dei limiti. Le leggi sul lavoro della repubblica
popolare salvaguarderanno gli interessi degli operai, ma non saranno dirette
contro l’arricchimento della borghesia nazionale e lo sviluppo dell’industria e del
commercio nazionale, poiché tale sviluppo nuoce agli interessi dell’imperialismo
ed è a vantaggio degli interessi del popolo cinese. Ne consegue che la repubblica
popolare rappresenterà gli interessi di tutti gli strati del popolo in lotta contro
l’imperialismo e le forze feudali. Il governo della repubblica popolare sarà
soprattutto costituito dai rappresentanti degli operai e dei contadini, ma includerà
anche rappresentanti delle altre classi in lotta contro l’imperialismo e le forze
feudali.

Ma non è pericoloso permettere a questi rappresentanti di partecipare al
governo della repubblica popolare? No. Gli operai e i contadini costituiscono le
masse fondamentali di questa repubblica. Concedendo alla piccola borghesia
urbana, agli intellettuali e agli altri elementi della popolazione che sostengono il
programma antimperialista e antifeudale il diritto di esprimere le proprie opinioni
e di lavorare nel governo della repubblica popolare e dando loro il diritto di
eleggere e di essere eletti dobbiamo fare in modo che non siano violati gli interessi
degli operai e dei contadini, delle masse fondamentali. Parte essenziale del nostro
programma deve essere la difesa dei loro interessi. La presenza di una maggioranza
di operai e contadini, la funzione dirigente e l’azione del partito comunista
in tale governo fanno sì che la partecipazione di altre classi non sia pericolosa.
È evidente che la rivoluzione cinese nella sua fase attuale è ancora una rivoluzione
democratica borghese e non una rivoluzione socialista proletaria. Soltanto i
controrivoluzionari trotskisti32 possono essere tanto insensati da affermare che la
rivoluzione democratica borghese in Cina è già stata portata a termine e che
qualsiasi altra rivoluzione non potrà quindi essere che socialista. La rivoluzione
del 1924-1927 fu una rivoluzione democratica borghese, ma non fu portata a
termine, fu sconfitta. La rivoluzione agraria, che sotto la nostra guida si protrae
dal 1927, è ugualmente una rivoluzione democratica borghese, perché il suo
compito è lottare contro l’imperialismo e il feudalesimo e non contro il
capitalismo. La nostra rivoluzione conserverà questo carattere per un tempo
abbastanza lungo.

Le forze motrici della rivoluzione sono, come per il passato, soprattutto gli
operai, i contadini e la piccola borghesia urbana, ai quali può oggi unirsi la
borghesia nazionale.

La trasformazione della nostra rivoluzione avverrà in un secondo momento. In

165

Mao Tse-tung – OPERE

futuro la rivoluzione democratica si trasformerà in rivoluzione socialista. Quando si
avrà questa trasformazione? Dipenderà dall’avverarsi di tutte le condizioni necessarie
e questo richiederà forse un periodo abbastanza lungo. Non è il caso di parlare di
trasformazione fin quando non vi saranno tutte le condizioni politiche ed economiche
necessarie, fino a quando questa trasformazione non potrà compiersi a vantaggio
e non a danno della schiacciante maggioranza del nostro popolo. Sarebbe errato
nutrire dubbi al riguardo e sperare che la trasformazione possa avvenire in un
prossimo futuro, così come è accaduto ad alcuni compagni i quali sostenevano che
la rivoluzione democratica avrebbe cominciato a trasformarsi il giorno in cui avesse
iniziato a trionfare nelle province più importanti del paese. Questi compagni
ragionavano così perché non comprendevano che cosa è politicamente ed
economicamente la Cina, non si rendevano conto che portare a termine in campo
politico ed economico la rivoluzione democratica è molto più difficile in Cina che
in Russia e richiede molto più tempo e maggiori sforzi.

L’AIUTO INTERNAZIONALE

Per finire, vorrei dire poche parole sui rapporti che esistono fra la rivoluzione
cinese e la rivoluzione mondiale.

Da quando è apparso sulla terra il mostro dell’imperialismo, tutti gli avvenimenti
mondiali sono così strettamente intrecciati che è impossibile isolarli. Noi che
formiamo la nazione cinese, siamo pronti a combattere il nemico fino all’ultima
goccia di sangue, siamo decisi a riconquistare con i nostri sforzi ciò che abbiamo
perduto e siamo capaci di conservare il nostro posto fra le nazioni. Tuttavia questo
non significa che possiamo fare a meno dell’aiuto internazionale. No, ai nostri
giorni ogni paese, ogni nazione che conduce una lotta rivoluzionaria ha bisogno
dell’aiuto internazionale. Un antico filosofo ha detto: “Nell’Epoca delle Primavere
e degli Autunni non vi erano guerre giuste”33. Oggi, a maggior ragione, possiamo
dire che gli imperialisti non possono fare guerre giuste; solo le nazioni e le classi
oppresse possono farle. Nel mondo tutte le guerre che il popolo conduce contro
i suoi oppressori sono guerre giuste. La Rivoluzione di febbraio e la Rivoluzione
d’Ottobre in Russia furono guerre giuste. Le rivoluzioni condotte dai popoli di
diversi paesi europei dopo la Prima guerra mondiale furono guerre giuste. In Cina,
la guerra di resistenza per opporsi al commercio dell’oppio34, la guerra del
Taiping35, la guerra dello Yi Ho Tuan36, la Rivoluzione del 191137, la Spedizione
al nord nel 1926-192738, la Guerra rivoluzionaria agraria dal 1927 a oggi, l’attuale
guerra per resistere al Giappone e punire i traditori sono tutte guerre giuste. Con
l’attuale sviluppo della lotta antigiapponese su scala nazionale e della lotta
antifascista su scala mondiale, le guerre giuste si estenderanno a tutta la Cina e
a tutto il mondo. Tutte le guerre giuste si appoggiano reciprocamente e tutte le
guerre ingiuste devono essere trasformate in guerre giuste: questa è la linea
leninista39. La nostra guerra di resistenza contro il Giappone ha bisogno dell’aiuto

166

Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese

dei popoli del mondo intero e in primo luogo dell’aiuto del popolo sovietico ed essi,
naturalmente, ci aiuteranno perché siamo legati da una causa comune. In passato
Chiang Kai-shek tagliò fuori le forze rivoluzionarie cinesi dal resto delle forze
rivoluzionarie mondiali e, in questo senso, eravamo isolati. Oggi la situazione è
mutata ed è mutata a nostro favore. D’ora in avanti la situazione continuerà a
cambiare e sempre a nostro favore. Noi non saremo più isolati. Questa è una delle
condizioni necessarie per il conseguimento della vittoria nella guerra di resistenza
contro il Giappone e per il trionfo della rivoluzione cinese.

NOTE

1.
* Il 18 gennaio 1915 gli imperialisti giapponesi presentarono al governo cinese di Yuan
Shih-kai i loro “ventun punti”, e il 7 maggio pretesero con un ultimatum la risposta entro
48 ore. Le richieste si dividevano in cinque parti. Le prime quattro comprendevano: il
trasferimento al Giappone dei diritti che la Germania si era arrogata nello Shantung e
la concessione di nuovi diritti in quella provincia; la concessione del diritto di prendere
in affitto e possedere terre nella Manciuria meridionale e nella Mongolia orientale, di
soggiornare e svolgere attività industriali e commerciali in queste regioni e la
concessione del diritto esclusivo di costruire ferrovie e di sfruttare le miniere; la
trasformazione del complesso metallurgico di Han Yeh Ping in società mista cinogiapponese;
l’accettazione da parte della Cina dell’obbligo di non cedere a terze
potenze porti e isole lungo la costa cinese. La quinta parte comprendeva la richiesta
di concessione al Giappone del diritto di controllo sugli affari politici, finanziari e
militari della Cina e sulla polizia e del diritto di costruire le linee ferroviarie vitali per
congiungere fra loro le province dello Hupeh, del Kiangsi e del Kwangtung. Yuan Shihkai
accettò tutte le richieste a eccezione di quelle della quinta parte che sarebbero state
oggetto, egli affermò, di “future negoziazioni”. Tuttavia l’unanime protesta del popolo
cinese impedì al Giappone di vedere le sue richieste soddisfatte.
2.
* Capo dei signori della guerra del nord negli ultimi anni della dinastia Ching. Dopo che
la Rivoluzione del 1911 ebbe rovesciato la dinastia Ching, Yuan Shih-kai, con l’appoggio
delle forze armate della controrivoluzione e dell’imperialismo e approfittando della
tendenza al compromesso della borghesia, che dirigeva allora la rivoluzione, usurpò la
carica di presidente della Repubblica e costituì il primo governo dei signori della guerra
del nord, governo che rappresentava gli interessi delle classi dei grandi proprietari terrieri
e dei grandi compradores. Nel 1915, poiché aspirava a diventare imperatore, Yuan Shihkai,
per guadagnarsi l’appoggio degli imperialisti giapponesi, accettò i “ventun punti” con
i quali il Giappone mirava a ottenere il controllo esclusivo sulla Cina. Nel dicembre dello
stesso anno, nella provincia dello Yunnan, ebbe luogo un’insurrezione contro la sua
assunzione al trono. Questa insurrezione ebbe vasta eco in tutto il paese. Yuan Shih-kai
morì a Pechino nel giugno del 1916.
3.
* Nel novembre del 1921 il governo degli Stati Uniti convocò a Washington una
conferenza di nove potenze alla quale parteciparono, oltre agli Stati Uniti, la Cina,
l’Inghilterra, la Francia, l’Italia, il Belgio, l’Olanda, il Portogallo e il Giappone. In questa
167

Mao Tse-tung – OPERE

conferenza si svolse una lotta fra gli Stati Uniti e il Giappone per l’egemonia in Estremo
Oriente. Il 6 febbraio 1922 fu sottoscritto un patto fra le nove potenze sulla base del
principio, avanzato dagli USA, della “uguale opportunità per tutti i paesi in Cina” o della
“porta aperta”. Con questo patto si voleva creare una situazione tale da permettere alle
potenze imperialiste di esercitare il controllo comune sulla Cina, ma in effetti si apriva
la strada all’egemonia degli imperialisti statunitensi per frustrare i piani del Giappone
che mirava a instaurare sulla Cina il proprio dominio esclusivo.

4.
* Il 18 settembre 1931, l’“Armata Kwantung” dell’esercito giapponese, di stanza nel
nord-est della Cina, attaccò Shenyang. Le forze armate cinesi (armata del nord-est) di
stanza a Shenyang e in altre zone nord-orientali eseguirono l’ordine di Chiang Kai-shek
di “assoluta non-resistenza” e si ritirarono a sud della Grande Muraglia, per cui le forze
armate giapponesi occuparono rapidamente le province del Liaoning, del Kirin e dello
Heilungkiang. Questo atto aggressivo dell’imperialismo giapponese è conosciuto dal
popolo cinese come “Incidente del 18 settembre”.
5.
* Le quattro province nord-orientali erano allora il Liaoning, il Kirin, lo Heilungkiang
e lo Jehol (corrispondono alle attuali province del Liaoning, del Kirin, dello Heilungkiang,
alla parte nord-orientale dello Hopei a nord della Grande Muraglia e alla parte orientale
della Regione autonoma della Mongolia interna). Dopo l’Incidente del 18 settembre,
le forze giapponesi di aggressione occuparono dapprima il Liaoning, il Kirin e lo
Heilungkiang e poi, nel 1933, lo Jehol.
6.
* Il 25 novembre 1935, istigato dai giapponesi, il collaborazionista Yin Ju-keng, membro
del Kuomintang, costituì un governo fantoccio (l’Amministrazione autonoma anticomunista
dello Hopei orientale) che abbracciava 22 distretti della parte orientale dello
Hopei. Questo fatto è conosciuto con il nome di “Incidente dello Hopei orientale”.
7.
* Si intendono le trattative fra il governo di Chiang Kai-shek e il governo giapponese
sui cosiddetti “Tre principi di Hirota”, ossia i “Tre principi su cui basare i rapporti con
la Cina”, formulati dall’allora ministro degli esteri giapponese Hirota. Essi contemplavano:
1. la repressione da parte della Cina di qualsiasi movimento antigiapponese; 2.
la cooperazione economica fra la Cina, il Giappone e il Manciukuo; 3. la difesa comune
della Cina e del Giappone contro il comunismo. Il 21 gennaio 1936 Hirota dichiarò alla
Dieta: “Il governo cinese ha accettato i tre principi proposti dall’Impero”.
8.
* Nel 1935 in tutto il paese il movimento patriottico popolare ebbe un nuovo slancio.
Gli studenti di Pechino, sotto la direzione del partito comunista, furono i primi a
organizzare, il 9 dicembre, una manifestazione patriottica, lanciando le parole d’ordine:
“Basta con la guerra civile! Uniamoci contro l’aggressione straniera!” e “Abbasso
l’imperialismo giapponese!”. Questo movimento aprì una breccia nel regime di terrore
instaurato da lungo tempo dal governo del Kuomintang in collusione con gli invasori
giapponesi e a esso tutto il popolo fece ben presto eco. Esso è conosciuto come
“Movimento del 9 dicembre”. Il risultato fu che nuovi cambiamenti si manifestarono
nei rapporti tra le varie classi del paese. La politica per la formazione di un fronte unito
nazionale antigiapponese, proposta dal Partito comunista cinese, fu apertamente
appoggiata da tutti i patrioti cinesi. La politica di tradimento del governo di Chiang Kaishek
divenne invece ancora più impopolare.
168

Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese

9.
* Questo rapporto del compagno Mao Tse-tung fu presentato nel periodo in cui Chiang
Kai-shek, dopo aver venduto le province nord-orientali, negoziava la cessione al
Giappone della Cina settentrionale e continuava a condurre accanite operazioni militari
contro l’Esercito rosso. Il Partito comunista cinese doveva quindi fare il possibile per
smascherare il traditore Chiang Kai-shek, il quale, naturalmente, non fu incluso nel
fronte unito nazionale antigiapponese proposto allora dal partito. Già in questo
rapporto il compagno Mao Tse-tung previde la possibilità di scissione nel campo dei
proprietari terrieri e dei compradores cinesi a causa delle contraddizioni fra le varie
potenze imperialiste. L’offensiva lanciata dal Giappone nella Cina settentrionale
provocò in seguito gravi conflitti d’interesse fra gli imperialisti giapponesi e gli
imperialisti anglo-americani; il Partito comunista cinese giunse quindi alla conclusione
che la cricca di Chiang Kai-shek, strettamente legata agli interessi dell’imperialismo
anglo-americano, poteva, dietro ordine dei suoi padroni, mutare atteggiamento nei
riguardi del Giappone e adottò quindi una politica di pressione su Chiang Kai-shek per
spingerlo sulla via della resistenza al Giappone. Nel maggio del 1936 l’Esercito rosso
ritornò dallo Shansi nello Shensi settentrionale e propose direttamente al governo del
Kuomintang di Nanchino di cessare la guerra civile e di lottare assieme contro il
Giappone. Nell’agosto dello stesso anno il Comitato centrale del Partito comunista
cinese inviò al Comitato esecutivo centrale del Kuomintang una lettera con la quale
proponeva di organizzare un fronte unito dei due partiti per la resistenza comune al
Giappone e di nominare rappresentanti delle due parti per aprire le trattative. Ma
Chiang Kai-shek rigettò ogni proposta. Soltanto nel dicembre del 1936, allorché fu
arrestato a Sian da ufficiali del Kuomintang favorevoli all’alleanza con i comunisti per
resistere al Giappone, Chiang Kai-shek fu costretto ad accettare la proposta del partito
comunista di cessare la guerra civile e resistere al Giappone.
10. * Tsai Ting-kai era vicecomandante della 19a armata del Kuomintang e comandante di
un corpo d’armata. Gli altri due comandanti della 19a armata erano Chen Ming-shu e
Chiang Kuang-nai. Questa armata, che aveva combattuto nel Kiangsi contro l’Esercito
rosso, fu trasferita a Shanghai dopo l’Incidente del 18 settembre. L’ondata antigiapponese
che investì Shanghai e tutto il paese ebbe un’enorme influenza sulla 19a armata.
La notte del 28 gennaio 1932, quando i fucilieri di marina giapponesi attaccarono
Shanghai, essa, assieme alla popolazione, resistette agli invasori. Tuttavia, a causa del
tradimento di Chiang Kai-shek e di Wang Ching-wei, la battaglia si concluse con una
sconfitta. In seguito, la 19a armata fu trasferita da Chiang Kai-shek nel Fukien per
continuare la lotta contro l’Esercito rosso. A poco a poco i comandanti dell’armata
cominciarono a comprendere che questa lotta non offriva una via d’uscita. Nel
novembre del 1933, assieme a un gruppo di appartenenti al Kuomintang con alla testa
Li Chi-shen e altri, essi ruppero ufficialmente con Chiang Kai-shek, formarono nel
Fukien il “Governo rivoluzionario popolare della Repubblica cinese” e conclusero un
accordo con l’Esercito rosso per la resistenza comune al Giappone e la lotta contro
Chiang Kai-shek. Attaccati dalle forze armate di Chiang Kai-shek, la 19a armata e il
governo popolare del Fukien furono sconfitti. In seguito Tsai Ting-kai e altri passarono
a poco a poco alla cooperazione con il Partito comunista cinese.
11. * Nel settembre del 1926, quando l’esercito rivoluzionario della Spedizione al nord
giunse a Wuhan, Feng Yu-hsiang con le sue truppe dislocate nella provincia del
Suiyuan (oggi corrisponde alla parte occidentale della Regione autonoma della
169

Mao Tse-tung – OPERE

Mongolia interna), proclamò la rottura con la cricca dei signori della guerra del nord
e aderì alla rivoluzione. All’inizio del 1927 le truppe di Feng Yu-hsiang, partite dallo
Shensi, attaccarono la provincia dello Honan insieme all’esercito della Spedizione al
nord. Benché Feng Yu-hsiang avesse partecipato alle attività anticomuniste seguite al
tradimento della rivoluzione nel 1927 da parte di Chiang Kai-shek e Wang Ching-wei,
i suoi interessi furono sempre in contrasto con quelli della cricca di Chiang Kai-shek.
Dopo l’Incidente del 18 settembre si pronunciò per la resistenza al Giappone e nel
maggio del 1933 cooperò con il Partito comunista cinese nell’organizzazione a
Changchiakou dell’Esercito alleato popolare antigiapponese. Nell’agosto i suoi sforzi
vennero frustrati dagli attacchi di Chiang Kai-shek e dagli invasori giapponesi. Negli
ultimi anni della sua vita Feng Yu-hsiang continuò la sua cooperazione con il partito
comunista.

12. * La 26a armata del Kuomintang fu inviata da Chiang Kai-shek nel Kiangsi per attaccare
l’Esercito rosso. Nel dicembre del 1931, rispondendo all’appello del Partito comunista
cinese che invitava a resistere al Giappone, oltre 10.000 uomini appartenenti a questa
armata, sotto la guida dei compagni Chao Po-sheng e Tung Chen-tang, si sollevarono
a Ningtu nel Kiangsi e si unirono all’Esercito rosso.
13. * Ufficiale dell’armata del nord-est del Kuomintang. Le sue truppe erano di stanza nello
Heilungkiang. Dopo l’Incidente del 18 settembre, esse resistettero agli aggressori
giapponesi che, provenienti dalla provincia del Liaoning, avanzavano nello Heilungkiang.
14. * Noto politicante del Kuomintang. Si oppose alla politica di cooperazione con il Partito
comunista cinese proclamata dal dott. Sun Yat-sen e fu complice di Chiang Kai-shek
nel colpo di Stato controrivoluzionario del 12 aprile 1927. In seguito, divenuto rivale
di Chiang Kai-shek nella lotta per il potere, fu da questi gettato in prigione. Fu liberato
dopo l’Incidente del 18 settembre e si trasferì da Nanchino a Canton dove riuscì a
contrapporre per lungo tempo la cricca dei signori della guerra del Kwangtung e del
Kwangsi al governo di Chiang Kai-shek a Nanchino.
15. * Il Programma in sei punti per la resistenza al Giappone e per la salvezza della patria
era il Programma fondamentale del popolo cinese per la lotta contro il Giappone
presentato nel 1934 dal Partito comunista cinese e pubblicato con le firme di Soong
Ching-ling e di altri. Il Programma comprendeva i seguenti punti: 1. mobilitazione
generale delle forze terrestri, navali e aeree per la guerra contro il Giappone; 2.
mobilitazione generale del popolo; 3. armamento generale del popolo; 4. confisca dei
beni degli imperialisti giapponesi in Cina e dei traditori della patria per coprire le spese
della guerra antigiapponese; 5. creazione di un comitato di difesa nazionale armata per
tutta la Cina, eletto dai rappresentanti degli operai, dei contadini, dei soldati, degli
intellettuali e degli uomini d’affari; 6. alleanza con tutte le forze contrarie all’imperialismo
giapponese e relazioni di amicizia con tutti i paesi che avessero osservato una
benevola neutralità.
16. * Si tratta di Chen Chi-tang, signore della guerra del Kwangtung e di Li Tsung-jen e Pai
Chung-hsi, signori della guerra del Kwangsi.
17. * La banda di Chiang Kai-shek chiamava il popolo rivoluzionario “banditi” e definiva
170

Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese

gli attacchi delle forze armate contro il popolo rivoluzionario e i massacri come
“annientamento dei banditi”.

18.* Il 6° gruppo di armate dell’Esercito rosso degli operai e dei contadini cinesi era
dislocato inizialmente nella base d’appoggio della regione di confine Hunan-Kiangsi.
Nell’agosto del 1934, dietro ordine del Comitato centrale del Partito comunista cinese,
esso spezzò l’accerchiamento nemico e si installò su nuove posizioni. Nell’ottobre si
unì, nel Kweichow orientale, con il 2° gruppo di armate comandato dal compagno Ho
Lung. Essi costituirono l’armata del secondo fronte dell’Esercito rosso e crearono la base
rivoluzionaria Hunan-Hupeh-Szechwan-Kweichow.
19. * Uno dei più vecchi membri e organizzatori del Partito comunista cinese. Eletto nel
Comitato centrale al quinto Congresso nazionale del partito tenuto nel 1927, fu sempre
rieletto in tutti i congressi successivi. Nel 1931 alla quarta sessione plenaria del sesto
Comitato centrale divenne membro dell’ufficio politico. Nel 1933 ricoprì la carica di
segretario del Comitato di partito nella regione di confine Hunan-Kiangsi e, contemporaneamente,
quella di commissario politico del 6° gruppo di armate dell’Esercito
rosso. Dopo l’unione del 6° gruppo di armate con il 2° gruppo, fu nominato
commissario politico dell’armata del secondo fronte formata da questi due gruppi di
armate. All’inizio della Guerra di resistenza contro il Giappone divenne capo del
Dipartimento politico generale dell’8a armata. Dal 1940 lavorò nella segreteria del
Comitato centrale del partito. Alla prima sessione plenaria del settimo Comitato
centrale, nel 1945, fu eletto membro dell’ufficio politico e della segreteria del Comitato
centrale. Morì a Pechino il 27 ottobre 1950.
20. * Nell’ottobre del 1934, il 1°, il 3° e il 5° gruppo di armate dell’Esercito rosso degli operai
e dei contadini cinesi (l’armata del primo fronte dell’Esercito rosso, chiamato anche
Esercito rosso centrale), partendo da Changting e Ninghua nel Fukien occidentale e da
Juichin, Yutu e altre località del Kiangsi meridionale, iniziarono un trasferimento
strategico generale. L’Esercito rosso attraversò undici province: Fukien, Kiangsi,
Kwangtung, Hunan, Kwangsi, Kweichow, Szechwan, Yunnan, Sikang (oggi corrisponde
al Szechwan occidentale e alla parte orientale della Regione autonoma del Tibet),
Kansu e Shensi. Superò alte montagne coperte da nevi eterne e paludi ove non si era
mai spinto piede umano. Sopportò privazioni e sofferenze a non finire, rese vani i
numerosi tentativi del nemico di accerchiarlo, inseguirlo, ostacolarlo e intercettarlo e
nell’ottobre del 1935, dopo una marcia ininterrotta di 25.000 li, raggiunse trionfalmente
la base d’appoggio rivoluzionaria nel nord dello Shensi.
21. * L’Esercito rosso della regione di confine Szechwan-Shensi costituiva l’armata del
quarto fronte dell’Esercito rosso degli operai e dei contadini cinesi. Nel marzo del 1935,
lasciata la base d’appoggio della regione di confine Szechwan-Shensi, iniziò il suo
trasferimento verso il confine fra le province del Szechwan e del Sikang. Nel mese di
giugno si congiunse a Maokung, nella parte occidentale del Szechwan, con l’armata del
primo fronte dell’Esercito rosso; le due armate si diressero verso nord su due colonne
parallele. Ma nel settembre, raggiunta la zona di Maoerhkai, presso Sungpan, Chang
Kuo-tao, dell’armata del quarto fronte, contravvenendo agli ordini del Comitato
centrale del partito e agendo di propria iniziativa, guidò la colonna di sinistra verso sud,
frazionando così le forze dell’Esercito rosso. Nel giugno del 1936 l’armata del secondo
171

Mao Tse-tung – OPERE

fronte dell’Esercito rosso, dopo aver infranto l’accerchiamento, lasciò la regione di
confine Hunan-Hupeh-Szechwan-Kweichow, attraversò lo Hunan, il Kweichow e lo
Yunnan e si congiunse a Kantze, nel Sikang, con l’armata del quarto fronte. I compagni
dell’armata del quarto fronte, contro la volontà di Chang Kuo-tao, ripresero la marcia
verso il nord insieme all’armata del secondo fronte. Nell’ottobre del 1936, l’armata del
secondo fronte e parte dell’armata del quarto fronte raggiunsero il nord dello Shensi,
dove si riunirono all’armata del primo fronte dell’Esercito rosso.

22. * Traditore della rivoluzione cinese. In gioventù, speculando sulla rivoluzione, si infiltrò
nel Partito comunista cinese. Nel partito commise innumerevoli errori che furono causa
di gravi crimini. Il più noto fu quello del 1935 allorché, mosso da spirito disfattista e
liquidazionista, si pronunciò contro la marcia a nord dell’Esercito rosso e a favore di
una ritirata nelle zone abitate da minoranze nazionali fra il Szechwan e il Sikang; svolse
inoltre aperta opera di tradimento contro il partito e il Comitato centrale, formò uno
pseudo-comitato centrale e minò l’unità del partito e dell’Esercito rosso, cose che
provocarono gravi danni all’armata del quarto fronte. Tuttavia, grazie al paziente lavoro
educativo svolto dal compagno Mao Tse-tung e dal Comitato centrale del partito,
l’armata del quarto fronte dell’Esercito rosso e i suoi numerosi quadri tornarono presto
sotto la giusta direzione del Comitato centrale ed ebbero una grande funzione nelle
lotte successive. Chang Kuo-tao, invece, si dimostrò incorreggibile. Nella primavera del
1938 fuggì dalla regione di confine Shensi-Kansu-Ningsia ed entrò nel servizio segreto
del Kuomintang.
23. * L’Esercito rosso centrale, o armata del primo fronte dell’Esercito rosso, fu creato nella
zona Kiangsi-Fukien (zona sovietica centrale) e posto sotto la guida diretta del Comitato
centrale del Partito comunista cinese.
24. Personaggio della mitologia cinese. Separò il cielo dalla terra e fu il primo dominatore
dell’umanità.
25. Dominatori dell’antica Cina secondo le leggende popolari.
26. * Nel luglio del 1935 le truppe del Kuomintang lanciarono la terza campagna di
“accerchiamento e annientamento” contro la base d’appoggio rivoluzionaria Shensi-
Kansu. All’inizio il 26° corpo d’armata dell’Esercito rosso dello Shensi settentrionale
sconfisse sul fronte orientale due brigate nemiche e ricacciò l’avversario sulla riva
orientale del Fiume Giallo. Nel settembre il 25° corpo d’armata dell’Esercito rosso, che
precedentemente operava nella base d’appoggio Hupeh-Honan-Anhwei, dopo aver
attraversato la parte meridionale dello Shensi e la parte orientale del Kansu, giunse nel
nord dello Shensi dove si riunì alle forze dell’Esercito rosso dello Shensi del nord,
formando cosi il 15° gruppo di armate dell’Esercito rosso. Nella battaglia di Laoshan,
a Kanchuan, questo gruppo di armate annientò la maggior parte della 110a divisione
nemica, ne uccise il comandante e poco dopo, a Yulinchiao, nel distretto di Kanchuan,
distrusse quattro battaglioni della 107a divisione nemica. Il nemico organizzò nuovi
attacchi. Al comando di Tung Ying-pin (comandante di un corpo d’armata dell’armata
del nord-est), cinque divisioni nemiche attaccarono su due colonne. A oriente una
divisione mosse in direzione nord seguendo la strada Lochuan-Fuhsien, a occidente
quattro divisioni, partite da Chingyang e Hoshui (Kansu), si diressero verso Fuhsien,
172

Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese

nel nord dello Shensi, costeggiando il fiume Hulu. In ottobre l’Esercito rosso centrale
raggiunse il nord dello Shensi. In novembre, insieme al 15° gruppo di armate, distrusse
a Chihlochen, a sud-ovest di Fuhsien, la 109a divisione nemica e nel corso dell’inseguimento
annientò a Heishuisze un reggimento della 106a divisione. Così fu definitivamente
sbaragliata la terza campagna di “accerchiamento e annientamento” del
nemico contro la base d’appoggio rivoluzionaria Shensi-Kansu.

27. * Nel 1934-1935, quando si trasferirono dalle loro posizioni, le forze principali
dell’Esercito rosso della Cina meridionale lasciarono reparti partigiani che condussero
un’accanita guerriglia in quattordici zone di otto province. Si tratta delle seguenti zone:
Chekiang del sud, Fukien del nord, Fukien orientale, Fukien meridionale, Fukien
occidentale, Kiangsi del nord-est, regione di confine Fukien-Kiangsi, regione di confine
Kwangtung-Kiangsi, Hunan meridionale, regione di confine Hunan-Kiangsi, regione
di confine Hunan-Hupeh-Kiangsi, regione di confine Hupeh-Honan-Anhwei, Monti
Tungpai nello Honan meridionale e isola di Hainan (Kwangtung).
28. * Nel 1931, dopo l’occupazione del nord-est della Cina da parte degli imperialisti
giapponesi, il Partito comunista cinese chiamò il popolo alla resistenza armata,
organizzò reparti partigiani antigiapponesi e l’Esercito rivoluzionario popolare del
nord-est e prestò aiuto ai vari reparti volontari antigiapponesi. Dopo il 1934, sotto la
direzione del partito, tutte queste forze furono riorganizzate nell’Esercito unificato
antigiapponese del nord-est al comando del famoso Yang Ching-yu, membro del
Partito comunista cinese. Questo esercito condusse per lungo tempo la lotta partigiana
antigiapponese nel nord-est. Per guerra partigiana antigiapponese nello Hopei
orientale si intende l’insurrezione contadina antigiapponese che ebbe luogo nel
maggio del 1935.
29. * Guerra del 1918-1920, nel corso della quale il popolo sovietico respinse l’intervento
armato degli Stati imperialisti (Gran Bretagna, Stati Uniti, Francia, Giappone, Polonia,
ecc.) e soffocò la rivolta delle Guardie bianche.
30. * Il potere politico e la politica di una repubblica popolare, di cui il compagno Mao Tsetung
parla, divennero una realtà, durante la Guerra di resistenza contro il Giappone,
nelle regioni popolari liberate che si trovavano sotto la direzione del Partito comunista
cinese. Questo permise al partito di dirigere il popolo a condurre con successo la
guerra, nelle retrovie del nemico, contro gli invasori giapponesi.
Durante la terza Guerra civile rivoluzionaria, scoppiata dopo la capitolazione del
Giappone, le regioni popolari liberate si estesero gradualmente a tutta la Cina e così
nacque la repubblica unificata, la Repubblica popolare cinese e l’ideale del compagno
Mao Tse-tung circa la repubblica popolare fu realizzato su scala nazionale.
31.* Nel luglio del 1928 il sesto Congresso nazionale del Partito comunista cinese adottò
un programma composto dei seguenti dieci punti: 1. rovesciamento del dominio
imperialista; 2. confisca delle imprese e delle banche appartenenti al capitale straniero;

3. unificazione della Cina e riconoscimento alle minoranze nazionali del diritto
all’autodecisione; 4. rovesciamento del governo dei signori della guerra del Kuomintang;
5. instaurazione di un governo eletto dall’assemblea dei rappresentanti degli
operai, dei contadini e dei soldati; 6. introduzione della giornata lavorativa di otto ore,
173

Mao Tse-tung – OPERE

aumento dei salari, sussidi ai disoccupati, assicurazioni sociali; 7. confisca delle terre
dei proprietari terrieri e distribuzione delle terre ai contadini; 8. miglioramento delle
condizioni di vita dei soldati e, a essi, distribuzione di terre e garanzia di lavoro; 9.
abolizione di tutte le tasse e imposte esorbitanti e adozione di un’unica imposta
progressiva; 10. alleanza con il proletariato mondiale e con l’URSS.

32. * II gruppo dei trotskisti, in origine una fazione antileninista in seno al movimento
operaio russo, degenerò in una vera e propria banda di controrivoluzionari. Nel
rapporto presentato nel 1937 alla sessione plenaria del Comitato centrale del Partito
comunista (bolscevico) dell’URSS, il compagno Stalin così spiegava l’evoluzione di
questo gruppo di rinnegati: “In passato, sette-otto anni fa, il trotskismo era una delle
tendenze politiche nella classe operaia, una tendenza antileninista, è vero e perciò
profondamente errata, ma pur sempre una tendenza politica […]. Il trotskismo attuale
non è una tendenza politica nella classe operaia, ma una banda di uomini senza principi
e senza ideali, una banda di sabotatori, di informatori, di spie, di assassini, una banda
di nemici giurati della classe operaia che agiscono al soldo degli organi di spionaggio
di Stati stranieri”. Dopo il fallimento della rivoluzione cinese nel 1927, anche in Cina
si vide apparire un piccolo numero di trotskisti che, unitisi a Chen Tu-hsiu e ad altri
rinnegati, formarono nel 1929 una piccola cricca controrivoluzionaria. Essi conducevano
una propaganda controrivoluzionaria, pretendendo fra l’altro che il Kuomintang
avesse portato a termine la rivoluzione democratica borghese e divennero un vile
strumento nelle mani dell’imperialismo e del Kuomintang nella loro lotta contro il
popolo. I trotskisti cinesi si misero apertamente al servizio dello spionaggio del
Kuomintang. Dopo l’Incidente del 18 settembre, seguendo le direttive del rinnegato
Trotski di “non impedire l’occupazione della Cina da parte dell’Impero giapponese”,
essi presero a collaborare con i servizi segreti giapponesi, ricevettero da loro
sovvenzioni e si abbandonarono a tutta una serie di attività a favore degli invasori
giapponesi.
33. * Citazione da Mencio. In Cina, nell’Epoca delle Primavere e degli Autunni (722-481
a.C.) i feudatari lottavano continuamente fra di loro per il potere e ciò spiega la frase
citata nel testo.
34. * Nel 1840-1842, in risposta all’opposizione del popolo cinese al traffico dell’oppio,
l’Inghilterra, con il pretesto di salvaguardare il commercio, inviò truppe per invadere
la Cina. Le truppe cinesi al comando di Lin Tse-hsu opposero resistenza. La
popolazione di Canton organizzò spontaneamente “Corpi di repressione antinglesi”
che infersero gravi colpi agli aggressori.
35. * Guerra rivoluzionaria contadina condotta alla meta del XIX secolo contro il dominio
feudale e l’oppressione nazionale della dinastia Ching. Nel gennaio del 1851 i dirigenti
di questa rivoluzione, Hung Hsiu-chuan, Yang Hsiu-ching e altri organizzarono
un’insurrezione nel villaggio di Chintien, distretto di Kueiping, provincia del Kwangsi
e proclamarono la costituzione del “Regno celeste del Taiping”. L’Esercito del Taiping,
lasciato il Kwangsi nel 1852, occupò Nanchino nel 1853 dopo aver attraversato lo
Hunan, lo Hupeh, il Kiangsi e l’Anhwei. Una parte delle forze continuò la sua marcia
verso nord e si spinse fino ai sobborghi di Tientsin. L’Esercito del Taiping, sia perché
non aveva creato solide basi d’appoggio nelle zone occupate, sia perché dopo aver
174

Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese

stabilito la capitale a Nanchino il suo gruppo dirigente aveva commesso numerosi errori
politici e militari, non fu in grado di resistere agli attacchi congiunti delle truppe
controrivoluzionarie della dinastia Ching e degli aggressori inglesi, americani e
francesi. La rivolta fu soffocata nel 1864.

