Intervista di “Russia Insider” a Grover Furr sulle “fosse di Katyn”‏ : Stalin non è colpevole del maggiore crimine di guerra addebitatogli (Katyn) Lo storico “revisionista” Grover Furr solleva il caso che l’infame massacro di Katyn, in cui 14.000 soldati polacchi, per lo più ufficiali, sarebbero stati uccisi dal KGB, fu un inganno nazista.

Stalin non è colpevole del maggiore crimine di guerra addebitatogli (Katyn)

Lo storico “revisionista” Grover Furr solleva il caso che l’infame massacro di Katyn, in cui 14.000 soldati polacchi, per lo più ufficiali, sarebbero stati uccisi dal KGB, fu un inganno nazista.

Abbiamo intervistato il professore americano Grover Furr, una figura controversa nel mondo degli osservatori della Russia, perché la sua posizione di base è che Stalin non era il mostro che l’opinione comunemente accettata pensa che fosse, e che fu ingiustamente diffamato per ragioni politiche dai dirigenti sovietici che gli succedettero, con il resto del mondo pronto a saltare volentieri sul carro. Non sappiamo se questo punto di vista sia valido o non, ma lo pubblichiamo qui perché è sempre più popolare in Russia. Voglio capire la Russia? Ecco quello che un sacco di la gente pensa.

Mentre il presidente polacco Bronislaw Komorowski continua a puntare il dito contro la Russia, accusandola per il massacro di Katyn del 1940, un professore americano ha rivelato che fatti concreti dimostrano il contrario,.

Nel corso di un discorso dedicato all’esecuzione di ufficiali polacchi a Katyn nel 1940, il presidente polacco Bronislaw Komorowski, ancora una volta ha accusato l’Unione Sovietica per il massacro e si è spinto fino a dire che “il XX Secolo non conosce crimine paragonabile”. Ma se il delitto non aveva mai avuto luogo?

“Nell’aprile del 1943 le autorità naziste tedesche affermarono di aver scoperto migliaia di corpi di ufficiali polacchi uccisi dai funzionari sovietici nel 1940. Dissero di  aver scoperto questi corpi vicino alla foresta di Katyn, nei pressi di Smolensk (Russia occidentale), che è il motivo per cui l’intera vicenda, tra cui esecuzioni e presunte esecuzioni di prigionieri di guerra polacchi ovunque nell’URSS, fu chiamata il massacro di Katyn “, racconta il Dottor Grover Carr Furr, un professore americano, autore ed esperto di primo piano nella storia sovietica, nel suo libro The “Official” Version of the Katyn Massacre Disproven?

Il professor Grover Furr ha messo in dubbio il racconto “ufficiale”, che attribuisce la colpa del massacro di Katyn all’Unione Sovietica, in accordo con la versione diffusa da Joseph Goebbels, ministro della Propaganda del Reich della Germania nazista, nel 1943.

L’autore ha smascherato le idee sbagliate più comuni che circondano la tragedia di Katyn e ha sottolineato che gli elementi probatori per il punto di vista “ufficiale” sono sorprendentemente “esili”. Va notato che molti ricercatori di solito si riferiscono al “Closed Packet No. 1”, la mano tesa dell’amministrazione Eltsin alle autorità polacche nel 1992. Esso conteneva documenti che, se autentici, potrebbero provare la colpevolezza dell’URSS nell’omicidio di massa di Katyn.

Tuttavia, l’autenticità del documento solleva interrogativi.

Il professor Furr ha sottolineato: “Nel mese di ottobre 2010 è stata fatto l’ipotesi credibile che i documenti della “pistola fumante” [il “Closed Packet No. 1”] sono falsi. I materiali addotti dal membro della Duma [della Russia] Victor Iliukhin nell’ottobre 2010, costituiscono la prova più forte finora che questi documenti potrebbero essere falsi “.

Infatti, Victor Iliukhin ha rivelato che il documento principale del “Closed Packet No. 1” – una nota di Lavrentiy Beria, con cui si chiede la pena capitale per 14.000 prigionieri di guerra e civili polacchi, firmata da Stalin nel 1940 – è stato fabbricato negli ultimi anni ‘80. Il membro della Duma ha suggerito che preminenti figure della “Perestroika” – come Alexander Yakovlev, Dmitri Volkogonov, Rudolf Pikhoya e altri – avrebbero potuto essere dietro la falsificazione.

Ma mettiamo da parte i documenti della “pistola fumante”, ha osservato il professore, indicando le ultime scoperte fatte da un gruppo archeologico polacco-ucraino giunto nel 2011-2012 nella città ucraina di Volodymyr-Volynskiy, direttamente legata ai fatti del massacro di Katyn.

