V.I.Lenin – Palude immaginaria o reale?-(1917)

Palude immaginaria o reale?- Lenin (1917)

Immagine


Scritto in tedesco alla fine del gennaio 1917 e pubblicato per la prima volta in russo in Miscellanea di Lenin, XVII, 1931. Opere vol. 23


In un suo articolo sulla maggioranza e la minoranza (Berner Tagwacht e Neues Leben) il compagno R. Grimm asserisce che “anche da noi si è inventata” “una palude, un immaginario centro del Partito”.

Dimostreremo che la posizione assunta da Grimm nell’articolo indicato è una posizione tipicamente centrista.
Polemizzando con la maggioranza, Grimm scrive:

“Neanche uno dei partiti che accettano la piattaforma di Zimmerwald e di Kienthal ha lanciato la parola d’ordine di rifiutare il servizio militare, facendo obbligo ai suoi iscritti di tradurla in pratica. Lo stesso Liebknecht ha indossato l’uniforme ed è entrato nelle file dell’esercito. Il partito italiano si è limitato a respingere i crediti militari e la pace civile. La minoranza francese ha agito nello stesso modo”.

Ci stropicciamo gli occhi per lo stupore. Rileggiamo ancora quest’importante capoverso dell’articolo di Grimm e consigliamo al lettore di rifletterci sopra.

È incredibile, ma vero! Per dimostrare che il centro è da noi una invenzione, il rappresentante del nostro centro mette nello stesso sacco gli internazionalisti di sinistra (Liebknecht) e gli zimmerwaldiani di destra o centro!!!
Possibile che Grimm speri davvero di ingannare gli operai svizzeri e di convincerli che Liebknecht e il partito italiano appartengono alla stessa corrente e che fra loro non esiste proprio quella differenza che distingue la sinistra dal centro?

Ecco i nostri argomenti.

Ascoltiamo, in primo luogo, un testimone che non appartiene né al centro né alla sinistra. Il socialimperialista tedesco Ernst Heilmann così scriveva il 12 agosto 1916 sulla Glocke, a p. 772: “… Il Gruppo del lavoro, o destra di Zimmerwald, che ha come suo teorico Kautsky e come capi politici Haase e Ledebour…”. Può Grimm contestare che Kautsky, Haase e Ledebour sono i rappresentanti tipici del centro?

In secondo luogo, può Grimm ignorare che la destra di Zimmerwald, o centro, prende posizione nell’odierno movimento socialista contro la rottura immediata con l’Ufficio socialista internazionale del l’Aja, con l’Ufficio dei socialpatrioti? che la sinistra è per questa rottura? che i rappresentanti del gruppo “Internazionale” — e Liebknecht appartiene a questo gruppo — si sono battuti contro la convocazione dell’Ufficio socialista internazionale e per la rottura con esso?

In terzo luogo, ha forse Grimm dimenticato che il socialpacifismo, recisamente condannato dalla risoluzione di Kienthal, è divenuto proprio oggi la piattaforma del centro in Francia, in Germania e in Italia? Che l’intero partito italiano, il quale non ha protestato né contro le numerose mozioni e dichiarazioni socialpacifiste del proprio gruppo parlamentare né contro il vergognoso discorso di Turati del 17 dicembre, è sulla piattaforma del socialpacifismo? Che i due gruppi tedeschi di sinistra, gli ISD (Socialisti internazionalisti di Germania) e l’“Internazionale” (o gruppo “Spartaco”, al quale appartiene Liebknecht), hanno respinto espressamente il socialpacifismo del centro? Non si dimentichi, inoltre, che i più nocivi socialimperialisti e socialpatrioti di Francia, con Sembat, Renaudel e Jouhaux alla testa, hanno votato anch’essi risoluzioni socialpacifistiche e che in tal modo è stato messo a nudo con singolare chiarezza il significato reale e oggettivo del socialpacifismo.

In quarto luogo… ma basta! Grimm aderisce proprio alle posizioni del centro quando consiglia al partito svizzero di “limitarsi” a rifiutare i crediti di guerra e la pace civile, come ha fatto il partito italiano. Egli critica le proposte della maggioranza dal punto di vista del centro, perché questa maggioranza vuole avvicinarsi alla posizione di Liebknecht.

Grimm si schiera a difesa della chiarezza, della sincerità e dell’onestà. D’accordo! Ma queste eccellenti qualità non impongono forse di distinguere chiaramente, sinceramente e onestamente le concezioni e la tattica di Liebknecht da quelle del centro e di non metterle nello stesso sacco?