36. * La Guerra dello Yi Ho Tuan, scoppiata nel 1900 nella Cina settentrionale, fu un vasto
movimento spontaneo di contadini e artigiani che, organizzati in società segrete a
sfondo mistico, condussero una lotta armata contro gli imperialisti. Le forze congiunte
di otto Stati imperialisti, dopo aver occupato Pechino e Tientsin, repressero crudelmente
il movimento.
37. * La Rivoluzione del 1911 portò alla caduta dell’autocratica dinastia Ching. Il 10 ottobre
1911 una parte del Nuovo esercito, sotto l’influenza di organizzazioni rivoluzionarie
borghesi e piccolo-borghesi,insorse a Wuchang. La rivolta si estese a diverse province
e poco dopo il dominio reazionario della dinastia Ching crollò. Il 1° gennaio 1912 si
costituì a Nanchino il governo provvisorio della Repubblica cinese e Sun Yat-sen fu
eletto presidente provvisorio della Repubblica. La Rivoluzione del 1911 riuscì grazie
all’alleanza della borghesia con i contadini, gli operai e la piccola borghesia urbana.
Ma il gruppo che dirigeva la rivoluzione aveva carattere conciliatore, non promosse
concreti benefici per i contadini, cedette alla pressione dell’imperialismo e delle forze
feudali e il potere cadde nelle mani di Yuan Shih-kai, signore della guerra del nord.
Questo segnò il fallimento della rivoluzione.
38. La Spedizione al nord fu la guerra iniziata nel 1924 dal Kuomintang, fino al 1927 con
la collaborazione del PCC, contro i signori della guerra che dominavano la Cina del
nord, per la riunificazione del paese. Il Kuomintang la concluse nel 1928 sulla base del
riconoscimento formale, da parte dei signori della guerra, di un unico governo
nazionale composto dal Kuomintang.
39. * V. I. Lenin, Il programma militare della rivoluzione proletaria. Vedi anche Storia del
Partito comunista (bolscevico) dell’URSS, (breve corso), cap. 6, par. 3.
175

NEVE

(febbraio 1936)

Paesaggio delle terre del nord
mille miglia sigillate dal ghiaccio,
per diecimila miglia turbina la neve.
Di qua e di là della Grande Muraglia
vedi soltanto spazi sconfinati,
il Grande Fiume a monte e a valle,
ha arrestato il suo corso impetuoso.
I monti, danzanti serpenti d’argento
gli altopiani, galoppanti elefanti di cera
gareggiano in altezza con il Cielo.
Attendi un giorno di sole:
rosso mantello gettato sul bianco
t’appariranno affascinanti e seducenti.

Fiumi e montagne tanto belli
innumerevoli eroi s’inchinarono a gara.
Ahimè, Chin Huang e Han Wu
mancavano un po’ di cultura,
Tang Tsung e Sung Tsu
non avevano maniere raffinate,
Gengis Khan,
il superbo figlio del cielo
sapeva soltanto tender l’arco
per colpire le aquile.
Sono tutti scomparsi!
Per trovare uomini di stile e d’ingegno
volgiti a guardare il nostro tempo.

Mao Tse-tung scrisse questa poesia nel periodo in cui si trovava a Yenan, la capitale della
base rossa Shensi-Kansu-Ningsia. Gli altipiani di cui si parla sono quelli dello Shensi e dello
Shansi.

Chin Shih-huang-ti, Han Wu-ti, Tang Tsung e Sung Tsu sono fondatori o grandi esponenti
rispettivamente della dinastia Chin (221-207 a.C.), della dinastia Han (206 a.C.-9 d.C.), della
dinastia Tang (618-907 d.C.), della dinastia Sung (960-1126). Gengis Khan è il grande
condottiero dei Mongoli che nel 1206 diede inizio all’espansione che li portò a occidente
fino in Polonia, a sud fino in India e in Persia e a oriente fino in Cina.

APPELLO ALLA SOCIETA’ DEI FRATELLI

(15 luglio 1936)

L’appello alla Ko Lao Hui1 qui pubblicato è rappresentativo delle multiformi iniziative
prese dal Partito comunista cinese per promuovere la mobilitazione dell’intero popolo
cinese nell’ambito del fronte unito nazionale antigiapponese.

Fratelli della Ko Lao Hui!

In questi ultimi anni i nemici mortali della nazione cinese, gli imperialisti
giapponesi, hanno continuamente aumentato la ferocia del loro selvaggio saccheggio
della Cina. Non solo hanno occupato le nostre quattro province nord-orientali,
ma sono andati oltre e di fatto hanno esteso il loro controllo a tutta la Cina
settentrionale. Non si sono accontentati di espandere le loro azioni di contrabbando,
rovinando così tutta la nostra economia e aumentando le varie forme di sofferenza
del nostro popolo (fallimenti, disoccupazione, ecc.), ma hanno imposto il loro
regime coloniale su Taiwan e sulla Corea e hanno inviato più di 50 mila soldati anche
nella Cina settentrionale. Tutte le loro misure economiche e politiche mirano a
trasformare la Cina settentrionale in un secondo Manciukuo2 e a fare di essa una base
per invadere tutta la Cina.

Infatti proprio in questo periodo avanzano senza posa nella Cina nord-occidentale,
centrale e meridionale e tentano di impadronirsi di tutto il paese: vogliono
trasformare i nostri 400 milioni di fratelli in loro schiavi e in loro bestie da soma. La
sventura della dissoluzione del nostro Stato e dell’estinzione della nostra razza brucia
oramai le nostre ciglia. Ci troviamo oramai sull’orlo di una crisi che ci pone una
questione di vita o di morte, di sopravvivenza o di rovina.

Tolto un piccolo gruppo di traditori che stanno vendendo il loro paese, tra tutti i
cinesi che conservano anche solo un po’ di onestà, tra tutti i cinesi che non vogliono
diventare schiavi senza patria non ce n’è neanche uno i cui capelli non si rizzano di
rabbia, il cui cuore non è gonfio di rancore e che non vuole impegnarsi in una guerra
di resistenza contro il Giappone anche a costo della sua vita. In questi giorni i generali
delle province sud-occidentali, Li Tsung-jen, Chen Chi-tang e altri, hanno alzato la
bandiera della resistenza al Giappone e hanno incominciato a spostare le loro truppe
verso il nord. Essi hanno anche chiesto al governo di Nanchino e a Chiang Kai-shek
di andare avanti e di battersi contro il Giappone.

La guerra nazionale rivoluzionaria contro il Giappone è oramai entrata in una
nuova fase.

In passato la Ko Lao Hui ha partecipato attivamente alla Rivoluzione del 1911

Mao Tse-tung – OPERE

seguendo in ciò i suoi principi “restaurare gli Han, eliminare i Ching”3 e “colpire i
ricchi e aiutare i poveri”. La rivoluzione nello Shensi settentrionale si è parimenti
avvantaggiata del considerevole aiuto, dell’appoggio e dell’attiva partecipazione dei
compagni della Ko Lao Hui. Compagni come Hsieh Tzu-chang e Liu Chih-tan non
sono soltanto comandanti dell’Esercito rosso ma anche membri eminenti della Ko
Lao Hui. Questo spirito rivoluzionario, queste gesta gloriose devono manifestarsi
ancora più ampiamente oggi nell’eroica lotta per salvare il paese e salvare noi stessi.

Il governo centrale della Repubblica sovietica cinese ha già dichiarato più volte nel
passato la sua volontà di resistere al Giappone e di salvare la nostra nazione. Esso
ha fatto appello a tutti quelli che non vogliono trovarsi ridotti nella condizione di
schiavi senza patria perché si uniscano senza distinzione né di partito né di classe,
si mobilitino e combattano assieme contro il nostro comune nemico, gli imperialisti
giapponesi e i traditori che stanno vendendo il loro paese, per conquistare
l’indipendenza e la libertà della nazione cinese. La Ko Lao Hui è sempre stata
un’organizzazione eminente tra le organizzazioni di uomini risoluti del nostro paese,
rappresentativa delle larghe masse dei contadini e degli artigiani. Essa è sempre stata
oggetto dell’oppressione dei signori della guerra e dei burocrati. I suoi membri sono
stati trattati come plebaglia e calunniati come banditi e le è sempre stata negata
un’esistenza legale. La classe dominante ha inflitto alla Ko Lao Hui un trattamento
pressoché uguale a quello che ha inflitto a noi.

In passato voi avete sostenuto la restaurazione degli Han e l’eliminazione dei
Manciù. Oggi noi sosteniamo la resistenza al Giappone e la salvezza del paese. Voi
sostenete che bisogna colpire i ricchi e aiutare i poveri; noi sosteniamo che bisogna
colpire i signorotti locali e distribuire la terra. Voi disprezzate la ricchezza, difendete
la giustizia e riunite nelle vostre file i più coraggiosi cavalieri senza macchia di questa
terra; noi non lesiniamo sforzi per salvare il paese e il mondo e raduniamo attorno
a noi i popoli e i gruppi oppressi e sfruttati del mondo intero. I nostri punti di vista
e le nostre posizioni sono quindi molto simili; quanto ai nostri nemici e alle nostre
prospettive essi sono ancora più simili. Per questo noi lanciamo oggi, ancora una
volta, un appello speciale e sincero ai fratelli della Ko Lao Hui di tutto il paese. Quali
che siano stati in passato le nostre divergenze e i motivi di reciproco scontento, ora
dobbiamo dimenticarli per unirci sulla parola d’ordine di resistere al Giappone e di
salvare il paese.

Costruiamo una stretta e salda alleanza fraterna, difendiamo assieme la giustizia
e il diritto e mobilitiamoci in aiuto del nostro paese in pericolo. Questo è il nostro
sacro compito, il sacro compito di tutto il popolo cinese.

Il governo sovietico è il governo del popolo oppresso del nostro paese. Noi ci
siamo assunti la responsabilità di accogliere e proteggere tutti quelli che il governo
del Kuomintang minaccia di arrestare. Quindi la Ko Lao Hui può esistere legalmente
nella Repubblica sovietica cinese. Noi abbiamo creato un ufficio per la Ko Lao Hui
per accogliere tutti gli eroi, gli uomini coraggiosi e gli intrepidi combattenti per la
causa della giustizia che non possono restare nelle zone bianche. Noi speriamo e
chiediamo che i maestri e i grandi maestri delle logge di ogni parte del paese e i nostri

180

Appello alla società dei fratelli

fratelli coraggiosi di ogni categoria mandino loro rappresentanti o vengano essi stessi
per discutere assieme cosa fare per salvare il nostro paese. Li aspettiamo con
entusiasmo e saluteremo con gioia sincera il loro arrivo. Noi proclamiamo
solennemente: mostrate lo spirito rivoluzionario che un tempo era della Ko Lao Hui!

Che la Ko Lao Hui e l’intero popolo cinese si uniscano per colpire il Giappone
e restaurare la Cina!

Viva la liberazione del popolo cinese!

Il presidente del governo centrale della Repubblica sovietica cinese

Mao Tse-tung

NOTE

1.
Ko Lao Hui (Società dei fratelli) era una società segreta. Al riguardo la commissione del
Comitato centrale del PCC incaricata della redazione delle Opere scelte di Mao Tse-tung
dice (vol. 1):
“La Società della triade, la Società dei fratelli, la Società delle grandi spade, la Società
per una vita razionale, il Clan verde erano organizzazioni segrete di tipo primitivo con
ramificazioni tra le masse popolari, composte soprattutto da contadini rovinati, artigiani
disoccupati e sottoproletari. Nella Cina feudale, questi elementi erano spesso legati da
pregiudizi religiosi. Una forma di organizzazione patriarcale regolava queste società dai
differenti nomi; alcune possedevano armi. I loro membri si aiutavano reciprocamente
nelle varie circostanze della vita e a un certo momento si servirono delle società per
organizzare la lotta contro i loro oppressori: i burocrati e i proprietari terrieri. Tuttavia
è evidente che queste organizzazioni retrograde non potevano offrire una via d’uscita
ai contadini e agli artigiani. Spesso i proprietari fondiari e i despoti locali riuscivano
senza difficoltà a controllarle e utilizzarle per i loro interessi; inoltre i membri di queste
società erano inclini a compiere atti di vandalismo, ecco perché alcune di esse
diventarono centri reazionari. Chiang Kai-shek se ne servì, nel suo colpo di Stato
controrivoluzionario del 1927, per distruggere l’unità del popolo lavoratore e sabotare
la rivoluzione. Da quando ebbe inizio il possente sviluppo delle forze del proletariato
industriale moderno, i contadini, sotto la guida della classe operaia, crearono
gradualmente organizzazioni di tipo completamente nuovo e tali società primitive e
arretrate perdettero ogni ragione d’essere”.
2.
Il governo giapponese nel 1932 creò nelle province nord-occidentali della Cina da esso
occupate uno Stato fantoccio, chiamato Manciukuo, a capo del quale pose l’ex
imperatore cinese della dinastia Ching, Pu Yi, che era stato spodestato dalla rivoluzione
repubblicana del 1911.
3.
I Ching erano la dinastia originaria della Manciuria che regnò in Cina dal 1644, quando
i Manciù invasero la Cina, fino al 1911 quando venne instaurata la repubblica. Contro
questa dinastia straniera si svilupparono diversi movimenti diretti a restaurare un potere
cinese. Gli Han erano la nazionalità di gran lunga prevalente dell’impero cinese. Han
era anche il nome di grandi antiche dinastie cinesi.
181

INTERVISTA A EDGAR SNOW

(23 luglio 1936)

Il testo che segue è estratto da un’intervista fatta dal giornalista americano Edgar Snow
a Mao Tse-tung a Pao An, nella provincia dello Shensi, il 23 luglio 1936 e pubblicata a
puntate il 3, 4 e 5 febbraio 1937 sul Shanghai Evening Post and Mercury.

Domanda: Pensa che la vittoria in Cina di un movimento comunista determinerà,
come sua immediata conseguenza, una serie di rivoluzioni in altri paesi
asiatici coloniali e semicoloniali, come la Corea, l’Indocina, le Filippine e l’India?
Ritiene che oggi la Cina sia la “chiave” della rivoluzione mondiale?

Risposta: La rivoluzione cinese è un fattore chiave nella situazione mondiale e
le masse lavoratrici di tutti i paesi, specialmente quelle dei paesi coloniali, si
augurano con tutto il cuore che giunga alla vittoria. Quando la rivoluzione cinese
avrà ottenuto il pieno potere, le masse di molti paesi coloniali seguiranno
l’esempio della Cina e otterranno anche loro una vittoria analoga. […]

Domanda: In pratica, se la rivoluzione cinese trionfasse, i rapporti economici
e politici tra la Cina sovietica e la Russia sovietica si manterrebbero nel quadro
della terza Internazionale o di una organizzazione del genere, oppure è probabile
che si giunga a una sorta di vera e propria fusione dei due governi? Il governo
sovietico cinese avrebbe con Mosca relazioni analoghe a quelle che con essa
intrattiene il governo della Mongolia esterna?

Risposta: Suppongo si tratti di una domanda puramente ipotetica. Come le ho
già detto, oggi l’Esercito rosso non aspira all’egemonia del potere, ma vuole una
Cina unita contro l’imperialismo giapponese.

La terza Internazionale è un’organizzazione in cui l’avanguardia del proletariato
mondiale mette in comune la sua esperienza collettiva a vantaggio dei popoli
rivoluzionari di tutto il mondo. Non è un’organizzazione di tipo amministrativo
e non ha nessun potere politico, ma unicamente funzioni consultive. La sua
struttura non si differenzia molto da quella della seconda Internazionale, anche
se ha contenuto del tutto diverso. Ma come a nessuno verrebbe in mente di
sostenere che nei paesi a governo socialdemocratico comanda la seconda
Internazionale, così sarebbe altrettanto ridicolo dire che la terza Internazionale
comanda nei paesi dove sono al potere dei partiti comunisti.

In URSS il partito comunista è al potere, tuttavia neanche lì governa la terza
Internazionale e neanche lì essa ha un qualche potere politico diretto sul popolo.
Allo stesso modo si può dire che, anche se il Partito comunista cinese è un membro

Mao Tse-tung – OPERE

della terza Internazionale, questo non significa affatto che la Cina sovietica sia
governata da Mosca o dalla terza Internazionale. Noi non stiamo certo combattendo
per l’emancipazione della Cina con lo scopo di consegnare il paese nelle
mani di Mosca!

Il Partito comunista cinese è solo uno dei partiti che esistono in Cina; dopo la
sua vittoria, esso dovrà parlare a nome di tutta la nazione. Non potrà certo parlare
a nome del popolo russo o governare per conto della terza Internazionale, ma
potrà farlo unicamente nell’interesse delle masse cinesi. Solo qualora l’interesse
delle masse cinesi coincidesse con l’interesse delle masse russe, si potrà dire che
il Partito comunista cinese “si inchina alla volontà di Mosca”. Ma, naturalmente,
questa base di interessi reciproci si allargherà enormemente quando le masse
cinesi avranno instaurato il potere democratico e si saranno socialmente ed
economicamente emancipate, come i loro fratelli in Russia.

Quando governi sovietici si saranno costituiti in molti paesi, è possibile che si
ponga il problema di una unione internazionale di essi e sarà interessante vedere
come sarà risolto. Ma oggi io non posso suggerire la formula: è un problema che
non è stato né può essere risolto in anticipo. Nel mondo di oggi, caratterizzato
da una sempre più stretta intimità culturale e politica tra popoli e governi diversi,
una simile unione sembrerebbe assai desiderabile, purché si fondasse sulla base
di una libera scelta.

È chiaro tuttavia che quest’ultimo punto è della massima importanza. Una tale
unione mondiale potrebbe dare buoni frutti soltanto a condizione che ogni
nazione avesse il diritto di aderirvi e di ritirarsene conformemente alla volontà del
suo popolo e mantenendo intatta la propria sovranità e certamente mai al
“comando” di Mosca. Nessun comunista ha mai pensato altrimenti e il mito del
“dominio mondiale di Mosca” è un’invenzione dei fascisti e dei controrivoluzionari.

Le relazioni tra la Mongolia esterna e l’Unione Sovietica, oggi come in passato,
si sono sempre basate sul principio di una completa uguaglianza. Quando la
rivoluzione popolare avrà trionfato in Cina, la repubblica della Mongolia esterna
diventerà automaticamente una parte della federazione cinese, di sua propria
volontà. Allo stesso modo i popoli musulmani e tibetani costituiranno repubbliche
autonome collegate alla federazione cinese. […]

184

LETTERA DI MAO TSE-TUNG, CHU TEH
E ALTRI A CHIANG KAI-SHEK

(1°dicembre 1936)

Questa lettera venne pubblicata mentre Chiang Kai-shek stava lanciando un’altra
campagna di “accerchiamento e annientamento” contro la zona sovietica della regione di
confine Shensi-Kansu. Chiang Kai-shek aveva fissato l’inizio della campagna per il 12
dicembre 1936 ed essa doveva essere condotta principalmente dalle truppe di Chang
Hsueh-liang già signore della guerra della Manciuria da cui era stato cacciato dai giapponesi
nel 1931 e dalle truppe del signore della guerra dello Shensi, Yang Hu-cheng.

L’appello del PCC non cadde a vuoto. Il 7 dicembre Chiang Kai-shek giunse a Sian,
capitale dello Shensi, per gli ultimi preparativi. Il 12 dicembre Chiang Kai-shek venne
arrestato e tenuto prigioniero fino al 24 dicembre quando venne rilasciato anche grazie
all’intervento del PCC che inviò a Sian una delegazione ad altissimo livello composta da
Chou En-lai, Yeh Chien-ying e Po Ku. Per concludere l’Incidente di Sian, Chiang Kai-shek
si impegnò a intraprendere la resistenza armata contro il Giappone e a rinunciare alla
repressione armata contro le zone rosse.

A S.E. il signor Kai-shek,

dall’agosto dello scorso anno più volte il Partito comunista cinese, il governo
della Repubblica sovietica cinese e l’Esercito rosso Vi hanno chiesto di cessare la
guerra civile e di unirvi a loro per resistere al Giappone. Da quando fu resa
pubblica, questa proposta ha trovato un’eco unanime in tutti gli ambienti della
Cina, senza distinzione di partiti politici. Voi invece avete continuato imperterrito
nella Vostra opinione e avete dato senz’altro l’ordine di scatenare contro di noi
una campagna di “accerchiamento e annientamento”1. Per questo l’inverno scorso
c’è stata la battaglia di Chihlochen; questa primavera l’Esercito rosso ha
attraversato il Fiume Giallo diretto a oriente per raggiungere la linea del fronte
Hopei-Chahar e Voi di nuovo l’avete bloccato nel bacino del fiume Fen. Non
volendo causare sacrifici insensati alle forze di difesa nazionale, noi abbiamo
ritirato le nostre truppe verso occidente, cercando un’altra via per andare a
combattere i giapponesi e abbiamo inoltre pubblicato una dichiarazione per
sollecitare una vostra presa di coscienza.

Da qualche mese la situazione nel Suiyuan orientale si è fatta sempre più critica;
allora Vi abbiamo chiesto di cambiare radicalmente i Vostri piani e di inviare una
grossa armata per combattere i giapponesi. Nessuno avrebbe mai pensato che

Mao Tse-tung – OPERE

avreste mandato solo otto reggimenti di Tang En-po in aiuto al Suiyuan, tanto per
salvare le apparenze e che avreste radunato 260 reggimenti di Hu Tsung-nan,
Kuan Lin-cheng, Mao Pin-wen, Wang Chun, He Chu-kuo, Wang I-che, Tung Yinku,
Sun Chen, Wan Yao-huan, Yang Hu-cheng, Ma Hung-ping, Ma Pu-fang, Kao
Kui-tsu, Kao Shuang-cheng, Li Hsian-chou2, che si sono presentati con aria
minacciosa, quasi dovessero a ogni costo spazzar via l’Esercito rosso e le zone
sovietiche antigiapponesi. Nonostante avessimo dato ordine all’Esercito rosso di
sospendere gli attacchi contro le Vostre truppe e di ritirarsi un passo dopo l’altro,
non siamo riusciti a mutare i Vostri sentimenti carichi di odio. Per nostra difesa,
per preservare l’esercito antigiapponese e le basi antigiapponesi […]3 con quanta
indignazione per l’attacco dei banditi giapponesi e quanto entusiasmo per
porgere aiuto agli ufficiali e ai soldati che combattono i giapponesi nel Suiyuan!
Voi invece avete concentrato tutte le forze per il massacro nella guerra civile.

Ma noi che ci troviamo personalmente al fronte conosciamo molto bene lo stato
d’animo degli ufficiali e dei soldati dell’armata del nord-ovest4: i loro desideri
coincidono con i nostri, essi vogliono sospendere la guerra civile suicida e recarsi
al più presto sul campo di battaglia antigiapponese. Se persino quelle che dal
Vostro gruppo vengono definite truppe scelte difficilmente avrebbero potuto
sfuggire alla rovinosa disfatta di Shanchengpao, il motivo non sta nel fatto che
quelle truppe veramente non fossero capaci di combattere, ma che non volevano
combattere tra cinesi e hanno preferito consegnare le armi all’Esercito rosso. Visto
che i sentimenti degli uomini e dei soldati vanno in direzione opposta alla guerra
civile, perché non interrogate di notte la Vostra coscienza per riflettere sulle cause
di questo fenomeno? Oggi la situazione nel Suiyuan peggiora di giorno in giorno,
le truppe che difendono il territorio al fronte sono in numero esiguo, per valutare
la situazione della lotta antigiapponese alla Grande Muraglia si può far riferimento
al precedente della battaglia di Shanghai del 28 gennaio5. La situazione si fa
minacciosa, il bene comune dipende da una sola persona. L’attuale questione di
importanza vitale dipende solo da una Vostra parola. Se oggi si sospenderà la
guerra civile, domani stesso l’Esercito rosso e la Vostra grande armata del nord-
ovest, che accerchia i comunisti, potranno lasciare entrambi il campo del
massacro fratricida e marciare verso il fronte antigiapponese. Le forze di difesa
nazionale del Suiyuan aumenterebbero subito di alcune decine di volte. Tutto ciò
non richiede da Voi che un cambiamento di opinione, una decisione. Il paese
allora sarebbe vendicato, il suolo della patria garantito, i territori perduti
riconquistati. Anche Voi potreste meritare la gloria di eroe della resistenza al
Giappone, il Vostro prestigio salirebbe e la fama della Vostra azione si tramanderebbe
per generazioni. Perché non fate questo passo? Noi ci permettiamo con
la massima sincerità di pregarVi ancora una volta di cogliere l’occasione per
decidere di accettare le nostre richieste di salvare la patria, di trasformare i nemici
in amici e di combattere insieme contro il Giappone. Questa non è solo la nostra
speranza, ma è realmente l’unica via d’uscita per tutto il paese e tutta la nazione.
Di fronte al problema di oggi, resistere al Giappone o capitolare, bisogna scegliere

186

Lettera di Mao Tse-tung, Chu Teh e altri a Chiang Kai-shek

una delle due soluzioni. Esitare o prendere una strada sbagliata vuol dire mandare
in rovina il paese, essere ridotti in schiavitù, tradire la fiducia di tutti i cinesi,
attirarsi il loro vituperio per i prossimi mille anni. Sinceramente non vorremmo
che le generazioni future dovessero esprimere unanimamente questo giudizio: a
mandare in rovina la Cina non è stato altri che Chiang Kai-shek. Vorremmo invece
che le generazioni future vedessero in Voi una personalità eminente che si è
tempestivamente ravveduta per salvare la patria e il popolo. C’è il detto: chi ha
sbagliato non tema di correggersi e l’altro: deporre il coltellaccio e trasformarsi
in un Buddha.

Quale strada prendere? Vorremmo che consideraste la cosa con molta
ponderazione. L’invasione del nemico avanza in profondità e la sciagura si fa
incombente. Le nostre parole sono gravi e il nostro animo in allarme. Abbiamo
scritto queste righe in tutta fretta e restiamo in attesa di una risposta chiara.

Mao Tse-tung, Chu Teh, Chang Kuo-tao, Chou En-lai, Wang Chia-chiang, Peng
Teh-huai, He Lung, Jen Pi-shih, Lin Piao, Liu Po-cheng, Ye Chien-ying, Chang
Yun-i, Hsu Hsiang-chian, Chen Ching-chih, Hsu Hai-tung, Tung Chen-tang, Luo
Ping-hui, Shao Shih-ping, Kuo Hung-tao, alla guida dei 200 mila uomini
dell’Esercito rosso del popolo cinese.

NOTE

1.
Si tratta della terza campagna di “accerchiamento e annientamento” lanciata da
Chiang Kai-shek contro la zona sovietica Shensi-Kansu. Al riguardo v. nota 26, pag.
172.
2.
I personaggi indicati, come anche Tang En-po, sono alti ufficiali delle forze armate del
Kuomintang.
3.
Nell’originale vi è un pezzo illegibile e lacunoso.
4.
Si tratta delle truppe del signore della guerra Chang Hsueh-liang, originarie dalla
Manciuria da cui erano state cacciate dai giapponesi nel 1931 e animate da forte spirito
irredentista.
5.
Il riferimento è all’attacco lanciato a Shanghai nella notte del 28 gennaio 1932 dai
giapponesi. Nonostante la consegna della non-resistenza data dal Kuomintang, la 19a
armata comandata da Tsai Ting-kai oppose una lunga resistenza. Al riguardo v. nota
10, pag. 169.
187

*PROBLEMI STRATEGICI DELLA
GUERRA RIVOLUZIONARIA IN CINA

(dicembre 1936)

*Il compagno Mao Tse-tung scrisse quest’opera per fare il bilancio delle esperienze
acquisite nel corso della seconda Guerra civile rivoluzionaria e si servì di essa per un ciclo
di conferenze tenuto all’Accademia dell’Esercito rosso nello Shensi settentrionale. Come
egli stesso dichiarò, potè scrivere solo cinque capitoli; non ebbe il tempo di trattare
l’offensiva strategica, il lavoro politico e altre questioni perché l’Incidente di Sian (v. la
Cronologia) lo distolse dal suo lavoro. Quest’opera è il risultato di un grande dibattito tra
due linee che si ebbe nel partito durante la seconda Guerra civile rivoluzionaria sui
problemi militari; in essa viene esposto il punto di vista dei fautori di una delle linee. Nel
corso della conferenza di Tsunyi, nel gennaio del 1935, l’ufficio politico del Comitato
centrale, concludendo il dibattito, confermò l’esattezza della linea del compagno Mao Tsetung
e respinse la linea errata. Nell’ottobre del 1935 il Comitato centrale si trasferì nello
Shensi settentrionale. In dicembre, il compagno Mao Tse-tung presentò il suo rapporto
Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese, nel quale risolveva in modo sistematico i
problemi concernenti la linea politica del partito nella seconda Guerra civile rivoluzionaria.
Un anno dopo, nel dicembre del 1936, scrisse la presente opera, in cui sono analizzati in
maniera metodica i problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina.

COME STUDIARE LA GUERRA

1. Le leggi della guerra si evolvono
Le leggi della guerra sono un problema che chiunque diriga una guerra deve
studiare e risolvere.

Le leggi della guerra rivoluzionaria sono un problema che chiunque diriga una
guerra rivoluzionaria deve studiare e risolvere.

Le leggi della guerra rivoluzionaria in Cina sono un problema che chiunque
diriga una guerra rivoluzionaria in Cina deve studiare e risolvere.

Oggi siamo impegnati in una guerra, la nostra è una guerra rivoluzionaria e la
nostra guerra rivoluzionaria si svolge in Cina, cioè in un paese semicoloniale e
semifeudale. Noi dobbiamo perciò studiare non soltanto le leggi della guerra in
generale, ma anche le leggi specifiche della guerra rivoluzionaria e le leggi ancora
più specifiche della guerra rivoluzionaria in Cina.

Nessuno ignora che, qualsiasi cosa facciamo, se non ne comprendiamo le
condizioni effettive, il carattere e i rapporti con le altre cose, non capiremo le leggi

Mao Tse-tung – OPERE

che la governano, non sapremo come affrontarla e non potremo farla bene.

La guerra, cominciata con l’apparizione della proprietà privata e delle classi, è
la forma suprema di lotta per risolvere, a una certa fase del loro sviluppo, le
contraddizioni tra classi, nazioni, Stati o gruppi politici. Se non si comprendono
le condizioni effettive della guerra, il suo carattere e i rapporti con le altre cose
non si potranno conoscere le leggi che la regolano, non si saprà come dirigerla
e non si potrà condurla alla vittoria.

La guerra rivoluzionaria, sia essa una guerra rivoluzionaria di classe o una guerra
rivoluzionaria nazionale, oltre alle condizioni e al carattere propri della guerra in
generale, ha condizioni specifiche e un carattere particolare. La guerra rivoluzionaria,
perciò, oltre alle leggi generali della guerra, ha proprie leggi specifiche. Se
non si comprendono le condizioni specifiche e il carattere particolare della guerra
rivoluzionaria, se non se ne comprendono le leggi specifiche, sarà impossibile
dirigerla e non si potrà condurla alla vittoria.

La guerra rivoluzionaria in Cina, sia essa una guerra civile o una guerra
nazionale, viene condotta nella situazione particolare della Cina e ha condizioni
sue particolari e un carattere specifico, per cui si distingue dalla guerra in generale
e dalla guerra rivoluzionaria in generale. Perciò, oltre alle leggi della guerra in
generale e alle leggi della guerra rivoluzionaria in generale, essa è soggetta a
proprie leggi particolari. Se non si conosce tutto questo, non sarà possibile
raggiungere la vittoria nella guerra rivoluzionaria in Cina.

Noi dobbiamo quindi studiare le leggi della guerra in generale, dobbiamo
studiare le leggi della guerra rivoluzionaria, dobbiamo, infine, studiare le leggi
della guerra rivoluzionaria in Cina.

Alcuni hanno un punto di vista errato, che già da tempo abbiamo confutato,
secondo cui sarebbe sufficiente studiare le leggi della guerra in generale, ossia,
in concreto, seguire i manuali militari pubblicati in Cina dal governo reazionario

o dalle accademie militari reazionarie. Non vedono che tali manuali espongono
soltanto le leggi della guerra in generale e, per di più, sono interamente copiati
da manuali stranieri e che se dovessimo utilizzarli così come sono, senza
apportare alcun cambiamento né alla forma né alla sostanza, sarebbe come
“tagliare il piede per adattarlo alla scarpa”, significherebbe andare incontro alla
sconfitta. Per sostenere il loro punto di vista, costoro dicono: perché dovremmo
rinunciare all’esperienza del passato, esperienza pagata col sangue? Essi non
comprendono che noi, naturalmente, dobbiamo tener conto dell’esperienza fatta
nel passato e pagata col sangue, ma dobbiamo anche tener conto dell’esperienza
per la quale abbiamo versato il nostro sangue.
Altri sostengono un punto di vista ugualmente errato, che pure abbiamo
confutato da molto tempo, secondo cui sarebbe sufficiente studiare l’esperienza
della guerra rivoluzionaria in Russia, ossia, in concreto, sarebbe sufficiente
attenersi alle leggi della condotta della guerra civile nell’Unione Sovietica e ai
manuali pubblicati dagli organismi militari di quel paese. Non comprendono che
quelle leggi e quei manuali riflettono il carattere specifico della guerra civile e

190

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

dell’Esercito rosso nell’Unione Sovietica e che se dovessimo utilizzarli così come
sono, senza apportarvi alcun cambiamento, anche in questo caso sarebbe come
“tagliare il piede per adattarlo alla scarpa”, significherebbe andare incontro alla
sconfitta. Per giustificare il loro punto di vista, costoro dicono: “l’Unione Sovietica
ha condotto una guerra rivoluzionaria e la nostra è una guerra rivoluzionaria;
l’Unione Sovietica ha conseguito la vittoria; perché allora dovremmo scegliere
determinate cose e respingerne altre? Essi non comprendono che noi, naturalmente,
dobbiamo tener conto soprattutto dell’esperienza militare sovietica, perché si
tratta di una recentissima esperienza di guerra rivoluzionaria fatta sotto la guida
di Lenin e di Stalin, ma dobbiamo altresì tener conto dell’esperienza della guerra
rivoluzionaria in Cina, perché la rivoluzione cinese e l’Esercito rosso cinese hanno
molte caratteristiche proprie”.

Altri infine sostengono il punto di vista, ugualmente errato e anch’esso da noi
confutato da molto tempo, secondo il quale l’esperienza più preziosa sarebbe
quella della Spedizione al nord del 1926-19271 e noi dovremmo ispirarci a essa,
ossia, in concreto, dovremmo imitare la Spedizione al nord che fu caratterizzata
dalla penetrazione in profondità e dalla conquista delle grandi città. Non
comprendono che, pur essendo necessario studiare l’esperienza della Spedizione
al nord, non se ne devono ricalcare le orme, poiché le condizioni in cui oggi
conduciamo la guerra sono differenti. Dell’esperienza della Spedizione al nord
noi utilizzeremo solo ciò che è ancora oggi valido ed elaboreremo qualcosa di
nostro, alla luce della situazione attuale.