Il gruppo scoprì una fossa comune identificata dagli specialisti come una tipica fossa comune di “manifattura tedesca”. Citando il Dr. Dominika Sieminska, il capo della squadra archeologica polacca, il professor Furr ha sottolineato che le vittime sepolte nella fossa comune furono assassinati non prima del fine del 1941 o 1942.

Inoltre, il 98.67 per cento dei bossoli presenti sul sito erano di fabbricazione tedesca del 1941, secondo il rapporto polacco. Anche resti di donne e bambini erano stati trovati nella fossa comune.

Ma il fatto più sorprendente è che i ricercatori polacchi hanno anche portato alla luce i resti, distintivi metallici, spalline e bottoni che appartenevano ai poliziotti polacchi che si riteneva fossero stati uccisi in un cosiddetto “massacro di Katyn”, nel 1940.

Va notato che le munizioni tedesco sono state trovate in altri siti relativi al caso Katyn.

Sorprendentemente, Joseph Goebbels scrisse nei suoi diari l’8 maggio 1943: “Purtroppo, munizioni tedesche sono state trovate in tombe a Katyn … È essenziale che questo incidente rimanga top secret. Se dovesse venire a conoscenza del nemico tutta la vicenda di Katyn verrebbe a cadere”.

Il professor Furr ha analizzato una serie di altri documenti e fatti importanti, che vengono presentati come “ampie prove” della colpevolezza dei sovietici dai sostenitori della “versione ufficiale”. Egli ha dimostrato che molte supposizioni basate su questi documenti cadono a pezzi ad un attento esame .

Tuttavia, il professor Grover Furr ha sottolineato che è probabile che i sovietici potrebbero aver giustiziato un certo numero di polacchi per i reati militari commessi dalle forze armate polacche durante la guerra russo-polacca del 1920-21 e l’occupazione polacca della Bielorussia occidentale e Ucraina occidentale. Il professore ha sottolineato: “Da qualche parte tra 18.000 e 60.000 prigionieri di guerra dell’Armata Rossa, prigionieri dei polacchi, erano morti. C’è una buona documentazione che erano stati trattati brutalmente, affamati, congelati, e molti di loro assassinati direttamente”.

Ancora, dal momento che “non ci sono prove che i 14.000 prigionieri di guerra polacchi che erano stati trasferiti dai campi di prigionia sovietici nel mese di aprile e maggio 1940 siano stati trasferiti in realtà per essere fucilati”, l’autore ha concluso: “Le scoperte nelle fosse comuni in Volodymyr- Volynskiy costituiscono un colpo mortale per la ‘versione ufficiale’ del massacro di Katyn”.

“Sono tornato indietro e riesaminato le prove più volte da quando ho pubblicato questo articolo. Sono ancora sorpreso che una storia così importante si fondi su una base così sottile di prove. L’unica prova “reale” sono i documenti di “Closed Packet No.1”, il professor Grover Furr ha detto a Russia Insider.

“In ogni caso il ritrovamento di quei poliziotti polacchi nella fossa comune a Volodymyr-Volynskiy demolisce la”versione ufficiale”. E non c’è altra versione! Pertanto, l’unico modo per “salvare” la versione ufficiale è quella di sopprimere i risultati dei VV [Volodymyr-Volynskiy] scavi. E i funzionari polacchi e ucraini l’hanno fatto. Inoltre, attenersi ai documenti del “Closed Packet No. 1″ significa sopprimere l’interpretazione che ne da Viktor Iliukhin”, ha aggiunto.

Il professor Furr ha lamentato che alti funzionari russi e i principali media continuano a sostenere la “versione ufficiale” del massacro di Katyn.

“Katyn è il meglio documentato ‘crimine dello stalinismo’. Se ammettono che la “versione ufficiale” di Katyn è una menzogna, quanti altri potrebbero rivelarsi falsi? E allora, qual è la giustificazione ideologica per la dissoluzione dell’URSS?”, chiede il professor Grover Furr.

La storia del massacro di Katyn, comunemente utilizzata come strumento di propaganda sia da Varsavia che da Washington, s uscita molte polemiche in Russia e in Occidente. Un sacco di domande son rimaste senza risposta, e solo una nuova indagine globale sul caso Katyn potrebbe finalmente chiarire la verità e ristabilire la giustizia.

Annunci

Informazioni su paginerosse-drapporosso

...."L’ineguaglianza dello sviluppo economico e politico è una legge assoluta del capitalismo. Ne risulta che è possibile il trionfo del socialismo all’inizio in alcuni paesi o anche in un solo paese capitalistico, preso separatamente...." Lenin -Sulla parola d’ordine degli Stati Uniti d’Europa-Pubblicato sul Sozial-Demokrat, n. 44, 23 agosto 1915.
Questa voce è stata pubblicata in documentazione storica, Stalin. Contrassegna il permalink.