Stalin non consegnò i comunisti tedeschi a Hitler-di Grover Furr 23 settembre 2021

Stalin non consegnò i comunisti tedeschi a Hitler

Inserito da MLToday | 27 set 2021 | Altri post in primo piano | 1 Stalin non deportò i comunisti tedeschi a Hitler

di Grover Furr 23 settembre 2021

Una critica a un saggio di Alex de Jong sulla rivista Jacobin, agosto 2021. Nell’agosto 2021, la rivista socialdemocratica Jacobin ha pubblicato un articolo dello scrittore olandese Alex de Jong intitolato “Stalin ha consegnato centinaia di comunisti a Hitler”. L’affermazione nel titolo dell’articolo è falsa. L’articolo di De Jong, e altri articoli e libri che fanno questa affermazione, commettono tutti i seguenti tre errori cardinali: Riabilitazioni Presumono che le persone dichiarate “riabilitate” dai regimi di Krusciov e Gorbaciov nell’ex URSS fossero in realtà innocenti dei crimini per i quali sono state punite. Molti o la maggior parte dei tedeschi e degli austriaci deportati dall’URSS in Germania tra il 1937 e il 1941 furono dichiarati “riabilitati”.

 Tuttavia, in realtà questo non significa affatto che fossero innocenti delle accuse contro di loro. Il ricercatore anticomunista Marc Junge osserva: … la riabilitazione in Unione Sovietica è rimasta un atto politico e amministrativo arbitrario, determinato principalmente dall’opportunità politica delle misure, ma non dalla correttezza del diritto penale. (Junge, Bucharins Rehabilitierung, Berlino, 1999, p. 266)

Nel capitolo 11 del mio libro Khrushchev Lied del 2011, ho studiato i rapporti sulla riabilitazione che erano stati pubblicati entro il 2003. Ho mostrato che nessuno di essi contiene alcuna prova che la persona “riabilitata” fosse innocente.

Era politicamente conveniente per Gorbaciov (e in precedenza per Krusciov) affermare che molte persone condannate per gravi crimini durante il “periodo di Stalin” erano state falsamente condannate. Ma gli uomini di Gorbaciov non hanno reso pubblici i fascicoli investigativi che includevano le prove contro gli imputati e – nel caso dei tedeschi e degli austriaci – nemmeno i rapporti di “riabilitazione”. Nel 2010, il mio collega Vladimir L. Bobrov ed io abbiamo pubblicato un articolo sulla “riabilitazione” di Nikolai Bukharin, che era stato condannato per partecipazione alla cospirazione trotskista di destra e giustiziato nel marzo 1938.

Lì abbiamo dimostrato che nel 1988 “il sovietico La Corte Suprema ha deliberatamente mentito su un documento che hanno citato come prova per “riabilitare” Bukharin. Quel documento, finalmente pubblicato nel 2006, fornisce infatti ulteriori prove della colpevolezza di Bukharin! Ad oggi non abbiamo prove che nessuna di queste persone fosse innocente delle accuse per le quali sono state condannate. In quei casi in cui abbiamo qualche prova, punta verso la loro colpevolezza.

Ad oggi non abbiamo prove che nessuna di queste persone fosse innocente delle accuse per le quali sono state condannate. In quei casi in cui abbiamo qualche prova, punta verso la loro colpevolezza. cospirazioni Libri e articoli che affermano che i tedeschi deportati in Germania erano innocenti presumono tutti che le cospirazioni di cui sono stati dichiarati colpevoli fossero fasulle – non esistevano. Naturalmente, se non esistessero tali cospirazioni, allora i condannati per avervi partecipato, compresi i tedeschi, devono essere innocenti. Anche questo fu sostenuto dagli uomini di Krusciov e Gorbaciov.

Tuttavia, le prove degli ex archivi sovietici mostrano che tali cospirazioni esistevano davvero ed erano pericolose e diffuse. Le indagini e i processi del periodo 1936-1938 distrussero serie cospirazioni di trotskisti, seguaci di Grigory Zinoviev, capi militari e altri. L’immagine di una “caccia alle streghe” serviva l’interesse degli anticomunisti e di coloro che, come Leon Trotsky, negavano la sua stessa cospirazione e la sua collaborazione con i tedeschi, i giapponesi, i fascisti interni e i suoi seguaci clandestini contro il regime di Stalin.