Concludendo, le diverse leggi della condotta della guerra sono determinate
dalle differenti condizioni della guerra, ossia, le leggi variano con il variare del
tempo, del luogo e del carattere della guerra. Se si considera il fattore tempo, sia
la guerra che le leggi della condotta della guerra si sviluppano; ogni fase storica
ha proprie caratteristiche e perciò, per ogni fase, anche le leggi della guerra hanno
caratteristiche proprie e non è possibile trasferire meccanicamente queste leggi
da una fase all’altra. Se si considera il carattere della guerra, sia la guerra
rivoluzionaria sia la guerra controrivoluzionaria hanno caratteristiche proprie, per
cui anche le leggi che le governano hanno proprie caratteristiche e non possono
essere trasferite meccanicamente da una guerra all’altra. Se si considera il fattore
luogo, ogni paese, ogni nazione e in particolare un grande paese e una grande
nazione hanno caratteristiche proprie e di conseguenza anche le leggi della guerra
hanno proprie caratteristiche a seconda del paese o della nazione e neanche
queste leggi possono essere trasferite da un paese all’altro. Studiando le leggi della
condotta della guerra nelle diverse fasi storiche, nelle guerre di carattere
differente, in luoghi e nazioni diverse, dobbiamo prestare la massima attenzione
alle caratteristiche e allo sviluppo di queste leggi e lottare contro ogni concezione
meccanicistica del problema della guerra.

Non basta. Se un comandante, all’inizio capace di dirigere solo una piccola
formazione, è in grado di assumere il comando di una grande formazione,
significa che ha fatto dei progressi, che si è evoluto. Esercitare il comando in una

191

Mao Tse-tung – OPERE

sola località o esercitarlo in più località non è la stessa cosa. Se un comandante,
all’inizio capace di operare soltanto in una località a lui ben nota, si dimostra poi
capace di dirigere le operazioni in più località, significa ugualmente che ha fatto
dei progressi, che si è evoluto. Per lo sviluppo della tecnica, della tattica e della
strategia, sia nel campo nemico sia nel nostro, le condizioni variano da uno stadio
all’altro di una stessa guerra. Se un comandante capace di comandare durante la
fase più semplice della guerra si dimostra poi capace di comandare anche in una
fase superiore, significa che ha fatto ancora più progressi, che si è ancora più
evoluto. Il comandante capace di dirigere sempre e solo una data formazione in
una data località e in una data fase di sviluppo della guerra dimostra di non aver
fatto alcun progresso, di non essersi evoluto. Vi sono alcuni che, paghi delle loro
capacità in un certo campo e delle loro vedute estremamente limitate, non fanno
più progressi; essi possono avere una certa parte nella rivoluzione in un
determinato luogo e in un determinato momento, ma non possono avere una
grande funzione. Noi abbiamo bisogno di dirigenti capaci di svolgere una grande
funzione nella condotta della guerra. Tutte le leggi della condotta della guerra si
evolvono seguendo lo sviluppo della storia e della guerra. Nulla è immutabile.

2. Lo scopo della guerra è eliminare la guerra
La guerra, questo mostro che porta gli uomini a massacrarsi gli uni con gli altri,
finirà con l’essere eliminata dallo sviluppo della società umana e in un futuro non
molto lontano. Ma per eliminarla vi è un solo mezzo: opporre la guerra alla guerra,
opporre la guerra rivoluzionaria alla guerra controrivoluzionaria, opporre la
guerra nazionale rivoluzionaria alla guerra nazionale controrivoluzionaria, opporre
la guerra rivoluzionaria di classe alla guerra controrivoluzionaria di classe.
La storia conosce solo due tipi di guerre: le guerre giuste e le guerre ingiuste. Noi
siamo per le guerre giuste e contro le guerre ingiuste. Tutte le guerre
controrivoluzionarie sono ingiuste, tutte le guerre rivoluzionarie sono giuste. Noi
porremo fine all’epoca delle guerre nella storia dell’umanità con le nostre mani
e la guerra che combattiamo è indubbiamente una parte dell’ultima guerra. Ma
la guerra che noi dovremo condurre sarà senz’altro una parte della più grande e
della più spietata delle guerre. La più grande, spietata e ingiusta guerra
controrivoluzionaria ci minaccia e se non leveremo la bandiera della guerra giusta,
la maggior parte dell’umanità conoscerà le peggiori sofferenze. La bandiera della
guerra giusta dell’umanità è la bandiera della salvezza dell’umanità; in Cina la
bandiera della guerra giusta è la bandiera della salvezza della Cina. La guerra che
la grande maggioranza dell’umanità e del popolo cinese condurrà sarà senza
dubbio una guerra giusta, sarà l’impresa più nobile e gloriosa che salverà l’umanità
e la Cina, sarà un ponte verso una nuova era nella storia del mondo. Quando la
società umana nel corso del suo sviluppo arriverà all’eliminazione delle classi e
degli Stati, non vi saranno più guerre, né controrivoluzionarie né rivoluzionarie,
né ingiuste né giuste; sarà per l’umanità l’era della pace perenne. Il nostro studio

192

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

delle leggi della guerra rivoluzionaria nasce dal desiderio di eliminare tutte le
guerre; è questa la differenza tra noi comunisti e tutte le classi sfruttatrici.

3. La strategia studia le leggi della situazione d’insieme della guerra
Ogni guerra ha la propria situazione d’insieme. La situazione d’insieme della
guerra può abbracciare tutto il mondo, tutto un paese o una zona partigiana
indipendente, o ancora un vasto fronte operativo indipendente. Ogni situazione
in cui occorre considerare tutti gli aspetti e tutte le fasi della guerra è una situazione
d’insieme della guerra.

Il compito della strategia è studiare le leggi della condotta della guerra che
influiscono sulla situazione d’insieme della guerra. Il compito della scienza delle
campagne militari e della tattica è studiare le leggi della condotta della guerra che
regolano una situazione particolare.

Perché è necessario che il comandante di una campagna o di una operazione
tattica abbia un certo grado di conoscenza delle leggi della strategia? Perché,
comprendendo il tutto, agirà in modo giusto anche sulla parte, in quanto la parte
è subordinata al tutto. L’idea che una vittoria strategica è determinata solo dai
successi tattici è errata perché non tiene conto del fatto che l’esito di una guerra
dipende soprattutto e innanzitutto dalla giusta valutazione della situazione
d’insieme e delle fasi della guerra. Se in questo campo esistono gravi difetti o
errori, la sconfitta è inevitabile. Quando si dice che “una mossa sbagliata può far
perdere la partita” ci si riferisce a una mossa che influisce sulla situazione
d’insieme, una mossa decisiva per il tutto e non a una mossa che può influire su
un particolare e non è decisiva per l’insieme. Così è nel gioco degli scacchi e così
è anche nella guerra.

Ma il tutto non può esistere in modo indipendente, staccato dalle sue parti; esso
è l’insieme di tutte le parti che lo compongono. A volte la distruzione o la sconfitta
di alcune parti può non avere serie conseguenze per il tutto, perché queste parti
non hanno un’importanza decisiva per il tutto. Alcune sconfitte o insuccessi nelle
operazioni tattiche o nelle campagne spesso non provocano un peggioramento
della situazione d’insieme della guerra perché non sono d’importanza decisiva.
Tuttavia se si perde la maggior parte delle campagne che costituiscono la
situazione d’insieme della guerra, o una o due campagne di importanza decisiva,
si verifica immediatamente un mutamento nella situazione d’insieme. In questo
caso, la “maggior parte delle campagne” e quella “una o due campagne” sono
decisive. Nella storia delle guerre si sono verificati casi in cui, dopo tutta una serie
di vittorie, una sola sconfitta ha reso nulli tutti i successi precedenti; si sono anche
verificati casi in cui, dopo tutta una serie di sconfitte, una sola vittoria ha
determinato una situazione del tutto nuova. In questi casi, la “serie di vittorie” o
la “serie di sconfitte” avevano un carattere parziale, non avevano una funzione
decisiva per il tutto, mentre quella “sola sconfitta” o quella “sola vittoria” erano
decisive. Tutto ciò prova quanto sia importante tener conto della situazione

193

Mao Tse-tung – OPERE

d’insieme. Per chi assume il comando del complesso delle operazioni militari, la
cosa più importante è concentrare l’attenzione sulla situazione d’insieme. È
essenziale che egli, sulla base delle circostanze, tenga conto dei problemi
riguardanti la composizione delle sue unità e delle sue formazioni militari, i
rapporti fra due campagne, i rapporti fra le varie fasi delle operazioni, i rapporti
fra tutta l’attività della propria parte e tutta l’attività del nemico; tutti questi
problemi richiedono la massima attenzione e il massimo impegno. Se il
comandante non ne tiene conto e si occupa solo dei problemi secondari,
difficilmente potrà evitare la sconfitta.

Il rapporto fra la parte e il tutto non riguarda soltanto il rapporto fra la strategia
e le campagne, ma anche il rapporto fra le campagne e la tattica. Esempio pratico
può essere il rapporto fra le operazioni di una divisione e quelle dei suoi
reggimenti e dei suoi battaglioni, fra le operazioni di una compagnia e le
operazioni dei suoi plotoni e delle sue squadre. Ogni comandante, a qualsiasi
livello, deve concentrare la sua attenzione soprattutto su problemi e azioni che
abbiano la funzione più importante, la funzione decisiva per la situazione
d’insieme in cui opera e non concentrare la sua attenzione su altri problemi o
azioni.

Per determinare cosa è importante o cosa è decisivo non bisogna partire da
considerazioni generiche o astratte, ma dalla situazione concreta. Nelle operazioni
militari, per scegliere la direzione e il punto dell’attacco bisogna partire dalla
situazione in cui il nemico si trova, dalla natura del terreno e dalla situazione delle
nostre forze in quel determinato momento; nelle zone ove vi è abbondanza di
viveri, occorre fare attenzione a che i soldati non mangino troppo e nelle località
ove i viveri sono scarsi, bisogna stare attenti a che non soffrano la fame; nelle
regioni bianche anche la fuga di una sola informazione può causare la sconfitta
nelle successive battaglie, mentre nelle regioni rosse sovente tali fughe non
rappresentano un problema molto serio; in alcune campagne è necessaria la
partecipazione diretta dei comandanti di grado elevato, in altre no; per una scuola
militare, i problemi più importanti sono la scelta del direttore e degli istruttori e
l’elaborazione dei principi educativi; per un raduno di massa la cosa più
importante è mobilitare la popolazione perché vi partecipi, proporre parole
d’ordine adatte; e così via. In breve, il principio è concentrare l’attenzione su quei
fattori importanti dai quali dipende il tutto.

Per studiare le leggi della condotta della guerra in una situazione d’insieme
occorre riflettere profondamente. Ciò che ha rapporto con la situazione d’insieme
non è percettibile a occhio nudo, può essere compreso solo riflettendo attentamente
e in nessun altro modo. Ma poiché il tutto è formato dalle parti, chi ha
esperienza delle parti, chi ha esperienza di campagne e operazioni tattiche, potrà
comprendere i problemi a un livello più alto, se vorrà rifletterci seriamente. Ecco
alcuni problemi strategici: tener conto del rapporto fra il nemico e noi; tener conto
del rapporto fra le varie campagne o tra le varie fasi operative; tener conto di
alcune parti (di importanza decisiva) che interessano il tutto; tener conto delle

194

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

particolarità della situazione generale; tener conto del rapporto fra il fronte e le
retrovie; tener conto della differenza e del rapporto fra le perdite e i recuperi, fra il
combattimento e il riposo, il concentramento e il decentramento delle forze, l’attacco
e la difesa, l’avanzata e la ritirata, l’occultarsi e l’esporsi, l’attacco principale e l’attacco
d’appoggio, l’assalto e le azioni di contenimento, l’accentramento e il decentramento
del comando, la guerra di lunga durata e la guerra di rapida decisione, la guerra di
posizione e la guerra di movimento, le nostre forze e le forze amiche, un tipo di
truppe e un altro, i superiori e gli inferiori, i quadri e gli uomini di truppa, i veterani
e le reclute, i quadri superiori e i quadri inferiori, i vecchi quadri e i nuovi quadri,
le regioni rosse e le regioni bianche, le vecchie regioni rosse e le nuove regioni rosse,
le zone centrali e le zone periferiche, le stagioni calde e le stagioni fredde, la vittoria
e la sconfitta, le grandi e le piccole formazioni, l’esercito regolare e le unità partigiane,
la distruzione del nemico e la conquista delle masse, l’allargamento delle file
dell’Esercito rosso e il suo consolidamento, il lavoro militare e il lavoro politico, i
compiti del passato e i compiti del presente, i compiti presenti e i compiti futuri, i
compiti imposti da determinate condizioni e i compiti imposti da altre, il fronte stabile
e il fronte mobile, la guerra civile e la guerra nazionale, una fase storica e un’altra
fase storica, ecc. Nessuno di questi problemi è percettibile a occhio nudo, ma solo
dopo matura riflessione è possibile comprenderli, afferrarli e assimilarli, ossia è
possibile risolvere tutti i problemi importanti della guerra o delle operazioni militari
sul piano superiore dei principi. Nello studio dei problemi strategici, il nostro
compito è raggiungere questo obiettivo.

4. L’importante è saper studiare
Perché è stato necessario creare l’Esercito rosso? Per conseguire la vittoria sul
nemico. Perché bisogna studiare le leggi della guerra? Per applicarle nel corso
della guerra.

Imparare non è facile, mettere in pratica ciò che si è imparato è ancora meno
facile. Quando trattano l’arte militare in un’aula o nei libri, molti danno
l’impressione di essere dei competenti, ma quando vengono al fronte alcuni
vincono, altri subiscono sconfitte. Ciò è confermato sia dalla storia delle guerre
che dalla nostra esperienza di guerra.

Qual è dunque la chiave del problema?

Nella pratica non possiamo esigere che i generali siano invincibili; la storia
conosce ben pochi generali di questo tipo. Noi abbiamo bisogno di generali
intrepidi e sagaci che nel corso della guerra vincano la maggior parte delle
battaglie, di generali dotati di saggezza e di coraggio. Per poter avere queste due
qualità occorre assimilare un metodo. Questo metodo deve essere utilizzato sia
nello studio che nell’applicazione di ciò che si è imparato.

Qual è questo metodo? Esso consiste nell’acquisire una completa conoscenza
di tutti gli aspetti sia per quel che riguarda la situazione del nemico sia per quel
che riguarda la propria, nell’individuare le leggi che regolano l’azione delle due

195

Mao Tse-tung – OPERE

parti e nell’applicare queste leggi alle proprie azioni.

Nei manuali militari di molti paesi si indica la necessità di “applicare con
elasticità i principi secondo la situazione” e si indicano anche le misure da
prendere in caso di sconfitta. La prima indicazione mette in guardia il comandante
contro gli errori soggettivi in cui può incorrere applicando i principi alla cieca. La
seconda dice come il comandante deve agire quando ha commesso un errore
soggettivo oppure quando la situazione oggettiva ha subito cambiamenti imprevedibili
e inevitabili.

Perché si commettono errori soggettivi? Perché in una guerra o in una battaglia
le forze non sono disposte e dirette secondo le condizioni del momento e del
luogo; perché la direzione soggettiva non collima o non si accorda con le reali
condizioni oggettive, ossia, per dirla con altre parole, perché non è stata risolta
la contraddizione fra il soggettivo e l’oggettivo. È difficile evitare situazioni del
genere in qualsiasi campo di attività, ma alcuni vi riescono meglio di altri. In
qualsiasi lavoro noi chiediamo un livello relativamente alto di competenza e così,
per quel che concerne la guerra, noi chiediamo un numero maggiore di vittorie
o, in altre parole, un minor numero di sconfitte. La chiave è questa: far
corrispondere il soggettivo e l’oggettivo.

Citiamo un esempio di tattica. Supponiamo di aver scelto come punto d’attacco
uno dei fianchi del nemico, che il punto debole sia proprio quello e che perciò
l’attacco sia stato coronato da successo. È questo un caso in cui il soggettivo
corrisponde all’oggettivo, ossia un caso di corrispondenza fra i dati forniti dalle
ricognizioni, la valutazione e la decisione del comandante da un lato e la
situazione reale del nemico e il suo schieramento dall’altro. Se al contrario fosse
stato deciso di colpire l’altro fianco o il centro dello schieramento nemico, l’attacco
sarebbe fallito e non avremmo potuto avanzare; questo caso avrebbe denotato
mancanza di corrispondenza fra il soggettivo e l’oggettivo. Se la scelta del
momento di inizio dell’attacco è stata felice, se le riserve sono state fatte affluire
tempestivamente, se tutte le decisioni prese e tutte le azioni sono state favorevoli
a noi e sfavorevoli al nemico, significa che in tutto il corso del combattimento fra
il comando soggettivo e la situazione oggettiva vi è stata piena corrispondenza.
I casi di piena corrispondenza sono molto rari sia nel corso di una guerra che di
una battaglia, perché le due parti sono collettività di esseri umani armati e ognuna
nasconde all’altra i propri segreti. Qui le cose non si svolgono come quando si
tratta di oggetti inanimati o di fatti della vita quotidiana. Ma se le direttive del
comando corrispondono nelle grandi linee alla situazione reale, ossia se gli
elementi che hanno un’importanza decisiva corrispondono alla situazione reale,
allora vi sono le basi per la vittoria.

Una giusta disposizione delle forze dipende da una giusta decisione del
comandante, una giusta decisione dipende da una giusta valutazione e una giusta
valutazione da una completa e necessaria ricognizione e da un attento studio
comparato dei dati forniti da questa ricognizione. Il comandante usa tutti i metodi
di ricognizione possibili e necessari, studia le informazioni ottenute sulla

196

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

situazione del nemico, separando la pula dal grano, il falso dal vero, procedendo da
una cosa all’altra, dall’esterno all’interno; poi, tenendo conto della propria situazione,
fa uno studio comparato delle condizioni delle due parti e delle loro correlazioni;
compie così una valutazione, prende una decisione e formula i suoi piani. Questo
è il processo completo della conoscenza della situazione attraverso il quale uno
stratega deve passare prima di elaborare un piano strategico, un piano per una
campagna o una battaglia. Lo stratega poco coscienzioso non agisce così, ma si limita
ad architettare i suoi piani sulla base dei propri desideri e quindi i suoi piani si
dimostrano utopistici, non corrispondenti alla realtà. Uno stratega impulsivo che si
affida soltanto all’entusiasmo cade inevitabilmente nella rete tesagli dal nemico, si
lascia trascinare da notizie superficiali e frammentarie sulla situazione del nemico,
si lascia suggestionare dalle proposte irresponsabili, infondate e inconsiderate dei
suoi subordinati e di conseguenza batte la testa contro il muro, proprio perché non
sa o non vuol sapere che ogni piano militare deve essere basato su una indispensabile
ricognizione e sullo studio minuzioso della situazione del nemico, della propria
situazione e delle relazioni che tra esse intercorrono.

Il processo di conoscenza della situazione non avviene soltanto prima di
stabilire un piano militare, ma anche dopo. Durante l’esecuzione di un piano, dal
momento in cui il piano viene messo in atto fino al compimento delle operazioni,
si svolge un altro processo di conoscenza della situazione, ossia il processo
dell’applicazione pratica. Nel corso di questo processo sorge la necessità di
verificare di nuovo se il piano elaborato nel processo precedente corrisponde alla
situazione reale. Se non corrisponde, in tutto o in parte, occorre, sulla base delle
nuove conoscenze, fare una nuova valutazione, prendere una nuova decisione
e rielaborare il piano per far sì che corrisponda alla nuova situazione. Per quasi
tutte le battaglie si procede a un parziale mutamento del piano iniziale e a volte
si rende necessario cambiarlo completamente. Un uomo impulsivo, che non sa

o che non vuole cambiare il suo piano, un uomo che procede alla cieca, batterà
sicuramente la testa contro il muro.
Quel che abbiamo detto è valido per un’azione strategica, una campagna o una
battaglia. Se è modesto e desideroso di apprendere, un comandante esperto sarà in
grado di comprendere alla perfezione le caratteristiche che distinguono le proprie
forze (comandanti, soldati, armamento, approvvigionamento, ecc. e l’insieme di tutti
questi fattori), le caratteristiche che distinguono le forze del nemico (ancora:
comandanti, soldati, armamento, approvvigionamento, ecc. e l’insieme di tutti questi
fattori) e tutte le altre condizioni che hanno relazione con la guerra: condizioni
politiche, economiche, geografiche, climatiche e così via. Un simile comandante sarà
più sicuro di sé quando dirigerà una guerra o un’operazione militare e avrà maggiori
probabilità di vincere. Raggiungerà questo risultato perché per un lungo periodo sarà
riuscito a conoscere la propria situazione e quella del nemico, a individuare le leggi
che regolano le azioni militari e a risolvere la contraddizione fra il soggettivo e
l’oggettivo. Tale processo conoscitivo è di estrema importanza; senza questo lungo
periodo di esperienza, è difficile comprendere e assimilare le leggi che regolano la

197

Mao Tse-tung – OPERE

guerra nel suo insieme. Non può essere un comandante superiore veramente
abile chi è solo un principiante o chi sa combattere solo sulla carta; per diventare
un abile comandante è necessario imparare nel corso stesso della guerra.

Tutte le leggi della guerra o le teorie militari che hanno un carattere di principio
sono frutto della generalizzazione dell’esperienza delle guerre passate fatta dai
nostri predecessori o dai nostri contemporanei. Dobbiamo studiare seriamente le
lezioni che ci provengono dalle guerre passate, lezioni che sono state pagate con
il sangue. Questo è il nostro compito, ma non è il solo, ce n’è un altro: dobbiamo
verificare le conclusioni altrui alla luce della nostra esperienza, assimilare ciò che
può esserci utile, eliminare ciò che non serve e aggiungervi gli elementi che ci
sono propri. Questo secondo compito è veramente importante; se non faremo
così non potremo dirigere la guerra.

Studiare sui libri vuol dire imparare, ma anche applicare significa imparare: è
anzi il modo migliore d’imparare. Il nostro metodo principale è imparare a fare
la guerra facendola. Anche chi non ha avuto la possibilità di andare a scuola può
imparare a fare la guerra: può imparare combattendo. Una guerra rivoluzionaria
è un’impresa di massa; spesso non si tratta d’imparare prima e di agire poi, ma
al contrario di agire e poi imparare, perché agire è imparare. Esiste una certa
distanza tra il civile e il soldato, ma non è una Grande Muraglia e può essere
rapidamente colmata. Prendere parte alla rivoluzione e alla guerra: ecco il metodo
per colmare questa distanza. Quando affermiamo che imparare e applicare non
sono cose facili, intendiamo dire che è difficile imparare a fondo e applicare con
abilità. Quando affermiamo che i civili possono trasformarsi in soldati molto
rapidamente, intendiamo dire che non è difficile fare il primo passo. Collegando
queste due affermazioni, possiamo citare un vecchio detto cinese: “Nulla è difficile
al mondo per chi è deciso a riuscire”. Fare il primo passo non è difficile e anche
perfezionarsi è possibile, purché si abbia la determinazione di riuscire e si sappia
imparare.

Le leggi della guerra, come le leggi a cui sono soggette tutte le altre cose, sono
il riflesso della realtà2 oggettiva nella nostra mente; tutto ciò che esiste fuori della
mente è realtà oggettiva. Di conseguenza, due sono gli elementi che dobbiamo
studiare e conoscere: noi e il nemico; l’uno e l’altro devono essere l’oggetto del
nostro studio, mentre il soggetto che compie l’azione di studiare è la nostra mente
(la ragione). Vi sono uomini capaci di conoscere se stessi, ma incapaci di
conoscere il nemico; altri capaci di conoscere il nemico, ma incapaci di conoscere
se stessi. Né gli uni né gli altri sono in grado di risolvere il problema concernente
lo studio e l’applicazione delle leggi della guerra. La massima contenuta nell’opera
del grande teorico militare della Cina antica, Sun Wu Tzu3, “Conosci il nemico e
conosci te stesso e potrai combattere cento battaglie senza pericolo di sconfitte”,
si riferisce alle due fasi: lo studio e l’applicazione; si riferisce sia alla conoscenza
delle leggi di sviluppo della realtà oggettiva, sia alla determinazione, sulla base
di queste leggi, delle nostre azioni intese a vincere il nemico. Non dobbiamo
sottovalutare il valore di questa massima.

198

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

La guerra è la forma suprema di lotta fra le nazioni, gli Stati, le classi, i gruppi
politici. Le nazioni, gli Stati, le classi e i gruppi politici impegnati in una guerra
utilizzano tutte le leggi della guerra per poter ottenere la vittoria. Indubbiamente
l’esito di una guerra è determinato soprattutto dalle condizioni militari, politiche,
economiche e naturali delle due parti. Ma non è tutto. È anche determinato dalla
capacità soggettiva che le due parti hanno nel dirigere la guerra. Uno stratega non
può sperare di ottenere la vittoria oltrepassando i limiti imposti dalle condizioni
materiali; tuttavia, entro questi limiti, egli può e deve lottare per la vittoria. Per uno
stratega, la scena ove l’azione si svolge è costruita sulle condizioni materiali
oggettive, ma su questa scena egli può dirigere la rappresentazione di imprese
magnifiche, piene di suoni e colori, di forza e grandezza. Perciò, su una
determinata base materiale oggettiva, cioè in determinate condizioni militari,
politiche, economiche e naturali, i comandanti del nostro Esercito rosso devono
dimostrare coraggio e abilità e sapere utilizzare tutte le forze di cui dispongono
per abbattere i nemici della nazione e i nemici di classe e trasformare questo
mondo corrotto. È qui che si può e si deve fare uso della nostra capacità soggettiva
di dirigere la guerra. Non permetteremo a nessun comandante dell’Esercito rosso
di diventare una testa calda che mena colpi all’impazzata; dobbiamo fare in modo
che ogni comandante dell’Esercito rosso divenga un eroe valoroso e lungimirante,
un comandante animato da un coraggio indomabile e capace di dominare l’intero
corso della guerra in tutte le sue vicissitudini e i suoi sviluppi. Nuotando nel mare
della guerra, il comandante non solo non deve affogare, ma deve saper
raggiungere con bracciate misurate e sicure la riva opposta. Le leggi che regolano
la condotta della guerra costituiscono l’arte di nuotare nel mare della guerra.

Questo è il nostro metodo.

IL PARTITO COMUNISTA CINESE E LA
GUERRA RIVOLUZIONARIA IN CINA

La guerra rivoluzionaria in Cina, iniziata nel 1924, ha già attraversato due fasi, la
prima dal 1924 al 1927, la seconda dal 1927 al 1936; ora ha inizio la fase della guerra
rivoluzionaria nazionale contro il Giappone. In queste tre fasi la guerra rivoluzionaria
si è svolta e continua a svolgersi sotto la guida del proletariato cinese e del suo partito,
il Partito comunista cinese. Nella guerra rivoluzionaria in Cina, i nostri nemici
principali sono l’imperialismo e le forze feudali. La borghesia cinese può, in
determinati momenti storici, partecipare alla guerra rivoluzionaria; tuttavia, per il suo
egoismo e la sua mancanza di indipendenza politica ed economica, non vuole e non
può guidare la guerra rivoluzionaria verso la completa vittoria. Le masse dei contadini
e della piccola borghesia urbana cinese vogliono partecipare attivamente alla guerra
rivoluzionaria e portarla alla completa vittoria. Esse sono la forza principale della
guerra rivoluzionaria; tuttavia, poiché hanno le caratteristiche del piccolo produttore,
hanno orizzonti politici limitati (fra i disoccupati taluni hanno punti di vista

199

Mao Tse-tung – OPERE

anarchici) e quindi non possono dirigere correttamente la guerra. Perciò,
nell’epoca in cui il proletariato ha già fatto il suo ingresso sulla scena politica,
la responsabilità della direzione della guerra rivoluzionaria in Cina non può che
ricadere sulle spalle del Partito comunista cinese. In quest’epoca, ogni guerra
rivoluzionaria che non sia diretta dal proletariato e dal partito comunista o che
sfugga alla loro direzione, è condannata alla sconfitta. Fra tutti gli strati sociali
della Cina semicoloniale, fra tutti i suoi gruppi politici, soltanto il proletariato e
il partito comunista sono liberi da grettezza e da egoismo, hanno gli orizzonti
politici più vasti e il livello di organizzazione più elevato e sono i più pronti ad
accettare con la più grande sincerità l’esperienza dell’avanguardia mondiale, il
proletariato e dei suoi partiti politici e ad avvalersi di questa esperienza per la
propria causa. Di conseguenza, soltanto il proletariato e il partito comunista sono
in grado di guidare i contadini, la piccola borghesia urbana e la borghesia, di
superare la ristrettezza di vedute dei contadini e della piccola borghesia, il
vandalismo dei senza lavoro, nonché l’oscillazione e l’incoerenza della borghesia
(a condizione che il partito comunista non commetta errori nella sua politica) e
di portare quindi la rivoluzione e la guerra sulla via della vittoria.

Sostanzialmente, la Guerra civile rivoluzionaria del 1924-1927 si svolse in una
situazione in cui il proletariato internazionale e il proletariato cinese e i loro partiti
esercitavano un’influenza politica sulla borghesia nazionale cinese e il suo partito,
con cui avevano stabilito rapporti di cooperazione politica. Ma in un momento
critico della rivoluzione e della guerra, innanzitutto per il tradimento della grande
borghesia e anche perché gli opportunisti che si trovavano nelle file rivoluzionarie
abbandonarono volontariamente la direzione della rivoluzione, la guerra rivoluzionaria
si concluse con una sconfitta.

La Guerra rivoluzionaria agraria, iniziata nel 1927 e ancora in corso, si svolge
in condizioni nuove. In questa guerra il nemico non è soltanto l’imperialismo, ma
anche il blocco formato dalla grande borghesia e dai grandi proprietari fondiari.
La borghesia nazionale si trascina a rimorchio della grande borghesia. Soltanto il
partito comunista guida la guerra rivoluzionaria sulla quale ha stabilito la propria
direzione assoluta. La direzione assoluta del partito comunista è la condizione
principale per il proseguimento fermo e coerente della guerra rivoluzionaria.
Sarebbe inconcepibile pensare che senza la direzione assoluta del partito
comunista la guerra rivoluzionaria possa essere portata avanti con tanta perseveranza.

Il Partito comunista cinese si è messo con coraggio e decisione alla testa della
guerra rivoluzionaria in Cina. Durante gli ultimi quindici lunghi anni4 ha
dimostrato a tutta la nazione di essere l’amico del popolo e di essere sempre in
prima linea nella guerra rivoluzionaria per la difesa degli interessi del popolo, per
la libertà e per l’emancipazione del popolo.

In questa dura lotta pagata col sangue e la vita di centinaia di migliaia di membri
del partito e di decine di migliaia di quadri, animati tutti dallo stesso coraggio, il
Partito comunista cinese ha esercitato la grande funzione di educatore su centinaia

200

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

di milioni di persone in tutta la nazione. I grandi successi storici del Partito
comunista cinese nella lotta rivoluzionaria hanno fatto sì che oggi, nel momento
critico in cui il nemico nazionale ha invaso il nostro paese, la Cina ha già una
garanzia di salvezza contro il pericolo di asservimento; questa garanzia è
rappresentata dall’esistenza di una guida politica che gode della fiducia dell’immensa
maggioranza del popolo, il quale l’ha scelta dopo averla sperimentata a
lungo. Oggi il popolo ascolta il partito comunista più che qualsiasi altro partito
politico. Senza i precedenti quindici anni di dure lotte condotte dal Partito
comunista cinese, sarebbe ora impossibile salvare la Cina dal nuovo pericolo di
asservimento che la minaccia.

Nel corso della guerra rivoluzionaria, il Partito comunista cinese, oltre ai due
errori costituiti dall’opportunismo di destra di Chen Tu-hsiu5 e dall’opportunismo
“di sinistra” di Li Li-san6, ne ha commessi altri due. Il primo, l’opportunismo “di
sinistra”7 manifestatosi negli anni 1931-1934, causò danni estremamente gravi alla
Guerra rivoluzionaria agraria e, oltre a non consentirci di vincere il nemico nella
lotta contro la quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”, causò la
perdita delle basi d’appoggio e l’indebolimento dell’Esercito rosso. L’errore fu
corretto nella riunione allargata dell’ufficio politico del Comitato centrale tenuta
a Tsunyi nel gennaio del 1935. Il secondo, l’opportunismo di destra di Chang Kuotao8
nel 1935-1936, si sviluppò talmente da distruggere la disciplina del partito e
dell’Esercito rosso e causò gravi perdite a una parte delle forze principali
dell’Esercito rosso. Tuttavia, grazie alla giusta direzione del Comitato centrale e
alla coscienza politica dei membri del partito, dei comandanti e dei soldati
dell’Esercito rosso, anche questo errore fu alla fine corretto. Naturalmente tutti gli
errori indicati hanno arrecato danno al nostro partito, alla rivoluzione e alla guerra,
ma siamo finalmente riusciti a eliminarli: così facendo, il nostro partito e il nostro
Esercito rosso si sono temprati ancor più e sono diventati più forti.

Il Partito comunista cinese ha guidato e continua a guidare la impetuosa,
gloriosa e vittoriosa guerra rivoluzionaria che non soltanto rappresenta la
bandiera della liberazione per la Cina, ma riveste anche un’importanza rivoluzionaria
mondiale. I popoli rivoluzionari di tutto il mondo guardano a noi. Nella
nuova fase, la fase della guerra rivoluzionaria nazionale contro il Giappone, noi
porteremo la rivoluzione cinese a compimento ed eserciteremo una profonda
influenza sulla rivoluzione in Oriente e nel mondo. La nostra guerra rivoluzionaria
ha dimostrato che abbiamo bisogno non solo di una giusta linea politica marxista,
ma anche di una giusta linea militare marxista. I quindici anni di rivoluzione e di
guerra hanno forgiato questa linea politica e militare. Siamo certi che d’ora in poi,
nella nuova fase della guerra, questa linea sarà ulteriormente sviluppata,
completata e arricchita nelle nuove circostanze e ci farà raggiungere il nostro
obiettivo: la vittoria sul nemico della nazione. La storia c’insegna che una giusta
linea politica e militare non nasce e non si sviluppa pacificamente e spontaneamente;
nasce e si sviluppa nella lotta. Essa deve combattere l’opportunismo “di
sinistra” da un lato e l’opportunismo di destra dall’altro. Se non si lotta contro

201

Mao Tse-tung – OPERE

queste dannose deviazioni che minano la rivoluzione e la guerra rivoluzionaria,
se non le si vince completamente, è impossibile elaborare una linea corretta, è
impossibile riportare la vittoria nella guerra rivoluzionaria. È proprio per tale
ragione che in questo opuscolo faccio continui riferimenti a tali concezioni errate.

LE CARATTERISTICHE DELLA GUERRA RIVOLUZIONARIA IN CINA

1. L’importanza del problema
Coloro che non riconoscono, non capiscono o non vogliono capire che la
guerra rivoluzionaria in Cina ha caratteristiche proprie, considerano le operazioni
dell’Esercito rosso contro le truppe del Kuomintang alla stessa stregua di una
guerra ordinaria o della guerra civile in Unione Sovietica. L’esperienza di questa
guerra civile, diretta da Lenin e Stalin, ha un valore universale. Tale esperienza
e la sintesi teorica che ne hanno fatto Lenin e Stalin sono la bussola che orienta
tutti i partiti comunisti, Partito comunista cinese compreso. Tuttavia ciò non
significa che dobbiamo applicare meccanicamente questa esperienza alle nostre
condizioni. La guerra rivoluzionaria cinese, sotto molti aspetti, ha caratteristiche
proprie che la distinguono dalla guerra civile svoltasi nell’Unione Sovietica. Non
tener conto di queste caratteristiche o negarne l’esistenza sarebbe certamente
errato. Ciò è stato pienamente confermato in questi dieci anni di guerra.

