Bordighismo-Bordigism

“Bordighismo” dalla Piccola enciclopedia del socialismo e del comunismo di Giulio Trevisani

Per saperne di più vedi http://russiacommmunity.forumcommunity.net/?t=48298510

Bordighismo

Posizione che nascose, sotto una parvenza estremista, un contenuto antimarxista ed opportunista. Questa posizione – che può essere considerata una variante italiana del troschismo – deve il suo nome all’ing. Amadeo Bordiga il quale fu a capo della frazione che dominò nel Partito Comunista d’Italia alla sua formazione e che fu battuta al IV Congresso di Lione, del gennaio 1926 (Bordiga fu espulso nel 1929).

Il bordighismo fu caratterizzato in Italia da una posizione settaria e nullista. Il Bordiga era partito, durante la guerra, da una posizione positiva (e cioè dalla divulgazione, per quanto approssimativa della Rivoluzione d’Ottobre, attraverso il settimanale napoletano Il Soviet) e aveva creato nel seno del Partito Socialista una frazione che, se pur basata sull’errore dell’astensionismo parlamentare, aveva, almeno, il merito di una decisa e battagliera critica a centristi e riformisti.

Ma quando, più tardi, costruito nel 1921, il P.C., si trattò di passare dall’azione negativa, critica, all’azione positiva, costruttiva, il bordighismo mostrò le sue falle.

I principali errori del bordighismo furono i seguenti:

1) Dogmatismo e meccanicismo: nessuna analisi delle singole situazioni e conseguente orientamento tattico; incomprensione, quindi, o negazione della fondamentale dottrina marxista-leninista, che non è dogmatica; non è meccanica; è una guida per l’azione; se fa tesoro delle esperienze passate, parte, però sempre dall’analisi di una situazione attuale. Accusando di «situazionismo» i compagni che sostenevano l’opinione avversa, i bordighiani si denunziavano antimarxisti, si classificavano come un gruppo di intellettualoidi schematici.

2) Nullismo e attesismo. Gli avvenimenti si sarebbero, secondo i bordighiani, maturati per forza propria. Incomprensione, quindi o negazione della lotta rivoluzionaria, del rapporto di forza tra le classi in lotta, dell’efficienza morale e organizzativa delle masse.

3) Isolamento dalle masse; incomprensione o negazione della natura delle funzioni del Partito che, per guidare le masse, non deve perdere il contatto con esse. Il Partito non può essere una setta o una élite di cerebrali; non può essere, fu detto, un sottomarino: deve essere l’avanguardia capace di guidare le grandi masse ed essere, a sua volta, sostenuta da esse.

4) Incomprensione della struttura e delle funzioni del partito, staticità e tradizionalismo organizzativo, come i bordighiani dimostrarono con la loro accanita opposizione quando il partito dovette passare dalla organizzazione per territorio a quella per cellule (di cui oggi si constatano i vantaggi).

5) Incomprensione del principio del centralismo democratico, accumulando tutti i poteri nel centro, condannando le organizzazioni di base all’inattività, rendendo impossibile la formazione dei quadri.

6) Incomprensione della lotta rivoluzionaria che non può essere considerata come la lotta armata di un giorno, ma deve essere una lotta quotidiana preparatoria; lotta politica, economica, propagandistica anche sul terreno elettorale e parlamentare.

7) Svalutazione del fattore «maggioranza» mediante l’affermazione che sono le minoranze a guidare le masse e, quindi, basta preparare le minoranze; negazione, quindi, della necessità che il Partito tenga contatti ideologici e politici con le masse lavoratrici.

8) Negazione assoluta del compromesso (v.), che i classici del marxismo dichiarano, invece, strumento di lotta di un partito rivoluzionaria nella misura in cui esso è, di volta in volta, inevitabile per il fine rivoluzionario del partito.

Tutti gli errori del bordighismo si rivelarono con maggiore evidenza all’avvento del fascismo: i bordighiani proposero di rinviare il lavoro di partito a miglior tempo, di lasciar andare le cose per il loro verso. Sia per l’inconsistenza ideologica (semplici manifestazioni verbali di estremismo) sia per la base sociale (intellettualoidi e piccola borghesia) il bordighismo finiva con l’essere il doppione del massimalismo quanto alla nullità della sua efficienza come partito della classe operaia.

Circa la lotta che, sotto la guida di Gramsci, fu necessario sostenere per la liquidazione del bordighismo, v. P.C.I. Quanto al Bordiga, mentre Gramsci, prigioniero di Mussolini, lottava fino all’ultimo in carcere sotto la bandiera comunista, egli viveva tranquillo in Italia, protetto dalla polizia e dai fascisti.