Mancato utilizzo dei file di indagine NKVD sugli imputati degli anni ’30.

Questi sono stati a disposizione dei ricercatori per alcuni anni. Questi file normalmente includono interrogatori, dichiarazioni di confessione, scontri faccia a faccia tra accusatori, rapporto degli investigatori, atto d’accusa dell’accusa e trascrizioni del processo. Nessuna affermazione che una data persona sia innocente o colpevole può avere alcuna validità a meno che questa, l’evidenza, non sia stata studiata. Né de Jong né le sue fonti hanno studiato i file di indagine su nemmeno una di queste figure. Ho ottenuto i file di indagine dell’NKVD su un certo numero di oppositori di spicco. Uno di loro è Osip Pyatnitsky, leader del Comintern fino al 1935, arrestato nel 1937, condannato e giustiziato nel 1938. De Jong avrebbe potuto fare altrettanto.

Heinz Neumann era stato un leader della “sinistra” – cioè, l’opposizione anti-Stalin, anti-sovietica – nel Partito Comunista Tedesco. De Jong afferma che le accuse contro di lui e sua moglie, Margarete Buber-Neumann, sono state “inventate”. Questo è falso. Le uniche prove che abbiamo riguardo alle accuse contro Neumann – per esempio, nelle dichiarazioni di confessione di Osip Pyatnitsky, puntano alla colpevolezza di Neumann. Una delle donne imprigionate e poi deportate in Germania con Buber-Neumann era Betty Ol’berg. Era la moglie di Valentin Ol’berg che, al processo di Mosca del 1936, confessò di essersi recato in URSS per assassinare Stalin su istruzioni di Trotsky.

Ora abbiamo una grande quantità di prove dagli archivi sovietici che corroborano la confessione di Valentin Ol’berg.

Una dichiarazione di confessione di Betty Ol’berg è stata pubblicata nel 2013. In essa ammette che lei e suo marito avevano acquistato falsi passaporti honduregni con l’aiuto sia della Gestapo che del figlio di Trotsky, Leon Sedov. Valentin Ol’berg è stato giustiziato, ma sua moglie no, forse perché ha collaborato con l’accusa. Come articoli simili, le affermazioni di de Jong secondo cui i tedeschi e gli austriaci deportati erano (con poche eccezioni) comunisti.

Anche questo è falso. La condanna per un reato grave comportava l’espulsione dal movimento comunista. Inoltre, alcuni dei deportati erano stati espulsi dai propri partiti in quanto oppositori.

Per i sovietici, quindi, nessuno di loro era comunista quando furono deportati. De Jong scrive: È quindi difficile essere sicuri di quante persone abbiano subito la stessa sorte di [Margarete] Buber-Neumann. Una stima prudente è che oltre seicento furono deportati o espulsi.

Dove prende questo numero de Jong? Cita il libro del 1990 dello storico anticomunista Hans Schafranek, Zwischen NKWD und Gestapo. Schafranek conclude che non potevano essere più di 300.

De Jong nota che Buber-Neumann ha chiamato le deportazioni “il dono di Stalin a Hitler”. Tuttavia, de Jong non dice ai suoi lettori che un attento studio del socialista anticomunista tedesco Wilhelm Mensing ha concluso che non era così.

Nessun “500 acerrimi oppositori di Hitler” fu deportato in Germania. Poco più di 300 persone sono state deportate. Il regime nazista non punì la maggior parte dei deportati.

Le deportazioni del 1939-1941 non erano rivolte ai comunisti Non c’è alcuna indicazione che il patto di non aggressione Molotov-Ribbentrop sia stato la motivazione per le deportazioni.

 Non ci sono prove che coloro che furono deportati dall’URSS in Germania nel 1939-1941 furono perseguitati dal governo nazista .

Al contrario, ci sono prove che alcuni di loro, compresi gli ex comunisti, non sono stati infastiditi e repressi . Mensing rivela anche che molti dei deportati erano stati condannati per un crimine o per un altro.

De Jong discute del comunista austriaco Fritz Koritschoner ma non conosce nemmeno le accuse contro di lui. Neanche Schafranek, la fonte principale di de Jong qui, lo sa.