Anche il nostro nemico ha commesso errori simili. Non ha voluto ammettere che
nella guerra contro l’Esercito rosso era necessario ricorrere a una strategia e a una
tattica diverse da quelle utilizzate per combattere altre forze. Fidando nella sua
superiorità in vari campi, ci ha sottovalutato ed è rimasto ostinatamente attaccato
ai vecchi metodi di condotta della guerra. Così si svolsero le cose prima e durante
la quarta campagna di “accerchiamento e annientamento” nel 1933. Come
risultato, il nemico subì una serie di sconfitte. Nell’esercito del Kuomintang, il
primo a prospettare un nuovo punto di vista su questo problema fu il generale
reazionario Liu Wei-yuan, subito seguito da Tai Yueh. Alla fine Chiang Kai-shek
accettò le loro opinioni. Sorsero così il Corpo di istruzione per ufficiali9, creato da
Chiang Kai-shek sui Monti Lushan e i nuovi principi militari reazionari10 applicati
poi nel corso della quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”.

Ma nel momento in cui il nemico modificava i suoi principi militari per adattarli
alle operazioni contro l’Esercito rosso, nelle nostre file apparvero alcuni che
volevano tornare ai “buoni sistemi del passato”. Essi insistevano perché si
ristabilissero i metodi validi per le condizioni generali, rifiutavano di tener conto
delle circostanze specifiche di ogni caso, respingevano l’esperienza che era
costata tanto sangue all’Esercito rosso, sottovalutavano le forze dell’imperialismo
e del Kuomintang, sottovalutavano la potenza dell’esercito del Kuomintang e
ignoravano deliberatamente i nuovi principi militari reazionari del Kuomintang.
Il risultato fu la perdita di tutte le basi rivoluzionarie, a eccezione della regione

202

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

di confine Shensi-Kansu, la diminuzione degli effettivi dell’Esercito rosso da 300
mila a qualche decina di migliaia, la diminuzione dei membri del partito da 300
mila ad alcune decine di migliaia, la distruzione quasi completa delle organizzazioni
di partito nelle zone controllate dal Kuomintang. In poche parole, subimmo
una terribile punizione, una punizione di portata storica. Questa gente si
dichiarava marxista-leninista, ma in realtà dal marxismo-leninismo non aveva
imparato nulla. Lenin ha detto che la sostanza stessa, l’anima vivente del marxismo
risiede nell’analisi concreta di una situazione concreta11. Era proprio ciò che quei
nostri compagni avevano dimenticato.

Ne deriva che se non si comprendono le caratteristiche della guerra rivoluzionaria
in Cina, è impossibile dirigere questa guerra, è impossibile portarla alla vittoria.

2. Quali sono le caratteristiche della guerra rivoluzionaria in Cina?
Quali sono, dunque, le caratteristiche della guerra rivoluzionaria in Cina?

Penso che le principali siano quattro.

La prima è che la Cina è un vasto paese semicoloniale che si sviluppa, dal punto
di vista politico ed economico, in modo ineguale ed è passato attraverso la
rivoluzione del 1924-1927.

Questa caratteristica indica che la guerra rivoluzionaria in Cina ha la possibilità
di svilupparsi e di trionfare. Abbiamo già fatto presente questa possibilità (al primo
Congresso del Partito comunista cinese della regione di confine Hunan-Kiangsi12)
quando, fra l’inverno del 1927 e la primavera del 1928, poco dopo l’inizio della
guerra partigiana, alcuni compagni che operavano sui monti Chingkang, nella
regione di confine Hunan-Kiangsi, avevano posto questa domanda: “Per quanto
tempo ancora potremo tenere alzata la nostra bandiera rossa?”. Si trattava di un
problema di importanza fondamentale. Se non avessimo dato una risposta alla
domanda circa la possibilità per le basi rivoluzionarie e l’Esercito rosso cinese di
esistere e di svilupparsi, non avremmo potuto avanzare di un solo passo. Il sesto
Congresso nazionale del Partito comunista cinese, tenutosi nel 1928, rispose
ancora una volta a questa domanda. Da allora il movimento rivoluzionario cinese
ha avuto una base teorica giusta.

Esaminiamo più dettagliatamente il problema.

La Cina si sviluppa, dal punto di vista politico ed economico, in modo ineguale:
accanto a una debole economia capitalista esiste una forte economia semifeudale;
accanto a un piccolo numero di moderni centri industriali e commerciali esiste una
vasta campagna ferma nel suo sviluppo; accanto ad alcuni milioni di operai
dell’industria esistono centinaia di milioni di contadini e artigiani sotto il giogo del
vecchio regime; accanto ai grandi signori della guerra che controllano il governo
centrale, esistono i piccoli signori della guerra che controllano le singole province;
esistono l’una accanto all’altra due categorie di truppe reazionarie: l’“Esercito
centrale”, al comando di Chiang Kai-shek, e le “truppe miste”, al comando dei
signori della guerra delle singole province; accanto alle poche ferrovie, linee

203

Mao Tse-tung – OPERE

fluviali e strade carrozzabili, esistono in grande quantità carrarecce, sentieri che
permettono soltanto il passaggio di pedoni e sentieri per i quali è difficile passare
anche a piedi.

La Cina è un paese semicoloniale: la mancanza di unità tra le potenze
imperialiste determina la mancanza di unità fra i diversi gruppi dominanti cinesi.
Un paese semicoloniale controllato da diversi Stati differisce da una colonia su cui
domina uno Stato soltanto.

La Cina è un vasto paese: “Quando l’est è avvolto nelle tenebre, a ovest è ancora
giorno; quando a sud è notte, a nord splende il sole”. Non vi è quindi ragione di
preoccuparsi, lo spazio per manovrare non manca.

La Cina è passata attraverso una grande rivoluzione: questo ha preparato il
terreno alla nascita dell’Esercito rosso, ha preparato la guida dell’Esercito rosso,
cioè il Partito comunista cinese e ha preparato le masse popolari che hanno così
un’esperienza della rivoluzione.

Ecco perché diciamo che la Cina è un vasto paese semicoloniale che si sviluppa,
dal punto di vista politico ed economico, in modo ineguale e che è passato
attraverso una rivoluzione. È questa la prima caratteristica della guerra rivoluzionaria
in Cina. Tale caratteristica determina sostanzialmente la nostra strategia e la
nostra tattica non solo in campo politico, ma anche in campo militare.

La seconda caratteristica della guerra rivoluzionaria in Cina è che il nostro
nemico è forte.

Qual è la situazione del Kuomintang, il nemico dell’Esercito rosso? Il Kuomintang
è un partito che si è impadronito del potere politico e lo ha più o meno
consolidato. Esso beneficia dell’aiuto di tutti i principali paesi imperialisti. Ha
riorganizzato il suo esercito in modo tale che si distingue da tutti gli eserciti che
la Cina ha avuto nel corso della storia ed è simile, nelle linee generali, agli eserciti
degli Stati moderni. Per armi e altri materiali militari è notevolmente superiore
all’Esercito rosso, mentre per effettivi supera gli eserciti cinesi di qualsiasi epoca
storica e gli eserciti permanenti di qualsiasi Stato del mondo. L’Esercito rosso non
può reggere al suo confronto. Il Kuomintang si è impadronito di tutte le leve di
comando e di tutte le posizioni-chiave in campo politico ed economico e nel
campo delle comunicazioni e della cultura; il suo potere si estende su tutta la
nazione.

L’Esercito rosso ha di fronte a sé un potente nemico. Questa è la seconda
caratteristica della guerra rivoluzionaria in Cina. Di conseguenza, le operazioni
dell’Esercito rosso non possono non differire, sotto molti aspetti, da quelle della
guerra in generale, della guerra civile in URSS e della Spedizione al nord.

La terza caratteristica della guerra rivoluzionaria in Cina è che l’Esercito rosso
è debole.

L’Esercito rosso cinese è nato dalle unità partigiane dopo la sconfitta della prima
grande rivoluzione. Ciò avvenne in un periodo di reazione in Cina e, nello stesso
tempo, di relativa stabilità politica ed economica negli Stati capitalisti reazionari
del mondo.

204

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

Il nostro potere si trova disperso, isolato, in regioni montagnose o remote e non
riceve alcun aiuto esterno. Per condizioni economiche e culturali, le basi
rivoluzionarie sono indietro rispetto alle regioni controllate dal Kuomintang. In
esse si trovano soltanto villaggi e piccole città. All’inizio le nostre basi erano molto
piccole e in seguito non sono cresciute di molto. In più, non sono stabili, per cui
l’Esercito rosso non ha basi veramente solide.

L’Esercito rosso è numericamente piccolo, male armato e si trova in una
situazione difficile per quel che concerne il rifornimento di viveri, vestiario,
coperte e altri materiali.

Questa caratteristica è in netto contrasto con la precedente. La strategia e la
tattica dell’Esercito rosso sono sorte sulla base di questo contrasto.

La quarta caratteristica della guerra rivoluzionaria in Cina è la guida del partito
comunista e la rivoluzione agraria.

Questa caratteristica è l’inevitabile conseguenza della prima. Essa ha determinato
una situazione che presenta due aspetti. Da un lato, nonostante che si svolga
in un periodo di reazione in Cina e nel mondo capitalista, la guerra rivoluzionaria
in Cina può concludersi con la vittoria poiché è diretta dal partito comunista ed
è appoggiata dai contadini. Grazie a questo appoggio, le nostre basi, anche se
poco estese, rappresentano una grande forza politica, si oppongono con
fermezza al potere del Kuomintang, che si estende su vaste regioni e creano, sul
piano militare, grosse difficoltà alle offensive delle truppe del Kuomintang.
L’Esercito rosso, malgrado la sua inferiorità numerica, si distingue per la grande
capacità combattiva perché i suoi uomini, guidati dal partito comunista, si sono
formati nel corso della rivoluzione agraria e lottano per i propri interessi; inoltre
fra i comandanti e i soldati vi è unità politica.

Dall’altro lato, il Kuomintang si trova in una situazione diametralmente opposta
alla nostra. Esso è contro la rivoluzione agraria e perciò non gode dell’appoggio
dei contadini. Anche se il suo esercito è numericamente grande, la massa dei
soldati e i numerosi ufficiali subalterni, provenienti dall’ambiente dei piccoli
produttori, non sono disposti a sacrificare la propria vita per il Kuomintang. Fra
gli ufficiali e i soldati esistono divergenze politiche e ciò riduce la capacità
combattiva dell’esercito del Kuomintang.

3. La nostra strategia e la nostra tattica derivano da queste caratteristiche
Un vasto paese semicoloniale che è passato attraverso una grande rivoluzione e
si sviluppa, dal punto di vista politico ed economico, in modo ineguale, un nemico
forte, un debole Esercito rosso, la rivoluzione agraria: ecco le quattro caratteristiche
principali della guerra rivoluzionaria in Cina. Queste caratteristiche determinano la
linea direttiva e i numerosi principi tattici e strategici della guerra rivoluzionaria in
Cina. La prima e la quarta danno all’Esercito rosso la possibilità di svilupparsi e di
vincere i propri nemici. La seconda e la terza rendono impossibile all’Esercito rosso
di svilupparsi rapidamente e di vincere inbreve tempo i suoi nemici; in altre parole,

205

Mao Tse-tung – OPERE

esse determinano il carattere di lunga durata di questa guerra, la quale, se non
è condotta in modo giusto, può anche finire con una sconfitta.

Questi sono i due aspetti della guerra rivoluzionaria in Cina. I due aspetti
esistono uno accanto all’altro, cioè accanto alle condizioni favorevoli esistono le
condizioni difficili. Tale è la legge fondamentale della guerra rivoluzionaria in
Cina, dalla quale derivano molte altre leggi; la sua validità è stata dimostrata dalla
storia dei dieci anni di guerra. Chi ignora deliberatamente questa legge fondamentale
non può dirigere la guerra rivoluzionaria in Cina né portare l’Esercito rosso
alla vittoria.

È chiaro che occorre dare una giusta soluzione alle seguenti questioni di principio:
determinare correttamente il nostro orientamento strategico, lottare contro
l’avventurismo quando si è in offensiva, il conservatorismo quando si è sulla difensiva
e la tendenza alla fuga nel corso degli spostamenti; essere contro lo spirito partigiano
dell’Esercito rosso, pur riconoscendo il suo carattere partigiano; essere contro le
campagne di lunga durata e la strategia della guerra di rapida decisione e favorevoli
alla strategia di una guerra prolungata e alle campagne di rapida decisione; essere
contro le linee del fronte fisse e la guerra di posizione e favorevoli alle linee del fronte
mobili e alla guerra di movimento; essere contro la guerra che mira solo a mettere
il nemico in rotta e favorevoli alla guerra di annientamento; essere contro la
concezione di colpire contemporaneamente con i due pugni in due direzioni
strategiche e favorevoli alla strategia di colpire con un solo pugno in una sola
direzione; essere contro il principio di creare un vasto sistema di retrovie e favorevoli
al principio di creare un piccolo sistema di retrovie; essere contro l’accentramento
assoluto del comando e favorevoli a un accentramento relativo; essere contro la
mentalità puramente militare e la mentalità da “fuorilegge”13 e favorevoli a che
l’Esercito rosso sia il propagandista e l’organizzatore della rivoluzione cinese; essere
contro il banditismol4 e favorevoli a una rigorosa disciplina politica; essere contro la
mentalità da signore della guerra e favorevoli alla democrazia nell’esercito, sia pure
entro determinati limiti e a una disciplina militare basata sull’autorità; essere contro
una politica errata e settaria nei confronti dei quadri e favorevoli a una giusta politica
verso i quadri; essere contro la politica di autoisolamento e riconoscere la necessità
di conquistare tutti gli alleati possibili; opporsi, infine, a che l’Esercito rosso resti
perennemente nella vecchia fase del suo sviluppo e lottare per il passaggio a una
nuova fase. Trattando i problemi della strategia esporremo particolareggiatamente
tutti questi problemi, alla luce dell’esperienza storica acquisita nel corso dei dieci anni
di sanguinosa guerra rivoluzionaria in Cina.

LE CAMPAGNE DI “ACCERCHIAMENTO E ANNIENTAMENTO”
E LE CONTROCAMPAGNE: FORME PRINCIPALI
DELLA GUERRA CIVILE IN CINA

Negli ultimi dieci anni, fin dal primo giorno della guerra partigiana, ogni unità

206

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

partigiana rossa indipendente, ogni unità dell’Esercito rosso e ogni base rivoluzionaria
ha dovuto far continuamente fronte alle campagne di “accerchiamento e
annientamento” lanciate dal nemico. Questi considera l’Esercito rosso un mostro e
cerca di catturarlo non appena si fa vivo. È sempre alle sue calcagna e tenta in
continuazione di accerchiarlo. Questa forma di guerra è rimasta invariata per dieci
anni e, a meno che una guerra nazionale non prenda il posto della guerra civile, tale
resterà fino al giorno in cui il nemico sarà diventato debole e l’Esercito rosso forte.

Le operazioni dell’Esercito rosso hanno assunto la forma di controcampagne.
Per vittoria noi intendiamo essenzialmente la vittoria in ogni controcampagna,
ossia vittoria in campo strategico e vittorie nelle campagne. Le operazioni
condotte contro ogni campagna nemica di “accerchiamento e annientamento”
costituiscono una campagna che spesso comprende parecchie battaglie grandi e
piccole, talora parecchie decine. Finché una campagna di “accerchiamento e
annientamento” non è stata sostanzialmente infranta, anche se abbiamo vinto
numerose battaglie, non si può parlare di vittoria strategica o di vittoria di tutta
la campagna. La storia dei dieci anni di guerra dell’Esercito rosso è la storia delle
controcampagne.

Il nemico nelle sue campagne di “accerchiamento e annientamento” e l’Esercito
rosso nelle sue controcampagne sono ricorsi a due forme di combattimento:
l’offensiva e la difensiva. In questo senso non esiste alcuna differenza rispetto ad
altre guerre, antiche o moderne, in Cina o altrove. La particolarità della guerra
civile in Cina sta invece nell’alternarsi di queste forme di combattimento durante
un lungo periodo di tempo. In ogni campagna di “accerchiamento e annientamento”
il nemico scatena la sua offensiva contro la difensiva dell’Esercito rosso e
l’Esercito rosso oppone la sua difensiva all’offensiva del nemico; questa è la prima
fase. In seguito il nemico oppone la sua difensiva all’offensiva dell’Esercito rosso
e l’Esercito rosso scatena la sua offensiva contro la difensiva del nemico; questa
è la seconda fase. Ogni campagna di “accerchiamento e annientamento”
comprende queste due fasi che si alternano durante un lungo periodo di tempo.

Quando parliamo dell’alternarsi durante un lungo periodo di tempo, intendiamo
il ripetersi delle due forme di guerra e delle due forme di combattimento. È
un fatto che salta subito agli occhi di chiunque. Campagna di “accerchiamento e
annientamento” e controcampagna: sono queste le forme di guerra che si
ripetono. Nella prima fase il nemico ricorre all’offensiva contro la nostra difensiva
e noi opponiamo la nostra difensiva alla sua offensiva; nella seconda fase il
nemico oppone la sua difensiva alla nostra offensiva e noi scateniamo la nostra
offensiva contro la sua difensiva: è così che si alternano in ogni campagna di
“accerchiamento e annientamento” le forme di combattimento.

Per quanto riguarda il contenuto della guerra e dei combattimenti, esso non si
ripete puramente e semplicemente, ma è ogni volta diverso. Anche questo è un
fatto che salta subito agli occhi di chiunque. Qui è possibile osservare questa
legge: ogni nuova campagna e controcampagna è più ampia della precedente, la
situazione più complessa e i combattimenti più accaniti. Non si deve tuttavia

207

Mao Tse-tung – OPERE

affermare che in questo campo non vi siano alti e bassi. Dopo la quinta campagna
di “accerchiamento e annientamento”, poiché l’Esercito rosso si era estremamente
indebolito, aveva perduto completamente le sue basi nel sud e, con il suo
trasferimento nel nord-ovest, non occupava più, come nel sud del paese,
posizioni estremamente importanti dalle quali poteva minacciare il nemico
interno, le campagne di “accerchiamento e annientamento” sono state meno
ampie, la situazione si è fatta meno complessa e i combattimenti sono divenuti
meno accaniti.

Cos’è la sconfitta per l’Esercito rosso? Sul piano strategico si può chiamare
sconfitta soltanto l’insuccesso totale di una controcampagna; ma anche in questo
caso la sconfitta non è che parziale e temporanea. Soltanto la totale distruzione
dell’Esercito rosso potrebbe costituire una sconfitta completa della guerra civile
e questo non si è verificato. La perdita di vaste basi d’appoggio e il trasferimento
dell’Esercito rosso rappresentano solo una sconfitta parziale, temporanea, non
una sconfitta totale e definitiva, anche se questa sconfitta parziale ha implicato la
perdita del 90 per cento sia degli effettivi del partito e dell’Esercito rosso che delle
basi d’appoggio. Noi consideriamo tale trasferimento come la continuazione della
difensiva e l’inseguimento da parte del nemico come la continuazione della sua
offensiva. In altri termini, nel corso della lotta fra la campagna di “accerchiamento
e annientamento” del nemico e la nostra controcampagna, noi non abbiamo
potuto passare dalla difensiva all’offensiva; al contrario, la nostra difensiva è stata
spezzata dall’offensiva nemica e si è trasformata in una ritirata e l’offensiva
dell’avversario si è trasformata in un inseguimento. Tuttavia quando l’Esercito
rosso ha raggiunto una nuova zona, per esempio quando dal Kiangsi e da altre
regioni siamo passati nello Shensi, è cominciato di nuovo il ripetersi delle
campagne di “accerchiamento e annientamento”. Perciò noi diciamo che la ritirata
strategica dell’Esercito rosso (la Lunga Marcia) è stata la continuazione della sua
difensiva strategica e l’inseguimento strategico da parte del nemico è stato la
continuazione della sua offensiva strategica.

Nella guerra civile in Cina, come in qualsiasi altra guerra antica o moderna, in
Cina o altrove, non vi sono che due forme fondamentali di combattimento:
l’offensiva e la difensiva. La particolarità della guerra civile in Cina risiede nel
ripetersi, durante un lungo periodo, delle campagne di “accerchiamento e
annientamento” e delle controcampagne e nell’alternarsi durante un lungo
periodo delle due forme di combattimento, la difensiva e l’offensiva; in questo
processo si è inserito il grandioso trasferimento strategico di oltre 20 mila li (la
Lunga Marcia)l5.

Così stanno le cose anche per quel che riguarda la sconfitta del nemico. Per il
nemico si parla di sconfitta strategica quando noi stronchiamo la sua campagna
di “accerchiamento e annientamento” e la nostra difensiva si trasforma in
offensiva, mentre esso è costretto a passare alla difensiva e a riorganizzarsi, prima
di dare inizio a un’altra campagna. Il nemico non ha avuto bisogno di ricorrere
a un trasferimento strategico di oltre venti mila li, come è toccato fare a noi, poiché

208

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

egli domina in tutto il paese ed è molto più forte di noi. Ma anch’esso ha dovuto
operare spostamenti parziali delle sue forze. È accaduto che il nemico abbia
dovuto effettuare una sortita dalle roccaforti bianche situate all’interno di alcune
basi rivoluzionarie e accerchiate dall’Esercito rosso e ripiegare nelle zone bianche
per organizzare nuove offensive. Se la guerra civile si prolungherà e le vittorie
dell’Esercito rosso assumeranno maggior ampiezza, simili fatti diverranno molto
più frequenti. Il nemico tuttavia non potrà ottenere i risultati conseguiti dall’Esercito
rosso poiché non ha l’appoggio della popolazione e non esiste unità fra
ufficiali e soldati. Se dovesse seguire l’esempio dell’Esercito rosso ed effettuare un
trasferimento a grande distanza, sarebbe certamente distrutto.

Nel 1930, quando la sua linea predominava, il compagno Li Li-san non aveva
compreso il carattere di lunga durata della guerra civile in Cina e quindi non aveva
afferrato la legge del ripetersi, durante un lungo periodo, delle campagne di
“accerchiamento e annientamento” e delle loro sconfitte nel corso della guerra
civile (a quell’epoca avevano avuto luogo tre campagne di “accerchiamento e
annientamento” nella regione di confine Hunan-Kiangsi e due nel Fukien). Per
questo, egli impose all’ancor giovane Esercito rosso di marciare su Wuhan e
ordinò l’insurrezione armata in tutto il paese, pensando di ottenere una rapida
vittoria della rivoluzione. Commise così un errore opportunistico “di sinistra”.

Anche gli opportunisti “di sinistra” del 1931-1934 non credevano nella legge del
ripetersi delle campagne di “accerchiamento e annientamento”. Nella base rivoluzionaria
della regione di confine Hupeh-Honan-Anhwei nacque la cosiddetta teoria
della “forza ausiliaria”; alcuni compagni dirigenti della base ritenevano che le forze
del Kuomintang, dopo la sconfitta della terza campagna di “accerchiamento e
annientamento”, si fossero ridotte a una “forza ausiliaria” e che una nuova offensiva
contro l’Esercito rosso sarebbe stata impossibile, a meno che gli imperialisti non
fossero intervenuti quali forza principale. La linea strategica basata su questa
valutazione della situazione consistette nel lanciare l’Esercito rosso alla conquista di
Wuhan. Questo in principio corrispondeva al punto di vista di quei compagni del
Kiangsi i quali facevano appello all’Esercito rosso perché attaccasse Nanchang, erano
contrari al lavoro di edificazione delle basi rivoluzionarie e alla tattica di attirare il
nemico all’interno del nostro territorio e ritenevano che l’occupazione del capoluogo
e delle principali città di una provincia avrebbe assicurato la vittoria in tutta la
provincia, che “la lotta contro la quinta campagna di ‘accerchiamento e annientamento’
sarebbe stata una battaglia decisiva fra la via della rivoluzione e la via della
colonia”, ecc. Questo opportunismo “di sinistra” fu l’origine della linea errata seguita
durante la lotta contro la quarta campagna di “accerchiamento e annientamento”
nella regione di confine Hupeh-Honan-Anhwei e contro la quinta campagna nella
zona sovietica centrale del Kiangsi. Esso rese impotente l’Esercito rosso contro le
furiose campagne di “accerchiamento e annientamento” lanciate dal nemico e causò
enormi danni alla rivoluzione cinese.

Del tutto errata era anche la teoria, direttamente legata all’opportunismo “di
sinistra” che negava il ripetersi delle campagne di “accerchiamento e annientamen

209

Mao Tse-tung – OPERE

to”, secondo cui l’Esercito rosso non doveva in nessun caso ricorrere alla difensiva.

Le rivoluzioni e le guerre rivoluzionarie sono offensive: naturalmente questa
affermazione è in un certo senso giusta. Quando le rivoluzioni e le guerre
rivoluzionarie sorgono e si sviluppano, passando dal piccolo al grande, dalla
mancanza del potere alla presa del potere, dalla mancanza dell’Esercito rosso alla
creazione dell’Esercito rosso, dalla mancanza di basi rivoluzionarie alla costituzione
di basi rivoluzionarie, devono essere sempre offensive, non devono segnare
il passo; è quindi necessario lottare contro la tendenza al conservatorismo.

Le rivoluzioni e le guerre rivoluzionarie sono offensive, ma implicano anche la
difensiva e la ritirata: questa è la sola affermazione completamente giusta.
Difendersi per poi attaccare, ritirarsi per poi avanzare, attaccare sul fianco per poi
attaccare frontalmente, prendere una strada tortuosa per poi avanzare sulla strada
diritta: questo è un fenomeno inevitabile nel processo di sviluppo di molte cose
e ancor più nelle operazioni militari.

La prima delle due affermazioni sopraccitate può essere giusta nel campo
politico, ma diventa errata se la si trasferisce nel campo militare. Anche nel campo
politico è giusta soltanto in una determinata situazione (ascesa della rivoluzione),
ma trasferita a un’altra situazione (riflusso della rivoluzione, come per esempio
la ritirata che si ebbe in Russia nel 190616 e in Cina nel 1927 e la ritirata parziale
in Russia nel 1918 al tempo della conclusione della pace di Brest-Litovsk17),
diventa errata. Soltanto la seconda affermazione è completamente giusta. Il punto
di vista degli opportunisti “di sinistra” del 1931-1934, che si opponevano
meccanicamente all’impiego di misure difensive in guerra, non era che una
manifestazione di infantilismo.

Quando finirà questo ripetersi delle campagne di “accerchiamento e annientamento”?
Secondo me, se la guerra civile si prolungherà, questo ripetersi cesserà
quando nel rapporto di forze si sarà prodotto un mutamento radicale. Cesserà non
appena l’Esercito rosso sarà diventato più forte del nemico. Allora saremo noi che
organizzeremo campagne per accerchiare e annientare il nemico e a questi non
resterà che organizzare controcampagne, tuttavia né le condizioni politiche, né
quelle militari gli permetteranno di avere una posizione simile a quella dell’Esercito
rosso nelle sue controcampagne. Possiamo affermare con sicurezza che allora
il ripetersi delle campagne di “accerchiamento e annientamento” finirà, se non
completamente, almeno sostanzialmente.

LA DIFENSIVA STRATEGICA

In questo capitolo desidero soffermarmi sui problemi seguenti: 1. la difesa attiva
e passiva; 2. la preparazione di una controcampagna; 3. la ritirata strategica; 4. la
controffensiva strategica; 5. l’inizio della controffensiva; 6. il concentramento delle
forze; 7. la guerra di movimento; 8. la guerra di rapida decisione; 9. la guerra di
annientamento.

210

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

1. La difesa attiva e passiva
Perché cominciamo dalla difesa? Dopo la sconfitta del primo fronte unito
nazionale del 1924-1927, la rivoluzione in Cina si trasformò in una delle più
violente e spietate guerre di classe. Il nostro nemico dominava su tutto il paese,
mentre noi avevamo solo delle modeste forze armate; di conseguenza, fin dagli
inizi dovemmo combattere duramente contro le sue campagne di “accerchiamento
e annientamento”. La nostra offensiva era in diretto rapporto agli sforzi che
compivamo per infrangere queste campagne e il nostro sviluppo dipendeva
unicamente dalla nostra capacità di infrangerle. Il processo che porta alla sconfitta
di una campagna di “accerchiamento e annientamento” segue spesso una via
tortuosa, non rettilinea, così come si vorrebbe. Per noi il primo e più serio
problema è come conservare le nostre forze e attendere il momento favorevole
per sconfiggere il nemico. Il problema della difensiva strategica diviene quindi il
problema più complesso e più importante che l’Esercito rosso deve affrontare nel
corso delle operazioni.

In questi dieci anni di guerra, si sono spesso manifestate due deviazioni nei
riguardi della difensiva strategica: l’una consisteva nel sottovalutare il nemico,
l’altra nell’esserne terrorizzati.

Per aver sottovalutato il nemico, molte unità partigiane sono state sconfitte e
l’Esercito rosso non è stato in grado di infrangere diverse campagne di
“accerchiamento e annientamento”.

Quando le formazioni partigiane rivoluzionarie erano appena sorte, i loro capi
spesso non valutavano in modo giusto la propria situazione e quella del nemico.
Essi vedevano solo le circostanze momentaneamente favorevoli (successi riportati
nell’organizzazione di una improvvisa insurrezione armata in una determinata
località, oppure di una rivolta in seno all’esercito bianco) o non vedevano la
gravità della situazione e, di conseguenza, sottovalutavano di frequente il nemico.
Inoltre non si rendevano conto dei propri punti deboli (mancanza di esperienza
ed esiguità delle forze). Che il nemico fosse forte e noi deboli era una realtà
oggettiva, ma alcuni non volevano prenderla in considerazione, parlavano solo
di offensiva e mai di difensiva o di ritirata; moralmente si privavano dell’arma della
difensiva e di conseguenza indirizzavano la loro azione su una via errata. Questo
portò alla sconfitta di numerose unità partigiane.

Esempi dell’incapacità dell’Esercito rosso di infrangere, per queste stesse cause,
le campagne di “accerchiamento e annientamento” del nemico ci sono forniti dalla
sconfitta subita nel 1928 nella zona di Haifeng-Lufengl8, provincia del Kwangtung
e dalla perdita, nel 1932, della libertà d’azione durante la lotta condotta contro la
quarta campagna di “accerchiamento e annientamento” nella regione di confine
Hupeh-Honan-Anhwei, allorché l’Esercito rosso si basava sulla teoria secondo la
quale l’esercito del Kuomintang non costituiva più che una “forza ausiliaria”.

Abbiamo anche numerosi esempi di insuccessi dovuti al fatto di lasciarsi
terrorizzare dal nemico.

211

Mao Tse-tung – OPERE

Contrariamente a chi sottovalutava l’avversario, alcuni lo sopravvalutavano e
sottovalutavano le proprie forze. Si orientavano quindi verso una inutile ritirata,
e anch’essi si privavano moralmente dell’arma della difensiva. Ciò portò sia alla
sconfitta di alcune unità partigiane, sia alla sconfitta dell’Esercito rosso in qualche
campagna, sia, infine, alla perdita di basi d’appoggio.

L’esempio più clamoroso di perdita di una base d’appoggio fu la perdita della
nostra zona sovietica centrale del Kiangsi nel corso della quinta controcampagna.
Gli errori qui commessi furono dovuti a concezioni deviazionistiche di destra. I
dirigenti avevano terrore del nemico come di una tigre, apprestavano dappertutto
opere di difesa e opponevano azioni difensive a ogni passo; non osavano lanciare
un’offensiva contro le retrovie del nemico, il che sarebbe stato per noi vantaggioso,
né osavano attirare il nemico all’interno del nostro territorio, in modo da
accerchiarlo e annientarlo. Risultato: tutta la base fu perduta e l’Esercito rosso fu
costretto a intraprendere la Lunga Marcia di oltre 20 mila li. Tuttavia gli errori di
questo genere sono stati spesso preceduti dalla tendenza “di sinistra” a sottovalutare
l’avversario. L’avventurismo in campo militare, manifestatosi nel 1932 con
l’offensiva contro le città-chiave, fu la causa fondamentale di questa linea di difesa
passiva, in seguito adottata per fronteggiare la quinta campagna di “accerchiamento
e annientamento” lanciata dal nemico.

La “linea Chang Kuo-tao” con la sua tendenza alla ritirata rappresenta l’esempio
limite del terrore che il nemico incute. La sconfitta subita dalla colonna occidentale
dell’armata del quarto fronte dell’Esercito rosso a ovest del Fiume Giallol9 ha
segnato il fallimento definitivo di questa linea.

La difesa attiva può anche essere chiamata difesa offensiva o difesa in vista dei
combattimenti decisivi. La difesa passiva può anche essere chiamata difesa
puramente difensiva o pura difesa. Di fatto la difesa passiva non è che una
pseudodifesa; l’unica vera difesa è la difesa attiva, la difesa attuata allo scopo di
passare alla controffensiva e all’offensiva. Per quanto ne sappia, tutti i trattati
militari di valore, tutti gli esperti militari di una certa levatura, in passato come
oggi, in Cina o altrove, si sono sempre opposti alla difesa passiva, sia sul piano
strategico che tattico. Solo un pazzo o un insensato può considerare la difesa
passiva come un talismano. Eppure al mondo c’è gente che vi fa ricorso. In guerra
la difesa passiva è un errore, è una manifestazione di conservatorismo in campo
militare. Dobbiamo risolutamente opporci alla difesa passiva.

Esperti militari di quei paesi imperialisti che sono entrati nell’arena mondiale
relativamente tardi e si sono sviluppati in modo rapido, la Germania e il Giappone,
hanno proclamato i vantaggi dell’offensiva strategica e si sono dichiarati contro
la difensiva strategica. Concezioni di questo genere non si addicono nel modo più
assoluto alla guerra rivoluzionaria in Cina. Questi esperti militari affermano che
la difensiva comporta un grave inconveniente: demoralizza la popolazione invece
di galvanizzarla. Ciò è valido per i paesi dove le contraddizioni di classe sono
acute, dove alla guerra sono interessati soltanto gli strati reazionari dominanti, in
particolare i gruppi politici reazionari che detengono il potere. Da noi la

212

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

situazione è differente. Con la parola d’ordine di difesa delle basi rivoluzionarie
e di difesa della Cina, noi possiamo unire l’immensa maggioranza delle masse
popolari, le quali, come un sol uomo, si getteranno nella battaglia, perché siamo
tutti vittime dell’oppressione e dell’aggressione. Anche l’Esercito rosso dell’Unione
Sovietica è ricorso alla difensiva durante la guerra civile e ha vinto i propri
nemici. Quando gli Stati imperialisti organizzarono l’offensiva delle Guardie
bianche, l’Unione Sovietica combattè con la parola d’ordine di difesa dei Soviet
e anche nel periodo di preparazione all’Insurrezione d’Ottobre la mobilitazione
fu condotta con la parola d’ordine di difesa della capitale. In ogni guerra giusta
la difensiva ha non solo la funzione di paralizzare gli elementi politicamente
estranei, ma anche quella di rendere possibile la mobilitazione degli strati arretrati
della popolazione perché partecipino alla guerra.

Quando Marx diceva che una volta iniziata l’insurrezione armata non bisogna più
arrestare, neppure per un istante, l’offensiva20, intendeva dire che le masse, le quali
con la loro insurrezione colgono di sorpresa il nemico, non devono dare ai dominanti
reazionari la possibilità di mantenere o riprendere il potere, ma devono, al contrario,
approfittare del momento propizio per annientare le forze reazionarie dominanti nel
paese senza dare loro il tempo di riprendersi e non devono ritenersi soddisfatte delle
vittorie ottenute, sottovalutare l’avversario, smorzare l’intensità degli attacchi o
esitare ad avanzare e perdere così l’occasione di annientare il nemico, perché ciò
condurrebbe al fallimento della rivoluzione. Questo è giusto. Tuttavia non significa
che i rivoluzionari non devono adottare misure difensive quando sono già entrati in
conflitto armato con un nemico superiore che esercita una forte pressione. Solo un
perfetto imbecille potrebbe ragionare così.