Essere con Liebknecht significa:

1. attaccare il nemico principale nel proprio paese;

2. smascherare i socialpatrioti del proprio paese (e, col vostro permesso, compagno Grimm, non solo quelli stranieri!), combatterli e (col vostro permesso, compagno Grimm!) non unirsi a loro contro la sinistra radicale;

3. criticare e denunciare apertamente le debolezze non solo dei socialpatrioti, ma anche dei socialpacifisti e dei “centristi” del proprio paese;

4. servirsi della tribuna parlamentare per incitare il proletariato alla lotta rivoluzionaria, per indurlo a rivolgere le armi contro la propria borghesia;

5. diffondere pubblicazioni illegali e organizzare riunioni clandestine;

6. organizzare manifestazioni proletarie come quella di piazza Potsdam a Berlino, dove è stato arrestato Liebknecht;

7. chiamare allo sciopero gli operai dell’industria di guerra, come ha fatto, con i suoi appelli clandestini, il gruppo “Internazionale”;

8. dimostrare apertamente la necessità di “rinnovare” a fondo gli attuali partiti, che si limitano ad un’attività riformista, e agire secondo l’esempio di Liebknecht;

9. respingere categoricamente la difesa della patria nella guerra imperialista;

10. battersi su tutta la linea contro il riformismo e l’opportunismo in seno alla socialdemocrazia;

11. intervenire con altrettanta intransigenza contro i dirigenti sindacali, che in tutti i paesi, e specialmente in Germania, in Inghilterra e in Svizzera, costituiscono l’avanguardia del socialpatriottismo e dell’opportunismo, ecc.

E chiaro che, in questo senso, si possono criticare molti punti del progetto della maggioranza. Ma di questo si può parlare soltanto in un articolo a parte. Per il momento basterà sottolineare che la maggioranza propone comunque alcuni passi in questa direzione e che Grimm l’attacca non da sinistra, ma da destra, non dalle posizioni di Liebknecht, ma da quelle del centro.

Nel suo articolo Grimm confonde ad ogni passo due questioni radicalmente diverse: anzitutto il problema del quando: del preciso momento in cui questa o quella azione rivoluzionaria può essere realizzata. E assurdo tentare di risolvere in anticipo questo problema e i rimproveri che Grimm rivolge in proposito alla maggioranza altro non sono che polvere gettata negli occhi degli operai.

La seconda questione riguarda il modo di cambiare, di trasformare il partito, attualmente incapace di condurre sistematicamente e con perseveranza una lotta realmente rivoluzionaria nelle condizioni concrete più varie, in un partito che sia capace di farlo.

Sta qui l’essenziale! La radice di tutta la discussione, della lotta di tendenza intorno alla questione della guerra e della difesa della patria! Ma è proprio questo il punto che Grimm passa sotto silenzio, nasconde e oscura. Di più: le sue spiegazioni finiscono per negare questo problema.

Tutto rimane come prima: ecco il filo rosso che percorre l’articolo di Grimm. Ecco la ragione profonda che induce a ravvisare nel suo articolo una manifestazione di centrismo. Tutto rimane come prima: basta solo rifiutare i crediti di guerra e la pace civile! Ogni borghese intelligente dovrà convenire che in fin dei conti, la proposta non è inaccettabile per la borghesia. Essa infatti non minaccia il suo dominio e non le impedisce di far la guerra (come “minoranza nello Stato” “noi ci subordiniamo”: queste parole di Grimm hanno un significato politico molto grande, molto più grande di quanto possa sembrare a prima vista!).

Non è, del resto, un fatto di portata internazionale che nei paesi belligeranti, e anzitutto in Inghilterra e in Germania, la borghesia e i suoi governi perseguitano soltanto i fautori di Liebknecht e tollerano i sostenitori del centro?

Avanti, a sinistra, anche se ciò comporta che certi capi socialpatriottici se ne vadano: ecco il senso politico delle proposte della maggioranza.

Indietro, rispetto a Zimmerwald, a destra, verso il socialpacifismo, verso le posizioni del centro, verso la “pace” con i capi socialpatrioti, niente azioni di massa, niente spirito rivoluzionario, niente rinnovamento del partito: ecco la concezione di Grimm.

C’è da sperare che essa consenta infine alla sinistra radicale della Svizzera di aprire gli occhi sulla posizione centrista di Grimm.

Advertisements

Informazioni su paginerosse-drapporosso

...."L’ineguaglianza dello sviluppo economico e politico è una legge assoluta del capitalismo. Ne risulta che è possibile il trionfo del socialismo all’inizio in alcuni paesi o anche in un solo paese capitalistico, preso separatamente...." Lenin -Sulla parola d’ordine degli Stati Uniti d’Europa-Pubblicato sul Sozial-Demokrat, n. 44, 23 agosto 1915.
Questa voce è stata pubblicata in Lenin. Contrassegna il permalink.