Giuseppe Stalin: DISCORSO DI CHIUSURA ALLA SESSIONE PLENARIA DEL COMITATO CENTRALE DEL P.C. (B) DELL’ URSS DEL 5 MARZO 1937

STALIN_DISCORSO_1937

10372554_1637831526438363_1465540509258533201_n

Giuseppe Stalin
DISCORSO DI CHIUSURA ALLA SESSIONE PLENARIA DEL COMITATO CENTRALE DEL P.C. (B) DELL’ URSS DEL 5 MARZO 1937
Il discorso di Stalin che pubblichiamo è pressoché sconosciuto ai lettori italiani. Si tratta dell’intervento conclusivo della
sessione plenaria del Comitato Centrale del P.C. (b) dell’URSS che si tenne dal 29 febbraio al 5 marzo del 1937.
Siamo nel periodo in cui era di fatto già iniziata la seconda guerra imperialistica mondiale, che costituiva un pericolo gravissimo per l’URSS. Durante il plenum, il compagno Stalin tenne due storici discorsi: il rapporto (3 marzo) e le conclus ioni (5 marzo) a cui fu dato grande risalto sulla stampa sovietica.
Nel rapporto del 3 marzo il compagno Stalin si soffermò sulle carenze politiche ed ideologiche dei membri del partito di modo che il C.C., sulla base della comprensione della situazione interna ed internazionale,potesse superare le insufficienze emerse e fare piazza pulita dei sabotatori trotskisti e bukhariniani. Nel corso del suo intervento il compagno Stalin criticò la teoria dell’affievolimento della lotta di classe e della arrendevolezza del nemico di classe. Stalin chiarì in modo particolare che “quanto più andremo avanti,tanto più i residui delle vecchie classi sfruttatrici distrutte diverranno feroci”, dal momento che la lotta per la costruzione del socialismo non andava concepita in maniera ristretta entro le frontiere dell’URSS, ma andava intesa come lotta su scala internazionale fra la borghesia ed il proletariato.
Nelle conclusioni che pubblichiamo il compagno Stalin non si dilunga sulle questioni del rafforzamento della vigilanza e sulle misure per distruggere i sabotatori, ormai politicamente risolte dal C.C. Affronta invece le questioni concrete del rafforzamento del lavoro politico del partito, in vista delle imminenti elezioni, le prime dopo l’approvazione della nuova Costituzione. Al centro del discorso di chiusura stanno questioni di grande valore politico: la questione dell’inseparabilità
fra politica ed economia, il rapporto partito-masse, il metodo di direzione, la democrazia interna al partito,il controllo delle masse, la preparazione politica ed il perfezionamento dei quadri, la lotta alle altre forme di deviazioni quali burocratismo ed il formalismo. Per prepararsiall’aggressione delle potenze capitaliste il partito doveva certamente liberarsi dai nemici infiltrati, ma bisognava metterlo in guardia contro la tendenza ad estendere arbitrariamente la repressione, contro la mancanza di critica ed autocritica, contro un metodo di lavoro che staccava il partito dalle masse.
11816309_755962741181480_4048730352369000937_o

Informazioni su paginerosse-drapporosso

...."L’ineguaglianza dello sviluppo economico e politico è una legge assoluta del capitalismo. Ne risulta che è possibile il trionfo del socialismo all’inizio in alcuni paesi o anche in un solo paese capitalistico, preso separatamente...." Lenin -Sulla parola d’ordine degli Stati Uniti d’Europa-Pubblicato sul Sozial-Demokrat, n. 44, 23 agosto 1915.
Questa voce è stata pubblicata in Stalin. Contrassegna il permalink.