Finora la nostra guerra, considerata nel suo insieme, è stata un’offensiva contro
il Kuomintang, ma le nostre operazioni hanno assunto la forma di controcampagna
per infrangere le campagne nemiche di “accerchiamento e annientamento”.

Sul piano militare, la nostra guerra consiste nell’alternare la difensiva e
l’offensiva. Nel nostro caso non fa differenza dire che l’offensiva segue o precede
la difensiva, perché l’essenziale è far fallire la campagna di “accerchiamento e
annientamento”. La difensiva continua fino alla disfatta della campagna di
“accerchiamento e annientamento”, dopo di che ha inizio l’offensiva. Sono due
fasi di una medesima operazione, mentre le campagne di “accerchiamento e
annientamento” lanciate dal nemico si susseguono una dopo l’altra. Delle due fasi,
la fase della difensiva è la più complessa e la più importante. Essa implica
numerosi problemi concernenti il modo di far fallire la campagna di “accerchiamento
e annientamento”. Il principio fondamentale nel corso di questa fase è adottare
la difesa attiva e opporsi alla difesa passiva.

Nella nostra guerra civile, quando le forze dell’Esercito rosso saranno superiori alle
forze del nemico, non dovremo più, di regola, far ricorso alla difensiva strategica.
Allora la nostra linea sarà solo quella dell’offensiva strategica. Questo cambiamento
dipenderà dall’insieme delle modificazioni che si saranno verificate nel rapporto di
forze fra il nemico e noi. Allora si ricorrerà solo parzialmente alla difensiva.

213

Mao Tse-tung – OPERE

2. La preparazione di una controcampagna
Senza la necessaria e completa preparazione per respingere la campagna di
“accerchiamento e annientamento” che il nemico attua secondo un piano,
cadremo inevitabilmente nella passività. Accettare battaglia in tutta fretta, senza
preparazione, significa combattere senza essere sicuri di vincere. È quindi
assolutamente necessario che nel momento stesso in cui il nemico prepara la sua
campagna di “accerchiamento e annientamento” noi prepariamo la nostra
controcampagna. Opporsi a tali preparazioni, come è capitato altre volte nelle
nostre file, è infantile e ridicolo.

Sorge a questo punto un difficile problema attorno al quale possono nascere
facilmente dissensi: quando dobbiamo porre fine all’offensiva e passare alla fase
di preparazione della successiva controcampagna?

Nel momento stesso in cui conduciamo vittoriosamente l’offensiva, l’avversario
che è sulla difensiva prepara in segreto la prossima campagna di “accerchiamento
e annientamento”, per cui ci è molto difficile poter sapere in quale momento
lancerà la nuova offensiva. Se noi cominciassimo innanzi tempo la preparazione
della controcampagna, ridurremmo i vantaggi della nostra offensiva e talvolta ciò
potrebbe influire negativamente sull’Esercito rosso e sulla popolazione civile. In
effetti le misure più importanti da prendere nella fase preparatoria consistono nel
preordinamento militare della ritirata e nella mobilitazione politica per preparare
la ritirata. Talvolta, se è iniziata troppo presto, la preparazione si può mutare in
una vana attesa del nemico; se dopo una lunga attesa il nemico non si fa vedere,
siamo costretti a riprendere l’offensiva. A volte, poi, può accadere che l’inizio di
questa offensiva coincida proprio con l’inizio dell’offensiva nemica, per cui
verremmo a trovarci in una posizione difficile. Perciò scegliere il momento
opportuno per iniziare la preparazione rappresenta un importante problema. Per
determinare bene questo momento occorre tener conto della situazione propria
e di quella del nemico e dei rapporti che fra di esse esistono. Per conoscere la
situazione del nemico occorre raccogliere dati sulla sua situazione politica,
militare, finanziaria e sull’orientamento dell’opinione pubblica nelle zone da esso
controllate. Nell’analizzare questi dati è necessario tenere in debito conto le forze
del nemico nel loro insieme, senza esagerare la portata delle sue precedenti
sconfitte; è altresì indispensabile prendere in considerazione le contraddizioni
esistenti nel campo del nemico, le sue difficoltà finanziarie, le ripercussioni che
le precedenti sconfitte hanno avuto, ecc. Per quel che riguarda noi, non dobbiamo
esagerare la portata delle nostre precedenti vittorie, ma non dobbiamo neppure
trascurarne le ripercussioni.

Per quanto riguarda poi la scelta del momento di inizio della preparazione, in
generale è preferibile un anticipo a un ritardo. Infatti il primo comporta perdite
minori ed è vantaggioso perché ci permette di premunirci contro i pericoli e ci
pone in una posizione praticamente invincibile.

I problemi fondamentali della fase preparatoria sono: preparazione alla ritirata

214

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

dell’Esercito rosso, mobilitazione politica, reclutamento, preparativi in campo
finanziario e nel campo degli approvvigionamenti, provvedimenti da prendere
nei confronti degli elementi politicamente estranei, ecc.

Preparare la ritirata dell’Esercito rosso significa che esso non deve muovere in
una direzione che potrebbe non essere vantaggiosa per la ritirata stessa, non deve
spingersi troppo lontano negli attacchi, non deve stancarsi troppo. Sono queste
le disposizioni che l’Esercito rosso deve prendere alla vigilia di una grande
offensiva del nemico. In questo periodo esso deve fare principalmente attenzione
alla scelta e alla preparazione del campo di battaglia, all’accumulazione dei mezzi
materiali, allo sviluppo e all’addestramento delle proprie forze.

La mobilitazione politica è un problema di primaria importanza nella lotta
contro le campagne di “accerchiamento e annientamento” del nemico. Ciò
significa che ai combattenti dell’Esercito rosso e alla popolazione delle basi
d’appoggio bisogna parlare chiaramente, risolutamente, senza nulla nascondere
dell’inevitabilità e dell’imminenza dell’offensiva nemica, dei gravi danni che essa
potrà arrecare al popolo e, contemporaneamente, dei punti deboli del nemico,
dei fattori favorevoli all’Esercito rosso, della nostra incrollabile volontà di vincere,
dell’indirizzo del nostro lavoro, ecc. Occorre chiamare l’Esercito rosso e tutta la
popolazione alla lotta contro la campagna di “accerchiamento e annientamento”
del nemico e per la difesa delle nostre basi d’appoggio. A meno che non esistano
segreti militari, la mobilitazione politica deve svolgersi apertamente; occorre fare
ogni sforzo per abbracciare tutti i possibili sostenitori della causa rivoluzionaria.
L’importante, in questo caso, è convincere i quadri.

Nel reclutamento è necessario tener presenti due cose: da un lato il livello di
coscienza politica della popolazione e il numero degli abitanti della zona;
dall’altro lo stato dell’Esercito rosso in quel determinato momento e l’entità delle
perdite che potrà subire in tutto il corso della controcampagna.

Non c’è bisogno di dire che i problemi finanziari e quelli dell’approvvigionamento
hanno grande importanza in una controcampagna. Occorre tener conto
della possibilità che la campagna nemica si prolunghi. Bisogna calcolare il minimo
indispensabile per soddisfare i bisogni materiali (innanzitutto dell’Esercito rosso,
ma anche della popolazione della base rivoluzionaria) per l’intera durata della
lotta contro la campagna di “accerchiamento e annientamento”.

Verso gli elementi politicamente estranei occorre essere vigilanti, ma non
dobbiamo essere eccessivamente apprensivi per timore che ci tradiscano e
prendere quindi nei loro confronti sproporzionate misure di precauzione. È
necessario fare una distinzione tra proprietari terrieri, commercianti e contadini
ricchi. L’essenziale è spiegare loro la nostra politica, ottenerne la neutralità e
organizzare le masse perché li sorveglino. Soltanto nei confronti di un’infima
minoranza, costituita dagli elementi più pericolosi, si dovranno prendere misure
drastiche come l’arresto.

L’ampiezza della vittoria in una controcampagna dipende direttamente dal
come si saranno assolti i compiti nella fase preparatoria. La rilassatezza durante

215

Mao Tse-tung – OPERE

la preparazione, dovuta alla sottovalutazione del nemico e il panico provocato
dalla paura del suo attacco sono due tendenze dannose contro cui occorre reagire
decisamente. Ciò di cui abbiamo bisogno è uno spirito entusiasta ma calmo, un
lavoro intenso ma ordinato.

3. La ritirata strategica
La ritirata strategica è una misura strategica attuata secondo un piano, alla quale
ricorre l’esercito meno forte di fronte all’attacco di forze nemiche preponderanti, al
fine di conservare le proprie forze e attendere il momento opportuno per sconfiggere
il nemico, poiché non è in grado di sconfiggerlo subito. Tuttavia i fautori
dell’avventurismo in campo militare sono decisamente contrari a questa misura e
sostengono che bisogna “arrestare il nemico al di là del confine dello Stato”.

Tutti sanno che quando due pugili combattono, il più intelligente all’inizio
spesso indietreggia, mentre il suo stupido avversario si spinge in avanti e dà fondo
a tutte le sue forze, tanto che alla fine è quasi sempre quello che ha indietreggiato
a conquistare la vittoria.

Nel romanzo Shui Hu Chuan, Hung, maestro di lotta nella casa di Chai Chin,
sfidava Lin Chung gridandogli: “Avanza, se hai coraggio!”. Alla fine fu colui che
indietreggiava, Lin Chung, che, scoperto il punto debole di Hung, lo atterrò con
uno sgambetto21.

Nell’Epoca delle Primavere e degli Autunni, scoppiò una guerra fra il regno di
Lu e quello di Chi22. Il duca Chuang, signore del regno di Lu, avrebbe voluto
ingaggiare battaglia senza attendere che l’esercito di Chi fosse sfinito, ma fu
trattenuto da Tsao Kuei; egli adottò allora la tattica: “Il nemico è esaurito, noi
l’attacchiamo” e sconfisse l’esercito di Chi. Nella storia militare cinese questo è
diventato un esempio classico di vittoria riportata da un esercito debole su un
esercito forte. Eccone la descrizione fatta dallo storico Tsochiu Ming23.

“Era primavera. L’esercito di Chi mosse contro di noi. Il duca si accingeva a dar
battaglia. Tsao Kuei chiese di essere ricevuto. I suoi vicini gli dissero: ‘Alla guerra
ci devono pensare i dignitari, di che t’impicci tu?’. Tsao Kuei rispose: ‘I dignitari
sono dei mediocri, non riescono a veder lontano’. Si presentò al duca. Gli chiese:
‘Su cosa fai affidamento quando combatti, signore?’. E questi: ‘Vestiti e cibo non
li ho mai goduti da solo, li ho sempre divisi con gli altri’. Tsao Kuei replicò: ‘Di
questi piccoli favori non tutti hanno potuto beneficiare, il popolo non ti seguirà,
signore!’. Il duca disse: ‘Non ho mai mancato di offrire agli dei gli animali, le giade
e le sete che avevo promesso, non sono mai venuto meno alla mia parola’. Tsao
Kuei replicò: ‘Con queste offerte non ci si attira la fiducia, gli dei non ti
benediranno’. E il duca disse: ‘Anche se non sono in grado di seguire in ogni
particolare tutti i processi, grandi o piccoli, ho sempre giudicato con giustizia’.
Tsao disse: ‘Questo dimostra il tuo attaccamento al dovere. Puoi dar battaglia.
Quando partirai, signore, permettimi di venire con te!’. Il duca e Tsao partirono
sullo stesso cocchio. Iniziò la battaglia a Changshao. Il duca si accingeva a battere

216

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

sul tamburo il segnale dell’attacco. Tsao disse: ‘Non ancora!’. Tre volte i tamburi
di Chi batterono l’attacco. Solo allora Tsao disse: ‘Ora è il momento!’. Le truppe
di Chi cedettero e il duca si accingeva a inseguirle. Tsao Kuei disse: ‘Non ancora!’.
Scese dal cocchio, esaminò attentamente le tracce dei carri nemici, risalì, scrutò
lontano e poi disse: ‘Ora è il momento!’. Cominciò allora l’inseguimento delle
truppe di Chi. Dopo la vittoria il duca chiese a Tsao Kuei perché avesse dato quei
suggerimenti. Tsao rispose: ‘La guerra è una questione di coraggio. Il primo rullio
di tamburi esalta il coraggio, il secondo lo affievolisce, il terzo lo fa svanire. Il
nemico aveva esaurito il coraggio e noi conservavamo integro il nostro e per
questo abbiamo vinto. Quando si combatte contro un grande Stato è difficile
conoscerne le intenzioni. Io temevo un’imboscata. Ho esaminato le tracce dei carri
avversari: erano confuse; ho scrutato in giro: le bandiere nemiche erano
ammainate; ho perciò consigliato di iniziare l’inseguimento’”.

È questo il caso di uno Stato debole che resiste a uno Stato forte. Nel racconto
si parla della preparazione politica alla guerra: la conquista della fiducia del
popolo; si parla del terreno favorevole per il passaggio alla controffensiva:
Changshao; si parla del momento favorevole per l’inizio della controffensiva:
quando il nemico aveva esaurito il coraggio ma il proprio restava integro; si parla
del momento di inizio dell’inseguimento: quando le tracce dei carri si incrociavano
e le bandiere erano ammainate. Sebbene non si tratti di una grande battaglia,
nel racconto sono indicati i principi della difensiva strategica. Nella storia militare
della Cina vi sono numerosi esempi di vittorie conseguite sulla base di questi
principi. In battaglie famose, come la battaglia di Chengkao fra i Chu e gli Han24,
la battaglia di Kunyang fra i Hsin e gli Han25, la battaglia di Kuantu fra Yuan Shao
e Tsao Tsao26, la battaglia di Chihpi fra i Wu e i Wei27, la battaglia di Yiling fra i
Wu e gli Shu28 e la battaglia di Feishui fra i Chin e i Tsin29, non vi era parità di forze
fra le due parti contendenti; la più debole dapprima indietreggiò, poi prese
l’iniziativa colpendo il nemico solo dopo che questi aveva attaccato e infine
conquistò la vittoria.

La nostra guerra è iniziata nell’autunno del 1927. A quell’epoca non avevamo
alcuna esperienza. L’Insurrezione di Nanchang30 e l’Insurrezione di Canton31
fallirono. L’Esercito rosso, che operava nella regione di confine Hunan-Hupeh-
Kiangsi, durante l’Insurrezione del raccolto d’autunno32 subì anch’esso qualche
sconfitta e si trasferì sui monti Chingkang al confine Hunan-Kiangsi. Nell’aprile
seguente anche i reparti sopravvissuti alla sconfitta dell’Insurrezione di Nanchang,
dopo aver attraversato lo Hunan meridionale, raggiunsero i monti Chingkang. Già
nel maggio del 1928 furono elaborati i principi fondamentali della guerra
partigiana, principi rudimentali ma corrispondenti alla situazione di allora. Essi
erano espressi in questa formula composta da sedici caratteri: “Il nemico attacca,
noi ci ritiriamo; il nemico si arresta, noi lo molestiamo; il nemico è esaurito, noi
lo attacchiamo; il nemico si ritira, noi lo inseguiamo”. Questi principi militari
furono approvati dal Comitato centrale prima che prevalesse la linea Li Li-san. In
seguito i nostri principi operativi furono maggiormente sviluppati. All’epoca della

217

Mao Tse-tung – OPERE

prima controcampagna nella base d’appoggio del Kiangsi fu formulato e applicato
con successo il principio di “attirare il nemico all’interno del nostro territorio”.
Quando fu sconfitta la terza campagna di “accerchiamento e annientamento” del
nemico, furono elaborati tutti i principi operativi dell’Esercito rosso. Fu una nuova
tappa nello sviluppo dei nostri principi militari; essi erano stati notevolmente
arricchiti nel contenuto e di molto mutati nella forma e, soprattutto, avevano
superato il loro primitivismo originario, ma i principi fondamentali restavano gli
stessi di quelli enunciati nella formula in sedici caratteri. Questa racchiudeva i
principi basilari per le controcampagne e abbracciava le due fasi, la difensiva e
l’offensiva strategica; nella difensiva essa indicava due fasi, la ritirata e la
controffensiva strategica. Ciò che venne dopo non fu che lo sviluppo dei principi
basilari contenuti nella formula in sedici caratteri.

Tuttavia dal gennaio 1932, dopo il fallimento della terza campagna di
“accerchiamento e annientamento” e la pubblicazione da parte del partito della
risoluzione Combattere per la vittoria prima in una o più province, risoluzione
contenente gravi errori di principio, gli opportunisti “di sinistra” iniziarono la lotta
contro i principi giusti; alla fine questi principi vennero scartati e sostituiti da tutta
una serie di principi che contrastavano con i primi, i cosiddetti “nuovi principi”

o “principi regolari”. Da allora i vecchi principi non dovevano essere considerati
regolari, ma andavano respinti come manifestazioni di “spirito partigiano”. La lotta
contro lo “spirito partigiano” regnò per tre anni interi. Nella prima fase prevalse
l’avventurismo militare, nella seconda esso si trasformò in conservatorismo in
campo militare e, nella terza, in tendenza alla fuga di fronte al nemico. Soltanto
alla riunione allargata dell’ufficio politico del Comitato centrale, che ebbe luogo
nel gennaio del 1935 a Tsunyi, nella provincia del Kweichow, fu proclamato il
fallimento di questa linea errata e riaffermata la giustezza della vecchia linea. Ma
a quale prezzo!
I compagni che lottavano con maggior accanimento contro lo “spirito partigiano”
dicevano: è un errore attirare il nemico all’interno del nostro territorio perché
questo significa abbandonare vasti territori. È vero che in passato abbiamo, in
questo modo, ottenuto delle vittorie ma oggi la situazione non è forse diversa? Non
è meglio vincere il nemico senza abbandonare il territorio? Non è forse meglio
batterlo nel suo stesso territorio o al confine fra le nostre e le sue zone? I vecchi
principi non avevano nulla di “regolare”, erano metodi usati soltanto dalle unità
partigiane. Oggi abbiamo creato uno Stato e il nostro Esercito rosso è diventato
un esercito regolare. La nostra guerra contro Chiang Kai-shek è diventata una
guerra fra due Stati e fra due grandi eserciti. La storia non deve ripetersi, bisogna
respingere completamente lo “spirito partigiano”. I nuovi principi sono “assolutamente
marxisti”, i vecchi invece sono stati creati dalle unità partigiane sulle
montagne e sulle montagne non vi è marxismo. I nuovi principi erano l’antitesi
dei vecchi: “Opporre uno contro dieci, dieci contro cento, agire con audacia e
decisione, sfruttare la vittoria e inseguire il nemico”; “Attaccare su tutto il fronte”;
“Conquistare le città-chiave”; “Colpire contemporaneamente con i due pugni in

218

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

due direzioni”. Quando il nemico attaccava, i metodi utilizzati contro di lui erano:
“Arrestare il nemico al di là del confine dello Stato”, “Prendere l’iniziativa
colpendo il nemico prima che questi attacchi”, “Non permettere al nemico di
rompere i piatti in casa nostra”, “Non cedere neppure un palmo di terra”, “Dividere
le nostre forze in sei colonne”. La guerra era una “battaglia decisiva fra la via della
rivoluzione e la via della colonia”, una guerra di colpi rapidi e improvvisi, una
guerra di casematte, una guerra di logoramento, una “guerra di lunga durata”. A
questo si aggiungeva la concezione di un vasto sistema di retrovie e di un assoluto
accentramento del comando e tutto si concluse, come è noto, con un vasto
trasferimento. Chi non accettava questi principi veniva punito, era bollato come
opportunista, ecc.

Questa teoria e la conseguente pratica erano indubbiamente errate. Si trattava
di soggettivismo. In un momento in cui le circostanze erano favorevoli, esse si
manifestavano sotto forma di fanatismo e di precipitazione rivoluzionaria di tipo
piccolo-borghese; ma in circostanze difficili, con il peggiorare della situazione,
esse si trasformarono via via in disperata temerarietà, in conservatorismo e in
tendenza alla fuga. Era questa la teoria e la pratica degli esaltati, degli ignoranti,
una teoria e una pratica che non avevano nulla di marxista, che in realtà erano
antimarxiste.

Qui parliamo soltanto della ritirata strategica, che nel Kiangsi veniva chiamata
“attirare il nemico all’interno del nostro territorio” e nel Szechwan “accorciare la
linea del fronte”. Tutti i teorici del passato e coloro che avevano pratica dell’arte
militare hanno riconosciuto che questa deve essere, nella fase iniziale della
guerra, la linea di condotta che un esercito debole deve adottare per combattere
un esercito forte. Un esperto militare straniero ha detto: “Nella difensiva strategica,
di regola è necessario all’inizio evitare la battaglia decisiva in condizioni
sfavorevoli e cercarla solo quando la situazione è diventata favorevole”. Ciò è
completamente giusto e non abbiamo nulla da aggiungere.

Scopo della ritirata strategica è conservare le forze e preparare la controffensiva.
La ritirata è necessaria perché, se non ci si ritira davanti all’attacco di un forte
nemico, inevitabilmente si mettono a repentaglio le proprie forze. Tuttavia nel
passato molti furono decisamente contrari alla ritirata, ritenendola una “linea
opportunista puramente difensiva”. La nostra storia ha provato che le loro
obiezioni erano completamente infondate.

Nel preparare una controffensiva è necessario scegliere e creare condizioni
vantaggiose per sé e svantaggiose per il nemico, al fine di ottenere un mutamento
nel rapporto di forze; dopo si può passare alla controffensiva.

Come dimostra la nostra precedente esperienza, occorre in generale assicurarci,
nel corso della ritirata, almeno due delle condizioni sottoelencate, perché si possa
considerare la situazione favorevole a noi e sfavorevole al nemico e passare alla
controffensiva. Le condizioni sono che:

1. la popolazione appoggi attivamente l’Esercito rosso;
2. il terreno sia favorevole alle operazioni;
219

Mao Tse-tung – OPERE

3. tutte le forze principali dell’Esercito rosso siano concentrate;
4. vengano individuate le unità più deboli del nemico;
5. il nemico sia stato ridotto in uno stato di logorio fisico e morale;
6. il nemico sia stato indotto a commettere errori.
L’aiuto attivo della popolazione è la condizione più importante per l’Esercito
rosso. Ciò significa disporre di una base d’appoggio. Soddisfatta questa condizione
è facile creare o individuare la quarta, la quinta e la sesta. Perciò quando il
nemico lancia un’offensiva su vasta scala, in generale l’Esercito rosso si ritira dalle
regioni bianche nel territorio delle basi d’appoggio, poiché qui la popolazione lo
aiuta più attivamente a combattere l’esercito bianco. Nello stesso territorio delle
basi d’appoggio esiste una differenza fra le zone centrali e quelle periferiche; sulla
popolazione delle zone centrali si può fare maggior affidamento per impedire la
fuoriuscita di notizie, per la ricognizione, i trasporti, la partecipazione alla guerra
e così via. Per questo, quando combattemmo le prime tre campagne di
“accerchiamento e annientamento” nel Kiangsi, stabilimmo come “punti finali
della ritirata” le zone ove, in base alla prima condizione, la situazione era
eccellente o relativamente buona. Grazie all’esistenza delle basi d’appoggio, le
operazioni dell’Esercito rosso differiscono notevolmente dalle operazioni tradizionali.
Questa fu la ragione principale che costrinse il nemico a ricorrere in
seguito alla guerra delle casematte.

Il fatto che l’esercito che si ritira può scegliere il terreno a sé più favorevole e
imporre all’attaccante le proprie condizioni di lotta è uno dei vantaggi delle
operazioni per linee interne. Un esercito debole che vuol vincere un esercito forte
deve scegliere accuratamente il terreno di battaglia. Ma questa condizione da sola
non è sufficiente; a essa devono aggiungersene altre. La prima condizione è
l’appoggio della popolazione. La seconda, l’esistenza di una unità nemica
vulnerabile, per esempio un’unità fisicamente esaurita o che abbia commesso
degli errori, oppure una colonna nemica avanzante che sia piuttosto debole
quanto a capacità combattiva. Se mancano queste condizioni, occorre abbandonare
anche il terreno vantaggioso e continuare a ripiegare allo scopo di assicurarsi
le condizioni desiderate. Anche nelle regioni bianche si possono trovare terreni
vantaggiosi, ma lì ci viene a mancare la condizione favorevole dell’appoggio della
popolazione. Se non sono state ancora create o non sono state individuate anche
le altre condizioni, l’Esercito rosso non ha che l’alternativa di ritirarsi nel territorio
delle basi d’appoggio. Le considerazioni che si fanno sulla differenza fra regioni
bianche e regioni rosse valgono, grossomodo, anche per le zone periferiche e le
zone centrali delle basi d’appoggio.

Di regola è necessario concentrare tutte le nostre forze d’attacco, a eccezione
delle unità locali e delle forze destinate a trattenere il nemico. Tuttavia quando
l’Esercito rosso attacca un nemico che strategicamente si trova sulla difensiva,
abitualmente decentra le sue forze. Quando invece il nemico scatena una grande
offensiva, l’Esercito rosso effettua una “ritirata convergente”. Il punto finale di
questa ritirata è normalmente scelto nella zona centrale della base d’appoggio;

220

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

talvolta viene anche scelto sul limite anteriore o posteriore, secondo le circostanze.
La ritirata convergente permette di concentrare tutte le forze principali
dell’Esercito rosso.

Un’altra condizione necessaria che un esercito debole deve osservare per
vincere un nemico più potente, è quella di colpire le unità più deboli. Tuttavia
all’inizio dell’offensiva nemica il più delle volte non sappiamo quale colonna sia
la più forte, quale sia un po’ meno forte, quale sia debole e quale sia un po’ più
debole. Per stabilirlo è necessario compiere ricognizioni che spesso prendono
molto tempo. Questo è un argomento in più a favore della necessità della ritirata
strategica.

Se il nemico che attacca è di molto più numeroso e forte di noi, possiamo
modificare il rapporto di forze solo quando esso sia penetrato in profondità nel
territorio delle nostre basi e abbia assaggiato tutti i bocconi amari che queste zone
gli riservano. A questo riguardo il capo di stato maggiore di una brigata di Chiang
Kai-shek ebbe a dichiarare durante la terza campagna di “accerchiamento e
annientamento”: “I grassi li han fatti diventare magri, i magri li hanno ridotti a
cadaveri”, mentre Chen Ming-shu, comandante in capo della colonna occidentale
dell’armata di “accerchiamento e annientamento”, disse: “L’esercito nazionale
brancola nel buio, mentre l’Esercito rosso marcia alla luce del giorno”. In queste
condizioni il nemico, anche se forte, lo è molto meno di prima, i soldati sono
esausti, il morale è basso e molti suoi punti deboli vengono alla luce. Al contrario,
l’Esercito rosso, anche se debole, ha conservato le sue forze, ha accumulato
energie e attende tranquillo di far fronte a un nemico sfinito. A questo punto, è
possibile raggiungere, in generale, un certo equilibrio nel rapporto di forze,
oppure trasformare l’assoluta superiorità del nemico in una superiorità relativa e
la nostra assoluta inferiorità in una inferiorità relativa; a volte accade anche che
il nemico diventi più debole di noi e quindi la superiorità diventi nostra. Durante
la lotta contro la terza campagna di “accerchiamento e annientamento” nel
Kiangsi, l’Esercito rosso si ritirò fino al limite estremo (si concentrò sul limite
posteriore della base); se non avesse agito così non avrebbe potuto vincere,
poiché l’armata di “accerchiamento e annientamento” disponeva di forze più di
dieci volte superiori alle nostre. Quando Sun Wu Tzu disse: “Evita il nemico se
è nel pieno del suo vigore, colpiscilo quando è sfinito e demoralizzato”, intendeva
parlare della necessità di logorare moralmente e fisicamente l’avversario per
ridurne la superiorità.

Infine, scopo della ritirata è indurre il nemico a commettere errori e scoprire gli
errori del nemico. È necessario comprendere che un comandante nemico, per
abile che sia, non può non commettere errori in un periodo più o meno lungo;
abbiamo quindi sempre la possibilità di sfruttare le occasioni favorevoli che egli
ci offre. Il nemico può commettere errori, proprio come capita a noi quando
facciamo male i conti e diamo al nemico la possibilità di sfruttare i nostri errori;
in più, noi possiamo agire in modo da spingere il nemico a commettere errori, per
esempio, con la “creazione delle apparenze” di cui Sun Wu Tzu parlava (fare una

221

Mao Tse-tung – OPERE

finta a oriente e attaccare a occidente, ossia attuare una manovra diversiva). Per
questo motivo non bisogna limitare a una determinata zona il punto finale della
ritirata. Talvolta, compiuta la ritirata in una zona prestabilita, capita di non aver
ancora individuato le occasioni favorevoli da sfruttare e di essere quindi costretti
a ripiegare ancora un po’ in attesa che il nemico commetta degli errori.

Sono queste, a grandi tratti, le condizioni favorevoli che la ritirata può crearci.
Tuttavia ciò non significa che per passare alla controffensiva dobbiamo attendere
che tutte le condizioni sopraindicate siano realizzate. La presenza contemporanea
di tutte queste condizioni non è né possibile né necessaria. Ma un esercito debole
che opera per linee interne contro un avversario potente, deve cercare di
assicurarsi, a seconda della situazione in cui si trova il nemico in quel determinato
momento, alcune delle condizioni che gli sono necessarie. Tutti i punti di vista
contrari sono errati.

Nel determinare il punto finale della ritirata occorre partire dalla situazione
presa nel suo insieme. Sarebbe sbagliato far cadere la nostra scelta su un punto
che, anche se favorevole al passaggio alla controffensiva dal punto di vista della
situazione particolare, sarebbe a noi sfavorevole in rapporto alla situazione nel
suo insieme. Infatti, quando si inizia una controffensiva è necessario tener conto
dei cambiamenti che potranno in seguito determinarsi nella situazione; d’altra
parte le nostre controffensive hanno sempre inizio su scala ridotta. Talvolta
conviene scegliere il punto finale della ritirata sul limite anteriore della base, così
come si fece nel corso della seconda e della quarta controcampagna nel Kiangsi,
oppure nella terza controcampagna nella regione di confine Shensi-Kansu.
Talvolta questo punto va scelto nella zona centrale della base, come durante la
nostra prima controcampagna nel Kiangsi. Altre volte va scelto sul limite
posteriore della base, come per esempio si fece durante la terza controcampagna
nella stessa provincia. In tutti questi casi la decisione fu presa considerando la
situazione particolare in rapporto alla situazione generale. Ma durante la quinta
controcampagna nel Kiangsi, il nostro esercito non prese in alcuna considerazione
la ritirata perché non tenne conto né della situazione particolare né di quella
generale e questo fu un modo di agire avventato e imprudente. Una situazione
è determinata da tutta una serie di fattori; nell’esaminare i rapporti che
intercorrono fra la situazione particolare e quella generale, bisogna vedere se i
fattori che condizionano, in quel determinato momento, la situazione del nemico
e la nostra, sia dal punto di vista del particolare che del generale, favoriscano, in
una certa misura, il nostro passaggio all’offensiva.

I punti finali di ritirata nel territorio di una nostra base possono, in generale,
essere divisi in tre categorie: sul limite anteriore, nella zona centrale e sul limite
posteriore della base. Ciò significa forse che abbiamo completamente rinunciato
a combattere nelle regioni bianche? No. Rifiutiamo di combattere nelle regioni
bianche solo quando ci troviamo a fronteggiare una campagna nemica di
“accerchiamento e annientamento” su vasta scala. Soltanto se fra noi e il nemico
esiste una grande disparità di forze, noi, attenendoci al principio di conservare le

222

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

nostre forze in attesa del momento propizio per battere l’avversario, sosteniamo
la necessità di ritirarci nella base d’appoggio e di attirare il nemico all’interno del
nostro territorio, poiché solo in questo modo è possibile creare o scoprire le
condizioni favorevoli alla controffensiva. Se invece la situazione non è molto
grave o se, al contrario, è tanto grave da non permettere all’Esercito rosso di
passare alla controffensiva nemmeno all’interno della base o, ancora, se la
controffensiva non si svolge in modo a noi favorevole e si rende necessario
continuare la ritirata per poter modificare la situazione, allora bisogna ammettere,
almeno teoricamente, che il punto finale della ritirata possa essere fissato in una
regione bianca, sebbene abbiamo pochissime esperienze di casi del genere.

Anche i punti finali di ritirata nelle regioni bianche possono, in generale, essere
divisi in tre categorie: 1. di fronte alla nostra base; 2. sui fianchi; 3. alle spalle della
nostra base. Un punto finale di ritirata di fronte alla base poteva, per esempio,
essere scelto durante la prima controcampagna nel Kiangsi. Se allora non vi
fossero stati dissensi interni nell’Esercito rosso e non vi fosse stata la scissione nelle
organizzazioni di partito locali, cioè se non fossero esistiti due ardui problemi, la
linea Li Li-san e il Gruppo A-B33, è da supporre che le nostre forze avrebbero
potuto essere concentrate nel triangolo Kian-Nanfeng-Changshu per lanciare una
controffensiva. In effetti le forze nemiche che allora muovevano dalla zona fra i
fiumi Kan e Fu non erano molto più forti dell’Esercito rosso (100 mila contro 40
mila). Anche se, per quanto riguarda l’appoggio della popolazione, le condizioni
non erano così buone come nelle nostre basi d’appoggio, il terreno era a noi
favorevole; avremmo anche potuto approfittare del fatto che il nemico avanzava
su colonne separate per annientarle una dopo l’altra. Scegliere il punto finale della
ritirata su un lato della nostra base sarebbe stato possibile, per esempio, nel corso
della nostra terza controcampagna nel Kiangsi; se allora l’offensiva nemica non
fosse stata di così vaste proporzioni, se una colonna nemica avesse avanzato dalla
regione Chienning-Lichuan-Taining, al confine fra il Fukien e il Kiangsi, se questa
colonna fosse stata meno forte sì da permettere al nostro esercito di attaccarla,
l’Esercito rosso avrebbe potuto concentrare le proprie forze nella zona bianca del
Fukien occidentale e annientare innanzitutto quella colonna senza dover compiere
un grande giro di 1.000 li per raggiungere Hsingkuo attraverso Juichin.
Scegliere un punto finale della ritirata alle spalle della nostra base sarebbe stato
possibile, per esempio, nel corso della stessa terza controcampagna nel Kiangsi.
Se il grosso delle forze nemiche si fosse diretto non verso ovest ma verso sud, noi
saremmo stati costretti a ritirarci fino alla zona Huichang-Hsunwu-Anyuen (una
zona bianca) per indurre il nemico a dirigersi ancora più a sud; l’Esercito rosso
sarebbe poi avanzato da sud verso nord, in direzione della nostra base, dove in
quel momento le forze nemiche non sarebbero state molto numerose. Tuttavia gli
esempi che abbiamo dato sono puramente ipotetici, non sono basati sull’esperienza;
possiamo considerarli come casi eccezionali e non come principi generali.
Quando il nemico lancia una grande campagna di “accerchiamento e annientamento”,
il nostro principio generale è di attirarlo all’interno del nostro territorio

223

Mao Tse-tung – OPERE

e ripiegare sulla nostra base per combatterlo, poiché è questo il metodo più sicuro
per spezzare la sua offensiva.

