1)ALLA OSSOAVIACHIM (*) (48) DI LENINGRADO 2) LETTERA AL COMPAGNO KUJBYSCHEW 3) IN MEMORIA DEL COMPAGNO I. I. SKWORZOW-STEPANOW- Dal 11° volume delle opere complete di G.STALIN . edizioni Nuova Unità –

Immagine

 ALLA OSSOAVIACHIM (*) (48) DI LENINGRADO

(*) Società per lo sviluppo della difesa, dell’aviazione e della chimica. (N. d. t.).

Il consolidamento della capacità di difesa del paese sovietico è compito di tutti i lavoratori.

I proletari di Leningrado sono stati in prima fila nelle battaglie della guerra civile.I proletari di Leningrado devono anche adesso essere di esempio con la loro organizzazione, la loro disciplina e la loro compattezza nella preparazione della difesa dell’Unione Sovietica contro i nemici della classe operaia.Non dubito che l’Ossoaviachim di Leningrado, come organizzazione di massa dei proletari di Leningrado, farà il suo dovere nei confronti del paese della dittatura proletaria.

 G. Stalin «Krasnaja Gaseta» (Giornale Rosso) (Leningrado), n. 163. -15 Luglio 1928.

LETTERA AL COMPAGNO KUJBYSCHEW 

Caro compagno Kujbyschew.

Cooper è arrivato oggi. Il colloquio si terrà domani. Vedremo cosa dirà sui piani americani. Ho letto il 6° rapporto di Cooper sulla costruzione della centrale elettrica del Dnjepr. Bisogna naturalmente sentire anche l’altra parte.

Comunque mi pare questa è la mia prima impressione), che abbia ragione Cooper e non Winter. Già il fatto universalmente riconosciuto che il tipo della diga di sbarramento di Cooper (contro il quale si è schierato Winter) si è rivelato l’unico idoneo, già questo fatto ci dice che bisogna assolutamente ascoltare Cooper. Sarebbe bene discutere in sede opportuna la 6° lettera di Cooper e approvarla nella sostanza.

Come va da te? Ho sentito che Tomski ti vuol dare fastidio. E’ un uomo maligno e non sempre onesto. Mi pare che abbia torto. Ho letto il tuo rapporto sulla razionalizzazione. Un rapporto piuttosto utile. Cos’altro vuole da te Tomski?
Come va con la fabbrica di trattori di Zarizyn e con le officine di trattori a Leningrado? Si può sperare in un successo?

Ti stringo la mano.

31 agosto 1928 G.Stalin

IN MEMORIA DEL COMPAGNO I. I. SKWORZOW-STEPANOW

La morte ha strappato dalle nostre file un leninista fermo e saldo, membro del CC del nostro Partito, il compagno Skworzow-Stepanow.Per decenni il compagno Skworzow- Stepanow ha combattuto nelle nostre file e ha vissuto tutte le intemperie che comporta la vita di un rivoluzionario di professione. Molte migliaia di compagni lo conoscono come uno degli scrittori marxisti più vecchi e popolari. Lo conoscono anche come partecipante attivo dei giorni d’Ottobre. Infine lo conoscono come un combattente fedelmente dedito all’unità leninista del Partito e alla sua ferrea compattezza.Alla vittoria della dittatura del proletariato il compagno Skworzow-Stepanow ha dedicato tutta la sua vita onesta e laboriosa. Possa la memoria del compagno Skworzow-Stepanow rimanere viva nei cuori della classe operaia.

G. Stalin- «Pravda» n. 235 9 Ottobre 1928.

Immagine

Annunci

Informazioni su paginerosse-drapporosso

...."L’ineguaglianza dello sviluppo economico e politico è una legge assoluta del capitalismo. Ne risulta che è possibile il trionfo del socialismo all’inizio in alcuni paesi o anche in un solo paese capitalistico, preso separatamente...." Lenin -Sulla parola d’ordine degli Stati Uniti d’Europa-Pubblicato sul Sozial-Demokrat, n. 44, 23 agosto 1915.
Questa voce è stata pubblicata in Stalin, Stalin; opere complete voll.11. Contrassegna il permalink.