Qui, come altrove, de Jong presume semplicemente che “riabilitazione” significhi innocenza, ma non è così. Riguardo al socialista austriaco Georg Bonner, de Jong scrive: Un gruppo di venticinque deportati trasferiti nel dicembre 1939 comprendeva dieci Schutzbündler.

Uno di loro era Georg Bogner. Aveva combattuto durante la rivolta del febbraio 1934 nella sua città natale di Attnang-Puchheim prima di fuggire in Unione Sovietica. La polizia segreta sovietica arrestò Bogner nel 1938. Alla fine di dicembre 1939, era sotto la custodia del servizio di intelligence tedesco, il Sicherheitsdienst, a Varsavia.

De Jong non aggiunge che Bogner, arrestato il 25 marzo 1938, non fu processato fino al 14 dicembre 1939 – tutto il tempo per un’indagine. I compagni austriaci di Bogner avevano i loro dubbi su di lui molto prima che i sovietici lo arrestassero. Una pagina tedesca anticomunista su Bogner afferma: Il collettivo Schutzbund [Lega per la protezione] ha notato che Bogner si era unito a un’organizzazione fascista nel 1934. De Jong non lo menziona.

 A proposito di Ernst Fabisch, de Jong scrive:

 Fabisch si era unito al Partito Comunista di Germania (Opposizione), o KPO, quando aveva diciannove anni. Guidato da Heinrich Brandler e August Thalheimer, il KPO era una corrente comunista che faceva parte della cosiddetta “opposizione di destra” nel movimento, associata a politici sovietici come Nikolai Bukharin, l’ultimo grande rivale di Stalin. Ha respinto l’ostilità settaria del KPD verso i socialdemocratici e altri socialisti e ha sostenuto l’unità contro il fascismo. Tutto questo è sbagliato.

Negli anni ’30, Bukharin non era un “rivale” di Stalin. Inoltre, abbiamo una grande quantità di prove della colpevolezza di Bukharin dagli ex archivi sovietici. Per quanto riguarda “l’unità contro il fascismo”, quella era già stata la posizione del Comintern e dei sovietici per più di due anni quando Fabisch fu arrestato dall’NKVD il 29 luglio 1937.

Secondo le uniche informazioni che posso trovare su di lui, Fabisch è stato accusato di “attività controrivoluzionaria” e “appartenenza a un gruppo armato”. La pagina tedesca di Wikipedia afferma che Fabisch è stato condannato per “appartenenza al gruppo Brandler”.

Questo gruppo, espulso dal Partito comunista tedesco nel 1929, faceva parte dell’opposizione internazionale di destra, che attaccò la leadership staliniana dell’URSS. Il 15 novembre 1937 (Schafranek, 136, ha il 17 novembre) Fabisch fu condannato per la prima volta a una pena detentiva in un campo di lavoro, e il 5 gennaio 1938, condannato alla deportazione come straniero indesiderabile. De Jong scrive:

Come ha sottolineato lo storico Hermann Weber, su quarantatré alti leader del KPD, più sono morti sotto la custodia della polizia segreta sovietica di quanti ne siano stati uccisi dai nazisti.

 Chi erano? Perché de Jong non ne menziona nemmeno uno? In effetti, Weber sembra aver copiato questa lista da quella pubblicata dagli uomini di Gorbaciov il 3 agosto 1989, che non contiene né indagini né prove.

De Jong scrive:

 “Stalin sciolse il Partito Comunista Polacco nel 1938…”

 Anche questo è falso. Il 28 novembre 1937, il leader del Comintern Georgi Dimitrov inviò a Stalin una bozza di risoluzione del Comitato Esecutivo del Comintern che proponeva lo scioglimento del Partito Comunista Polacco insieme alle sue ragioni. (_ndr infiltrazioni di agenti dei servizi segreti polacchi e dei nazionalisti )

Su di esso nella calligrafia di Stalin c’è la nota “Questa dissoluzione è in ritardo di circa due anni”. Anche allora, lo scioglimento non avvenne fino al 16 agosto 1938, e non per ordine di Stalin ma per voto del Comitato Esecutivo del Comintern. (Dimitrov e Stalin, 1934-1943, 26-32) Pertanto, Stalin non l’ha ordinato – o sarebbe successo due o tre anni prima!

 Altre prove che Stalin non era un dittatore – qualcosa che la CIA riferì nei primi anni ’50.