Coloro che sostengono che bisogna “arrestare il nemico al di là del confine dello
Stato” sono contrari alla ritirata strategica e per giustificare questo loro atteggiamento
dicono che la ritirata comporta una perdita di territorio, causa danni alla
popolazione (o, come si dice, permette al nemico di venire a “rompere i piatti in
casa nostra”) e ripercussioni sfavorevoli all’esterno. Durante la nostra quinta
controcampagna, costoro affermavano che a ogni nostro passo indietro le
fortificazioni nemiche avanzavano di un passo, che il territorio delle nostre basi
si restringeva di giorno in giorno e non si sarebbe più riusciti a riconquistare il
terreno perduto. Dicevano che sebbene in passato avessimo tratto vantaggio
dall’attirare il nemico all’interno del nostro territorio, tale tattica era diventata
inutile contro la quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”, durante
la quale il nemico applicava la tattica delle casematte. Aggiungevano che lottare
contro quella campagna era possibile soltanto adottando il metodo della
resistenza con forze decentrate e degli attacchi brevi e improvvisi.

Rispondere a tutte queste affermazioni è facile e, d’altra parte, la nostra storia
ha già dato una risposta. Per quanto riguarda la perdita di territorio, accade spesso
che soltanto con la perdita è possibile evitare la perdita; è il principio del “dare
al fine di prendere”. Se noi perdiamo del territorio ma otteniamo la vittoria e, in
più, recuperiamo ciò che abbiamo perduto e ampliamo il nostro territorio, avremo
fatto allora un buon affare. Nelle operazioni commerciali chi compra non può
ottenere la merce se non “perde” denaro, mentre chi vende non può avere il
denaro se non “perde” la merce. In un movimento rivoluzionario la perdita è
rappresentata dalle distruzioni e il guadagno dal progresso nell’edificazione. Si
perde tempo per dormire e riposare, ma si acquista energia per il lavoro
dell’indomani. Se uno stupido non lo capisce e rinuncia al sonno, il giorno dopo
sarà privo di forze; la sua sarebbe un’operazione svantaggiosa. Nella quinta
campagna di “accerchiamento e annientamento” concludemmo un’operazione
svantaggiosa proprio per questa ragione. Per non voler perdere una parte del
nostro territorio, alla fine lo perdemmo tutto. L’Abissinia ha perduto il suo
territorio perché si è gettata a corpo morto nella guerra, anche se non è stata questa
l’unica causa della sua sconfitta34.

Le cose stanno esattamente nello stesso modo per ciò che riguarda i danni
causati alla popolazione civile. Non permettere la rottura dei piatti per un breve
periodo e in alcune case, significa permetterla per un lungo periodo e in tutte le
case. Per paura di suscitare ripercussioni politiche sfavorevoli per un breve
periodo, si provocano ripercussioni politiche sfavorevoli per un lungo tempo. Se
dopo la Rivoluzione d’Ottobre i bolscevichi russi avessero accettato il punto di
vista dei “comunisti di sinistra” e avessero respinto il trattato di pace con la
Germania, il potere dei Soviet avrebbe corso il rischio di perire sul nascere35.

Queste concezioni “di sinistra”, rivoluzionarie solo all’apparenza, trovano
origine nella precipitazione rivoluzionaria propria degli intellettuali piccolo

224

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

borghesi e nel gretto spirito conservatore dei contadini nella loro qualità di piccoli
produttori. Coloro che sostengono tali concezioni, quando affrontano un problema
ne vedono soltanto un aspetto e non sono in grado di considerarlo nel suo
insieme, non vogliono collegare gli interessi di oggi a quelli di domani, gli interessi
particolari agli interessi del tutto, ma si afferrano a ciò che è parziale e temporaneo
e a nessun prezzo vogliono staccarsene. È certo che bisogna tenere in debito
conto quei fattori parziali, temporanei, che nelle circostanze concrete del
momento appaiono vantaggiosi (specialmente quelli che sembrano avere una
importanza decisiva) per la situazione d’insieme e per l’intero periodo, altrimenti
ci trasformeremmo in fautori del lasciar correre le cose e del lasciar fare. Ecco
perché la ritirata deve avere un punto finale. Non dobbiamo mai lasciarci guidare
dalla miopia dei piccoli produttori, ma dobbiamo imparare dalla saggezza
bolscevica. Se l’occhio si rivela insufficiente, dobbiamo ricorrere al telescopio e
al microscopio. Il metodo marxista, in politica e in campo militare, è un telescopio
e un microscopio.

Naturalmente la ritirata strategica presenta le sue difficoltà. La scelta del
momento per l’inizio della ritirata, la scelta del punto finale della ritirata, il lavoro
politico per convincere i quadri e la popolazione della necessità di ritirarsi, sono
tutti problemi difficili ai quali occorre dare una soluzione.

La scelta del momento di inizio della ritirata costituisce un problema molto
importante. Se durante la nostra prima controcampagna nel Kiangsi la ritirata non
fosse stata iniziata proprio al momento giusto, se cioè fosse stata iniziata con
ritardo, si sarebbero avute delle conseguenze negative almeno sull’ampiezza della
nostra vittoria. S’intende che sia la ritirata prematura che la ritirata tardiva sono
dannose. Tuttavia, in generale, la ritirata tardiva causa più danni di una ritirata
prematura. Una ritirata tempestiva dà la possibilità di prendere l’iniziativa nelle
proprie mani, il che, una volta raggiunto il punto finale della ritirata, facilita al
massimo il consolidamento e la riorganizzazione delle forze e il passaggio alla
controffensiva con forze fresche contro un nemico spossato. Durante le operazioni
che ci hanno permesso di infrangere la prima, la seconda e la quarta campagna
nemica di “accerchiamento e annientamento” nel Kiangsi, abbiamo potuto con
tutta tranquillità e sicurezza affrontare l’avversario. Solo durante la terza campagna,
poiché non ci aspettavamo affatto che il nemico potesse così rapidamente
organizzare una nuova offensiva dopo la dura sconfitta che gli avevamo inflitto
nella seconda campagna (avevamo terminato la seconda controcampagna il 29
maggio del 1931 e il 1° luglio Chiang Kai-shek già lanciava la terza campagna),
l’Esercito rosso dovette concentrarsi in tutta fretta facendo larghi giri, con la
conseguenza di stancare all’estremo i soldati. Il momento d’inizio della ritirata, al
pari del momento d’inizio della fase di preparazione di una controcampagna, del
quale abbiamo già parlato, deve essere deciso unicamente sulla base delle
necessarie informazioni che è stato possibile raccogliere e della valutazione della
situazione generale sia propria che del nemico.

È veramente difficile persuadere i quadri e la popolazione della necessità di

225

Mao Tse-tung – OPERE

una ritirata strategica se non hanno esperienza di tale ritirata e se il comando militare
non ha raggiunto un livello tale di prestigio da permettere di accentrare nelle mani
di pochi, o anche di uno solo, il potere di decidere sulla ritirata strategica e godere
nello stesso tempo della fiducia dei quadri. Proprio perché i nostri quadri mancavano
di esperienza e non credevano quindi nella ritirata strategica, all’inizio della prima
e della quarta controcampagna e durante tutta la quinta, ci trovammo dinanzi a
enormi difficoltà. Nel corso della prima controcampagna, influenzati dalla linea Li
Li-san, i nostri quadri, fino a quando non riuscimmo a convincerli del contrario,
sostenevano la necessità di attaccare, non di ritirarsi. Durante la quarta controcampagna,
i quadri, influenzati dall’avventurismo militare, si opposero alla preparazione della
ritirata strategica. Nel corso della quinta controcampagna, essi all’inizio rimasero
fedeli all’avventurismo militare e furono contrari alla concezione di attirare il nemico
all’interno del nostro territorio; in seguito divennero fautori del conservatorismo in
campo militare. Un altro esempio concreto ci è offerto dai fautori della “linea Chang
Kuo-tao”, i quali non credevano nell’impossibilità di creare basi d’appoggio nelle
regioni popolate da tibetani e da hui36 e se ne convinsero solo dopo aver sbattuto
la testa contro il muro. Per i quadri l’esperienza è indispensabile; la sconfitta è
veramente la madre del successo. Nello stesso tempo è necessario studiare con
modestia l’esperienza degli altri. Se per ogni caso si aspetta di aver fatto un’esperienza
personale, se si resta testardamente ancorati alle proprie opinioni e si rifiuta
l’esperienza altrui, si cade nel più ”gretto empirismo”. Ciò ha procurato non pochi
danni alla nostra guerra.

A causa della sua inesperienza, la popolazione non è mai stata così poco
convinta della necessità di una ritirata strategica come durante la nostra prima
controcampagna nel Kiangsi. Le organizzazioni di partito locali e le masse
popolari dei distretti di Kian, di Hsingkuo e di Yungfeng si opposero unanimi alla
ritirata dell’Esercito rosso. Ma dopo l’esperienza della prima controcampagna,
nelle successive questo problema non si pose più. Tutti si convinsero che la
perdita di territorio e le sofferenze della popolazione erano temporanee e che
l’Esercito rosso era in grado di sconfiggere le campagne nemiche di “accerchiamento
e annientamento”. Tuttavia, che il popolo abbia o no fiducia dipende strettamente
dal fatto che i quadri abbiano o non abbiano fiducia, per cui il primo e
fondamentale compito è convincere i quadri.

La ritirata strategica ha come unico obiettivo il passaggio alla controffensiva ed
è solo la prima tappa della difensiva strategica. La chiave di tutta la strategia è
determinare se la vittoria potrà essere raggiunta nel corso della fase seguente, la
fase della controffensiva.

4. La controffensiva strategica
Come si è già detto innanzi, infrangere l’offensiva di un nemico che possegga
la superiorità assoluta è possibile solo nel caso in cui la situazione venutasi a
creare nel corso della fase della ritirata strategica sia divenuta favorevole a noi e

226

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

sfavorevole al nemico e differisca da quella esistente all’inizio dell’offensiva
avversaria. A creare questa situazione concorrono diversi fattori.

Comunque l’esistenza di condizioni e di una situazione favorevoli a noi e
sfavorevoli al nemico non significa che il nemico sia stato sconfitto. Queste
condizioni e questa situazione danno soltanto la possibilità della vittoria o della
sconfitta, ma non rappresentano la realizzazione della vittoria o della sconfitta;
esse non comportano la vittoria o la sconfitta di una delle due parti in lotta. Per
trasformare in realtà questa possibilità di vittoria o di sconfitta è necessaria una
battaglia decisiva; solo questa potrà risolvere la questione di quale sia l’esercito
vincitore. Questo è l’unico compito che ci si pone nella fase della controffensiva
strategica. La controffensiva è un processo lungo e costituisce la fase più
avvincente, più dinamica, la fase ultima della difensiva. Per difesa attiva si intende
principalmente una controffensiva strategica che ha il carattere di una battaglia
decisiva. Le condizioni e la situazione di cui abbiamo parlato non si creano solo
nella fase della ritirata strategica, ma continuano a formarsi anche durante la fase
della controffensiva, nel corso della quale né per forma né per carattere sono
completamente identiche a quelle che esistevano nella fase precedente.

Ciò che per forma e per carattere può restare identico nella seconda fase è, ad
esempio, la stanchezza crescente dell’avversario e l’aumento delle perdite umane,
che però non sono che la continuazione della stanchezza e delle perdite della
prima fase.

Ma condizioni completamente nuove e una situazione del tutto nuova sono
destinate a manifestarsi. Per esempio: quando l’esercito nemico ha subito una o più
sconfitte, le condizioni a noi favorevoli e ad esso sfavorevoli non si limitano più alla
stanchezza del nemico, ecc., in quanto si sarà aggiunta una nuova condizione, quella
delle sconfitte subite. Nuovi cambiamenti si producono anche nella situazione. Le
truppe nemiche si spostano disordinatamente e compiono delle false manovre e la
potenza relativa dei due eserciti in lotta risulta naturalmente modificata.

Ammettiamo che sia stato il nostro esercito e non l’esercito avversario a subire
una o più sconfitte; in questo caso le condizioni e la situazione cambiano in senso
opposto. Ciò significa che per l’avversario sono diminuiti gli svantaggi, mentre per
noi essi cominciano a manifestarsi e ad aggravarsi. È questo un fenomeno
completamente nuovo e del tutto diverso dal precedente.

La sconfitta di una delle parti conduce direttamente e rapidamente chi l’ha subita
a compiere nuovi sforzi per scongiurare il pericolo, uscire dalla situazione e dalle
nuove condizioni sfavorevoli per sé e favorevoli all’avversario e ricreare condizioni
e una situazione vantaggiose per sé e sfavorevoli per il nemico, allo scopo
di esercitare una pressione su quest’ultimo.

Al contrario, gli sforzi della parte che ha conseguito la vittoria saranno diretti
a sfruttare al massimo la vittoria, a infliggere all’avversario perdite ancora
maggiori, ad accrescere e sviluppare le condizioni e la situazione favorevoli per
sé e a non permettere al nemico di liberarsi delle condizioni e della situazione
sfavorevoli e di scongiurare il pericolo.

227

Mao Tse-tung – OPERE

Così, per entrambe le parti, la lotta nella fase della battaglia decisiva è la più
accanita, la più complessa, la più soggetta a mutamenti e, al tempo stesso, la più
difficile e dura di tutto il corso della guerra o della campagna; dal punto di vista
del comando, rappresenta il momento più delicato.

Nella fase della controffensiva sorgono molti problemi. I principali sono i
seguenti: l’inizio della controffensiva, il concentramento delle forze, la guerra di
movimento, la guerra di rapida decisione e la guerra di annientamento.

Nel risolvere questi problemi, sia nella controffensiva che nell’offensiva si
applicano in sostanza gli stessi principi. In questo senso si può dire che una
controffensiva è un’offensiva.

Tuttavia la controffensiva non è esattamente un’offensiva. I principi della
controffensiva si applicano quando il nemico attacca, quelli dell’offensiva quando
il nemico si difende. In questo senso esistono differenze fra la controffensiva e
l’offensiva.

Proprio per questa ragione, sebbene nel capitolo che riguarda la controffensiva
nel quadro della difensiva strategica io illustri vari problemi relativi alla condotta
delle operazioni militari e nel capitolo riguardante l’offensiva strategica io tratti
solo qualche altro problema per evitare ripetizioni, non dobbiamo perdere di
vista, nell’applicazione pratica, né le affinità né le differenze fra la controffensiva
e l’offensiva.

5. L’inizio della controffensiva
Il problema dell’inizio della controffensiva è il problema della “battaglia iniziale”

o “battaglia introduttiva”.
Molti esperti militari borghesi ritengono che, sia nella difensiva strategica che
nell’offensiva strategica, occorra essere cauti nell’affrontare la battaglia iniziale.
Ciò riguarda in particolare la difensiva. Anche in passato abbiamo posto
seriamente questo problema. Le operazioni condotte contro le cinque campagne
nemiche di “accerchiamento e annientamento” nel Kiangsi ci hanno fornito una
ricca esperienza che sarà utile studiare.

Nella prima campagna, il nemico impiegò circa 100 mila uomini, divisi in otto
colonne, che muovendo dalla linea Kian-Chienning avanzarono verso sud contro
la base d’appoggio dell’Esercito rosso. L’Esercito rosso disponeva di circa 40 mila
uomini ed era concentrato nella zona Huangpi-Hsiaopu nel distretto di Ningtu,
provincia del Kiangsi.

La situazione era la seguente: 1. l’armata di “accerchiamento e annientamento”
non superava i 100 mila uomini, nessuno dei quali apparteneva alle truppe
personali di Chiang Kai-shek; la situazione generale non era pertanto particolarmente
grave. 2. Sulla riva opposta, occidentale, del fiume Kan, si trovava la
divisione nemica comandata da Lo Lin con il compito di difendere la città di Kian.

3. Tre divisioni nemiche (comandate da Kung Ping-fan, Chang Hui-tsan e Tan Taoyuan)
occupavano la zona Futien-Tungku-Lungkang-Yuantou a sud-est di Kian
228

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

e a nord-ovest di Ningtu. Il grosso della divisione di Chang Hui-tsan era a
Lungkang, il grosso di quella di Tan Tao-yuan a Yuantou. Poiché la popolazione
di Futien e di Tungku, ingannata dal Gruppo A-B, in quel particolare momento
non aveva fiducia nell’Esercito rosso, nei cui riguardi si dimostrava addirittura
ostile, non era consigliabile scegliere queste due località come teatro di battaglia.

4. La divisione nemica di Liu Ho-ting si trovava più lontano, a Chienning, nella
regione bianca del Fukien ed era poco probabile che si sarebbe messa in marcia
verso il Kiangsi. 5. Le due divisioni nemiche al comando di Mao Ping-wen e Hsu
Keh-hsiang avanzavano nella zona Toupi-Lokou-Tungshao, fra Kuangchang e
Ningtu. Toupi era una regione bianca e Lokou una zona partigiana; a Tungshao
vi erano elementi del Gruppo A-B ed era facile che si verificassero fughe di notizie.
Se avessimo attaccato le divisioni di Mao Ping-wen e Hsu Keh-hsiang e ci fossimo
poi diretti a occidente, le tre divisioni disposte a occidente (al comando di Chang
Hui-tsan, Tan Tao-yuan e Kung Ping-fan) avrebbero potuto concentrarsi e questo
avrebbe reso difficile la vittoria e impossibile una risoluzione definitiva del
problema. 6. Le divisioni di Chang Hui-tsan e di Tan Tao-yuan, che costituivano
le forze principali dell’avversario, appartenevano alle truppe personali del
governatore del Kiangsi, Lu Ti-ping, comandante in capo della campagna di
“accerchiamento e annientamento”; la direzione delle operazioni al fronte era
stata affidata a Chang Hui-tsan. Distruggere queste due divisioni avrebbe
praticamente significato far fallire la campagna. Ogni divisione era composta da
circa 14 mila uomini e la divisione di Chang Hui-tsan era dislocata in due località.
Attaccandole una alla volta avremmo avuto la superiorità assoluta. 7. La zona
Lungkang-Yuantou, in cui era dislocato il grosso delle divisioni di Chang Hui-tsan
e Tan Tao-yuan, era in prossimità del punto ove erano concentrate le nostre forze.
Per di più in questa zona le condizioni erano a noi favorevoli in quanto vi
godevamo l’appoggio della popolazione e questo ci avrebbe permesso di
avvicinarci inosservati al nemico. 8. A Lungkang il terreno ci era favorevole. Non
era facile attaccare Yuantou. Se il nemico ci avesse attaccato a Hsiaopu, anche lì
il terreno ci sarebbe stato favorevole. 9. Nella zona di Lungkang potevamo
concentrare il massimo di truppe. Avevamo inoltre a Hsingkou, qualche decina
di li a sud-ovest di Lungkang, una divisione autonoma di oltre mille uomini che
avrebbe potuto con una manovra aggirante piombare alle spalle del nemico. 10.
Dopo aver sfondato al centro, aprendo una breccia nel fronte nemico, le nostre
truppe avrebbero potuto tagliare in due gruppi separati da una grande distanza
le colonne orientali e occidentali del nemico.
Tenendo conto di tutte queste considerazioni, decidemmo che la nostra prima
battaglia avrebbe avuto luogo contro le forze principali di Chang Hui-tsan;
riuscimmo a distruggere due brigate e il quartier generale della sua divisione e a
far prigionieri 9 mila uomini, compreso lo stesso comandante della divisione; né
un uomo né un cavallo riuscirono a sfuggire. Dopo la nostra vittoria, la divisione
di Tan Tao-yuan, presa dal panico, fuggì in direzione di Tungshao e quella di Hsu
Keh-hsiang verso Toupi. Le nostre truppe si lanciarono all’inseguimento della

229

Mao Tse-tung – OPERE

divisione di Tan Tao-yuan e ne annientarono la metà degli effettivi. In cinque giorni
(dal 27 dicembre 1930 al 1° gennaio 1931) combattemmo due battaglie, in seguito
alle quali le forze nemiche di stanza a Futien, a Tungku e a Toupi, temendo di essere
a loro volta distrutte, abbandonarono precipitosamente le zone ove erano dislocate.
Così finì la prima campagna di “accerchiamento e annientamento”.

Durante la seconda campagna la situazione era la seguente: 1. l’armata di
“accerchiamento e annientamento” disponeva di 200 mila uomini; il comandante
in capo era Ho Ying-chin e la sede del comando generale era a Nanchang. 2. Come
nella prima campagna, nessuna delle unità apparteneva alle truppe personali di
Chiang Kai-shek. La 19a armata di Tsai Ting-kai, la 26a di Sun Lien-chung e l’8a di
Chu Shao-liang erano forti o relativamente forti; le altre erano alquanto deboli. 3.
Il Gruppo A-B era stato liquidato e tutta la popolazione della base d’appoggio
sosteneva l’Esercito rosso. 4. La 5a armata di Wang Chin-yu, che era appena
arrivata dal nord, aveva paura di noi. Si poteva dire più o meno la stessa cosa delle
due divisioni di Kuo Hua-tsung e Hao Meng-ling, dislocate sul fianco sinistro di
Wang Chin-yu. 5. Se avessimo attaccato innanzitutto Futien e avessimo respinto
il nemico a est, avremmo potuto estendere la nostra base d’appoggio alla zona
Chienning-Lichuan-Taining, lungo il confine fra il Fukien e il Kiangsi e procurarci
altro materiale; questo ci avrebbe aiutato a battere la successiva campagna
nemica; sferrando invece il colpo a occidente, avremmo potuto al massimo
raggiungere il fiume Kan e ciò non ci avrebbe permesso, dopo la battaglia, di
ampliare la base; ripiegare nuovamente a oriente dopo la battaglia avrebbe
significato stancare le truppe e perdere tempo. 6. Rispetto alla prima campagna
i nostri effettivi erano alquanto diminuiti (poco più di 30 mila uomini), ma in
compenso avevano avuto quattro mesi di completo riposo per recuperare e
accrescere le proprie energie.

Per queste ragioni decidemmo di dar battaglia innanzitutto alle unità di Wang Chinyu
e di Kung Ping-fan (11 reggimenti), dislocate nella zona di Futien. Dopo aver vinto
la battaglia attaccammo uno dopo l’altro Kuo Hua-tsung, Sun Lien-chung, Chu Shaoliang
e Liu Ho-ting. In quindici giorni (dal 16 al 30 maggio 1931), percorremmo 700
li, combattemmo cinque battaglie, catturammo oltre 20 mila fucili e infrangemmo la
campagna di “accerchiamento e annientamento” esattamente come avevamo
previsto. Durante le operazioni contro Wang Chin-yu ci trovavamo fra le unità di Tsai
Ting-kai e Kuo Hua-tsung, a una quarantina di li dal primo e a più di dieci dal
secondo. Alcuni dicevano che ci stavamo cacciando in un “vicolo cieco”, tuttavia
riuscimmo a passare. Ciò fu dovuto soprattutto all’appoggio della popolazione della
nostra base e alla mancanza di coordinazione fra le unità nemiche. Dopo la sconfitta
della divisione di Kuo Hua-tsung, la divisione di Hao Meng-ling fuggì nottetempo
verso Yungfeng, scampando così a un disastro.

Durante la terza campagna di “accerchiamento e annientamento” la situazione
era la seguente: 1. Chiang Kai-shek scese personalmente in campo quale
comandante in capo; ai suoi ordini vi erano tre comandanti di colonna. Ho Yingchin,
che al pari di Chiang Kai-shek aveva il quartier generale a Nanchang,

230

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

comandava la colonna centrale; Chen Ming-shu, con comando a Kian, comandava
la colonna di destra; Chu Shao-liang, comandante la colonna di sinistra, aveva il
quartier generale a Nanfeng. 2. Gli effettivi dell’armata di “accerchiamento e
annientamento” ammontavano a 300 mila uomini. Le forze principali, per un
totale di circa 100 mila uomini, truppe personali di Chiang Kai-shek, erano cinque
divisioni (ognuna di nove reggimenti) comandate rispettivamente da Chen
Cheng, Lo Cho-ying, Chao Kuan-tao, Wei Li-huang e Chiang Ting-wen. Alla
campagna prendevano parte altre tre divisioni (per un totale di 40 mila uomini)
al comando di Chiang Kuang-nai, Tsai Ting-kai e Han Teh-chin e l’armata
comandata da Sun Lien-chung con 20 mila uomini. Altre truppe, che non
appartenevano alle truppe personali di Chiang Kai-shek, avevano una capacità
combattiva piuttosto bassa. 3. La strategia del nemico in questa campagna
consisteva nell’attuare una “avanzata in profondità” allo scopo di distruggere
l’Esercito rosso spingendolo verso il fiume Kan; questa strategia era radicalmente
diversa da quella del “consolidamento a ogni passo” applicata nella seconda
campagna. 4. Tra la fine della seconda campagna e l’inizio della terza era trascorso
soltanto un mese. Dopo i duri combattimenti sostenuti, l’Esercito rosso (circa 30
mila uomini) non aveva avuto il tempo né di riposare né di reintegrare i propri
effettivi. Aveva appena compiuto un lungo giro di circa 1.000 li per concentrarsi
a Hsingkuo, nella parte occidentale della base d’appoggio del Kiangsi meridionale,
allorché il nemico cominciò a premere su di esso da più direzioni.

In queste condizioni, il nostro piano primitivo era di partire da Hsingkuo,
passare per Wanan, sfondare a Futien e quindi avanzare rapidamente da ovest a
est per attaccare le linee di comunicazione nelle retrovie nemiche, rendendo
inutile la penetrazione delle forze principali del nemico all’interno del territorio
della nostra base nel Kiangsi meridionale. Questa doveva essere la prima fase
dell’operazione. Quando il nemico fosse ritornato verso nord, le sue truppe
sarebbero state senza dubbio molto stanche e noi avremmo potuto approfittare
di questa occasione per attaccare le unità più vulnerabili. Questa sarebbe stata la
seconda fase dell’operazione. L’idea centrale del nostro piano era di evitare il
grosso delle forze nemiche e colpire l’avversario nei suoi punti deboli. Quando,
però, le nostre unità erano in marcia verso Futien, furono scoperte dal nemico che
si affrettò a inviare sul posto le divisioni di Chen Cheng e di Lo Cho-ying. Fummo
costretti a cambiare il nostro piano e far ritorno a Kaohsinghsu, nella parte
occidentale del distretto di Hsingkuo. In quel momento potevamo concentrare le
nostre truppe soltanto in questo punto e nei suoi dintorni, su un’area di alcune
decine di li quadrati. Il giorno successivo al concentramento delle nostre truppe,
decidemmo di spingerci verso oriente in direzione di Lientang (nella parte
orientale del distretto di Hsingkuo), Liangtsun (nella parte meridionale del
distretto di Yungfeng) e Huangpi (nella parte settentrionale del distretto di
Ningtu). La notte stessa, con il favore delle tenebre, passammo attraverso un
corridoio largo 40 li fra la divisione di Chiang Ting-wen e le unità di Chiang Kuangnai,
Tsai Ting-kai e Han Teh-chin e sbucammo a Lientang. Il giorno seguente

231

Mao Tse-tung – OPERE

avemmo delle scaramucce con i reparti di avanguardia di Shangkuan Yun-hsiang
(che comandava la propria divisione e quella di Hao Meng-ling). Il terzo giorno
attaccammo la divisione di Shangkuan Yun-hsiang: fu la nostra prima battaglia;
il quarto giorno attaccammo la divisione di Hao Meng-ling: seconda battaglia; poi,
dopo una marcia di tre giorni, giungemmo a Huangpi e attaccammo la divisione
di Mao Ping-wen: terza battaglia. In queste tre battaglie riportammo la vittoria e
catturammo oltre 10 mila fucili. A questo punto il grosso delle forze nemiche, che
avanzava in due direzioni, a ovest e a sud, si volse verso est e concentrò tutta la
sua attenzione su Huangpi, dove si diresse a marce forzate per darci battaglia.
Procedendo in ordine compatto e stringendo il suo accerchiamento, si avvicinò
al nostro esercito. Noi infilammo di soppiatto un corridoio largo 20 li in mezzo
ad alte montagne, fra le truppe di Chiang Kuang-nai, Tsai Ting-kai e Han Teh-chin
da un lato e quelle di Chen Cheng e Lo Cho-ying dall’altro e, dopo aver effettuato
una conversione da est a ovest, ci concentrammo nel distretto di Hsingkuo. Prima
che il nemico ci scoprisse e riprendesse il cammino verso occidente, erano passati
quindici giorni, durante i quali le nostre truppe poterono riposare. Affamate,
stanche, demoralizzate, le truppe nemiche non erano più in grado di combattere
e decisero quindi di ritirarsi. Approfittando della loro ritirata, attaccammo le unità
di Chiang Kuang-nai, Tsai Ting-kai, Chiang Ting-wen e Han Teh-chin e
distruggemmo una brigata di Chiang Ting-wen e l’intera divisione di Han Tehchin.
La battaglia contro le divisioni di Chiang Kuang-nai e Tsai Ting-kai aveva
raggiunto un punto morto, per cui le lasciammo partire.

Durante la quarta campagna di “accerchiamento e annientamento” la situazione
era la seguente: il nemico avanzava verso Kuangchang su tre colonne. Il grosso
delle forze era costituito dalla colonna orientale. Le due divisioni che formavano
la colonna occidentale apparvero di fronte a noi, poco lontano dalla zona ove le
nostre forze si erano concentrate. Così avemmo innanzitutto la possibilità di
attaccare la colonna occidentale nella parte meridionale del distretto di Yihuang
e di distruggere con un solo colpo le due divisioni di Li Ming e Chen Shih-chi. Il
nemico tolse allora due divisioni dalla colonna orientale per rafforzare quella
centrale e continuò la sua avanzata. Riuscimmo a distruggere un’altra divisione
nella parte meridionale del distretto di Yihuang. In queste due battaglie
catturammo oltre 10 mila fucili e sostanzialmente infrangemmo la campagna
nemica.

Nella quinta campagna di “accerchiamento e annientamento” il nemico applicò,
nella sua avanzata, una nuova strategia, basata sulla “guerra delle casematte” e
prima di tutto occupò Lichuan. Noi invece, nel tentativo di riconquistare Lichuan
e arrestare il nemico fuori della nostra base d’appoggio, attaccammo Hsiaoshih,
a nord di Lichuan, solida posizione nemica situata, per di più, in territorio bianco.
Sconfitti in questa battaglia, attaccammo Tzehsichiao, altra solida posizione
nemica in territorio bianco, situata a sud-est di Hsiaoshih, ma anche qui subimmo
un rovescio. Cercammo allora di dar battaglia dibattendoci tra le forze principali
dell’avversario e le sue fortificazioni, ma fummo ridotti alla passività più completa.

232

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

La nostra quinta controcampagna durò un anno e in quest’anno fummo incapaci
di manifestare la minima iniziativa. Alla fine fummo costretti ad abbandonare la
nostra base del Kiangsi.

L’esperienza militare accumulata dal nostro esercito nelle cinque controcampagne
dimostra che per l’Esercito rosso, quando si trova sulla difensiva e vuole
sconfiggere la potente armata di “accerchiamento e annientamento”, è della
massima importanza la prima battaglia della controffensiva. L’esito della prima
battaglia esercita una considerevole influenza sulla situazione d’insieme e questa
influenza si fa sentire fino all’ultima battaglia. Di qui si possono trarre le seguenti
conclusioni.

1. Bisogna vincere la prima battaglia. Si può attaccare soltanto quando le
condizioni (situazione in cui si trova l’avversario, terreno, appoggio della
popolazione, ecc.) sono favorevoli a noi e sfavorevoli al nemico e quando si ha
l’assoluta certezza di vincere. In caso contrario è meglio ritirarsi, agire con cautela
e attendere l’occasione favorevole. L’occasione si presenterà sempre, non
dobbiamo accettare battaglia alla leggera. Durante la nostra prima controcampagna,
avevamo dapprima stabilito di attaccare le truppe di Tan Tao-yuan; siccome però
il nemico non si decideva ad abbandonare le posizioni dominanti che occupava
sulle alture di Yuantou, il nostro esercito si avvicinò ad esso per due volte e per
due volte pazientemente si ritirò; alcuni giorni dopo capitò a tiro la divisione di
Chang Hui-tsan che fu facile attaccare. Durante la seconda controcampagna il
nostro esercito entrò a Tungku e, in attesa che Wang Chin-yu abbandonasse le
sue posizioni fortificate di Futien, si accampò non lontano dal nemico con il
rischio di tradire la propria presenza, respinse tutte le proposte di attaccare
immediatamente il nemico dettate dall’impazienza, attese venticinque giorni e alla
fine raggiunse il suo obiettivo. Nella nostra terza controcampagna, nonostante che
la situazione fosse estremamente difficile tutt’attorno a noi e avessimo dovuto
compiere un giro di 1.000 li per rientrare nella nostra base d’appoggio e
nonostante che il nemico avesse scoperto il nostro piano di aggiramento, noi ci
ritirammo pazientemente, cambiammo il nostro piano iniziale, sfondammo al
centro e alla fine, a Lientang, ingaggiammo la prima vittoriosa battaglia. Durante
la quarta controcampagna, dopo il fallimento della nostra offensiva su Nanfeng,
ci ritirammo senza esitare, riuscimmo a spostarci sul fianco destro del nemico, ci
concentrammo nella zona di Tungshao e alla fine impegnammo nella parte
meridionale del distretto di Yihuang una grande battaglia che finì con la nostra
vittoria. Soltanto nella quinta controcampagna non fu compresa l’importanza
della prima battaglia. Allarmate per la perdita della sola città di Lichuan, le nostre
truppe, nel tentativo di riconquistarla, marciarono verso nord direttamente sul
nemico. Poi, invece di considerare l’imprevisto scontro a Hsunkou risoltosi in una
nostra vittoria (era stata distrutta una divisione nemica) come la prima battaglia
e senza tener conto dei cambiamenti che questa battaglia aveva dovuto
necessariamente portare, si intraprese con leggerezza l’offensiva su Hsiaoshih, il
cui successo era dubbio. Così fin dalle prime mosse perdemmo l’iniziativa. Fu il
233

Mao Tse-tung – OPERE

peggiore e il più stupido modo di condurre le operazioni.

2. Il piano della prima battaglia deve essere il prologo organico del piano di tutta
la campagna. Senza un buon piano valido per tutta la campagna è assolutamente
impossibile condurre una prima battaglia veramente utile. Ciò significa che, pur
avendo conseguito la vittoria nella prima battaglia, se nel piano di tutta la
campagna questa battaglia non solo non ha avuto una funzione utile ma al
contrario ha portato un danno, essa deve essere considerata come un insuccesso
nonostante la vittoria ottenuta (così come avvenne, ad esempio, nella battaglia di
Hsunkou durante la quinta controcampagna). Perciò prima di ingaggiare la prima
battaglia è necessario stabilire nelle grandi linee come condurre la seconda, la
terza, la quarta e perfino l’ultima battaglia e prevedere quali mutamenti si
verificheranno nella situazione generale del nemico dopo ognuno dei nostri
successi o dopo ognuno dei nostri insuccessi. È necessario cercare di prevedere
tutto questo con accuratezza e in modo realistico, partendo dalla situazione
d’insieme di entrambe le parti, anche se poi il risultato non coinciderà e in realtà
non potrà coincidere del tutto con le nostre aspettative. In una partita a scacchi
è impossibile fare una mossa veramente buona se non si tiene conto della
situazione d’insieme.
3. È anche necessario considerare cosa avverrà nella successiva fase strategica
della guerra. Tener conto soltanto della controffensiva e non tener conto di quel
che si farà dopo il successo della controffensiva, o nel caso che, contro ogni
aspettativa, si subisca una sconfitta, significa non adempiere il proprio dovere di
stratega. Nel corso di una fase strategica, uno stratega deve prendere in
considerazione le fasi successive o, per lo meno, la fase successiva. Anche se è
difficile prevedere i cambiamenti futuri poiché più si guarda lontano e più le cose
diventano nebulose, è tuttavia possibile fare dei calcoli generali ed è indispensabile
valutare le prospettive future. Il metodo di direzione che considera soltanto
ciò che avviene a ogni passo che si compie è dannoso sia in politica che in guerra.
Dopo ogni passo è necessario esaminare i cambiamenti concreti che sono
avvenuti e su questa base modificare o sviluppare i piani strategici e i piani delle
campagne, altrimenti si cade nell’avventurismo. D’altra parte è assolutamente
necessario un piano che abbracci tutta una fase strategica e perfino alcune fasi
strategiche, un piano studiato nelle sue linee generali e valido per un lungo
periodo. Senza un piano di questo genere si può cadere in errore: resteremo nella
incertezza, segneremo il passo e, in pratica, favoriremo gli intendimenti strategici
del nemico, condannando noi stessi alla passività. Non bisogna dimenticare che
anche il comando generale del nemico ha delle prospettive strategiche. Potremo
riportare vittorie strategiche soltanto quando saremo riusciti a superare di una
lunghezza il nemico. La direzione strategica sia della linea opportunista “di
sinistra” nel corso della quinta campagna nemica di “accerchiamento e annientamento”
sia della “linea Chang Kuo-tao” si dimostrò errata proprio perché questa
condizione non fu soddisfatta. In breve, fin dalla fase della ritirata bisogna tener
presente la fase della controffensiva; nella fase della controffensiva occorre tener
234

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

presente la fase dell’offensiva e in quest’ultima, infine, la fase della ritirata. Non
farlo e limitarsi alle sole considerazioni del momento, significa andare direttamente
incontro alla sconfitta.