Erede delle posizioni bordighiane, durante il periodo fascista, ed oggi, può essere considerato il gruppetto dei cosiddetti «internazionalisti» (v.).

Giulio Trevisani, Piccola enciclopedia del socialismo e del comunismo, Edizioni «Il calendario del popolo», Milano, pag. 77-78 (in una edizione del 1963).

Bordigism

” Bordigism ” from the Little encyclopedia of socialism and communism Julius Trevisani

To learn more see http://russiacommmunity.forumcommunity.net/?t=48298510

Bordigism

Position that hid under a semblance extremist , anti-Marxist and opportunist content . This position – which can be considered a variant of the Italian troschismo – owes its name to Eng . Amadeo Bordiga who was head of the population that dominated the Communist Party of Italy to his training and that he was beaten to the IV Congress of Lyon, January 1926 ( Bordiga was expelled in 1929 ) .

Bordiguism in Italy was characterized by a sectarian position and nullista . Bordiga was the party during the war , from a positive position (ie from disclosure , even approximately the October Revolution , through the weekly Neapolitan soviet ) and had created in the bosom of the Socialist Party a fraction which, although based error parliamentary abstention , had at least the merit of a strong and combative critique of centrists and reformists.

But when, later , built in 1921 , the PC , it came to pass from the negative , critical , positive action , constructive , Bordiguism showed its flaws .

The main errors Bordigism were as follows :

1 ) Dogmatism and mechanism : no analysis of individual situations and consequent tactical guidance ; misunderstanding , then , or denial of the fundamental Marxist-Leninist doctrine , which is not dogmatic is not mechanical , it is a guide to action , if it is treasure past experiences, part , but always from the analysis of the current situation. Accusing him of ” situationism ” comrades who supported the adverse opinion , the bordighiani were denounced anti-Marxist , were classified as a group of highbrow schematic .

2 ) Nullity and wait- The events would , according to the bordighiani accrued under its own power . Misunderstanding , then , or denial of the revolutionary struggle , the balance of power between the warring classes , organizational efficiency and morale of the masses.

3 ) Isolation from the masses ; misunderstanding or denial of the nature of the functions of the Party , to lead the masses , must not lose touch with them. The Party can not be a sect or an elite brain and can not be , it was said , a submarine : it must be able to lead the vanguard of the masses and be , in turn , supported by them .

4) Misunderstanding of the structure and functions of the party, stillness and organizational conservatism , as demonstrated bordighiani with their fierce opposition when the party had to pass by the organization for the territory to that for cells (of which today can be observed benefits ) .

5 ) Misunderstanding of the principle of democratic centralism , accumulating all the powers in the center , condemning grassroots organizations to inactivity, making it impossible for the training of cadres.

6) Misunderstanding of revolutionary struggle that can not be regarded as the armed struggle of a day , but it must be a daily struggle preparatory ; political struggle , economic, propaganda also on the ground and parliamentary elections .

7 ) Impairment Factor “majority” by the claim that minorities are to lead the masses and, therefore , just prepare minorities , denial , therefore, the need for the Party takes the ideological and political contacts with the working masses .

8) Absolute Negation of compromise (v.), that the classics of Marxism declare , instead , an instrument of struggle for a revolutionary party to the extent that it is , from time to time , for the inevitable end of the revolutionary party .

All errors Bordigism proved more clearly the advent of fascism : the bordighiani proposed to postpone the party work to a better time , let go of the things their way . Whether for ideological inconsistency (simple verbal manifestations of extremism ) and for the social base ( highbrow and petty bourgeoisie ) Bordiguism ended up being the duplicate of maximalism as to the invalidity of its efficiency as a party of the working class .

About the fight that , under the guidance of Gramsci , it was necessary to support the liquidation of Bordigism , v . P.C.I. How to Bordiga , Gramsci while a prisoner of Mussolini, fighting to the last in prison under the Communist flag , he lived quietly in Italy , protected by police and fascists.

Heir of the positions of Bordiga , during the Fascist period , and today, can be considered the group of so-called ‘ internationalists ‘ ( qv) .

Giulio Trevisani , Small encyclopedia of socialism and communism, publishing “The calendar of the people” , Milan , p. 77-78 ( in an edition of 1963 ) .

Annunci

Informazioni su paginerosse-drapporosso

...."L’ineguaglianza dello sviluppo economico e politico è una legge assoluta del capitalismo. Ne risulta che è possibile il trionfo del socialismo all’inizio in alcuni paesi o anche in un solo paese capitalistico, preso separatamente...." Lenin -Sulla parola d’ordine degli Stati Uniti d’Europa-Pubblicato sul Sozial-Demokrat, n. 44, 23 agosto 1915.
Questa voce è stata pubblicata in documentazione teorica. Contrassegna il permalink.