Né Buber-Neumann né alcuno degli altri deportati in Germania dai sovietici erano comunisti al momento del loro rimpatrio in Germania. Tutti erano stati condannati per un crimine grave, ma non capitale. La condanna avrebbe significato l’espulsione dal partito comunista, se non si fossero dimessi o fossero stati espulsi prima.

Nel discutere il caso di Hugo Eberlein, de Jong omette di menzionare che appare in un sommario di materiale investigativo riguardante figure del Comintern inviato a Stalin dall’NKVD il 20 aprile 1938, dove sono riassunte alcune delle sue confessioni.

Questo documento è disponibile anche su Internet. Fonti sovietiche affermano che il 30 luglio 1941 Eberlein fu condannato per “partecipazione a un’organizzazione antisovietica di destra-trotskista”, per la quale fu condannato all’esecuzione.

 Eberlein era stato nell’opposizione anti-Thaelmann nel Partito comunista tedesco.

De Jong scrive:

Buber-Neumann, Fabisch, Bogner, Eberlein e molti altri furono vittime di una caccia alle streghe. Il loro destino finale dipendeva da decisioni burocratiche arbitrarie. Questa è una deliberata falsificazione, poiché de Jong non aveva modo di saperlo. In ogni caso in cui riesco a trovare qualsiasi prova, l’imputato ha ricevuto un processo dopo un’indagine approfondita.

 Negli ultimi anni, i file investigativi dell’NKVD degli anni ’30 sono stati a disposizione dei ricercatori. Ma a de Jong non interessano le prove! Tuttavia, se non ti interessano le prove, non ti interessa la verità. De Jong ignora la storia sovietica di questo periodo.

 Lui scrive:

 L’impulso dietro le deportazioni era principalmente interno al sistema sovietico. Le purghe di Stalin erano iniziate come un attacco a un gruppo ben definito di persone: i comunisti che erano visti come potenziali sostenitori dell’opposizione. Nel corso del tempo, l’uso della tortura e di altre forme di pressione per costringere i sospetti a fare nomi si è unito a un’atmosfera generalizzata di paranoia e sfiducia e all’imperativo burocratico delle quote di arresto per ampliare inesorabilmente il numero degli obiettivi.

 Anche questo è tutto sbagliato. Gli arresti e i processi ai cospiratori non erano “attacchi” a nessuno.

 Erano indagini su cospirazioni contro Stalin e la leadership sovietica, e persecuzioni contro i cospiratori. Oggi abbiamo una grande quantità di prove contro questi cospiratori dagli ex archivi sovietici.

Solo le persone effettivamente sospettate di cospirazione, non “potenziali sostenitori dell’opposizione”, sono state processate.

 Il governo sovietico non ha autorizzato “quote di arresto”, ma ha invece fissato “limiti” – numeri massimi, non minimi – di arresti. Il defunto Stephen Cohen, il cui lavoro ho criticato altrove, ha concluso in un articolo del 2003 che Nikolai Bukharin non è stato torturato.

Tuttavia, la tortura e le false accuse furono effettivamente usate da Nikolai Yezhov, capo (Commissario del popolo) dell’NKVD dall’agosto 1936 al novembre 1938. Yezhov e i suoi uomini uccisero più di seicentomila cittadini sovietici, la stragrande maggioranza dei quali doveva essere innocente di alcun crimine. I documenti degli ex archivi sovietici hanno dimostrato che Yezhov aveva la sua pericolosa cospirazione contro lo stato sovietico. (vedi Furr, Yezhov contro Stalin, 2016) Yezhov fu convinto a dimettersi – evidentemente con qualche difficoltà, secondo lo storico Yuri Zhukov – nel novembre 1938, e fu sostituito da Lavrentii Beria.

A partire dal dicembre 1938, i crimini di massa di Yezhov e dei suoi uomini furono indagati e scoperti, e i colpevoli processati e condannati.

 Non c’è motivo di dubitare che la lettera di Eberlein a sua moglie Charlotte[1] sia genuina. In esso, descrive il suo trattamento brutale per mano degli uomini dell’NKVD di Yezhov. Mikhail Shreider, un ex uomo dell’NKVD agli arresti, ha scritto nelle sue memorie che in prigione aveva incontrato Hugo Eberlein, che era stato duramente picchiato.