Bisogna vincere la prima battaglia. Bisogna tener conto del piano di tutta la
campagna. Bisogna tener conto della fase strategica successiva. Sono questi i tre
principi che non bisogna dimenticare quando si inizia una controffensiva, cioè
quando si combatte la prima battaglia.

6. Il concentramento delle forze
A prima vista il concentramento delle forze sembra un compito facile, ma in
pratica è molto difficile. Tutti sanno che il modo migliore di vincere è quello di
impiegare grandi forze contro piccole forze. Tuttavia molti non riescono a fare
questo, anzi spesso decentrano le proprie forze. Ciò si verifica perché taluni capi
militari non hanno attitudine per la strategia, si perdono nelle situazioni
complesse e di conseguenza cadono in balia delle circostanze, perdono l’iniziativa
e non si preoccupano che di tamponare le falle.

Per quanto complessa, grave e difficile sia la situazione, un comandante deve
innanzitutto avere la capacità di agire in modo indipendente nell’organizzare e
utilizzare le proprie forze. Capita spesso che il nemico ci costringa alla passività.
In questi casi è importante che il comandante riprenda rapidamente l’iniziativa.
Se non ci riesce, va incontro alla sconfitta.

L’iniziativa non è qualcosa di astratto, ma qualcosa di concreto, di materiale. La
cosa principale è conservare e concentrare il maggior numero possibile di uomini
animati da grande spirito combattivo.

È facile cadere nella passività quando si è in difensiva poiché la difensiva, al
contrario dell’offensiva, non offre la possibilità di sviluppare al massimo l’iniziativa.
Tuttavia la difensiva, che è passiva nella forma, può avere un contenuto attivo
e può passare dallo stadio della passività formale allo stadio dell’iniziativa sia
formale che sostanziale. Una ritirata strategica pienamente prevista dal piano,
formalmente è imposta, ma sostanzialmente viene effettuata allo scopo di
conservare le forze, di attendere il momento opportuno per sconfiggere il nemico
e di attirare il nemico all’interno del nostro territorio e preparare la controffensiva.
D’altra parte, opporsi alla ritirata e accettare avventatamente battaglia (come nella
battaglia di Hsiaoshih) può sembrare un serio sforzo per assicurarsi l’iniziativa, ma
in realtà non si tratta che di passività. Nella controffensiva strategica, invece,
l’iniziativa non si manifesta soltanto nel contenuto, ma anche nella forma, si
manifesta ossia nell’abbandono della passività del periodo della ritirata. Per
l’avversario la nostra controffensiva rappresenta lo sforzo che il nostro esercito
compie per privarlo dell’iniziativa e spingerlo alla passività.

Le condizioni necessarie per il pieno raggiungimento di questo scopo sono: il
concentramento delle forze, la guerra di movimento, la guerra di rapida decisione
e la guerra di annientamento; fra queste, il concentramento delle forze è la

235

Mao Tse-tung – OPERE

condizione prima, la condizione più importante.

Il concentramento delle forze è necessario per capovolgere la situazione delle
due parti. Il suo scopo è:

1. capovolgere la situazione delle due parti per quel che riguarda l’avanzata e
la ritirata. Prima era il nemico ad avanzare mentre noi ci ritiravamo; ora cerchiamo
di creare una situazione in cui noi andiamo avanti e il nemico indietreggia.
Quando concentrando le nostre forze vinciamo una battaglia, raggiungiamo lo
scopo già in questa battaglia, il che influirà su tutto il corso della campagna.
2. Capovolgere la situazione delle parti per quel che concerne l’attacco e la
difesa. Nella difensiva la ritirata fino al punto prestabilito appartiene, fondamentalmente,
alla fase passiva, alla fase della “difesa”. La controffensiva appartiene alla
fase attiva, la fase dell’“attacco”. Sebbene la controffensiva conservi il suo carattere
di difesa per tutta la durata della difensiva strategica, tuttavia essa, rispetto alla
ritirata, costituisce già un cambiamento sia per quanto riguarda la forma che per
quanto riguarda il contenuto. La controffensiva rappresenta il passaggio dalla
difensiva strategica all’offensiva strategica, è il preludio all’offensiva strategica. È
questo lo scopo del concentramento delle forze.
3. Capovolgere la situazione delle parti per quel che concerne le operazioni per
linee interne e per linee esterne. Un esercito che sul piano strategico combatte per
linee interne, in particolare l’Esercito rosso che deve far fronte alle campagne di
“accerchiamento e annientamento”, risente di numerosi fattori sfavorevoli.
Tuttavia nel corso di una campagna o di una battaglia noi possiamo e dobbiamo
assolutamente rovesciare questa situazione. Dobbiamo trasformare la grande
campagna di “accerchiamento e annientamento” che il nemico conduce contro
di noi in una quantità di piccole e isolate campagne di accerchiamento e
annientamento che le nostre truppe conducono contro l’esercito nemico;
dobbiamo trasformare l’attacco convergente che l’esercito nemico sferra contro
di noi sul piano strategico in una serie di attacchi convergenti nelle campagne o
nelle battaglie che il nostro esercito lancia contro il nemico; dobbiamo trasformare
la superiorità strategica del nemico in una nostra superiorità nelle campagne o
nelle battaglie; dobbiamo far sì che il nemico, forte sul piano strategico, diventi
debole nelle campagne o nelle battaglie, e passare al tempo stesso dalla nostra
debolezza strategica a una forte posizione nelle campagne o nelle battaglie.
Questo è ciò che noi chiamiamo operazioni per linee esterne nelle operazioni per
linee interne, campagne di accerchiamento e annientamento all’interno della
campagna di “accerchiamento e annientamento”, blocchi all’interno del blocco,
offensiva nell’ambito della difensiva, superiorità in una situazione d’inferiorità,
forza nella debolezza, vantaggio in una situazione svantaggiosa e iniziativa in stato
di passività. La conquista della vittoria nella difensiva strategica dipende essenzialmente
dal concentramento delle forze.
Nella storia militare dell’Esercito rosso cinese questo problema è stato spesso
oggetto di importanti controversie. Nella battaglia di Kian, il 4 ottobre 1930, la
nostra avanzata e il nostro attacco ebbero inizio prima che le nostre forze fossero

236

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

completamente concentrate. Fortunatamente il nemico (la divisione di Teng Ying)
si diede alla fuga di propria iniziativa; il nostro attacco non dette alcun risultato.

A partire dal 1932, con la parola d’ordine “attaccare su tutto il fronte” si
pretendeva che dall’interno delle nostre basi si sferrassero colpi in tutte le
direzioni, a nord e a sud, a est e a ovest. Questo è un errore, non solo sul piano
della difensiva strategica, ma anche su quello dell’offensiva strategica. Finché il
rapporto di forze tra noi e il nemico non avrà subito un radicale mutamento,
esisteranno sempre, sia in campo strategico sia in campo tattico, la difensiva e
l’offensiva, le azioni per trattenere il nemico e gli assalti; gli “attacchi su tutto il
fronte” sono nella realtà estremamente rari. Quella parola d’ordine era una
manifestazione di egualitarismo in campo militare, egualitarismo che si accompagna
all’avventurismo militare.

Nel 1933 i seguaci dell’egualitarismo in campo militare lanciarono anche la
formula “colpire contemporaneamente con i due pugni in due direzioni”. Nel
tentativo di ottenere la vittoria contemporaneamente in due direzioni strategiche,
divisero le forze principali dell’Esercito rosso in due parti. Il risultato fu che uno
dei due pugni restò inattivo e l’altro si stancò nei combattimenti; inoltre
perdemmo l’occasione di riportare la più grande vittoria possibile in quel
momento. Secondo me, quando abbiamo a che fare con un nemico potente, per
un certo periodo di tempo dobbiamo impiegare le nostre forze, a prescindere
dalla loro consistenza, in una sola direzione principale, non due. Non sono
contrario a due o anche a più direzioni operative, ma in ogni determinato
momento deve esistere una sola direzione principale. L’Esercito rosso, che entrò
nell’arena della guerra civile come un esercito debole, ha da allora ripetutamente
sconfitto il suo potente nemico e ha riportato vittorie che hanno meravigliato il
mondo, soprattutto perché ha fatto largo assegnamento sul concentramento delle
forze. Una qualsiasi delle nostre grandi vittorie può rappresentare una prova
convincente. “Uno contro dieci, dieci contro cento”: questa è una formula
strategica che si applica alla guerra nel suo insieme, al rapporto tra le nostre forze
e quelle del nemico nel loro complesso; strategicamente è proprio ciò che stiamo
facendo. Ma questa formula non è valida né per le campagne né per le azioni
tattiche e in questi casi non possiamo assolutamente applicarla. Sia nella
controffensiva che nell’offensiva noi concentriamo sempre grandi forze per
colpire una parte dell’esercito nemico. Nelle operazioni contro Tan Tao-yuan
nella zona di Tungshao, distretto di Ningtu nel Kiangsi, nel gennaio del 1931;
contro la 19a armata nella zona di Kaohsinghsu, distretto di Hsingkuo nel Kiangsi,
nell’agosto del 1931; contro Chen Chi-tang nella zona di Shuikouhsu, distretto di
Nanhsiung nel Kwangtung, nel luglio del 1932; contro Chen Cheng nella zona di
Tuantsun, distretto di Lichuan nel Kiangsi, nel marzo del 1934, i nostri insuccessi
furono dovuti al fatto che non avevamo concentrato le forze. Operazioni come
quelle di Shuikouhsu e Tuantsun sono state, in generale, considerate come
vittorie, anzi come grandi vittorie (nella prima mettemmo in rotta 20 reggimenti
di Chen Chi-tang, nella seconda 12 di Chen Cheng), ma noi non le abbiamo mai

237

Mao Tse-tung – OPERE

salutate come vittorie, anzi, in un certo senso, le abbiamo addirittura considerate
delle sconfitte. Dal nostro punto di vista, l’importanza di simili vittorie è minima
poiché esse non ci procurano bottino o, se ce lo procurano, il bottino non
compensa le perdite. La nostra strategia consiste nel combattere “uno contro
dieci”, la nostra tattica nel combattere “dieci contro uno”. È questa una delle leggi
fondamentali che ci assicurano la vittoria sul nemico.

L’egualitarismo in campo militare raggiunse il suo apogeo durante la nostra
quinta controcampagna nel 1934. Si riteneva che con la “suddivisione delle forze
in sei colonne” e la “resistenza su tutta la linea del fronte” si potesse vincere il
nemico; il risultato fu che chi ebbe la meglio fu proprio il nemico e questo perché
avevamo paura di perdere del territorio. Quando le forze principali si concentrano
in una direzione principale e nelle altre direzioni restano soltanto le forze
necessarie per trattenere il nemico, le perdite territoriali sono inevitabili. Ma si
tratta di perdite temporanee, parziali, a prezzo delle quali si raggiunge la vittoria
nella direzione d’attacco. Dopo questa vittoria, è possibile riconquistare il terreno
nella direzione ove erano dislocate le forze che avevano il compito di trattenere
il nemico. Durante la prima, la seconda, la terza e la quarta campagna nemica di
“accerchiamento e annientamento”, abbiamo subito perdite territoriali, in particolare
durante la terza campagna, allorché perdemmo quasi interamente la base
dell’Esercito rosso nel Kiangsi; ma alla fine non solo riconquistammo il terreno
perduto, ma ampliammo anche il nostro territorio.

Spesso si ha paura che l’Esercito rosso si allontani troppo e questa paura
ingiustificata è dovuta a una sottovalutazione delle forze popolari delle basi
d’appoggio. Fu quel che si verificò nel 1932, quando l’Esercito rosso si allontanò
dal Kiangsi per attaccare Changchow nel Fukien, o nel 1933, quando fece una
conversione per attaccare il Fukien dopo la vittoria conseguita nella quarta
controcampagna. Nel primo caso si temeva che il nemico si impadronisse di tutta
la nostra base, nel secondo di perderne una parte e per questo, opponendosi al
concentramento delle forze, si insisteva sul decentramento per la difesa della base.
Gli avvenimenti dimostrarono che tali timori erano infondati. Per quanto riguarda
il nemico, esso considera rischioso penetrare nelle nostre basi, ma secondo lui,
il pericolo maggiore è rappresentato dall’Esercito rosso quando penetra nelle
regioni bianche per dar battaglia. Perciò l’attenzione dell’esercito nemico si è
sempre concentrata lì dove si trova l’Esercito rosso regolare. Accade di rado che
il nemico distolga lo sguardo dal nostro esercito per rivolgerlo alle nostre basi
d’appoggio. Anche quando l’Esercito rosso è in difensiva, l’attenzione del nemico
è sempre rivolta ad esso. La riduzione dell’ampiezza delle nostre basi rientra nel
piano generale del nemico, ma se l’Esercito rosso concentra le sue forze principali
per distruggere una colonna nemica, l’alto comando dell’esercito nemico è
costretto a concentrare ancora di più la sua attenzione sull’Esercito rosso e a
inviare contro di esso forze ancora maggiori. È quindi possibile far naufragare i
piani del nemico intesi a ridurre l’ampiezza delle nostre basi d’appoggio.

È ugualmente sbagliato dire che “durante la quinta campagna nemica di

238

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

‘accerchiamento e annientamento’, condotta secondo il metodo della ‘guerra delle
casematte’, era per noi impossibile operare con forze concentrate e tutto ciò che
si poteva fare era decentrare le forze per la difesa e lanciare attacchi brevi e
improvvisi”. La tattica adottata dal nemico, consistente nell’avanzare di 3, 5, 8 o
anche 10 li e nel costruire a ognuna di queste tappe delle casematte, fu dovuta
proprio al fatto che l’Esercito rosso opponeva resistenza su ognuno di questi
punti. La situazione sarebbe stata indubbiamente diversa se il nostro esercito,
operando per linee interne, avesse abbandonato la tattica della resistenza su tutti
i punti e, quando fosse stato necessario e possibile, fosse passato sulle linee
interne del nemico per colpirlo. Il principio del concentramento delle forze è
proprio il mezzo per vincere la “guerra delle casematte” intrapresa dal nemico.

Il concentramento delle forze che noi sosteniamo non implica affatto la rinuncia
alla guerra partigiana popolare. Come è stato già da tempo dimostrato, la linea
Li Li-san, che respingeva la guerra partigiana popolare ed esigeva che “tutto, fino
all’ultimo fucile, fosse concentrato nelle mani dell’Esercito rosso”, era errata.
Considerando la guerra rivoluzionaria nel suo complesso, la guerra partigiana
popolare e l’Esercito rosso regolare si completano a vicenda come il braccio destro
e quello sinistro dell’uomo; se avessimo solo l’Esercito rosso regolare, senza la
guerra partigiana popolare, saremmo come un guerriero con un braccio solo. In
termini concreti, e specialmente riguardo alle operazioni militari, quando
parliamo della popolazione della base d’appoggio come di un elemento della
guerra, intendiamo dire che abbiamo un popolo armato. Questa è la principale
ragione per cui il nemico teme d’avvicinarsi alla nostra base d’appoggio.

È necessario anche impiegare unità dell’Esercito rosso in direzioni operative
secondarie; non è affatto necessario concentrare tutte le forze dell’Esercito rosso.
Il concentramento delle forze che noi vogliamo si basa sulla necessità di
assicurarci la superiorità assoluta o relativa sul campo di battaglia. Contro un
nemico potente o in un settore-chiave è necessario combattere con una
superiorità assoluta di forze; per esempio, il 30 dicembre 1930, nella prima
battaglia della prima controcampagna, noi avevamo concentrato 40 mila uomini
contro i 9 mila soldati di Chang Hui-tsan. Contro un nemico debole o per
combattere in settori non molto importanti basta avere una superiorità relativa;
ad esempio, il 29 maggio 1931, nell’ultima battaglia della seconda controcampagna,
impegnammo poco più di 10 mila uomini per attaccare a Chienning la divisione
di Liu Ho-ting, forte di 7 mila uomini.

Ciò non vuol dire che sia necessario avere la superiorità delle forze in tutti i casi.
In determinate circostanze si può affrontare la battaglia con forze relativamente

o assolutamente inferiori. Per il primo caso, nel caso cioè che dobbiamo affrontare
il nemico con forze relativamente inferiori, supponiamo per esempio che, in una
determinata zona, l’Esercito rosso disponga solo di piccole forze (non si tratta qui
del caso in cui le forze esistono, ma non sono state concentrate). In questa
eventualità, per spezzare l’attacco lanciato da un nemico più forte, quando
esistono le condizioni a noi favorevoli (appoggio della popolazione, terreno e
239

Mao Tse-tung – OPERE

condizioni atmosferiche) è senz’altro necessario trattenere il nemico al centro e
su un fianco facendo uso dei reparti partigiani o di piccole unità e concentrare
tutte le forze dell’Esercito rosso per lanciare un attacco a sorpresa su un settore
dell’altro fianco del nemico. In questo modo potremo ottenere la vittoria. Quando
attacchiamo a sorpresa un qualsiasi settore del fianco nemico, applichiamo ancora
il principio di usare una forza superiore contro una forza inferiore, di impiegare
molti uomini per annientare pochi uomini. Per il secondo caso, quando le nostre
forze sono assolutamente inferiori a quelle del nemico, può servire da esempio
l’attacco a sorpresa di un reparto partigiano contro un grosso reparto dell’esercito
bianco. I partigiani attaccano soltanto una piccola parte delle forze nemiche
applicando esattamente lo stesso principio formulato prima.

All’affermazione secondo cui il concentramento di un grosso esercito in vista
della battaglia in una data zona trova dei limiti nel terreno, nelle strade, nel
rifornimento, nell’alloggiamento, ecc., rispondiamo che ciò deve essere valutato
caso per caso, secondo le circostanze. Queste limitazioni pesano in misura diversa
sull’Esercito rosso e sull’esercito bianco, poiché l’Esercito rosso è in grado di
sopportare meglio le avversità.

In pochi vinceremo forze numerose: noi lo dichiariamo a tutti coloro che
dominano la Cina. In molti vinceremo forze esigue: noi lo dichiariamo a ognuna
delle forze nemiche con le quali ci scontriamo sul campo di battaglia. Questo non
è più un segreto e il nemico ormai conosce le nostre abitudini. Ma esso non può
impedire la nostra vittoria, non può evitare le perdite che gli infliggiamo, perché
non sa quando e dove lo batteremo con tale metodo. Questo lo teniamo segreto.
L’Esercito rosso opera in generale mediante attacchi a sorpresa.

7. La guerra di movimento
Guerra di movimento o guerra di posizione? La nostra risposta è: guerra di
movimento. Finché non avremo grandi forze e grosse riserve di munizioni, finché
in ogni base d’appoggio disporremo di una sola unità dell’Esercito rosso che
bisogna spostare continuamente laddove è necessario combattere, la guerra di
posizione non avrà, in generale, per noi alcuna utilità. Per noi la guerra di
posizione è fondamentalmente inaccettabile non solo in difensiva ma anche in
offensiva.

Una delle particolarità più evidenti delle operazioni dell’Esercito rosso, particolarità
che deriva dalla potenza del nemico e dalla debolezza dell’Esercito rosso sul
piano tecnico, è la mancanza di una linea stabile del fronte.

Le linee del fronte dell’Esercito rosso sono determinate dalle sue direzioni
operative. L’instabilità delle direzioni operative porta alla instabilità delle linee del
fronte. Sebbene la direzione generale resti immutata per un determinato periodo,
nel suo ambito le singole direzioni parziali cambiano continuamente: quando una
direzione è bloccata, occorre cambiarla. Se dopo un certo tempo risulta bloccata
anche la direzione generale, bisogna cambiare anche questa.

240

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

Durante una guerra civile rivoluzionaria le linee del fronte non possono essere
stabili; questa situazione si è presentata anche nell’Unione Sovietica. Fra la
situazione dell’esercito sovietico e la nostra l’unica differenza è che laggiù
l’instabilità non ha mai raggiunto il grado che ha da noi. In nessuna guerra le linee
del fronte possono essere assolutamente stabili; lo impediscono i cambiamenti
dovuti alle vittorie e alle sconfitte, alle avanzate e alle ritirate. Tuttavia nelle guerre
ordinarie si possono spesso avere linee del fronte relativamente stabili. Si hanno
delle eccezioni soltanto per gli eserciti che combattono un nemico molto potente,
come è il caso dell’Esercito rosso cinese nella fase attuale.

L’instabilità delle linee del fronte porta all’instabilità territoriale delle nostre basi
d’appoggio, che ora si allargano, ora si riducono e spesso avviene che una sparisca
e una si formi. Questa instabilità del territorio è interamente dovuta alla mobilità
delle operazioni militari.

La mobilità delle operazioni militari e l’instabilità del territorio producono a loro
volta instabilità in tutto il lavoro di edificazione nelle nostre basi. È inconcepibile
tracciare piani di costruzione validi per alcuni anni. Il mutamento frequente dei
piani è divenuto per noi un fenomeno dei più comuni.

Riconoscere questa particolarità è per noi molto utile. Dobbiamo basarci su di
essa per formulare i nostri piani e non dobbiamo farci illusioni riguardo a una
guerra fatta di sole avanzate senza ritirate, né allarmarci per le variazioni
temporanee del nostro territorio o delle retrovie del nostro esercito, né cercare di
elaborare piani dettagliati a lungo termine. Dobbiamo adattare il nostro modo di
pensare e il nostro lavoro alla situazione, essere pronti a rimanere sul posto o a
metterci in marcia e avere sempre lo zaino a portata di mano. Soltanto a prezzo
degli sforzi che compiamo nella nostra vita di oggi fatta di continui spostamenti,
potremo ottenere dapprima una relativa stabilità e in seguito la stabilità completa.

Quando, al tempo della quinta controcampagna, dominava la linea strategica
basata sulla “guerra regolare”, questa mobilità veniva respinta, si lottava contro
il cosiddetto “spirito partigiano”. I compagni contrari alla mobilità si comportavano
come se fossero i dirigenti di un grande Stato e il risultato fu che si dovette
ricorrere a una mobilità straordinaria e di grande ampiezza: la Lunga Marcia di

25.000 li.
La nostra repubblica democratica degli operai e dei contadini è sì uno Stato, ma
oggi non è ancora uno Stato nel pieno significato della parola. Oggi nella guerra
civile siamo ancora nel periodo della difensiva strategica e la forma del nostro
potere statale è ancora lontana dall’essere compiuta. Per numero e per mezzi
tecnici il nostro esercito è ancora notevolmente inferiore a quello avversario; il
nostro territorio è ancora molto piccolo; il nemico pensa solo ad annientarci e sarà
soddisfatto solo quando ci sarà riuscito. Nel determinare la nostra politica sulla
base di queste condizioni, non dobbiamo lottare genericamente contro lo “spirito
partigiano”, ma riconoscere onestamente il carattere partigiano dell’Esercito
rosso. Non c’è da vergognarsene. Al contrario, il carattere partigiano è proprio la
nostra particolarità, il nostro lato forte, lo strumento per vincere il nemico.

241

Mao Tse-tung – OPERE

Dobbiamo prepararci ad abbandonare questo carattere, ma oggi non lo possiamo
fare. In futuro il carattere partigiano diventerà qualcosa di cui aver vergogna,
qualcosa da respingere, ma oggi è qualcosa di prezioso che dobbiamo tenacemente
conservare.

“Combattere quando esistono possibilità di vittoria, andarsene quando non è
possibile vincere”, questa è, in parole povere, la nostra guerra di movimento di
oggi. Non esistono al mondo esperti militari che ritengano che si debba solo
combattere e neghino la necessità di ritirarsi, per quanto nessuno compia come
noi tanti spostamenti. In generale spendiamo più tempo in marce che in
operazioni militari propriamente dette. Se in media sosteniamo un grosso
combattimento al mese è già una gran cosa. Ma anche quando “ci ritiriamo” lo
facciamo allo scopo di “combattere” e tutti i nostri principi della strategia e delle
campagne sono basati su questo punto fondamentale: combattere. Tuttavia in
alcuni casi non è vantaggioso battersi: in primo luogo, non è opportuno battersi
se il nemico che ci attacca dispone di forze superiori; in secondo luogo, a volte
non è opportuno battersi se le forze nemiche, anche se poco rilevanti, non sono
distanti da altre unità nemiche; in terzo luogo, e in generale, non è consigliabile
battersi contro una unità nemica che non sia isolata e che occupi posizioni molto
solide; in quarto luogo, non è opportuno continuare a combattere quando non
si è sicuri di vincere. In tutti i casi che abbiamo enumerato dobbiamo essere
sempre pronti a ritirarci. Tali ritirate sono ammissibili e necessarie. Questo perché
il riconoscimento della necessità di ritirarci è basato innanzitutto sul riconoscimento
della necessità di combattere. È proprio in ciò che consiste la particolarità
fondamentale della guerra di movimento condotta dall’Esercito rosso.

La nostra guerra è essenzialmente una guerra di movimento, ma questo non
significa che noi rinunciamo alla guerra di posizione quando si dimostra
necessaria e possibile. Durante la difensiva strategica occorre ammettere la
necessità di ricorrere alla guerra di posizione quando si tratta di difendere
tenacemente, nel corso delle operazioni per trattenere il nemico, alcuni punti-
chiave e, durante l’offensiva strategica, quando ci si trova di fronte a forze nemiche
isolate e tagliate fuori da ogni possibilità d’aiuto. Servendoci dei metodi della
guerra di posizione per conseguire la vittoria, abbiamo già accumulato molta
esperienza; abbiamo occupato numerose città nemiche, forti, capisaldi, abbiamo
infranto posizioni campali abbastanza solide. In futuro dovremo raddoppiare gli
sforzi in tale direzione e porre rimedio alle nostre insufficienze in questo campo.
Dobbiamo essere favorevoli all’attacco o alla difesa delle posizioni fortificate
quando la situazione lo richieda e lo permetta. Ci opponiamo soltanto a che in
generale si passi oggi alla guerra di posizione o che si ponga la guerra di posizione
sullo stesso piano della guerra di movimento, perché ciò è inammissibile.

Durante i dieci anni di guerra civile, non vi sono stati forse dei mutamenti nel
carattere partigiano dell’Esercito rosso, nella mancanza di stabili linee del fronte,
nella instabilità territoriale delle basi e nella instabilità del lavoro di edificazione
all’interno delle basi d’appoggio? Sì, ci sono stati dei cambiamenti. Nella prima

242

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

fase, che va dal periodo della lotta sui monti Chingkang all’inizio della prima
controcampagna nel Kiangsi, il carattere partigiano dell’Esercito rosso e l’instabilità
si manifestarono molto acutamente. L’Esercito rosso era nel periodo della sua
infanzia e le nostre basi erano ancora zone partigiane. Nella seconda fase, che va dalla
prima controcampagna alla fine della terza controcampagna, il carattere partigiano
e l’instabilità si ridussero sensibilmente, fu formata l’armata del fronte ed esistevano
basi d’appoggio con una popolazione di alcuni milioni. Nella terza fase, tra la fine
della terza controcampagna e la conclusione della quinta, il carattere partigiano e
l’instabilità si ridussero ancora e furono creati il governo centrale e la Commissione
militare rivoluzionaria. La Lunga Marcia costituisce la quarta fase. Il rifiuto, erroneo,
di ricorrere alla guerra partigiana su piccola scala e di ammettere un minimo di
instabilità condusse a una guerra partigiana su larga scala e a una mobilità eccessiva.
Oggi stiamo attraversando la quinta fase. In seguito alla mancata sconfitta della quinta
campagna di “accerchiamento e annientamento” e alla grande mobilità, l’Esercito
rosso e le nostre basi d’appoggio si sono sensibilmente ridotti. Tuttavia ci siamo già
solidamente insediati nel nord-ovest; abbiamo consolidato e sviluppato la base
d’appoggio della regione di confine Shensi-Kansu-Ningsia. Le tre armate del fronte,
che costituiscono le forze principali dell’Esercito rosso, si trovano già sotto un
comando unico, cosa mai verificatasi prima d’ora.

Riguardo al carattere della nostra strategia, possiamo dire che il periodo che va
dalla lotta sui monti Chingkang alla fine della quarta controcampagna costituisce
la prima fase; la quinta controcampagna rappresenta la seconda fase e il periodo
che va dalla Lunga Marcia a oggi, la terza. Durante la quinta controcampagna la
precedente linea strategica, che era giusta, fu a torto respinta; oggi noi giustamente
respingiamo l’errata linea adottata durante la quinta controcampagna e
riesumiamo quella precedente. Tuttavia non respingiamo in blocco tutto quello
che si è fatto durante la quinta controcampagna, né riesumiamo in blocco tutto
ciò che c’era prima. Noi riesumiamo soltanto ciò che vi era di buono nel passato
e respingiamo soltanto ciò che vi era di sbagliato nella quinta controcampagna.

Lo “spirito partigiano” ha due aspetti. Il primo è rappresentato dalla irregolarità,
ossia dalla mancanza di centralizzazione, di unità e di una disciplina rigorosa,
dalla elementarità dei metodi di lavoro, ecc. Queste caratteristiche l’Esercito rosso
le ha portate con sé dall’infanzia e alcune di esse rappresentavano proprio ciò di
cui avevamo bisogno in quell’epoca. Ma in una fase superiore di sviluppo
dell’Esercito rosso occorre eliminare gradatamente e consapevolmente queste
deficienze, occorre rendere l’Esercito rosso più centralizzato, più unito, più
disciplinato, più preciso nel lavoro, dargli, cioè, un carattere più regolare.
Riguardo al comando delle operazioni, occorre pure gradatamente e consapevolmente
attenuare quella parte del carattere partigiano che non è più necessaria in
una fase superiore di sviluppo. Rifiutarsi di fare passi avanti in questo campo,
restare ostinatamente aggrappati alla vecchia fase è inammissibile e dannoso, oltre
a essere svantaggioso per le operazioni su larga scala.

L’altro aspetto dello “spirito partigiano” è: il principio della guerra di movimento;

243

Mao Tse-tung – OPERE

il carattere partigiano, ancora oggi necessario, delle nostre operazioni sul piano
della strategia e delle campagne; l’inevitabile instabilità delle nostre basi;
l’elasticità dei piani d’edificazione all’interno delle basi; il rifiuto di dare un
carattere regolare all’Esercito rosso nel corso della sua edificazione se il momento
non è opportuno. A questo proposito, negare i fatti storici, essere contrari a
conservare ciò che è utile, abbandonare sconsideratamente la fase attuale per
correre ciecamente dietro alla “nuova fase”, ancora irraggiungibile e priva di
qualsiasi reale significato nel momento attuale, è altrettanto inammissibile e
dannoso, altrettanto svantaggioso per le operazioni militari in corso.

Ci troviamo oggi alla vigilia di una nuova fase per quel che riguarda
l’equipaggiamento tecnico e l’organizzazione dell’Esercito rosso. Dobbiamo
prepararci a passare a questa nuova fase. Non farlo sarebbe errato e svantaggioso
per l’ulteriore condotta della guerra. In futuro, quando saranno cambiate le
condizioni tecniche e organizzative dell’Esercito rosso, quando l’edificazione
dell’Esercito rosso sarà entrata in una nuova fase, le direzioni operative e le linee
del fronte diverranno più stabili, l’importanza della guerra di posizione aumenterà,
mentre il carattere di mobilità della guerra, l’instabilità del territorio e del
lavoro di edificazione si ridurranno sensibilmente fino a sparire del tutto; allora
il nostro campo di azione non sarà più limitato da tutto ciò che lo limita oggi, come,
per esempio, la superiorità del nemico e le sue posizioni solidamente fortificate.

Oggi noi lottiamo, da un lato, contro i metodi errati che venivano applicati nel
periodo in cui regnava l’opportunismo “di sinistra” e, dall’altro, contro il risorgere
di tutte quelle irregolarità caratteristiche dell’Esercito rosso nel periodo della sua
infanzia, che oggi non sono più necessarie. Ma dobbiamo riprendere decisamente
tutti quei numerosi e preziosi principi che riguardano l’edificazione dell’esercito,
la strategia e la tattica grazie ai quali l’Esercito rosso ha costantemente ottenuto
la vittoria. Dobbiamo fare un bilancio di tutto ciò che abbiamo avuto di buono
nel passato e trasformarlo in una linea militare sistematica, ancora più sviluppata
e ricca, per vincere il nemico oggi e prepararci a passare in futuro alla nuova fase.

La condotta della guerra di movimento abbraccia molti problemi, come ad
esempio la ricognizione, la valutazione della situazione, la presa di decisioni, la
disposizione delle truppe per il combattimento, il comando, l’occultamento, il
concentramento delle forze, le marce, lo schieramento, l’attacco, l’inseguimento,
l’attacco a sorpresa, l’attacco di posizioni, la difesa di posizioni, lo scontro fortuito,
la ritirata, il combattimento notturno, le operazioni speciali, le manovre per evitare
un nemico più forte e attaccare il nemico più debole, l’assedio delle città per
distruggere i rinforzi che vengono inviati in aiuto, i finti attacchi, la difesa
antiaerea, le manovre fra diversi gruppi nemici, le operazioni di aggiramento di
una unità per attaccare un’altra unità nemica, i combattimenti consecutivi, le
operazioni senza retrovie, la necessità di riposare e di recuperare le energie.
Questi problemi hanno presentato, nella storia militare dell’Esercito rosso, molti
aspetti caratteristici che dovrebbero venire esposti sistematicamente e generalizzati
nella scienza delle campagne. Qui non mi soffermerò su di essi.

244

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

8. La guerra di rapida decisione
Una guerra di lunga durata dal punto di vista strategico e campagne o battaglie
di rapida decisione, sono due aspetti di una stessa cosa, due principi ai quali, nella
guerra civile, bisogna attribuire la stessa importanza, due principi che possono
essere applicati anche in una guerra antimperialista.

Il carattere prolungato della nostra guerra è dovuto al fatto che le forze della
reazione sono potenti, mentre le forze della rivoluzione crescono gradatamente.
In questo caso l’impazienza è dannosa e reclamare una “decisione rapida” (cioè
una conclusione rapida della guerra) sarebbe errato. Condurre una guerra
rivoluzionaria per dieci anni, come noi abbiamo fatto, potrebbe essere sorprendente
per gli altri paesi, ma per noi questi dieci anni sono come l’“enunciazione
del tema”, la “spiegazione del tema” e le “tesi fondamentali” di un “componimento
classico in otto parti”37, ai quali seguiranno ancora molti emozionanti capitoli. È
indubbio che per l’influenza dei fattori interni e internazionali il ritmo di sviluppo
delle cose si potrà accelerare di molto. Dato che nella situazione interna e
internazionale sono già intervenuti dei cambiamenti e che in futuro ve ne saranno
di maggiori, si può dire che abbiamo superato la situazione di un tempo,
caratterizzata dalla lentezza del ritmo di sviluppo e dall’isolamento in cui
combattevamo. Non dobbiamo tuttavia contare di ottenere la vittoria da un giorno
all’altro. Il desiderio di “vincere il nemico prima di colazione” è lodevole, ma i
piani di azione concreti basati su di esso sono senz’altro cattivi. Poiché le forze
della reazione in Cina sono appoggiate da numerosi Stati imperialisti, la nostra
guerra rivoluzionaria conserverà il suo carattere di lunga durata finché la
rivoluzione cinese non avrà accumulato forze sufficienti per infrangere le
posizioni principali dei nemici esterni e interni e le forze rivoluzionarie internazionali
non avranno sconfitto o immobilizzato la maggior parte delle forze
reazionarie internazionali. Partire da queste considerazioni per elaborare la
strategia di una guerra di lunga durata è uno dei più importanti principi della
nostra direzione strategica.

Ma il principio applicato nelle campagne e nelle battaglie è direttamente opposto:
non già lunga durata ma decisioni rapide. In tutte le epoche e in tutti i paesi si è
sempre cercato di ottenere nelle campagne e nelle battaglie una decisione rapida.
Anche per quel che riguarda la guerra nel suo insieme, sempre, in tutte le epoche
e in tutti i paesi, si è cercato di ottenere una rapida decisione; la lunga durata è sempre
stata considerata svantaggiosa. Soltanto in Cina la guerra deve essere condotta con
grande pazienza e portata avanti come una guerra di lunga durata. All’epoca della
linea Li Li-san alcuni deridevano il nostro modo d’agire considerandolo “tattica da
pugilato” (la tattica della conquista di una grande città soltanto dopo molti attacchi
e ritirate), ci prendevano in giro dicendo che avremmo visto la vittoria della
rivoluzione solo quando avremmo avuto i capelli completamente bianchi. Che
l’impazienza sia un errore è stato già da tempo dimostrato. Ma se le loro critiche
fossero state dirette non alla strategia ma ai problemi delle campagne e delle

245

Mao Tse-tung – OPERE

battaglie, allora sarebbero state del tutto giuste, perché, in primo luogo, l’Esercito
rosso non possiede fonti di rifornimento di armi e soprattutto di munizioni; in
secondo luogo, contro le numerose armate bianche esiste una sola armata rossa e
questa deve essere sempre pronta a condurre senza interruzioni tutta una serie di
rapide operazioni per battere di volta in volta le campagne di “accerchiamento e
annientamento”; in terzo luogo, nonostante che le armate bianche avanzino in
colonne separate, nella maggior parte dei casi la distanza fra l’una e l’altra non è
grande per cui, quando ne attacchiamo una, se non concludiamo la battaglia molto
rapidamente le altre possono accorrere in soccorso. Per tutte queste ragioni
dobbiamo condurre operazioni di rapida decisione. È normale per noi concludere
una battaglia in poche ore, oppure in uno o due giorni. Solo quando il nostro piano
è “assediare le città per distruggere i rinforzi che vengono inviati in aiuto” (in questo
caso il nostro scopo non è quello di distruggere il nemico assediato, ma i rinforzi che
accorrono in suo soccorso) noi siamo pronti a operazioni relativamente prolungate
contro il nemico accerchiato, ma anche in questo caso cerchiamo di ottenere che
l’attacco contro i rinforzi abbia una rapida decisione. Quando durante la difensiva
strategica difendiamo strenuamente le nostre posizioni nei settori ove conduciamo
azioni intese a trattenere il nemico o quando durante l’offensiva strategica
attacchiamo il nemico isolato fuori dalla portata dei rinforzi o siamo impegnati nella
distruzione di punti d’appoggio bianchi nel territorio delle nostre basi d’appoggio,
applichiamo spesso il principio della guerra di lunga durata alle campagne e alle
battaglie. Queste operazioni di lunga durata aiutano, non intralciano, le operazioni
di rapida decisione che l’Esercito rosso regolare conduce.

Per ottenere una rapida decisione non basta desiderarlo, occorre la presenza di
molte condizioni concrete, di cui le principali sono: la buona preparazione, il
saper cogliere l’occasione favorevole, il concentramento di forze preponderanti,
l’adozione della tattica degli accerchiamenti e degli aggiramenti, la scelta di un
terreno a noi favorevole, gli attacchi contro il nemico in movimento o quando è
in sosta ma non ha ancora avuto il tempo di consolidare la sua posizione. Senza
queste condizioni è impossibile ottenere una rapida decisione in una campagna

o in una battaglia.
Le operazioni per sconfiggere una campagna di “accerchiamento e annientamento”
rappresentano una campagna di ampiezza maggiore, nella quale conviene
applicare il principio della rapida decisione e non quello delle operazioni prolungate.
In effetti le condizioni delle nostre basi (potenziale umano, risorse finanziarie
e potenza militare) non permettono di condurre operazioni di lunga durata.

Tuttavia, pur attenendosi in generale al principio della rapida decisione, è
necessario lottare contro una precipitazione ingiustificata. È assolutamente necessario
che i più alti organi militari e politici di ogni base rivoluzionaria tengano conto
delle condizioni della base che abbiamo sopra indicate e della situazione del nemico,
non si lascino intimidire dalla tracotanza dell’avversario, non si perdano d’animo
davanti a difficoltà che si possono ancora sopportare, non si scoraggino per qualche
rovescio, ma diano prova di pazienza e spirito di resistenza. Per sconfiggere la prima

246

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

campagna di “accerchiamento e annientamento” nel Kiangsi bastò, dalla prima
all’ultima battaglia, una sola settimana; la seconda campagna fu sconfitta in
quindici giorni, la terza in tre mesi, la quarta in tre settimane; la lotta contro la
quinta campagna si è protratta per un anno intero. Ma quando fummo costretti
a spezzare l’accerchiamento nemico poiché si era dimostrato impossibile
infrangere la quinta campagna, fummo presi da una fretta ingiustificata. Nella
situazione di allora avremmo potuto resistere ancora due o tre mesi, dando così
alle truppe il tempo di riposarsi e di riorganizzarsi. Se ciò fosse stato fatto e se
dopo la rottura dell’accerchiamento il comando si fosse dimostrato un po’ più
assennato, in seguito la situazione avrebbe potuto essere molto diversa.

Nonostante questo, resta sempre valido il principio di ridurre con ogni mezzo
la durata di una campagna, principio del quale abbiamo già parlato. Nei nostri
piani per le campagne e le battaglie naturalmente dobbiamo tendere in tutti i modi
al concentramento delle forze, alla guerra di movimento, ecc., allo scopo di
distruggere le forze vive del nemico per linee interne (cioè all’interno delle nostre
basi d’appoggio) e di sconfiggere rapidamente la sua campagna di “accerchiamento
e annientamento”; tuttavia, quando appare impossibile infrangere la campagna
per linee interne, occorre, per risolvere il problema, impegnare le forze principali
dell’Esercito rosso per rompere l’accerchiamento e passare sulle nostre linee
esterne, cioè sulle linee interne del nemico. Ora che il nemico ha così diffuso la
“guerra delle casematte”, questo diventerà il nostro metodo abituale di condotta
delle operazioni. Due mesi dopo l’inizio della quinta controcampagna, al tempo
dell’Incidente del Fukien, le forze principali dell’Esercito rosso avrebbero dovuto
penetrare senza esitazione nella regione Kiangsu-Chekiang-Anhwei-Kiangsi, che
aveva il Chekiang come centro, avanzare in lungo e in largo nella zona fra
Hangchow, Soochow, Nanchino, Wuhu, Nanchang e Foochow, passare dalla
difensiva strategica all’offensiva strategica, minacciare i centri vitali del nemico e
cercare battaglia nelle vaste zone prive di casematte nemiche. In tale modo
sarebbe stato possibile costringere il nemico, che attaccava il sud del Kiangsi e
il Fukien occidentale, a tornare indietro per difendere i suoi centri vitali; si sarebbe
fatta così fallire la sua offensiva contro la nostra base del Kiangsi e, al tempo stesso,
si sarebbe alleggerita la situazione del governo popolare del Fukien (e agendo
così gli saremmo stati certamente di aiuto). Poiché tale piano fu respinto, la quinta
campagna di “accerchiamento e annientamento” non potè essere infranta e la
caduta del governo popolare del Fukien divenne inevitabile. Dopo un anno intero
di combattimenti era ormai svantaggioso per noi penetrare nel Chekiang; tuttavia
era ancora possibile passare all’offensiva strategica in un’altra direzione, avremmo
cioè potuto dirigerci con le nostre forze principali verso lo Hunan per raggiungere
la parte centrale della provincia (non per attraversarlo al fine di raggiungere il
Kweichow) e in questo modo sarebbe stato possibile attirare il nemico dal Kiangsi
nello Hunan e distruggerlo. Anche questo piano fu respinto, le speranze di
sconfiggere la quinta campagna del nemico caddero definitivamente e non restò
che la via della Lunga Marcia.

247

Mao Tse-tung – OPERE

9. La guerra di annientamento
Non è opportuno per l’Esercito rosso sostenere una “gara di logoramento”. Se
un Re Dragone si mettesse a gareggiare in ricchezza non con un altro Re Dragone,
ma con un mendicante, la cosa sarebbe alquanto ridicola. Per l’Esercito rosso che
attinge quasi tutto dal nemico, la guerra di annientamento resta la principale linea
d’azione. Solo distruggendo le forze vive del nemico è possibile sbaragliare le sue
campagne di “accerchiamento e annientamento” e ampliare il territorio delle basi
rivoluzionarie. Infliggere perdite al nemico è un mezzo per distruggerlo, altrimenti
non avrebbe senso. Quando infliggiamo perdite al nemico ne subiamo anche noi,
ma se annientiamo il nemico aumentiamo la nostra potenza. In questo modo non
solo ci risarciamo delle perdite subite, ma rafforziamo il nostro esercito. In guerra,
le operazioni che mettono in rotta un nemico potente non possono determinare
in modo radicale l’esito della guerra stessa. Una guerra di annientamento, però,
produce un’immediata e fortissima influenza su qualsiasi nemico. In una rissa è
meglio recidere un dito all’avversario che ferirgli tutte e dieci le dita; in guerra è
meglio annientare una divisione nemica che metterne in rotta dieci.

La nostra linea d’azione per fronteggiare la prima, la seconda, la terza e la quarta
campagna di “accerchiamento e annientamento” lanciate dal nemico si è sempre
basata sulla guerra di annientamento. Le forze distrutte in ciascuna di queste
campagne costituivano solo una parte degli effettivi nemici, eppure tutte le
campagne sono state sbaragliate. Durante la quinta controcampagna si è adottata
la linea opposta e ciò, in pratica, ha aiutato il nemico a raggiungere i suoi scopi.

La guerra di annientamento richiede il concentramento di forze superiori e
l’adozione della tattica degli accerchiamenti e degli aggiramenti; senza di ciò essa
sarebbe impossibile. L’appoggio della popolazione, il terreno favorevole, l’avversario
vulnerabile, l’attacco a sorpresa, ecc. sono altrettante condizioni indispensabili
per distruggere il nemico.

Mettere in rotta alcune forze nemiche o anche lasciarle fuggire ha senso solo
se in una battaglia o in tutta la campagna le nostre forze principali conducono
operazioni di annientamento solo contro un’altra determinata parte delle forze
nemiche; in qualsiasi altra occasione la cosa è priva di senso. Solo nel caso preso
in esame, infatti, le perdite sono giustificate dai vantaggi.

Dobbiamo creare la nostra industria bellica, ma dobbiamo evitare di dipendere
da essa. Il nostro principio fondamentale è fare assegnamento sulle industrie
belliche dei paesi imperialisti e dei nostri nemici interni. Abbiamo dei diritti sulla
produzione degli arsenali di Londra e di Hanyang e il nemico ci serve da brigata
di trasporto. Questa è la verità e non un paradosso.

248

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

NOTE

1.
Sulla Spedizione al nord v. nota 38, pag. 175.
2.
*In cinese la parola Shihchi (realtà) serve a indicare sia la realtà nel senso proprio della
parola, sia l’attività degli uomini, cioè la pratica. Nelle sue opere, il compagno Mao Tsetung
usa spesso questa parola nel suo doppio significato.
3.
*Sun Wu Tzu, o Sun Wu, famoso teorico militare vissuto nel V sec. a.C., autore del
trattato Sun Tzu in tredici capitoli. La citazione è tratta dal terzo capitolo: La strategia
dell’attacco.
4.
*Quando nel 1936 il compagno Mao Tse-tung scrisse questo articolo ricorreva il
quindicesimo anniversario della fondazione del Partito comunista cinese (luglio 1921).
5.
*Chen Tu-hsiu, professore all’Università di Pechino, divenne noto quale redattore della
rivista Gioventù nuova. Fu uno dei fondatori del Partito comunista cinese. Grazie alla
celebrità avuta all’epoca del Movimento del 4 maggio e data l’immaturità del partito nel
suo periodo iniziale, divenne segretario generale del partito. Nell’ultimo periodo della
rivoluzione del 1924-1927 il deviazionismo di destra rappresentato nel partito da Chen
Tu-hsiu sfociò in una linea capitolazionista. A quell’epoca “i capitolazionisti nell’organo
dirigente del nostro partito rinunciarono deliberatamente alla direzione sulle masse
contadine, sulla piccola borghesia urbana e sulla media borghesia e, in particolare, alla
direzione sulle forze armate, causando così la sconfitta della rivoluzione” (Mao Tsetung,
La situazione attuale e i nostri compiti). Dopo il fallimento della rivoluzione nel
1927, Chen Tu-hsiu e un gruppetto di altri capitolazionisti caddero preda del
pessimismo, perdettero ogni fiducia nelle prospettive della rivoluzione e divennero dei
liquidatori. Assunsero la posizione reazionaria dei trotskisti e con essi crearono un
piccolo gruppo antipartito. Fu questa la causa dell’espulsione di Chen Tu-hsiu dal
partito nel novembre del 1929. Egli morì nel 1942. Per quel che riguarda l’opportunismo
di destra di Chen Tu-hsiu, vedasi le note introduttive a Analisi delle classi nella società
cinese e Rapporto d’inchiesta sul movimento contadino nello Hunan, Opere Scelte di
Mao Tse-tung, vol. 1 (nelle Opere di Mao Tse-tung vol. 2) e l’articolo Presentazione
della rivista “Il Comunista”, Opere Scelte di Mao Tse-tung, vol. 2.
6.
*La linea opportunista “di sinistra” di Li Li-san, comunemente detta “linea Li Li-san”,
regnò nel partito per circa quattro mesi, a partire dal giugno del 1930, nel periodo in
cui Li Li-san era il massimo dirigente del Comitato centrale del Partito comunista cinese.
La linea Li Li-san aveva le seguenti caratteristiche: violava la linea politica adottata dal
sesto Congresso nazionale del partito; rifiutava di riconoscere la necessità di preparare
le masse in vista della rivoluzione e di ammettere l’ineguaglianza nello sviluppo della
rivoluzione; riteneva che la concezione del compagno Mao Tse-tung (secondo cui è
necessario dedicare per un lungo tempo la massima attenzione soprattutto alla
creazione di basi rivoluzionarie nelle campagne, servirsi delle campagne per accerchiare
le città e, poggiando sulle basi d’appoggio, accelerare l’ascesa della rivoluzione in
tutto il paese) era una concezione “profondamente errata”, “una espressione del
provincialismo e del conservatorismo dei contadini” e insisteva per la preparazione di
249

Mao Tse-tung – OPERE

un’insurrezione immediata in tutto il paese. Sulla base di questa linea errata, il
compagno Li Li-san formulò un piano avventurista per l’immediata organizzazione di
insurrezioni armate in tutte le maggiori città della Cina. Inoltre, negando l’ineguaglianza
di sviluppo della rivoluzione mondiale, riteneva che lo scoppio generale della
rivoluzione cinese avrebbe provocato lo scoppio generale della rivoluzione mondiale
e che la rivoluzione cinese avrebbe potuto vincere solo a condizione che si fosse
verificato lo scoppio generale della rivoluzione in tutto il mondo; non ammetteva
neppure il carattere di lunga durata della rivoluzione democratica borghese in Cina,
affermando che la vittoria della rivoluzione in una o più province avrebbe segnato
l’inizio del passaggio alla rivoluzione socialista e su questa base elaborò diverse
direttive avventuriste “di sinistra” che non rispondevano alle esigenze del momento.
Il compagno Mao Tse-tung lottò contro questa linea errata; numerosi quadri e membri
del partito chiesero che fosse corretta. Nel settembre del 1930, alla terza sessione
plenaria del sesto Comitato centrale, il compagno Li Li-san riconobbe gli errori che gli
venivano indicati e lasciò la direzione del Comitato centrale. Poiché con il tempo riuscì
a liberarsi delle sue idee errate, il settimo Congresso nazionale del Partito comunista
cinese lo rielesse membro del Comitato centrale.

7. *Il sesto Comitato centrale del Partito comunista cinese, durante e dopo la terza sessione
plenaria tenuta nel settembre del 1930, prese una serie di misure efficaci per mettere
fine alla linea Li Li-san. Ma dopo la sessione alcuni compagni che non possedevano
un’esperienza pratica di lotta rivoluzionaria, con Chen Shao-yu (Wang Ming) e Chin
Pang-hsien (Po Ku) alla testa, si opposero alle misure prese dal Comitato centrale.
Nell’opuscolo Due Linee o Lotta per l’ulteriore bolscevizzazione del Partito comunista
cinese, essi facevano notare che in quel periodo il pericolo principale esistente nel
partito era rappresentato non dall’opportunismo “di sinistra” ma dall’“opportunismo di
destra” e per giustificare le proprie attività “criticavano” la linea Li Li-san come linea di
“destra”. Essi proponevano un nuovo programma politico che, sotto nuove forme,
continuava, riprendeva o sviluppava la linea Li Li-san e altre concezioni e direttive
politiche “di sinistra”, e lo opponevano alla giusta linea del compagno Mao Tse-tung.
Proprio per criticare gli errori in campo militare della nuova linea opportunista “di
sinistra”, il compagno Mao Tse-tung scrisse Problemi strategici della guerra rivoluzionaria
in Cina. La linea deviazionista “di sinistra” dominò il partito nel periodo
compreso fra la quarta sessione plenaria del sesto Comitato centrale, che ebbe luogo
nel gennaio del 1931, e la riunione dell’ufficio politico del Comitato centrale che si
tenne a Tsunyi, provincia del Kweichow, nel gennaio del 1935. Questa riunione pose
fine al predominio della linea errata ed elesse la nuova direzione del Comitato centrale
con il compagno Mao Tse-tung alla testa. L’errata linea “di sinistra” dominò nel partito
per un periodo particolarmente lungo (quattro anni) e procurò al partito e alla
rivoluzione gravissime perdite. Le tristi conseguenze dell’applicazione di tale linea si
manifestarono nella perdita di circa il 90 per cento dei membri del partito, degli effettivi
dell’Esercito rosso e del territorio delle basi d’appoggio dell’esercito; decine di milioni
di abitanti delle basi rivoluzionarie furono vittime della feroce repressione scatenata dal
Kuomintang. Tutto ciò frenò lo sviluppo della rivoluzione. La grande maggioranza dei
compagni che avevano seguito la linea opportunista “di sinistra”, grazie alla lunga
esperienza fatta, capirono i propri errori, li corressero e resero in seguito molti servigi
al partito e al popolo. Sotto la direzione del compagno Mao Tse-tung, essi si unirono
a tutti gli altri compagni del partito sulla base di convinzioni politiche comuni.
250

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

8.
Vedi le note 21 e 22, pagg. 171 e 172.
9.
*Si tratta di un’organizzazione creata da Chiang Kai-shek nel luglio del 1933 a Lushan
(nel distretto di Kiukiang, provincia del Kiangsi), allo scopo di preparare quadri militari
anticomunisti. Gli ufficiali delle forze armate di Chiang Kai-shek ricevevano, a
rotazione, un’istruzione militare e politica di tipo fascista sotto la guida di istruttori
tedeschi, italiani e americani.
10. *Per nuovi principi militari della quinta campagna di “accerchiamento e annientamento”
s’intende soprattutto la “tattica delle casematte” che la banda di Chiang Kai-shek
conduceva; essa prevedeva la costruzione di fortificazioni a mano a mano che le truppe
avanzavano.
11. *Vedi V. I. Lenin in Comunismo (12 giugno 1920). In questo articolo, criticando il
comunista ungherese Bela Kun, Lenin scriveva che “egli dimentica la sostanza stessa,
l’anima vivente del marxismo, l’analisi concreta di una situazione concreta”.
12. *Il primo Congresso del Partito comunista cinese della regione di confine Hunan-
Kiangsi fu convocato il 20 maggio 1928 a Maoping, distretto di Ningkang.
13. Al riguardo v. note 2 e 3 nella Risoluzione del nono Congresso del partito del 4°corpo
d’armata dell’Esercito rosso, nelle Opere di Mao Tse-tung, vol. 2 (pagg. 218 e 219).
14. *Ci si riferisce agli atti di saccheggio dovuti a mancanza di disciplina, di organizzazione
e di scopi politici precisi.
l5. La Lunga Marcia di 25.000 li fu compiuta dall’Esercito rosso dal Kiangsi allo Shensi
settentrionale. Al riguardo v. note 20, 21 e 27, pagg. 171, 172 e 173.

16. *Ci si riferisce al periodo di graduale riflusso della rivoluzione sopravvenuto in Russia
dopo la sconfitta dell’insurrezione del dicembre 1905. Vedasi a questo proposito la
Storia del partito comunista (bolscevico) dell’URSS, (breve corso), cap. 3, par. 5 e 6.
17. *Trattato di pace concluso fra la Russia sovietica e la Germania nel marzo del 1918. Di
fronte a forze nemiche nettamente superiori, le forze rivoluzionarie dovettero effettuare
una temporanea ritirata per impedire che gli imperialisti tedeschi lanciassero un’offensiva
contro la Repubblica sovietica che si era appena formata e non disponeva ancora
di un esercito. La stipulazione del trattato di Brest-Litovsk permise alla Repubblica
sovietica di guadagnare tempo in modo da poter rafforzare il potere politico del
proletariato, riorganizzare la sua economia e formare l’Esercito rosso. Permise inoltre
al proletariato di conservare la direzione sui contadini e di raggruppare forze sufficienti
per sconfiggere le Guardie bianche e gli interventi armati dell’Inghilterra, degli Stati
Uniti, della Francia, del Giappone, della Polonia e altri paesi, tra il 1918 e 1920.
18. *Il 30 ottobre 1927 i contadini della zona di Haifeng e di Lufeng, nella provincia del
Kwangtung, insorsero per la terza volta sotto la guida del Partito comunista cinese.
Occuparono Haifeng e Lufeng e le zone circostanti, organizzarono unità dell’Esercito
rosso e stabilirono il potere politico democratico degli operai e dei contadini. Furono
in seguito sconfitti per aver commesso l’errore di sottovalutare il nemico.
251

Mao Tse-tung – OPERE

19. *Nell’autunno del 1936 le armate del secondo e del quarto fronte dell’Esercito rosso si
ricongiunsero e, partendo dalla zona nord-orientale del Sikang, iniziarono la marcia
verso nord. In quel periodo Chang Kuo-tao si ostinava ancora nella sua posizione
antipartito e nella sua politica basata sulla ritirata e sul liquidazionismo. Nell’ottobre,
quando le due armate arrivarono nel Kansu, egli ordinò di formare con le unità di
avanguardia dell’armata del quarto fronte (forti di oltre 20 mila uomini) la colonna
occidentale che avrebbe dovuto attraversare il Fiume Giallo e marciare verso ovest in
direzione del Chinghai. Nel dicembre la colonna fu praticamente messa fuori
combattimento dopo avere subito una serie di colpi e nel marzo 1937 venne
definitivamente sbaragliata.
20. *Vedasi la lettera del 12 aprile 1871 di K. Marx a Kugelmann a proposito della Comune
di Parigi.
21. *Shui Hu Chuan (La storia delle spiagge), famoso romanzo cinese che descrive una
guerra contadina. Autore del romanzo è ritenuto Shih Nai-an, vissuto fra la fine della
dinastia Yuan e l’inizio della dinastia Ming (XIV sec.). Lin Chung e Chai Chin sono gli
eroi del romanzo. Hung era maestro di lotta in casa di Chai Chin.
22. *Lu e Chi erano due Stati feudali dell’Epoca delle Primavere e degli Autunni (722-481
a.C.). Chi era un grande Stato nella parte centrale dell’attuale Shantung, mentre Lu era
un piccolo Stato situato nella parte meridionale della stessa provincia. Chuang regnò
su Lu dal 693 al 662 a.C.
23. *Tsochiu Ming, autore delTso Chuan, una celebre cronaca della dinastia Chou. Per il passo
citato, vedasi la parte del Tso Chuan intitolata Il X anno di regno del duca Chuang.
24. *Chengkao, antica città nella parte nord-occidentale dell’attuale distretto di Chengkao,
nella provincia dello Honan, aveva una grande importanza strategica. Qui nel 203 a.C.
ebbe luogo la battaglia fra Liu Pang, re di Han e Hsiang Yu, re di Chu. All’inizio questi
occupò Hsingyang e Chengkao e le truppe avversarie furono sbaragliate. Liu Pang
attese il momento favorevole e, mentre le truppe di Hsiang Yu stavano attraversando
il fiume Szeshui, le annientò e riconquistò Chengkao.
25. *Kunyang, antica città nell’attuale distretto di Yehhsien, provincia dello Honan. Qui Liu
Hsiu, capostipite della dinastia degli Han Orientali, nel 23 d.C. sconfisse le truppe di
Wang Mang, imperatore della dinastia Hsin. Tra le due parti vi era una enorme disparità
numerica: Liu Hsiu disponeva di 8-9 mila uomini contro i 400 mila di Wang Mang. Ma
approfittando della negligenza di Wang Hsun e di Wang Yi, generali di Wang Mang
che sottovalutavano il nemico, Liu Hsiu con solo 3 mila soldati scelti mise in rotta le
forze principali di Wang Mang. Sfruttando la vittoria, egli passò poi all’attacco e
annientò le rimanenti truppe del nemico.
26. *Kuantu si trovava nella parte nord-orientale dell’attuale distretto di Chungmou,
provincia dello Honan. Qui nel 200 d.C. si svolse la battaglia fra gli eserciti di Tsao Tsao
e di Yuan Shao. Yuan Shao disponeva di 100 mila uomini, mentre Tsao Tsao non aveva
molti soldati e mancava di approvvigionamenti. Approfittando della mancanza di
vigilanza di Yuan Shao, che sottovalutava il nemico, Tsao Tsao lanciò un attacco di
252

Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina

sorpresa con le sue truppe leggere e dette fuoco al carreggio dell’esercito nemico.
Quando le truppe di Yuan Shao furono prese dal panico, l’esercito di Tsao Tsao le
attaccò e distrusse il grosso delle forze nemiche.

27. *Lo Stato di Wu era governato da Sun Chuan e quello di Wei da Tsao Tsao. Chihpi si
trova sulla sponda meridionale dello Yangtse, nella parte nord-orientale dell’attuale
distretto di Chiayu, provincia dello Hupeh. Nel 208 d.C. Tsao Tsao guidò un esercito
di oltre 500 mila uomini (ma dava a intendere che fossero 800 mila) contro Sun Chuan.
Questi, alleato con l’altro avversario di Tsao Tsao, Liu Pei, mise insieme 30 mila soldati.
Sapendo che il nemico era stato colpito da una epidemia e che non era abituato a
condurre combattimenti navali, le forze alleate di Sun Chuan e di Liu Pei diedero fuoco
alla flotta di Tsao Tsao e ne sconfissero l’esercito.
28. *Yiling si trovava nella parte orientale dell’attuale distretto di Ichang, nella provincia
dello Hupeh. Qui nel 222 d.C. Lu Hsun, generale del regno di Wu, sconfisse l’esercito
del regno di Shu comandato da Liu Pei. All’inizio questi aveva riportato una serie di
vittorie ed era penetrato per 5-600 li nel territorio di Wu, spingendosi fino a Yiling. Lu
Hsun, che difendeva Yiling, rifiutò la battaglia per 7-8 mesi. Giunto il momento in cui
Liu Pei “non sapeva più cosa fare e le sue truppe erano esauste e demoralizzate”, Lu
Hsun, approfittando del vento favorevole, dette fuoco al campo di Liu Pei e ne annientò
l’esercito.
29. *Hsieh Hsuan, generale della dinastia degli Tsin Orientali, sconfisse Fu Chien, sovrano
dello Stato di Chin, nel 383 d.C. presso il fiume Feishui, nella provincia dello Anhwei.
Fu Chien disponeva di oltre 600 mila fanti, 270 mila cavalieri e di una guardia a cavallo
di oltre 30 mila uomini, mentre le truppe degli Tsin Orientali raggiungevano appena
gli 80 mila soldati (flotta compresa). I due eserciti erano separati da fiume Feishui.
Hsieh Hsuan, approfittando della boria e della sicumera dell’avversario, chiese a Fu
Chien di concedergli una testa di ponte sulla sponda da lui occupata in modo da poter
far attraversare il fiume al proprio esercito e dare inizio alla battaglia decisiva. Fu
Chien accettò e dette alle sue truppe l’ordine di ritirarsi. Ma appena queste iniziarono
il movimento, nessuno fu più in grado di fermarle. Approfittando della situazione, le
truppe degli Tsin Orientali attraversarono il fiume, lanciarono una offensiva e
sconfissero il nemico.
30. *Il 1° agosto del 1927, allo scopo di combattere la controrivoluzione di Chiang Kai-shek
e di Wang Ching-wei e di continuare la rivoluzione del 1924-1927, il Partito comunista
cinese diresse la famosa Insurrezione di Nanchang, capoluogo della provincia del
Kiangsi. Unità armate con più di 30 mila uomini parteciparono a questa insurrezione
diretta dai compagni Chou En-lai, Chu Teh, Ho Lung, Yeh Ting. Il 5 agosto 1927, le
truppe insurrezionali, secondo piani prestabiliti, abbandonarono Nanchang e si
diressero verso il Kwangtung, subendo però dei rovesci in prossimità di Chaochow e
di Swatow. Una parte di esse, al comando dei compagni Chu Teh, Chen Yi e Lin Piao
riuscì ad aprirsi la strada e a raggiungere i monti Chingkang dove si riunì con la 1a
divisione del 1° corpo d’armata dell’Esercito rivoluzionario degli operai e dei contadini,
diretta dal compagno Mao Tse-tung.
31. L’Insurrezione di Canton iniziò l’11 dicembre con l’azione dei militari comunisti guidati
253

Mao Tse-tung – OPERE

da Yeh Chien-ying e della Guardia rossa guidata da Chang Tai-lei e portò alla
fondazione della Comune di Canton alla cui presidenza fu nominato l’operaio
comunista Su Chao-cheng, protagonista dello sciopero di Hong Kong-Canton del 1925.
Il 14 dicembre 1927 l’insurrezione era già soffocata.

32. *Nel settembre del 1927, nella regione di confine Hunan-Kiangsi, le forze armate
popolari dei distretti di Hsiushui, Pinghsiang, Pingkiang e Liuyang, sotto la guida del
compagno Mao Tse-tung, scatenarono la famosa Insurrezione del raccolto d’autunno
e formarono la 1a divisione del 1° corpo d’armata dell’Esercito rivoluzionario degli
operai e dei contadini. Il compagno Mao Tse-tung guidò queste forze sui monti
Chingkang, dove creò una base d’appoggio rivoluzionaria nella regione di confine
Hunan-Kiangsi.
33. *Il Gruppo A-B (abbreviazione di “antibolscevico”) era una organizzazione
controrivoluzionaria composta da agenti del Kuomintang che operava clandestinamente
nelle regioni rosse.
34. Mao Tse-tung si riferisce alla resistenza opposta tra l’ottobre del 1935 e il maggio del
1936 dal governo abissino all’aggressione del governo fascista italiano, resistenza
diretta dalla classe feudale locale con risultati fallimentari.
35. *Vedi V. I. Lenin,
Tesi su una conclusione immediata di una pace separata e
annessionista, Cosa strana e mostruosa, Lezione seria e seria responsabilità e Rapporto
sulla guerra e sulla pace, e anche Storia del partito comunista (bolscevico) dell’URSS
(breve corso), cap. 7, par. 7.
36. *Ci si riferisce ai tibetani che abitavano alcune zone del Sikang e agli hui che abitavano
alcune zone del Kansu, del Chinghai e del Sinkiang.
37. *Particolare forma di componimento che dovevano svolgere coloro che sostenevano
esami di Stato nella Cina feudale del XV-XIX secolo. Si teneva conto solo della forma
e non si dava alcuna importanza al contenuto. Il componimento era composto da una
enunciazione del tema, da una spiegazione del tema, dalle tesi fondamentali, da una
premessa allo svolgimento, dall’inizio dello svolgimento, dalla parte principale dello
svolgimento, dalla fine dello svolgimento e da una conclusione. Ciascuna delle ultime
quattro parti constava di una tesi e di una antitesi e per questo tutto il componimento
veniva chiamato “componimento classico in otto parti”. Il compagno Mao Tse-tung si
avvale qui dello sviluppo di un componimento in otto parti come metafora per illustrare
le varie fasi di sviluppo della rivoluzione. Ma il compagno Mao Tse-tung ricorre spesso
all’espressione “componimento classico in otto parti” per ridicolizzare il dogmatismo.
254

INDICE

Presentazione ……………………………………………………………………………………5
Avvertenza al lettore…………………………………………………………………………. 8
Cronologia ………………………………………………………………………………………15
Decisioni relative ad alcuni problemi sorti nella lotta nelle campagne
(10 ottobre 1933) ……………………………………………………………………………. 33
Ordine n. 49 del governo centrale della Repubblica sovietica cinese
(10 ottobre 1933) ……………………………………………………………………………. 55
Inchiesta nel cantone di Changkang (12 dicembre 1933)…………………… 57
*La nostra politica economica (23 gennaio 1934)……………………………….93
La nostra politica militare (24-25 gennaio 1934)………………………………… 99
*Preoccuparsi delle condizioni di vita delle masse,
fare attenzione ai metodi di lavoro (27 gennaio 1934) …………………….. 105
Legge sul matrimonio (8 aprile 1934)………………………………………………111
Proclama dell’Esercito rosso degli operai e dei contadini cinesi sulla
marcia verso il nord per combattere il Giappone (15 luglio 1934) ……. 115
Huichang (estate 1934)…………………………………………………………………..119
Risoluzione della conferenza di Tsunyi (8 gennaio 1935) ………………… 121
Il passo di Loushan (febbraio 1935)……………………………………………….141
Tre poesie di sedici caratteri (3 aprile 1935)……………………………………. 143
La Lunga Marcia (ottobre 1935) ……………………………………………………… 145
Il monte Liupan (ottobre 1935)……………………………………………………….147
Kunlun (ottobre 1935) …………………………………………………………………… 149
*Sulla tattica contro l’imperialismo giapponese (27 dicembre 1935) ….. 151
Neve (febbraio 1936)……………………………………………………………………..177
Appello alla Società dei fratelli (15 luglio 1936) ………………………………. 179
Intervista a Edgar Snow (23 luglio 1936) ………………………………………… 183
Lettera di Mao Tse-tung, Chu Teh e altri a Chiang Kai-shek
(1° dicembre 1936) ……………………………………………………………………….. 185
*Problemi strategici della guerra rivoluzionaria in Cina
(dicembre 1936) ……………………………………………………………………………. 189

Annunci

Informazioni su paginerosse-drapporosso

...."L’ineguaglianza dello sviluppo economico e politico è una legge assoluta del capitalismo. Ne risulta che è possibile il trionfo del socialismo all’inizio in alcuni paesi o anche in un solo paese capitalistico, preso separatamente...." Lenin -Sulla parola d’ordine degli Stati Uniti d’Europa-Pubblicato sul Sozial-Demokrat, n. 44, 23 agosto 1915.
Questa voce è stata pubblicata in Mao. Contrassegna il permalink.