Più tardi, Shreider incontrò Lavrentii Beria, che aveva sostituito Nikolai Yezhov come capo dell’NKVD. Quando Beria ha sentito da Shreider della tortura di Eberlein da parte degli uomini di Yezhov, ha espresso sorpresa e incredulità, ma ha promesso un’indagine. (NKVD Iznutri 136; 168) Non c’è motivo per cui Shreider avrebbe inventato una storia che rendesse l’operato di Beria accettabile

. Il patto Molotov-Ribbentrop

De Jong distorce seriamente la natura del Trattato di non aggressione tra Germania e URSS, spesso chiamato patto Molotov-Ribbentrop e, dagli anticomunisti, “patto Hitler-Stalin”.

Il Patto non “divise il territorio degli stati baltici e della Polonia tra” la Germania e l’URSS. Ha designato la Polonia orientale come una “sfera di influenza” sovietica. Ciò significava che lì poteva esistere uno stato ridotto della Polonia, ostile alla Germania nazista e un cuscinetto tra l’esercito tedesco e il confine sovietico. L’URSS non ha “attaccato” la Polonia. Il governo polacco era fuggito dal paese senza nominare un governo in esilio. Poiché per diritto internazionale uno stato deve avere un governo, i tedeschi hanno informato i sovietici che non c’era più stato della Polonia.

 Ciò significava che per i tedeschi il protocollo segreto riguardante una “sfera di influenza” sovietica nella Polonia orientale non era più valido. Se l’Armata Rossa non avesse occupato la Polonia orientale, le forze tedesche avrebbero potuto raggiungere il confine sovietico precedente al 1939. Quest’area – la “Polonia orientale” – era in realtà la Bielorussia occidentale e l’Ucraina occidentale.

 Era stato preso dalla Polonia imperialista nella guerra del 1919-1921 da una Russia sovietica indebolita. Pertanto, nel 1939 l’URSS riconquistò i territori che aveva perso nel 1921. Il governo polacco fuggì dalla Polonia e fu internato in Romania il 17 settembre 1939, lo stesso giorno in cui l’Armata Rossa entrò nella Bielorussia occidentale. Il 17 settembre è ora una festa – “Giorno dell’Unificazione” – in Bielorussia.

 De Jong afferma che la deportazione di questi tedeschi e austriaci da parte dell’URSS è stata “un tradimento scioccante” e che Stalin “ha infranto vergognosamente la promessa” del “diritto di asilo”. Come abbiamo mostrato, le persone rimpatriate in Germania erano state condannate per gravi reati, mentre coloro che un tempo erano stati comunisti non lo erano più.

 De Jong afferma che “la nostra comprensione del socialismo dovrebbe mantenere le sue promesse e avere al centro la dignità umana”. Suggerirei, tuttavia, che la litania di falsità e omissioni nel saggio di de Jong suggerisca qualcos’altro. I socialisti, i comunisti e tutti coloro che lavorano per un mondo migliore libero dallo sfruttamento capitalista e dalla guerra, dovrebbero “cercare la verità dai fatti” e cercare i fatti dalle prove.

Se de Jong si fosse attenuto alle prove che sono state a lungo disponibili – sui deportati tedeschi e austriaci, sul patto Molotov-Ribbentrop, sulle cospirazioni dell’opposizione contro il governo di Stalin in URSS – non avrebbe mai potuto scrivere questo saggio.

Invece di fare affidamento sulle prove, de Jong ha preso alla lettera le affermazioni dimostrabilmente fraudolente di anticomunisti professionisti.

 Il risultato sono ancora più falsità, per avvelenare le menti delle persone di oggi che vogliono imparare dai successi, così come dai fallimenti, del movimento comunista del passato. –

Grover Furr

Bloomfield NJ



Informazioni su paginerosse-drapporosso

...."L’ineguaglianza dello sviluppo economico e politico è una legge assoluta del capitalismo. Ne risulta che è possibile il trionfo del socialismo all’inizio in alcuni paesi o anche in un solo paese capitalistico, preso separatamente...." Lenin -Sulla parola d’ordine degli Stati Uniti d’Europa-Pubblicato sul Sozial-Demokrat, n. 44, 23 agosto 1915.
Questa voce è stata pubblicata in documentazione storica. Contrassegna il permalink.